printprint
New Thread
Reply
 

Le cattive compagnie di 1 Corinti 15:33

Last Update: 1/20/2020 9:54 PM
Author
Print | Email Notification    
1/14/2020 2:05 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 61,229
Moderatore

Quindi possiamo dire che i cristiani di 1 Corinti 15:33 non furono disassociati perché alcune chiarificazioni non erano ancora date nella lettera ai Corinti nel 55 E.V mentre scivendo poi più o meno 10 anni dopo nelle lettere a Timoteo le cose erano chiarite dato che Imeneo, Fileto, Alessandro che negavano la risurrezione essi furono disassociati



Non so, io ho l'impressione che all'epoca, per vari motivi, non ultimo la difficoltà di collegamenti, il controllo sulle varie congregazioni non fosse così efficace. Le congregazioni nascevano e funzionavano sul modello delle Sinagoghe dove esisteva una notevole autonomia, lo stesso giudaismo del I secolo era improntato ad infiniti dibattiti e opinioni, per cui era molto difficile per Paolo e gli altri missionari imporre un punto di vista uniforme, era facile dunque per questi uomini "insinuarsi" con idee eterodosse e accuse malevole soprattutto a Paolo. Le lettere comunque circolavano e dunque poco a poco pare che quelle situazioni venissero messe a tecere. Il punto è che dopo il 70 anche gli apostoli che rappresentavano il "corpo direttivo" dell'epoca furono dipersi e a poco a poco questi personaggi, in mancanza di un nucleo direttivo forte, ebbero la possibilità di insinuarsi e verso la fine del secolo mettersi persino contro l'autorità di Giovanni... fu l'inizio dell'apostasia.

Sahlom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
1/14/2020 2:20 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,417
Re:



Non so, io ho l'impressione che all'epoca, per vari motivi, non ultimo la difficoltà di collegamenti, il controllo sulle varie congregazioni non fosse così efficace.



Come per esempio in 1 Corinti 15 che negavano la risurrezione oppure se non ricordo male c'è una lettera in cui Paolo si rivolge ai fornicatori nella congregazione e dice loro che se non cambiavano comportamento sarebbero stati disciplinati. Alludi ad altri esempi?



Le congregazioni nascevano e funzionavano sul modello delle Sinagoghe dove esisteva una notevole autonomia, lo stesso giudaismo del I secolo era improntato ad infiniti dibattiti e opinioni, per cui era molto difficile per Paolo e gli altri missionari imporre un punto di vista uniforme,



Alludi ai sadducei , farisei, zeloti , erodiani che si potevano trovare tutti nello stesso luogo du culto?







1/14/2020 3:24 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 61,229
Moderatore
Caro Erev,

Leggendo Paolo e Giovanni pare che nelle congregazioni che apostati fossero ampiamente presenti, probabilmente anche tra gli anziani stessi, provocando dire, dibattiti e settarismi e questo nonostante le ripetute messe in guardia e veri e propri anatemi da parte dei due apostoli o altri missionari.

Sulla sinagoga è probabile che in grandi città vi fossero piu sinagoghe frequentate da sette giudaiche differenti, dove però vi era una sola sinagoga forse tutti frequentavano la stessa. Il presidente della sinagoga comunque aveva la facoltà di espellere i componenti, i cristiani per esempio spesso venivano espulsi, ma non sempre, Paolo per esempio vi predicava.

Shalom
[Edited by barnabino 1/14/2020 3:25 PM]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
1/14/2020 3:44 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,417
Re:



Leggendo Paolo e Giovanni pare che nelle congregazioni che apostati fossero ampiamente presenti, probabilmente anche tra gli anziani stessi, provocando dire, dibattiti e settarismi e questo nonostante le ripetute messe in guardia e veri e propri anatemi da parte dei due apostoli o altri missionari.



Abbiamo visto assieme questo caso di 1 Corinti 15:33 "le cattive compagnie" in relazione agli angeli, nei Galati i giudaizzanti, In quanto a Giovanni non lo volevano neppure accogliere, nei Colossesi mi sembra l'adorazione degli angeli.

Ti vengono altri esempi in mente?

Anatemi vuol dire non disassociati ma solo messa in guardia?

Concordi?

[Edited by erevnitis 1/14/2020 3:45 PM]
1/14/2020 4:33 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 61,229
Moderatore

Ti vengono altri esempi in mente?



In Rivelazione si parla della setta dei nicolaiti, ad Efeso che viene lodata perché "non tolleri i malvagi, e hai messo alla prova quelli che sostengono di essere apostoli ma non lo sono e li hai trovati bugiardi" evidentemente espellendoli dalla congregazione. Ma la lode fa pensare che altrove questi "falsi apostoli" venissero invece in qualche modo tollerati, come accadeva a Pergamo: "E così con te ci sono anche quelli che seguono gli insegnamenti della setta dei nicolaiti" oltre a chi tollevara l'immoralità sessuale. E a Tiatira dice: "ho questo contro di te: tolleri quella donna, Ìzebel, che afferma di essere una profetessa e insegna e svia i miei schiavi inducendoli a commettere immoralità sessuale e a mangiare ciò che è sacrificato agli idoli". Anche se non tutti pare che molti seguissero questa profetessa e le "cose profonde di Satana".

Insomma, per Giovanni questo era il quadro verso la fine del I scolo E.V., alcune congregazione sembravano espellere gli apostati mantre altre pare in qualche modo li tollerassero, forse perché godevano di un certo rispetto per la posizione sociale, forse per la seduzione dei loro insegnamenti, forse perché erano tolleranti verso l'immoralità sessuale, cosa che poteva piacere sicuramente nell'impero romano dove i costumi in alcuni casi erano abbastanza libertini.


Anatemi vuol dire non disassociati ma solo messa in guardia?



Paolo contro questi usa parole forti, più di una semplice messa in guardia, ma pare che non sempre gli anziani locali intervenissero per allontanare gli apostati, forse proprio perché personaggi in vista e influenti, a Efeso pare vi riuscissero ma se leggiamo Giovanni altrove pare che la congregazione avesse difficoltà ad allontanarli. Di fatto anche oggi è vero che gli anziani possono scomunicano qualcuno, ma è altrettanto vero che la scomunica funzione se è la congregazione a riconsocere che sono peccatori, se i proclamatori li ascoltassero di fatto l'effetto delle scomunica sarebbe annullato. Probabilmente nel I secolo succedeva che il talune congregazioni o vi erano anziani divisi sul da farsi, forse alcuni di questi spostati, oppure la congregazione aveva difficoltà a riconsocere l'autorità degli anziani. Faccio solo ipotesi sulle poche informazioni che possiamo dedurre della scritture.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
1/14/2020 4:51 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,417
[SM=g28002] [SM=g28002] Mi sembra di capire che non c'era una uniformità tra le congregazioni alcune chiese vigilanti in quanto apostati altre meno specialmente alla fine del primo secolo quando il corpo direttivo non era funzionale come avrbbe dovuto essere sopratutto dopo il 70 E.V.
1/14/2020 4:58 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 61,229
Moderatore
Mettendo insieme i dati che abbiamo pare proprio così, teniamo conto che a Corinto e altrove poi vi erano fratelli con doni di profezia, che parlavano in lingue, ecc... è possibile che questi ritenessero le loro "espressioni ispirata" di pari valore di quelle degli apostoli e di chi prendeva la direttiva, creando una certa confusione.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
1/14/2020 10:08 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 34,497
Location: PINEROLO
Age: 49
TdG
Re:
erevnitis, 14/01/2020 16:51:

[SM=g28002] [SM=g28002] Mi sembra di capire che non c'era una uniformità tra le congregazioni alcune chiese vigilanti in quanto apostati altre meno specialmente alla fine del primo secolo quando il corpo direttivo non era funzionale come avrbbe dovuto essere sopratutto dopo il 70 E.V.



Ovviamente non c'era niente di paragonabile a oggi.
Dopo il 70 si avvio' a grandi passi la transizione, faticosa, dal giudeo-cristianesimo al cristianesimo delle nazioni, che piano piano resto' solo.
La figura centrale degli apostoli di Gerusalemme spari' dallo scenario, anche se qualche singolo resto' in vita.

Simon

1/16/2020 6:05 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,155
Re:
barnabino, 12/01/2020 23.29:

La situazione storica è complessa e ieri come oggi espellere qualcuno per apostasia n Lo stesso avvenne per la circoncisione, di fatto i giudaizzanti non vennere immediatamente esplusi, leggendo le lettere e gli Atti per almeno una decina di anni continuavano ad esserci anziani che imponevano la circoncisione contro le decisioni di Gerusalemme, alla fine venne preso il provvedimento di espellerli come eretici, ma dovettero passare molti anni.

Shalom





chi cresciuto sotto la legge
non si liberava facilmente del concetto di sottomissione alla legge per
non incorrere nel peccato ed essere disapprovato da Dio
differente la posizione di chi strumentalizzava tale limite
per togliere autorevolezza agli apostoli..allo scopo di spadroneggiare sulle congregazioni..il comportamento di quest’ulitimi era a dir poco demoniaco




_________________________________________________
...le tue proprie consolazioni vezzeggiavano la mia anima
salmo 94:19
1/16/2020 6:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,155
Re: Re:
geremia60(2019), 12/01/2020 23.00:





credo che tu hai abbia ragione in quanto chi come Imeneo insegnava una diversa risurrezione come se fosse già avvenuta, l'apostolo Paolo si limitava semplicemente ad avvisare gli altri facendo distinzione tra vasi nobili e vasi ignobili, mentre viceversa consegnava a satana chi bestemmiava tipo Alessandro.

mentre quelli come Diotrefe che cacciavano fuori dalla chiesa chi era da parte di Giovanni e i suoi..(che la dice lunga su che atmosfera si stava creando.) a questo punto credo che costrinsero l'apostolo Giovanni a dare il consiglio o il comando di non riceverli in casa, quelli rappresentando una cattiva compagnia; però in questi casi ciò valeva da un punto di vista dottrinale.................................................................................................................................................ma questo per noi oggi non può essere valido a 360 gradi, in quanto non ci sono più gli apostoli ne opere portenti ; e che per tanto dobbiamo applicare altri parametri riguardo al tema dottrine; no morali; comunque basati sugli stessi principi , ma non sulla loro applicazione che ritengo esclusiva di quei tempi.









alla luce di quanto detto quindi

per concludere a che tipo di persone si applica ai nostri giorni

2 Giovanni 10 Se qualcuno viene da voi e non porta questo insegnamento, non ricevetelo in casa+ e non rivolgetegli un saluto.



oppure secondo lei possiamo per così dire ”derubricare” questi comandi?



_________________________________________________
...le tue proprie consolazioni vezzeggiavano la mia anima
salmo 94:19
1/16/2020 7:27 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 61,229
Moderatore
Cara Frida,


differente la posizione di chi strumentalizzava tale limite
per togliere autorevolezza agli apostoli..allo scopo di spadroneggiare sulle congregazioni..



Credo che tu abbia centrato bene il problema, ovviamente c'era una differenza tra chi era ancora attaccato alle tradizioni della Legge, che in sé non avevano nulla di male per altro, essendo disposizioni divine benché obsolete ormai, e coloro che sfruttavano tali tendenze a proprio uso e consumo, per togliere autorievolezza agli apostoli e per accattivarsi i consenso della congregazione, spesso a fine puramente carnali. Probabilmente si fecero passare diversi anni prina di intervenire con la scomunica perché non era facile discernere le due posizioni, chi semplicemente si limitava ad osservare la Legge e chi la imponeva come necessaria.


per concludere a che tipo di persone si applica ai nostri giorni

2 Giovanni 10 Se qualcuno viene da voi e non porta questo insegnamento, non ricevetelo in casa+ e non rivolgetegli un saluto.

oppure secondo lei possiamo per così dire ”derubricare” questi comandi?



No di certo, ma il fatto che Giovanni lo abbia dovuto specificare indica che alla fine del I secolo già gli apostati erano presenti nella congregazione con insegnamenti diversi da quelli degli apostoli, al punto che Giovanni deve esortare a stare lontani da essi. Questo vale anche per noi oggi, e anche oggi non sempre è facile riconoscere i metodi subdoli usati dagli apostati.

Shalom
[Edited by barnabino 1/16/2020 7:30 PM]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
1/17/2020 8:48 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 915
Location: MILANO
Age: 59
Re:
barnabino, 16/01/2020 07:27 p. m.:

Cara Frida,


differente la posizione di chi strumentalizzava tale limite
per togliere autorevolezza agli apostoli..allo scopo di spadroneggiare sulle congregazioni..



Credo che tu abbia centrato bene il problema, ovviamente c'era una differenza tra chi era ancora attaccato alle tradizioni della Legge, che in sé non avevano nulla di male per altro, essendo disposizioni divine benché obsolete ormai, e coloro che sfruttavano tali tendenze a proprio uso e consumo, per togliere autorievolezza agli apostoli e per accattivarsi i consenso della congregazione, spesso a fine puramente carnali. Probabilmente si fecero passare diversi anni prina di intervenire con la scomunica perché non era facile discernere le due posizioni, chi semplicemente si limitava ad osservare la Legge e chi la imponeva come necessaria.


per concludere a che tipo di persone si applica ai nostri giorni

2 Giovanni 10 Se qualcuno viene da voi e non porta questo insegnamento, non ricevetelo in casa+ e non rivolgetegli un saluto.

oppure secondo lei possiamo per così dire ”derubricare” questi comandi?



No di certo, ma il fatto che Giovanni lo abbia dovuto specificare indica che alla fine del I secolo già gli apostati erano presenti nella congregazione con insegnamenti diversi da quelli degli apostoli, al punto che Giovanni deve esortare a stare lontani da essi. Questo vale anche per noi oggi, e anche oggi non sempre è facile riconoscere i metodi subdoli usati dagli apostati.

Shalom



Mi saró espresso in modo non chiaro magari perché non ho fatto lesempio. Nel primo secolo un apostolo poteva dire ad es. che la risurrezione non era ancora iniziata, e pertanto era giustamente autorizzato per condannare e descrivere come una cancrena chi insegnava il contrario. Ma applicato ad oggi non sarebbe serio o umano mettere al bando qualcuno sulla base di avere diversa opinione su questioni di cui non si puo avere certezza, potendo ottenere il paradosso di giudicare e disciplinare qualcuno su questioni che in seguito verranno cambiate, se non addirittura condividendo lopinione condannata in precedenza e non usata per creare divisioni o sottochiese o derivati sulla base di queste cose che in questo diverso contesto odierno sono irrisorie ai fini di un giudizio.
Un atteggiamento del genere..mi limito a dire che non sarebbe corretto. Ulti es. Se lo tollerate. Se io oggi non credo ci siano degli unti celesti, ma solamente un battesimo in acqua come Giovanni B., nessuno mi puó dire che sto bestemmiando perché negherei lopera dello spirito santo, poichè quale manifestazione credibile avremmo? Quale caparra che testimonia pubblicamente una tal cosa? Il sogno, perche se lo sente? Io non lo giudico chi ci crede, ma non si puó fare legge per calunniare chi non ci crede sulla base irrisoria su cui poggia tale presupposto...non potendo neppure citarsi il contesto profético perche incerta linterpretazione nell adempimento dei suoi dettagli.

Per tale motivo facevo la differenza con il vissuto del pr. Sec. Che non é cosa da poco.
------------‐-----------------------
Ospite (utente non TdG)
1/17/2020 10:20 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 61,229
Moderatore
Caro Geremia,


Ma applicato ad oggi non sarebbe serio o umano mettere al bando qualcuno sulla base di avere diversa opinione su questioni di cui non si puo avere certezza, potendo ottenere il paradosso di giudicare e disciplinare qualcuno su questioni che in seguito verranno cambiate, se non addirittura condividendo lopinione condannata in precedenza e non usata per creare divisioni o sottochiese o derivati sulla base di queste cose che in questo diverso contesto odierno sono irrisorie ai fini di un giudizio



Non si condanna nessuno perché ha idee diverse su certe questioni, a meno che non si tratti di insegnamenti biblici fondamentali esposti con chiarezza nelle Scritture, come la trinità, l'immortalità dell'anima, l'uso di immagini nell'adorazione. Non è condannato neppure chi su queste questioni può ravvisare sfumature differenti dove le Scritture lascianoun certo margine. Come nel I secolo il problema nasceva quando chi ha queste idee cominciasse a diffonderle e insegnarle pubblicamente nelal congregazione allo scopo di minare l'autorità di chi prende la direttiva o creare divisioni e mormorii, la vera conoscenza edifica, non cerca ire o dibattiti.


Se io oggi non credo ci siano degli unti celesti, ma solamente un battesimo in acqua come Giovanni B., nessuno mi puó dire che sto bestemmiando perché negherei lopera dello spirito santo, poichè quale manifestazione credibile avremmo? Quale caparra che testimonia pubblicamente una tal cosa? Il sogno, perche se lo sente?



Paolo dice che sarebbero cessati i doni miracolosi dello spirito santo ma non l'unzione con lo spirito santo. La caparra non devono averla tutti ma solo chi la riceve, chi è unto sente la testimonienza dallo spirito e agli altri deve interessare poco, nessuno è in grado di dire chi è unto e chi non lo è, questo già al tempo di Paolo che parla di una questione interiore e non esteriore. Certo lo spirito di chi è unto testimonia per lo spirito santo, chi è unto dovrebbe dimostrare di camminare conformemente allo spirito, tanto è vero che anche un unto può essere espluso dalla congregazione, ciò dimostrerebbe che non è più unto, almeno finché non si pente e se Dio lo vorrà. Inoltre la Bibbia dice chiaramente che ci saranno unti sulla terra fino alla venuta di Cristo, dunque mi pare contrario alle Scritture dire che non esiste più l'unzione... detto questo nessuno ti esplellerebbe se credi in questo, tanto la verità sarà presto visibile, il problema è farne oggetto di propaganda per sminuire chi prende al direttiva e creando dubbi tra i fratelli, questo sì che è veleno da togliere dalla congregazione.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
1/17/2020 11:12 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 915
Location: MILANO
Age: 59
Re:
barnabino, 17/01/2020 10.20:

Caro Geremia,


Ma applicato ad oggi non sarebbe serio o umano mettere al bando qualcuno sulla base di avere diversa opinione su questioni di cui non si puo avere certezza, potendo ottenere il paradosso di giudicare e disciplinare qualcuno su questioni che in seguito verranno cambiate, se non addirittura condividendo lopinione condannata in precedenza e non usata per creare divisioni o sottochiese o derivati sulla base di queste cose che in questo diverso contesto odierno sono irrisorie ai fini di un giudizio



Non si condanna nessuno perché ha idee diverse su certe questioni, a meno che non si tratti di insegnamenti biblici fondamentali esposti con chiarezza nelle Scritture, come la trinità, l'immortalità dell'anima, l'uso di immagini nell'adorazione. Non è condannato neppure chi su queste questioni può ravvisare sfumature differenti dove le Scritture lascianoun certo margine. Come nel I secolo il problema nasceva quando chi ha queste idee cominciasse a diffonderle e insegnarle pubblicamente nelal congregazione allo scopo di minare l'autorità di chi prende la direttiva o creare divisioni e mormorii, la vera conoscenza edifica, non cerca ire o dibattiti.


Se io oggi non credo ci siano degli unti celesti, ma solamente un battesimo in acqua come Giovanni B., nessuno mi puó dire che sto bestemmiando perché negherei lopera dello spirito santo, poichè quale manifestazione credibile avremmo? Quale caparra che testimonia pubblicamente una tal cosa? Il sogno, perche se lo sente?



Paolo dice che sarebbero cessati i doni miracolosi dello spirito santo ma non l'unzione con lo spirito santo. La caparra non devono averla tutti ma solo chi la riceve, chi è unto sente la testimonianza dallo spirito e agli altri deve interessare poco, nessuno è in grado di dire chi è unto e chi non lo è, questo già al tempo di Paolo che parla di una questione interiore e non esteriore. Certo lo spirito di chi è unto testimonia per lo spirito santo, chi è unto dovrebbe dimostrare di camminare conformemente allo spirito, tanto è vero che anche un unto può essere espulso dalla congregazione, ciò dimostrerebbe che non è più unto, almeno finché non si pente e se Dio lo vorrà. Inoltre la Bibbia dice chiaramente che ci saranno unti sulla terra fino alla venuta di Cristo, dunque mi pare contrario alle Scritture dire che non esiste più l'unzione... detto questo nessuno ti espellerebbe se credi in questo, tanto la verità sarà presto visibile, il problema è farne oggetto di propaganda per sminuire chi prende al direttiva e creando dubbi tra i fratelli, questo sì che è veleno da togliere dalla congregazione.

Shalom



[che ci saranno unti sulla terra fino alla venuta di Cristo,]se togli la parola "fino" mi trovi daccordo. [SM=g27987] a causa di Ef 1:13; 2 Corinzi 1:22; e apocalisse 7:3; atti 2 che riprende Gioele 2 "ultimi giorni" delle due Gerusalemme, Ap. 11. ho tolto il fino, dovendo comunque comprendere che cosa si intende per caparra, ma è un altro argomento fuori discussione.


se mi parli di dubbi con le finalità di sostituirsi denigrare chi prende la direttiva sono d'accordo, ma i dubbi in se stesso aiutano a crescere, non sminuiscono nessuno, lasciando libera opinione fuori da schemi fondamentali; ma nella pratica noto si difetta in ogni chiesa, o gruppo religioso; ritenendo cattiva compagnia chiunque mostra il minimo sentore di dubbio sulla qualsiasi; pur se la responsabilità si deve ricercare in loco... o individualmente, il singolo. Nelle vostre riviste non noto niente a riguardo, lasciando in balia dei singoli, pure sprovveduti.



------------‐-----------------------
Ospite (utente non TdG)
1/17/2020 11:26 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 30,355
Moderatore
Re: Re:
geremia60(2019), 17.01.2020 11:12:





se mi parli di dubbi con le finalità di sostituirsi denigrare chi prende la direttiva sono d'accordo,



Non si tratta solo di questo.
A che scopo instaurare dubbi anche su altri che dubbi non ne avevano? È questo che non va fatto
[Edited by Seabiscuit 1/17/2020 11:27 AM]



Testimoni di Geova Online Forum
"Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione" - Edmund Burke
1/17/2020 11:26 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 61,229
Moderatore
Caro Geremia,


[che ci saranno unti sulla terra fino alla venuta di Cristo,]se togli la parola "fino" mi trovi daccordo



Dunque, senza entrare in dettagli inutili, che ci sarebbero stati sulla terra cristiani unti durante la presenza di Cristo non è un'opinione ma è quanto afferma la Bibbia. Che poi solo chi è unto possa testimoniare questa unzione con il suo spirito non ci autorizza a metterla in dubbio, è una questione tra lui e Dio.


ma i dubbi in se stesso aiutano a crescere, non sminuiscono nessuno, lasciando libera opinione fuori da schemi fondamentali



Non è questo il pensiero della Bibbia su chi dubita, paragonato ad "un'onda del mare mossa dal vento e spinta qua e là". Giacomo dice: "Non pensi un uomo del genere di ricevere qualcosa da Geova; è un uomo indeciso, instabile in tutto quello che fa". Forse tu confondi il "dubbio" con il porsi della domande come fecero i bereani, che si accertavano per rimuovere il dubbio e non per suscitarlo.


ma nella pratica noto si difetta in ogni chiesa, o gruppo religioso; ritenendo cattiva compagnia chiunque mostra il minimo sentore di dubbio sulla qualsiasi; pur se la responsabilità si deve ricercare in loco... o individualmente, il singolo. Nelle vostre riviste non noto niente a riguardo, lasciando in balia dei singoli, pure sprovveduti



Non capisco cosa intendi in questo giro di parole. Il dubbio di per sé è negativo se viene sparso, specialmente dove va a sminuire l'autorità. Nulla vieta ad un testimone di Geova di avere su certi argomenti idee diverse da quelle dell'organizzazione, il problema è quando questo dubbio diventa argomento di conversazione nella congregazione creando divisioni, ire e dibattiti. Tutto ciò non edifica ma abbatte la fede, specialmente di chi ha la fede debole.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
1/17/2020 1:06 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 915
Location: MILANO
Age: 59
Re:




Dunque, senza entrare in dettagli inutili, che ci sarebbero stati sulla terra cristiani unti durante la presenza di Cristo non è un'opinione ma è quanto afferma la Bibbia. Che poi solo chi è unto possa testimoniare questa unzione con il suo spirito non ci autorizza a metterla in dubbio, è una questione tra lui e Dio.



appunto dipende da quando inizia la presenza, ma è ot



Non capisco cosa intendi in questo giro di parole. Il dubbio di per sé è negativo se viene sparso, specialmente dove va a sminuire l'autorità. Nulla vieta ad un testimone di Geova di avere su certi argomenti idee diverse da quelle dell'organizzazione, il problema è quando questo dubbio diventa argomento di conversazione nella congregazione creando divisioni, ire e dibattiti. Tutto ciò non edifica ma abbatte la fede, specialmente di chi ha la fede debole.



Avere idee opinioni diverse equivale che hai dubitato , ciò avendo comportato che se nella veste di un bereano hai concluso che non era così, almeno per te, per le tue convinzioni; per molti tuoi confratelli equivale ad avere avuto l'ardire di sentirti superiore allo schiavo.. questo è il pensiero che a volte leggo da parte vostra in questo stesso forum, anche se non sarà il tuo pensiero .

Mettere alla prova ogni espressione , equivale a dubitarne per verificare se corretta e in linea con il senso di quello predicato come buona notizia, considerandola nel caso incoerenza senza farne necessariamente una questione di mala o buona fede; in quanto credo, spero, non ritieni infallibile chi oggi come schiavo o servo, esprime spiegazioni di ausilio per capire la bibbia, per condurre gli uomini a Dio; e non per signoreggiare sulle tue opinioni , conducendoti più a se stesso più che a Dio .

SE la tua verità non è quella ufficiale,su aspetti marginali non fondamentali per identificare la tua buona fede; non puoi parlarne con nessuno perchè insinueresti il dubbio sul ruolo di chi ha la direttiva? .

Sarebbe responsabilità di chi ce lha di insegnare a dare spazio a chi esprime opinioni diverse su questioni secondarie, non per fare proselitismo, ma soltanto in via confidenziale o di chi ci si trova a porsi le stesse domande in comune..libero dialogo tra persone che ne sono in grado, dato che non lo possono tutti, per via di età e cultura. Disciplinando solamente chi sconfina avendo la pretesa di creare divisioni e guerre su questione irrisorie.

Questo ti spiega la libertà che leggi nel primo secolo, ma per quanto si possa reprimere, nasceranno sempre scisma e nuove gruppi anche come apostati.,,ma non necessariamente tali.

In quanto potremo avere chi pensa che è importante seguire altro pensiero, uscendone senza creare conflitti o guerre ma continuando per se stesso il ruolo di schiavo, o con altri; dato che tae ruolo non ha la esclusiva di nessuno. NOn credo a una unica chiesa ai nostri giorni... ma sette..apocalisse 3,4..chi più vicino al Signore, chi più lontano.

Come lo considereresti? Cristo non maledisse chi gli dava testimonianza senza neppure seguirlo, anzi..anche se non vuole essere una regola... ma tolleranza..e giudizio nel considerare chi veramente sarebbe una cattiva compagnia .
I tuoi fratelli su ciò sono deboli perchè non hanno nessuna istruzione a riguardo.

------------‐-----------------------
Ospite (utente non TdG)
1/17/2020 1:33 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 61,229
Moderatore
Caro Geremia,


Avere idee opinioni diverse equivale che hai dubitato , ciò avendo comportato che se nella veste di un bereano hai concluso che non era così, almeno per te, per le tue convinzioni; per molti tuoi confratelli equivale ad avere avuto l'ardire di sentirti superiore allo schiavo.. questo è il pensiero che a volte leggo da parte vostra in questo stesso forum, anche se non sarà il tuo pensiero



Non saprei chi la pensa così, sinceramente, lo schiavo stesso ammette che chiunque può comprendere certe verità prima di lui. Ricercare la verità non implica nessun dubbio ma solo il desidero di approfondire, il problema può diventare l'atteggiamento, cominciare a diffondere le proprie conclusioni presentandole come corrette può anche nascondere un atteggiamento orgoglioso. La persona umile invece capisce i propri limiti e non insiste sul proprio punto di vista.


Questo ti spiega la libertà che leggi nel primo secolo, ma per quanto si possa reprimere, nasceranno sempre scisma e nuove gruppi anche come apostati.,,ma non necessariamente tali



Non leggo che nel 1 secolo ci fosse molto libertà, leggo al contrario che Giovanni, Giuda e Paolo si lamentassero della presenza di insegnameni contrari a quelli degli apostoli e del collegio di Gerusalemme. Che nasceanno sempre scismi è ovvio e persono profetizzato, ma l'obiettivo el cristianesimo è l'unitù e il "parlare concordemente".


Come lo considereresti? Cristo non maledisse chi gli dava testimonianza senza neppure seguirlo, anzi..anche se non vuole essere una regola... ma tolleranza..e giudizio nel considerare chi veramente sarebbe una cattiva compagnia



Quando Cristo era sulla terra non c'era alcuna congregazione ancora e non era stato versato lo spirito santo sugli unti. Questo non elimina la tolleranza ma un conto, come detto, è avere personalmente idee differenti dalla congregazione e un altro è cominciare a diffondere questi insegnamenti allo scopo di dividere i fratelli o generare dubbi su chi prende la direttiva, un popolo diviso non può durare come mostra la babele evangelica, divisa in mille fazioni anche politicamente in lotta tra loro. Cristo non esiste diviso, ogni regno diviso al suo interno finisce in rovina. Paolo ai Corinti non dice "va beh, tollerete pure chi insegna cose differenti, non c'è problema" ma dice: "Ora, fratelli, vi esorto nel nome del nostro Signore Gesù Cristo a parlare tutti concordemente e a non avere divisioni fra voi, ma a essere perfettamente uniti nello stesso pensiero e nello stesso modo di ragionare".

Noi seguiamo l'insegnamento apostolico anche in questo, anche a costo di non sembrare moderni. Alla fine che insiste su un proprio punto di vista e cerca di imporlo e propagandarlo agli altri diventa per forza una cattiva compagnia, il suo obiettivo non è più l'arricchimento spirituale ma la contesa.

Shalom

--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
1/17/2020 8:27 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,155
Re: Re:
geremia60(2019), 17/01/2020 08.48:



Mi saró espresso in modo non chiaro magari perché non ho fatto lesempio. Nel primo secolo un apostolo poteva dire ad es. che la risurrezione non era ancora iniziata, e pertanto era giustamente autorizzato per condannare e descrivere come una cancrena chi insegnava il contrario. Ma applicato ad oggi non sarebbe serio o umano mettere al bando qualcuno sulla base di avere diversa opinione su questioni di cui non si puo avere certezza,...... Se io oggi non credo ci siano degli unti celesti,.................nessuno mi puó dire che sto bestemmiando perché negherei lopera dello spirito santo, poichè quale manifestazione credibile avremmo? Quale caparra che testimonia pubblicamente una tal cosa? Il sogno, perche se lo sente? Io non lo giudico chi ci crede, ma non si puó fare legge per calunniare chi non ci crede sulla base irrisoria su cui poggia tale presupposto...non potendo neppure citarsi il contesto profético perche incerta linterpretazione nell adempimento dei suoi dettagli.





E quindi lei come si propone con una faccia più simpatica?


geremia60(2019), 17/01/2020 13.06:










In quanto potremo avere chi pensa che è importante seguire altro pensiero, uscendone senza creare conflitti o guerre ma continuando per se stesso il ruolo di schiavo, o con altri; dato che tae ruolo non ha la esclusiva di nessuno. NOn credo a una unica chiesa ai nostri giorni... ma sette..apocalisse 3,4..chi più vicino al Signore, chi più lontano.
.





Quindi comunque ambisce il ruolo di schiavo....

Ma con un presupposto del genere come parleremmo una stessa lingua pur adorando da nazioni e culture diverse

ma si rende conto del caos che creerebbe una situazione del genere che ognuno si erge a schiavo fedele secondo i propri gusti e vantaggi.

E perché ci tiene tanto a tenere il nome di Testimone di Geova se già esistono queste formule fra altre chiese tipo evangelici pentagostali ecc ecc si scelga quella che le è più consone alle sue vedute e Amen

E mi viene in mente la scrittura di

2pit 2:19
Promettono loro libertà, ma sono essi stessi schiavi della corruzione,+ perché se uno è sopraffatto da un altro* ne è schiavo

(e l'accento lo pongo su un altro...e ne diventa schiavo)




_________________________________________________
...le tue proprie consolazioni vezzeggiavano la mia anima
salmo 94:19
1/17/2020 8:31 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,417
Re:
caro barnabino


Non saprei chi la pensa così, sinceramente, lo schiavo stesso ammette che chiunque può comprendere certe verità prima di lui.



Come si giunge a questa conclusione? C'è qualche pubblicazione che ne parla?
[Edited by erevnitis 1/17/2020 8:43 PM]
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:11 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com