printprint
New Thread
Reply
 

Ministro della parola

Last Update: 1/7/2020 9:19 AM
Author
Print | Email Notification    
11/23/2019 7:47 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Attenzione! I cartelli servono per rendersi conto
I cartelli non sono da apprezzare
È un segnale di avvertimento, è questo che va apprezzato

Un conto se si fanno queste manipolazioni consapevolmente, volendo confutare in qualche modo con Le Scritture.... visto che non è possibile allora si confuta ciò che NON è stato scritto. [SM=g3330151]

Un altro conto è sé queste cose succedono inconsciamente, per il grande desiderio di restare nelle proprie convinzioni

Un altro paio di maniche è se questo processo viene autonomamente, per disattenzione o mancato intendimento.


In ogni caso, attenzione!

Procedendo così non si arriva a delle conclusioni fondate sulla verità

E soprattutto attenzione, perché la stessa procedura di distorsione di ciò che è scritto con ciò che ci conviene può essere applicata anche nella lettura delle Scritture!
Anche in questo ambito mi sembra che Francesco non sia solo novizio, ma già catechista

Se uno parla di Ministro della Parola, perlomeno questa parola la deve intendere e riportare nel suo senso originale, non stravolgendola!
Altrimenti altro che portavoce, evangelizzatore, ministro della Parola e dottore della Legge...

... siamo piuttosto nel contesto del gioco del telefono senza fili, non so se lo conoscete.

Quindi per amministrare la parola ci vuole molta attenzione, serietà e intendimento, onestà intellettuale, occorre rimanere fedeli al messaggio originale

[SM=g1871112]
[Edited by I-gua 11/23/2019 7:51 AM]
11/23/2019 9:33 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Re: Re: Re: Re: Re: Re:
Francesco Longo, 22.11.2019 18:56:


Per tutti coloro che non credono che il vangelo si riceve e non si acquista solo leggendo la bibbia:1Corinzi 15
1 Vi rendo noto, fratelli, il vangelo che vi ho annunziato e che voi avete ricevuto, nel quale restate saldi, 2 e dal quale anche ricevete la salvezza, se lo mantenete in quella forma in cui ve l'ho annunziato. Altrimenti, avreste creduto invano!
3 Vi ho trasmesso dunque, anzitutto, quello che anch'io ho ricevuto: che cioè Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture, 4 fu sepolto ed è risuscitato il terzo giorno secondo le Scritture, 5 e che apparve a Cefa e quindi ai Dodici. 6 In seguito apparve a più di cinquecento fratelli in una sola volta: la maggior parte di essi vive ancora, mentre alcuni sono morti. 7 Inoltre apparve a Giacomo, e quindi a tutti gli apostoli. 8 Ultimo fra tutti apparve anche a me come a un aborto. 9 Io infatti sono l'infimo degli apostoli, e non sono degno neppure di essere chiamato apostolo, perché ho perseguitato la Chiesa di Dio. 10 Per grazia di Dio però sono quello che sono, e la sua grazia in me non è stata vana; anzi ho faticato più di tutti loro, non io però, ma la grazia di Dio che è con me. come dice I-gua che il vangelo non si riceve ma basta leggere la bibbia ed è eresia la trasmissione di fede allora è eretico Paolo ma perchè si legge ciò che fa comodo Paolo ministro della Parola. grazie







1 Corinti 15

Ora, fratelli, vi ricordo la buona notizia che vi ho annunciato e che voi avete accettato, e in favore della quale avete preso posizione. 2 Per mezzo di questa buona notizia che vi ho annunciato siete anche salvati, a condizione che vi atteniate saldamente a essa; altrimenti sareste diventati credenti inutilmente. 3 Fra le prime cose che vi ho trasmesso c’è quello che anch’io ho ricevuto: Cristo è morto per i nostri peccati secondo le Scritture; 4 è stato sepolto ed è stato risuscitato il terzo giorno secondo le Scritture; 5 ed è apparso a Cefa e poi ai Dodici. 6 In seguito è apparso a più di 500 fratelli in una sola volta; anche se alcuni si sono addormentati nella morte, la maggior parte di loro è ancora in vita. 7 Successivamente è apparso a Giacomo, e poi a tutti gli apostoli. 8 Infine è apparso anche a me, ultimo di tutti, come a uno nato prematuramente





Caro Francesco,
Come si desume dalle Scritture il VANGELO, la buona notizia del Cristo e della restaurazione del Regno di Dio NON SI TRASMETTE PER IMPOSIZIONE DELLE MANI.

IL VANGELO LO SI ANNUNCIA.

Ma che tipo di Vangelo deve essere annunciato per essere PAROLA Di Dio, Verità e vita?
Quale è la buona notizia che se riconosciuta ed accettata può essere fondamento della Fede che porta la salvezza in Cristo?

Come dice Gesù DEVE ESSERE IL TESTAMENTO ORIGINALE DI DIO, CHE DA TRADIZIONE ORALE È STATO MESSO PER ISCRITTO: Parola Scritta e Vivente di Dio.

Se invece accogliamo e diffondiamo un Vangelo diverso da quello trasmesso (ANNUNCIATO) dalla Parola di Dio, allora il nostro credo è futile, non può portare alla salvezza e la nostra predicazione è vana.
Nella Parola di Dio che annuncia il Vangelo di Cristo NON CI SONO I DOGMI E GLI INSEGNAMENTI che sedicenti “Ministri della Parola” e teologhi della cristianità diffondono e insegnano. L’insegnamento del dogma della Trinità è il PRIMO SEGNO, IL PIÙ EVIDENTE, dell’apostasia rispetto al Messaggio Originale di Dio, alLa Parola di Dio, Vangelo di Cristo. Chi non si attiene al Vangelo che è stato TRASMESSO E ANNUNCIATO PER ISCRITTO non può essere SERVITORE DEL MESSAGGIO, non può essere Ministro della Parola. È squalificato in partenza, e prodigando i dogmi della cristianità apostata diventa automaticamente ministro dell’Anticristo.

Ma leggiamo ancora nelle Scritture cosa significa essere Ministri della Parola, o SERVITORI DEL MESSAGGIO:





1Dal momento che in molti si sono accinti a compilare un resoconto dei fatti di cui noi siamo pienamente convinti,2così come ce li hanno tramandati coloro che dall’inizio sono stati testimoni oculari e servitori del messaggio,3ho deciso anch’io, avendo fatto accurate ricerche su ogni cosa a partire dalle origini, di metterteli per iscritto in ordine logico, illustre Teòfilo,4così che tu possa renderti conto fino in fondo di quanto sono certe le cose che ti sono state insegnate a voce.




Per noi, oggi, essere servitori del messaggio, ministri della Parola di Dio, significa diffondere il messaggio e la rivelazione del Sacro Segreto custodito in Cristo IN ACCORDO PERFETTO CON LE SCRITTURE.
senza aggiunte, senza manipolazioni e senza partì mancanti

Significa accertarci che ciò che ci viene insegnato a voce o per iscritto da presunti Ministri della Parola, si trovi realmente scritto nero su bianco nella Bibbia, e che non derivi da speculazioni filosofiche, teologiche o da più antiche tradizioni spirituali che attingono direttamente non dalla Parola di Dio, ma dalle pratiche spiritiche e dalla religione di BABILONIA LA MISTICA, La madre di tutte le prostitute, di tutte le chiese e sette che hanno voltato le spalle alla Parola Scritta di Dio, per costruirsi una parvenza di ministri della Parola, ma che in realtà manipolano la Parola per sviare le masse dal Vangelo di Cristo e dalle Verità e cose di YHWH, Padre Creatore e Unico Dio Vivente, UNO e non trino.


Per non cadere preda di questi presunti “ministri della Parola” ed “evangelizzatori” ( oggi internettiani) ricordiamoci che fece Satana all’inizio: NON SI ATTENNE ALLA VERITÀ di Dio.



(Satana) non si tenne stretto alla verità, perché in lui non c’è verità. Quando dice menzogne, parla secondo quello che lui stesso è, perché è bugiardo e padre della menzogna.

[Edited by I-gua 11/23/2019 9:42 AM]
11/23/2019 9:45 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 653
Re: Re: Re: Re:
Angelo Serafino53, 22/11/2019 18.20:




Longo

Per arrivare a quella data la tua chiesa deve riconoscere prima di tutto che il libro di Daniele(da cui se ne ricava) è ispirato da Dio e accettarlo come lo accettò Gesù, ma come è stato dimostrato per voi non è canonico.

La vostra sicura guida sono le confuse e contradittorie
tradizione ma non il libro di Daniele.

testimonidigeova.freeforumzone.com/d/11636567/-/discussi...
[/elanteQUOTE]
Apprezzo il tuo modo di interloquirw garbato, corretto e zelante. Chi ha detto che il libro di DANIELE non è canonico? o che non ne dobbiamo tenere conto? tutto l'opposto non solo Daniele ma tutti i profeti.Efesini cap 3 Efesini - Capitolo 3
Paolo ministro del mistero del Cristo
[1]Per questo, io Paolo, il prigioniero di Cristo per voi Gentili... [2]penso che abbiate sentito parlare del ministero della grazia di Dio, a me affidato a vostro beneficio: [3]come per rivelazione mi è stato fatto conoscere il mistero di cui sopra vi ho scritto brevemente. [4]Dalla lettura di ciò che ho scritto potete ben capire la mia comprensione del mistero di Cristo. [5]Questo mistero non è stato manifestato agli uomini delle precedenti generazioni come al presente è stato rivelato ai suoi santi apostoli e profeti per mezzo dello Spirito: [6]che i Gentili cioè sono chiamati, in Cristo Gesù, a partecipare alla stessa eredità, a formare lo stesso corpo, e ad essere partecipi della promessa per mezzo del vangelo, [7]del quale sono divenuto ministro per il dono della grazia di Dio a me concessa in virtù dell'efficacia della sua potenza. [8]A me, che sono l'infimo fra tutti i santi, è stata concessa questa grazia di annunziare ai Gentili le imperscrutabili ricchezze di Cristo, [9]e di far risplendere agli occhi di tutti qual è l'adempimento del mistero nascosto da secoli nella mente di Dio, creatore dell'universo, [10]perché sia manifestata ora nel cielo, per mezzo della Chiesa, ai Principati e alle Potestà la multiforme sapienza di Dio, [11]secondo il disegno eterno che ha attuato in Cristo Gesù nostro Signore, [12]il quale ci dà il coraggio di avvicinarci in piena fiducia a Dio per la fede in lui. [13]Vi prego quindi di non perdervi d'animo per le mie tribolazioni per voi; sono gloria vostra. LUNGO POST però necessario la verità emerge gradatamente. Fra ministro della parola ed evangelizzare passa una differenza. Egli si definisce ministro della grazia, confermato per mezzo del collegio episcopale, da tutti i cristiani, da sempre, non si arroga un diritto che non ha. Il ver,10 dice che tutto ciò viene veicolato per mezzo della Chiesa. La necessità di fondare chiese , comunità, sorrette da un responsabile:episcopo , presbitero, che si prende cura di tutto ciò. I destinatari sono i cristiani delle generazioni successive. All'interno delle comunità emergono problemi da affrontare, dottrine da confermare e tutto ciò per mezzo della chiesa nascente con Cristo fino ai nostri giorni. Immagina se chiunque avesse dato delle interpretazioni personali sul messaggio evangelico, le eresie emerse durante i millenni. Vedi la storia. La bibbia non può essere oggetto di libera interpretazione. Non si può pensare che dopo il primo secolo sia tutta apostasia, e la verità possa essere emersa solo con I TDG NEL XX SECOLO. GRAZIE

Longo Francesco nato a Catania il 5-7-60 interesse per lo studio delle sacre scritture
11/23/2019 9:51 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Le Scritture, come mostrato sopra, ti smentiscono caro Francesco.

La Parola scritta di Dio è Vivente e parla da sé, per opera dello spirito di Dio, che da intendimento.

La Verità emerge gradatamente, vero, ma non può essere antiscritturale oppure non fare parte del corpo dottrinale esposto nelle Scritture.

Come esposto da Gesù è i suoi discepoli, occorre rimanere e non andare oltre a ciò che è scritto.

[SM=g1871112]
[Edited by I-gua 11/23/2019 9:51 AM]
11/23/2019 11:15 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
L'abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema!
Francesco Longo, 23.11.2019 09:45:


(...)
la verità emerge gradatamente. Fra ministro della parola ed evangelizzare passa una differenza. Egli si definisce ministro della grazia, confermato per mezzo del collegio episcopale, da tutti i cristiani, da sempre, non si arroga un diritto che non ha. Il ver,10
dice che tutto ciò viene veicolato per mezzo della Chiesa.







Caro Francesco,

il versetto 10 e seguenti dicono:


10 [Questo avvenne] affinché ora ai governi e alle autorità+ nei luoghi celesti sia fatta conoscere per mezzo della congregazione+ la grandemente varia sapienza di Dio,+ 11 secondo l’eterno proposito che egli formò riguardo al Cristo,+ Gesù nostro Signore, 12 mediante il quale abbiamo questa libertà di parola e accesso+ con fiducia per mezzo della nostra fede in lui.





quindi vediamo che è il Corpo di Cristo, Chiesa dell'Unico Vero Dio YHWH, Congregazione di Cristo tutta, che deve FARE CONOSCERE LA SAPIENZA DI DIO E IL SACRO SEGRETO CUSTODITO IN CRISTO, ai GOVERNI E ALLE AUTORITÀ.

così vediamo che nei nostri giorni semplici testimoni d iYHWH Geova (che svolgono il ruolo di MINISTRI DELLA PAROLA DI DIO E SERVI DEL MESSAGGIO DELLA RESTAURAZIONE DEL REGNO DI DIO IN CRISTO) semplici persone che appartengono alla Congregazione guidata da Cristo ma che non hanno uno statuto speciale o non appartengono ad una classe clericale... sono portati davanti a GOVERNI E AUTORITÀ e, GRAZIE ALLO SPIRITO DEL PADRE, PER MEZZO DELLA LIBERTÀ DI PAROLA E DI ACCESSO ALLE VERITà DI DIO CONCESSE DALLA GUIDA DEL CRISTO RE E REGNANTE, testimoniano con fiducia, annunciano e trasmettono fedelmente il Vangelo di Cristo e La Parola di Dio ai governanti e alle autorità di questo mondo, in linea con l'opera di predicazione mondiale del Regno di Dio, guidata da Cristo Re. Così facendo, semplici persone, testimoniano pure a creature spirituali, alle autorità nei luoghi celesti (angeli) la Verità divina, SMASCHERANDO così LE MENZOGNE SATANICHE, trinità, inferno di fuoco, anima immortale, culto di santi e madonne, e tutti i dogmi e le filosofie che le chiese della cristianità promuovono e insegnano da centinaia e centinaia d'anni.

per quanto concerne l'apostasia nella cristianità:


C.E.I.:

Galati 1,1-10

1 Paolo, apostolo non da parte di uomini, né per mezzo di uomo, ma per mezzo di Gesù Cristo e di Dio Padre che lo ha risuscitato dai morti, 2 e tutti i fratelli che sono con me, alle Chiese della Galazia. 3 Grazia a voi e pace da parte di Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo, 4 che ha dato se stesso per i nostri peccati, per strapparci da questo mondo perverso, secondo la volontà di Dio e Padre nostro, 5 al quale sia gloria nei secoli dei secoli. Amen.
6 Mi meraviglio che così in fretta da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo passiate ad un altro vangelo. 7 In realtà, però, non ce n'è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. 8 Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! 9 L'abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema! 10 Infatti, è forse il favore degli uomini che intendo guadagnarmi, o non piuttosto quello di Dio? Oppure cerco di piacere agli uomini? Se ancora io piacessi agli uomini, non sarei più servitore di Cristo!

[Edited by I-gua 11/23/2019 11:20 AM]
11/23/2019 11:29 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 32,039
Location: ANCONA
Age: 61
TdG
Re: Re: Re: Re: Re:
Caro Francesco, che confusione, non ci si capisce nulla tra quello che scrivi tu e quello che ha scritto Angelo!

Francesco Longo, 23/11/2019 09.45:


Apprezzo il tuo modo di interloquirw garbato, corretto e zelante. Chi ha detto che il libro di DANIELE non è canonico? o che non ne dobbiamo tenere conto? tutto l'opposto non solo Daniele ma tutti i profeti.Efesini cap 3 Efesini - Capitolo 3
Paolo ministro del mistero del Cristo
[1]Per questo, io Paolo, il prigioniero di Cristo per voi Gentili... [2]penso che abbiate sentito parlare del ministero della grazia




non si parla di "ministero della grazia" ma di oikonomian tes charitos, cioè di "economia o gestione della grazia".
E' diverso!

Francesco Longo, 23/11/2019 09.45:


di Dio, a me affidato a vostro beneficio: [3]come per rivelazione mi è stato fatto conoscere il mistero di cui sopra vi ho scritto brevemente. [4]Dalla lettura di ciò che ho scritto potete ben capire la mia comprensione del mistero di Cristo. [5]Questo mistero non è stato manifestato agli uomini delle precedenti generazioni come al presente è stato rivelato ai suoi santi apostoli e profeti per mezzo dello Spirito: [6]che i Gentili cioè sono chiamati, in Cristo Gesù, a partecipare alla stessa eredità, a formare lo stesso corpo, e ad essere partecipi della promessa per mezzo del vangelo, [7]del quale sono divenuto ministro per il dono della grazia di Dio a me concessa in virtù dell'efficacia della sua potenza. [8]A me, che sono l'infimo fra tutti i santi, è stata concessa questa grazia di annunziare ai Gentili le imperscrutabili ricchezze di Cristo, [9]e di far risplendere agli occhi di tutti qual è l'adempimento del mistero nascosto da secoli nella mente di Dio, creatore dell'universo, [10]perché sia manifestata ora nel cielo, per mezzo della Chiesa, ai Principati e alle Potestà la multiforme sapienza di Dio, [11]secondo il disegno eterno che ha attuato in Cristo Gesù nostro Signore, [12]il quale ci dà il coraggio di avvicinarci in piena fiducia a Dio per la fede in lui. [13]Vi prego quindi di non perdervi d'animo per le mie tribolazioni per voi; sono gloria vostra. LUNGO POST però necessario la verità emerge gradatamente.




semplicemente a Paolo, che fu apostolo di Cristo per volontà e per comando di Dio (Efesini 1:1 ; 1 Timoteo 1:1), fu rivelato o svelato il mysterion, il mistero o sacro segreto nonché la comprensione dello stesso mistero del Cristo. Non solo a lui, ma anche ai santi apostoli e profeti cristiani.
Quindi si tratta di Rivelazione divina - che Paolo converte in Sacra Scrittura (2 Pietro 3:16) - e che mette per iscritto a beneficio di tutti noi, visto che non tutti noi siamo stati scelti come Paolo per essere apostoli delle nazioni, dico bene?
E a nessuno di noi è stata data una Rivelazione Divina che è stata trasmessa tramite le Scritture, dico bene?



Francesco Longo, 23/11/2019 09.45:


Fra ministro della parola ed evangelizzare passa una differenza. Egli si definisce ministro della grazia, confermato per mezzo del collegio episcopale,




non leggo nulla di tutto ciò.
Ripeto, Paolo di aver ricevuto l' oikonomian tes charitos, cioè la gestione o economia della grazia, poi nel versetto 7 di Efesini 3 dice di essere divenuto diakonos kata ten dorean tes charitos tou theou , cioè "ministro secondo il gratuito dono della grazia di Dio", ma sempre in relazione alla gestione o economia del mistero o sacro segreto che gli fu rivelato riguardo al mistero di Cristo.
Quindi questo non c' entra nulla con l' evangelizzare o meglio, Paolo evangelizzò questo sacro segreto del Cristo tra i pagani, ma altrettanto fecero i suoi fratelli: "14 In tal modo la maggior parte dei fratelli nel Signore, incoraggiati dalle mie catene, ancor più ardiscono annunciare senza timore la Parola" (Filippesi 1:14 CEI)


Francesco Longo, 23/11/2019 09.45:



da tutti i cristiani, da sempre, non si arroga un diritto che non ha. Il ver,10 dice che tutto ciò viene veicolato per mezzo della Chiesa.




"per mezzo della chiesa"?
E dove lo leggi?
Io leggo invece che si diventa idonei come ministri di Dio perché tale idoneità viene data da Dio stesso:

"5 Non che da noi stessi siamo capaci di pensare qualcosa come proveniente da noi, ma la nostra capacità viene da Dio,
6 il quale anche ci ha resi capaci di essere ministri di una nuova alleanza
" (2 Corinti 3:5-6 CEI)


Francesco Longo, 23/11/2019 09.45:




La necessità di fondare chiese , comunità, sorrette da un responsabile:episcopo , presbitero, che si prende cura di tutto ciò. I destinatari sono i cristiani delle generazioni successive.




peccato che Paolo e Barnaba, lungi dal nominare qualche Vescovo Unico Monarchico nelle chiese, costituivano nelle chiese anziani, che agivano collegialmente (Atti 14:23)!



Francesco Longo, 23/11/2019 09.45:



All'interno delle comunità emergono problemi da affrontare, dottrine da confermare e tutto ciò per mezzo della chiesa nascente con Cristo fino ai nostri giorni.




non si direbbe, leggendo 2 Timoteo 4:3-4!

Francesco Longo, 23/11/2019 09.45:



Immagina se chiunque avesse dato delle interpretazioni personali sul messaggio evangelico, le eresie emerse durante i millenni. Vedi la storia. La bibbia non può essere oggetto di libera interpretazione. Non si può pensare che dopo il primo secolo sia tutta apostasia, e la verità possa essere emersa solo con I TDG NEL XX SECOLO. GRAZIE




La bibbia non può essere oggetto di libera interpretazione.
, mi puoi citare il passo che lo attesta? (e mi auguro per te che non mi ritiri fuori 2 Pietro 1:20-21 perché te l' ho già spiegata un centinaio di volte, ricordi?)

E' lo spirito di Dio che ci da la comprensione, non "la chiesa" (1 Corinti 2:4-5)!

Ciao


[SM=x1408425]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
11/25/2019 9:22 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
TESTIMONIANZA DI GESÙ, IL CRISTO DI YAHWUAH: il Cristo Re e i sacerdoti di YHWH regneranno sopra la TERRA
Francesco Longo, 19.11.2019 18:55:



Tu non devi accettare nessuna catechiesi dogmatica, mentre devi prestare ascolto , a quei ministri della parola che predicano che Cristo ha cominciato a regnare solo a partire dal 1915, ci devi credere perchè è scritturistico. Il ministro della Parola in assoluto Cristo non predica mai un paradiso restaurato sulla terra, ma tu lo credi , perchè?

perchè lo leggi nella bibbia?


lo dice Isaia , ma lo dovrebbe dire anche Cristo, perchè non lo dice mai.


Comunque credi ciò che vuoi, vedi quanto possa interssarmi. Comunque in passato fino ad oggi nessuno ha mai predicato questo.



[SM=g2037509] [SM=g2037509] [SM=g2037509] [SM=g2037509]

ancora una volta le Scritture smentiscono ciò che affermi

beati coloro che ascoltano e intendono le parole che il Signore Gesù; Cristo di YHWH; l'Agnello di Dio; il Leone della Tribù di Giuda, ha rivelato a Giovanni, per comprendere quale è il proposito di Dio per gli Uomini, e le sorti del Pianeta Terra.



Apocalisse 1 Conferenza Episcopale Italiana (CEI)

Prologo

1 Rivelazione di Gesù Cristo che Dio gli diede per render noto ai suoi servi le cose che devono presto accadere, e che egli manifestò inviando il suo angelo al suo servo Giovanni.

2 Questi attesta la parola di Dio e la testimonianza di Gesù Cristo, riferendo ciò che ha visto.

3 Beato chi legge e beati coloro che ascoltano le parole di questa profezia e mettono in pratica le cose che vi sono scritte. Perché il tempo è vicino

.


Gesù, LA PAROLA DI DIO, in veste di MINISTRO DI DIO, Portavoce delll'Alfa e l'Omega, Messaggero di Colui che è, che era e che viene, Voce e Artefice nel Nome dell'Onnipotente, rivela a Giovanni che quando IL PIANO DIVINO DI SALVEZZA sarà adempiuto tramite l'Opera e il Sacrificio di lui medesimo, il Redentore, allora gli Angeli canteranno un nuovo cantico, un cantico di lode all'Unto di YHWH, Leone Conquistatore dalla Tribù di Giuda;
un canto che rivela le sorti dell'umanità redenta e le sorti del PIANETA TERRA.

IL NUOVO CANTICO, che smentisce ciò che hai affermato, è questo:

Apocalisse 5:10 Conferenza Episcopale Italiana (CEI)


«Tu sei degno di prendere il libro
e di aprirne i sigilli,
perché sei stato immolato
e hai riscattato per Dio con il tuo sangue
uomini di ogni tribù, lingua, popolo e nazione
10 e li hai costituiti per il nostro Dio
un regno di sacerdoti
e regneranno sopra la terra».



perciò, Il ministro della Parola in assoluto -Cristo Re -predica sempre e ancora, anche nell'ultimo messaggio e rivelazione che conclude il Testamento di YHWH, suo Padre e suo Dio, il paradiso restaurato sulla Terra, ossia il Regno dei Cieli restaurato, ossia la Teocrazia di YHWH tramite il Regno Millenario retto da Cristo e dai 144'000 sacerdoti di YHWH


quindi, se lo dice Cristo Re nella Rivelazione fatta mettere per iscritto da Giovanni... perché tu non vuoi credere a Cristo?
Perché te lo impediscono i tuoi "ministri della parola"? Perché va contro gli insegnamenti della tua Chiesa?

è Cristo che ha autorità riguardo le Verità di Dio, non la Chiesa.
La Chiesa, se è verace e se non è implicata nella falsa religione e non si è prostituita con il mondo, si deve attenere al TESTAMENTO DI YHWH, deve promuovere il Vangelo di Cristo e il messaggio che Cristo ha portato nel Nome del Padre, non altre cose, falsi insegnamenti.

va da sé che I MINISTRI DELLA PAROLA DI DIO, OSSIA I COLLABORATORI DI CRISTO, DEVONO TRASMETTERE (IN QUALSIASI MODO, E CON QUALSIASI MEZZO, ORALE O SCRITTO) GLI INSEGNAMENTI DEL MAESTRO, SENZA DEVIARE DAL VANGELO, RIPORTANDO ESATTAMENTE IL TESTAMENTO DI IAH GEOVA DIO, E PREDICANDO CIÒ CHE IL MAESTRO CI RIVELÒ E CHE IL PADRE SUO, DIO ONNIPOTENTE, FECE METTERE PER ISCRITTO.

Cristo è la Parola di Verità, è la Via, la Vita.


[SM=g1871112]


[Edited by I-gua 11/25/2019 9:42 AM]
11/25/2019 9:52 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,747
Location: BARI
Age: 66
Re: Re: Re: Re: Re: Re:
Aquila-58, 23/11/2019 11.29:

Caro Francesco, che confusione, non ci si capisce nulla tra quello che scrivi tu e quello che ha scritto Angelo!


[SM=x1408425]




vediamo se adesso si capisce😂

"LA CHIESA CATTOLICA NON CREDE AL LIBRO BIBLICO DI DANIELE"

dal posi numero 1

testimonidigeova.freeforumzone.com/d/11636567/-/discussi...

volevo dire a proposito del 1914,
se la chiesa di Longo non crede al libro di Daniele come possono capire la durata dei tempi dei gentili ?
quindi perchè Longo fa lo scettico ?😄
11/25/2019 10:02 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
IL "DEPOSITO DELLA FEDE" NON POGGIA SULLE VERITÀ INSEGNATE DA CRISTO
Così, possiamo affermare con certezza che il famigerato "deposito della fede" non è fondato sulle Verità Scritturali, ma sulle tradizioni apostate (Sacra Tradizione), e perciò non custodisce le cose di Dio, ma è per la cristianità lo STRUMENTO grazie al quale Babilonia la Grande riesce a sviare i credenti.
Di fatto, questo "deposito della fede" non mantiene quanto si propone di fare, ossia:



Nella dottrina cattolica, con l'espressione deposito della fede (in latino depositum fidei), si intende quell'unico[1] patrimonio di tutte le verità, sia in ordine alla conoscenza (fede) che al comportamento (morale), insegnate da Gesù[2], mediatore e pienezza della Rivelazione[3], agli Apostoli e da questi trasmesse al collegio dei Vescovi quali loro successori.[4] Tali verità costituiscono il principio o fondamento da cui attinge[5] il Magistero della Chiesa, non potendo questa aggiungere nulla a quanto, almeno implicitamente, è già contenuto nella Rivelazione. L'intelligenza, ovvero la comprensione, di tali verità progredisce nella Chiesa lungo i secoli[6] con l'assistenza dello Spirito Santo.[7]




Usando il termine "deposito", in greco paratheke, si vuole significare che la Chiesa nel corso dei secoli non aggiunge nulla alla rivelazione di Gesù, ma la trasmette fedelmente, come un bene ricevuto in custodia. Il termine paratheke è presente solo tre volte in tutto il Nuovo Testamento[8] ed è sempre accostato al termine phylassein (custodire), come a sottolineare il dovere di ascoltare, conservare e poi restituire o trasmettere intatto quanto Gesù ha affidato agli Apostoli.[9] Dunque con la morte dell'ultimo degli Apostoli, ovvero S.Giovanni, si considera conclusa la Rivelazione pubblica, e quindi alle verità da essi insegnate non è più possibile "aggiungere" nulla.[4] Ma di queste verità la Chiesa non ha piena ed esatta comprensione fin dall'inizio. Solo nel corso dei secoli ne prende coscienza in misura sempre maggiore. “Questa Tradizione di origine apostolica progredisce nella Chiesa con l'assistenza dello Spirito santo.”[10] Perciò la Chiesa può anche all'occorrenza definire nuovi dogmi, che non sono "aggiunte" al deposito della fede, ma piuttosto chiarificazioni di questioni ancora non pienamente comprese o non ancora accettate da tutti. Ad esempio, il dogma dell'Assunzione di Maria, seppure proclamato soltanto nel 1950, esprime una credenza le cui testimonianze risalgono almeno fino al IV secolo. La costituzione dogmatica Munificentissimus Deus, emessa da Pio XII il 1º novembre 1950, mostra inoltre come il dogma sia fondato nella Parola di Dio e dichiara quindi tale verità come rivelata.[11]

Trasmissione
La trasmissione del deposito della fede avviene non solo tramite le sacre Scritture, ma anche (e soprattutto) attraverso la Tradizione.

L'insegnamento della Chiesa non si limita perciò al contenuto dei libri sacri, ma comprende anche tutto ciò di cui essa ha preso coscienza nel corso dei secoli. Volendo stabilire un confronto fra le due Fonti della Rivelazione, è doveroso osservare che la Tradizione:

cronologicamente precede la S. Scrittura;
presenta autorevolmente la medesima, in quanto ne fissa il Canone e ne garantisce la “divina ispirazione” con la conseguente “inerranza”;
completa la S. Scrittura, che da sola non è una sintesi compiuta delle verità rivelate;
insegna anche l'interpretazione autentica delle S. Scritture, incapaci di spiegarsi da sé[12](diversamente da quanto avviene nel protestantesimo, in cui è il singolo fedele a leggere e interpretare personalmente i testi sacri).
Principi e fondamenti
Il deposito della fede è costituito da tutte quelle verità che la Chiesa custodisce e trasmette, e da cui il magistero attinge tutto ciò che propone ai fedeli di credere.[5] Tali verità sono già tutte contenute nella Sacra Tradizione e nella sacra Scrittura[13], ma non sono ancora completamente esplicitate. "La Chiesa, nel corso dei secoli, tende incessantemente alla pienezza della verità divina,...",[10] e arricchisce continuamente il suo magistero con pronunciamenti ufficiali e dogmi di fede. Il deposito della fede non coincide, in assoluto, con l'insieme della sacra Scrittura e della sacra Tradizione, il quale prende piuttosto il nome di deposito della Parola di Dio[14]. A questo proposito il Concilio Vaticano II, nella costituzione dogmatica Dei Verbum, chiarisce definitivamente dicendo "La sacra Tradizione e la sacra Scrittura costituiscono un solo sacro deposito della Parola di Dio affidato alla Chiesa,[...]"[15].

Il deposito della fede, quindi, è contenuto nel deposito della parola di Dio e "progredisce nella Chiesa con l'assistenza dello Spirito Santo"[10][16].

Il Concilio di Trento, da quanto traspare nei suoi pronunciamenti[17], identifica i tre principi e fondamenti fede cristiana cattolica:

nei libri sacri dell'Antico Testamento, che furono scritti sotto l'ispirazione dello Spirito Santo;
in Cristo, che ha piantato il suo Vangelo, non per iscritto ma oralmente, non sulla carta ma nei cuori. Da ciò che emanò da Cristo (quae a Christo emanarunt) furono scritte alcune cose, altre rimasero nel cuore degli uomini. Questo secondo principio della fede, viene comunemente chiamato rivelazione pubblica, in quanto il divino si è manifestato all'uomo pubblicamente, assumendo la natura umana, ed è costituito dai libri Sacri del Nuovo Testamento e dalla sacra Tradizione.

a ciò si aggiunge come terzo principio (tertium autem) il fatto seguente: poiché il Figlio dell'uomo non doveva rimanere per sempre tra di noi, egli mandò il suo Spirito Santo nel mondo, il quale doveva spiegare i misteri di Dio e tutto ciò che per l'uomo era rimasto dubbio.[18] Da qui le parole di Gesù riferite dall'apostolo Giovanni:”Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, ...”(Gv 16,12-13).

“L'ufficio poi di interpretare autenticamente la parola di Dio scritta o trasmessa è affidata al solo magistero vivo della Chiesa, la cui autorità è esercitata nel nome di Gesù Cristo.”[19] Ecco che la Chiesa, con il suo magistero, illumina i fedeli circa le verità da credere e dal deposito della fede "attinge tutto ciò che propone a credere come rivelato da Dio”.[5]




Come sempre, Satana per sviare l'Umanità dal TESTAMENTO DI DIO, DALLE VERITÀ DI DIO, DALLA PAROLA DI DIO.... non si inventa nulla di nuovo, piuttosto prende la VERITÀ e parte da cose giuste, per aggiungerci poi qualcosina che stravolge e corrompe l'intera verità.

Quindi questo magistero non porta la voce del Cristo, non è ministro di Cristo, e NON AMMINISTRA LA PAROLA DI DIO.

Così come tutte le altre sette e denominazioni nella cristianità che si riallacciano alla tradizione oppure che promuovono dogmi e vangeli diversi da quello portato dalla Bibbia, dalLa Parola scritta di Dio.


LA FEDE VA RIPOSTA NELLA PAROLA DI DIO, ED ESERCITATA IN CRISTO GESÙ, non in questo né altri magisteri che si basano su tradizioni e filosofie pagane per costruire ed elaborare artatamente un "deposito della fede" che squalifica le Sacre Scritture e ciò che Cristo insegnò riguardo al Padre suo e suo Dio YHWH e riguardo al proposito divino per l'umanità redenta in Terra, per la nostra salvezza da questo sistema di cose satanico e per preservarci dall'influenza nefasta di Babilonia la Mistica, la Madre delle menzogne spirituali riguardo a YHWH, l'impero mondiale della falsa religione che si vuole dare parvenza di autenticità e di autorevolezza istituendo come suoi ministri gran magi e magisteri, depositari di menzogne.
[Edited by I-gua 11/25/2019 10:23 AM]
11/25/2019 11:49 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
la versione TNM:



“Tu sei degno di prendere il rotolo e di aprirne i sigilli, perché sei stato scannato e con il tuo sangue hai comprato a Dio+ persone di ogni tribù, lingua, popolo e nazione,+ 10 e ne hai fatto un regno+ e sacerdoti per il nostro Dio;+ e regneranno+ sulla terra”.




"regneranno sulla terra" significa che regneranno sul popolo di Dio che risiederà sulla terra restaurata da Cristo, regneranno sui servitori di Dio con a capo Cristo, quale Re e Sacerdoti, in forma di creature spirituali dalle residenze celesti.
11/25/2019 12:56 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 34,504
Location: PINEROLO
Age: 49
TdG
Re:
Angelo Serafino53, 25/11/2019 09:52:




vediamo se adesso si capisce😂

"LA CHIESA CATTOLICA NON CREDE AL LIBRO BIBLICO DI DANIELE"

dal posi numero 1

testimonidigeova.freeforumzone.com/d/11636567/-/discussi...

volevo dire a proposito del 1914,
se la chiesa di Longo non crede al libro di Daniele come possono capire la durata dei tempi dei gentili ?
quindi perchè Longo fa lo scettico ?😄



Mi sembra un po' paradossale, Daniele fa parte del canone cattolico.

Simon
11/25/2019 1:31 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Re: Re:
(SimonLeBon), 25.11.2019 12:56:



Mi sembra un po' paradossale, Daniele fa parte del canone cattolico.

Simon




Paradossale in che senso?
Conta relativamente poco ciò che è scritto nella Bibbia o quali libri siano ammessi o meno nel canone cattolico per quanto concerne le credenze e ció che è proposto da accettare come dogma o dottrina da parte del magistero
11/25/2019 6:36 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Più che paradossale, direi indicativo...
11/26/2019 8:27 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Ministero di riconciliazione

CEI 2 Corinzi 5






18 Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sé mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. 19 È stato Dio infatti a riconciliare a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. 20 Noi fungiamo quindi da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio




TNM:



. 18 Ma tutto ciò viene da Dio, che ci ha riconciliato con sé mediante Cristo+ e ci ha affidato il ministero della riconciliazione:+ 19 in altre parole Dio riconciliava con sé un mondo mediante Cristo,+ non imputando agli uomini le loro colpe,+ e ci ha affidato il messaggio della riconciliazione.+

[Edited by I-gua 11/26/2019 8:29 AM]
11/26/2019 8:41 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Re:
Francesco Longo, 14.11.2019 15:14:

Nella precedente discussione con Aquila , il quale giustamente asseriva che tutti i cristiani sono chiamati alla evangelizzazione, io desidero, fare una distinzione. I discepoli sono evangelitori, gli apostoli sono sia evangelizzatori ma anche ministri della Parola. Maestro perchè parli loro in parabole e a noi no. Perchè a voi è dato di conoscere i misteri del regno di Dio a loro no.. Da ciò si evince che il compito la missione è diversa. Per il discepolato , per essere cristiani è necessario ricevere il battesimo, ricevere la buona novella, e poi evangelizzare, che cosa però debbono annunciare? Ciò che hanno ricevuto. Gli Apostoli invece sono i ministri della Parola, i quali hanno un compito diverso. Esso riguarda anche la corretta interpretazione del messaggio evangelico. La storia insegna che non tutte le formulazioni in merito all'unigenito Figlio di Dio possono essere accettate e non solo. Basta un cuore sincero per essere ministro della Parola? Certo che l'incarico ricevuto dagli apostoli è diverso , forse più gravoso dei discepoli. Si evangelizza prima con la vita e poi con le parole : incarnare nella propria vita il vangelo. Il compito invece degli apostoli riguarda anche il campo dottrinale. I vostri comenti grazie





Lettera ai Romani

1 Paolo, schiavo di Cristo Gesù, chiamato a essere apostolo, scelto* per annunciare la buona notizia di Dio,+ 2 che egli aveva promesso nelle sacre Scritture per mezzo dei suoi profeti 3 e che riguarda suo Figlio, il quale secondo la carne venne dalla discendenza* di Davide,+ 4 ma secondo lo spirito di santità fu dichiarato con potenza Figlio di Dio+ tramite la risurrezione dai morti+ — Gesù Cristo nostro Signore, 5 mediante il quale ci è stata mostrata immeritata bontà* e abbiamo ricevuto un apostolato+ affinché, a gloria del suo nome, fra tutte le nazioni+ ci sia l’ubbidienza che nasce dalla fede; 6 e fra le nazioni anche voi siete stati chiamati ad appartenere a Gesù Cristo — 7 a tutti quelli che sono a Roma, amati da Dio e chiamati a essere santi.




Lettera ai Romani

10 Fratelli, ciò che il mio cuore desidera e per cui supplico Dio è che essi siano salvati.+ 2 Infatti rendo loro testimonianza che hanno zelo per Dio,+ ma non secondo una conoscenza accurata, 3 perché, non conoscendo la giustizia di Dio+ e cercando di stabilire la propria,+ non si sono sottoposti alla giustizia di Dio.+ 4 Infatti il fine della Legge è Cristo,+ affinché chiunque esercita fede abbia giustizia.*+
5 Riguardo alla giustizia che proviene dalla Legge, Mosè scrive: “Chi fa queste cose vivrà grazie a esse”.+ 6 Ma la giustizia che deriva dalla fede dice: “Non dire nel tuo cuore:+ ‘Chi salirà in cielo?’+ (cioè per farne scendere Cristo), 7 o: ‘Chi scenderà nell’abisso?’+ (cioè per far risalire Cristo dai morti)”. 8 Che cosa dice dunque? “La parola è vicino a te, è nella tua bocca e nel tuo cuore”,+ cioè “la parola” della fede che noi predichiamo; 9 perché se con la bocca dichiari pubblicamente che Gesù è Signore+ e con il cuore eserciti fede che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato. 10 Con il cuore infatti si esercita fede per la giustizia,* ma con la bocca si fa la dichiarazione pubblica+ per la salvezza.
11 Difatti il passo della Scrittura dice: “Chi ripone fede in lui non sarà deluso”.+ 12 Non c’è distinzione fra giudeo e greco:+ tutti hanno lo stesso Signore, che è ricco* verso tutti quelli che lo invocano. 13 Infatti “chiunque invocherà il nome di Geova* sarà salvato”.+ 14 Ma come lo invocheranno se non hanno riposto fede in lui? E come riporranno fede in colui del quale non hanno sentito parlare? E come ne sentiranno parlare senza qualcuno che predichi? 15 E come predicheranno, se non sono stati mandati?+ Come è scritto: “Quanto sono belli i piedi di quelli che annunciano buone notizie!”+
16 Ma non tutti hanno ubbidito alla buona notizia, infatti Isaia dice: “Geova,* chi ha riposto fede in ciò che ha sentito da noi?”*+ 17 Dunque la fede viene dopo aver ascoltato.+ E ciò che si ascolta viene dalla parola riguardo a Cristo. 18 Ma io chiedo: forse non hanno sentito? Tutt’altro, “il loro suono si è diffuso in tutta la terra, e il loro messaggio fino ai confini della terra abitata”.+ 19 E chiedo ancora: forse Israele non ha compreso?+ Per primo Mosè dice: “Vi farò ingelosire con quella che non è una nazione; provocherò la vostra collera per mezzo di una nazione stupida”.+ 20 E Isaia osa dire: “Mi sono fatto trovare da quelli che non mi cercavano;+ mi sono rivelato a quelli che non chiedevano di me”.+ 21 Ma riguardo a Israele dice: “Tutto il giorno ho teso le mani a un popolo disubbidiente e ostinato”.+




Il privilegio di fare una pubblica dichiarazione era offerto a tutti.
[Edited by I-gua 11/26/2019 8:46 AM]
11/27/2019 11:34 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 653
Re: Ministero di riconciliazione
I-gua, 26/11/2019 08.27:


CEI 2 Corinzi 5






18 Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sé mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. 19 È stato Dio infatti a riconciliare a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. 20 Noi fungiamo quindi da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio




TNM:



. 18 Ma tutto ciò viene da Dio, che ci ha riconciliato con sé mediante Cristo+ e ci ha affidato il ministero della riconciliazione:+ 19 in altre parole Dio riconciliava con sé un mondo mediante Cristo,+ non imputando agli uomini le loro colpe,+ e ci ha affidato il messaggio della riconciliazione.+




Se tu vuoi far passare per buona la traduzione del tnm libero di farlo hai tutto un forum che ti sostiene. M a vedi che tutti questi passi a cui tu alludi non sono mai stati trasmessi come dici tu. Vuol dire che le generazioni passate sono tutte ignorante e tu intelligente. Il ministero della riconciliazione confessione penitenza è per noi è unsacramento che si ci accosta solo se hai fede. Esso trae originine da questo brano e da un altro: 20
Apparizione ai discepoli
19La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi». 22Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo; 23a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi».
(Testo TILC)
20
Gesù appare ai suoi discepoli
(vedi Matteo 28,16-20; Marco 16,14-18; Luca 24,36-43)
19La sera di quello stesso giorno, il primo della settimana, i discepoli se ne stavano con le porte chiuse per paura dei capi ebrei. Gesù venne, si fermò in piedi in mezzo a loro e li salutò dicendo: 'La pace sia con voi'. 20Poi mostrò ai discepoli le mani e il fianco, ed essi si rallegrarono di vedere il Signore.
21Gesù disse di nuovo: 'La pace sia con voi. Come il Padre ha mandato me, così io mando voi'. 22Poi soffiò su di loro e disse: 'Ricevete lo Spirito Santo. 23A chi perdonerete i peccati, saranno perdonati; a chi non li perdonerete, non saranno perdonati'.
I discepoli apostoli hanno ricevuto come dici tu da Dio stesso la potestà di rimettere i peccati. E questa potestà è stata trasferita ai successori che come Paolo dice per almeno tre volte, essa funge da ministero. E' scritto a chiare lettere, come è scritta a chiare lettere l'ordinazione sacerdotale ed episcopale. Nessuno si può improvvisare prespitero episcopo e diacono se no come affidamento e trasmissioni. Il dono di evangelizzare è dato a tutti cristiani. Purchè in sintonia con ciò che dice la chiesa madre e maestra. Cristo per fare ciò si serve della chiesa, di uomini, di pietre vive. Da sempre e non nel xx secolo secolo. Questo dono di evangelizzare è stato dato anche agli evangelici agli avventisti ecc. ecc. semplici persone non appartenenti alle classi clericali, si richede però il dono del battesimo se poi tu vuoi sminuire anche questo siamo al completo. Facciamo come tu dici: chi conosce meglio la bibbia o meglio crede di conoscerla è idononeo alla evangelizzazione. Ma quarda caso nessuno annuncia il vangelo nella forma che tu sostieni, o a te solo è stato dato il dono della interpretazione della sacra scrittura? L'hai letta meglio degli altri. Beato te vuol dire che tutti i cristiani non tdg verremo da te ad attingere lezioni. grazie
Longo Francesco nato a Catania il 5-7-60 interesse per lo studio delle sacre scritture
11/27/2019 11:34 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 653
Re: Ministero di riconciliazione
I-gua, 26/11/2019 08.27:


CEI 2 Corinzi 5






18 Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sé mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. 19 È stato Dio infatti a riconciliare a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. 20 Noi fungiamo quindi da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio




TNM:



. 18 Ma tutto ciò viene da Dio, che ci ha riconciliato con sé mediante Cristo+ e ci ha affidato il ministero della riconciliazione:+ 19 in altre parole Dio riconciliava con sé un mondo mediante Cristo,+ non imputando agli uomini le loro colpe,+ e ci ha affidato il messaggio della riconciliazione.+




Se tu vuoi far passare per buona la traduzione del tnm libero di farlo hai tutto un forum che ti sostiene. M a vedi che tutti questi passi a cui tu alludi non sono mai stati trasmessi come dici tu. Vuol dire che le generazioni passate sono tutte ignorante e tu intelligente. Il ministero della riconciliazione confessione penitenza è per noi è unsacramento che si ci accosta solo se hai fede. Esso trae originine da questo brano e da un altro: 20
Apparizione ai discepoli
19La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi». 22Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo; 23a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi».
(Testo TILC)
20
Gesù appare ai suoi discepoli
(vedi Matteo 28,16-20; Marco 16,14-18; Luca 24,36-43)
19La sera di quello stesso giorno, il primo della settimana, i discepoli se ne stavano con le porte chiuse per paura dei capi ebrei. Gesù venne, si fermò in piedi in mezzo a loro e li salutò dicendo: 'La pace sia con voi'. 20Poi mostrò ai discepoli le mani e il fianco, ed essi si rallegrarono di vedere il Signore.
21Gesù disse di nuovo: 'La pace sia con voi. Come il Padre ha mandato me, così io mando voi'. 22Poi soffiò su di loro e disse: 'Ricevete lo Spirito Santo. 23A chi perdonerete i peccati, saranno perdonati; a chi non li perdonerete, non saranno perdonati'.
I discepoli apostoli hanno ricevuto come dici tu da Dio stesso la potestà di rimettere i peccati. E questa potestà è stata trasferita ai successori che come Paolo dice per almeno tre volte, essa funge da ministero. E' scritto a chiare lettere, come è scritta a chiare lettere l'ordinazione sacerdotale ed episcopale. Nessuno si può improvvisare prespitero episcopo e diacono se no come affidamento e trasmissioni. Il dono di evangelizzare è dato a tutti cristiani. Purchè in sintonia con ciò che dice la chiesa madre e maestra. Cristo per fare ciò si serve della chiesa, di uomini, di pietre vive. Da sempre e non nel xx secolo secolo. Questo dono di evangelizzare è stato dato anche agli evangelici agli avventisti ecc. ecc. semplici persone non appartenenti alle classi clericali, si richede però il dono del battesimo se poi tu vuoi sminuire anche questo siamo al completo. Facciamo come tu dici: chi conosce meglio la bibbia o meglio crede di conoscerla è idononeo alla evangelizzazione. Ma quarda caso nessuno annuncia il vangelo nella forma che tu sostieni, o a te solo è stato dato il dono della interpretazione della sacra scrittura? L'hai letta meglio degli altri. Beato te vuol dire che tutti i cristiani non tdg verremo da te ad attingere lezioni. grazie
Longo Francesco nato a Catania il 5-7-60 interesse per lo studio delle sacre scritture
11/27/2019 11:34 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 653
Re: Ministero di riconciliazione
I-gua, 26/11/2019 08.27:


CEI 2 Corinzi 5






18 Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sé mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. 19 È stato Dio infatti a riconciliare a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. 20 Noi fungiamo quindi da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio




TNM:



. 18 Ma tutto ciò viene da Dio, che ci ha riconciliato con sé mediante Cristo+ e ci ha affidato il ministero della riconciliazione:+ 19 in altre parole Dio riconciliava con sé un mondo mediante Cristo,+ non imputando agli uomini le loro colpe,+ e ci ha affidato il messaggio della riconciliazione.+




Se tu vuoi far passare per buona la traduzione del tnm libero di farlo hai tutto un forum che ti sostiene. M a vedi che tutti questi passi a cui tu alludi non sono mai stati trasmessi come dici tu. Vuol dire che le generazioni passate sono tutte ignorante e tu intelligente. Il ministero della riconciliazione confessione penitenza è per noi è unsacramento che si ci accosta solo se hai fede. Esso trae originine da questo brano e da un altro: 20
Apparizione ai discepoli
19La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi». 22Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo; 23a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi».
(Testo TILC)
20
Gesù appare ai suoi discepoli
(vedi Matteo 28,16-20; Marco 16,14-18; Luca 24,36-43)
19La sera di quello stesso giorno, il primo della settimana, i discepoli se ne stavano con le porte chiuse per paura dei capi ebrei. Gesù venne, si fermò in piedi in mezzo a loro e li salutò dicendo: 'La pace sia con voi'. 20Poi mostrò ai discepoli le mani e il fianco, ed essi si rallegrarono di vedere il Signore.
21Gesù disse di nuovo: 'La pace sia con voi. Come il Padre ha mandato me, così io mando voi'. 22Poi soffiò su di loro e disse: 'Ricevete lo Spirito Santo. 23A chi perdonerete i peccati, saranno perdonati; a chi non li perdonerete, non saranno perdonati'.
I discepoli apostoli hanno ricevuto come dici tu da Dio stesso la potestà di rimettere i peccati. E questa potestà è stata trasferita ai successori che come Paolo dice per almeno tre volte, essa funge da ministero. E' scritto a chiare lettere, come è scritta a chiare lettere l'ordinazione sacerdotale ed episcopale. Nessuno si può improvvisare prespitero episcopo e diacono se no come affidamento e trasmissioni. Il dono di evangelizzare è dato a tutti cristiani. Purchè in sintonia con ciò che dice la chiesa madre e maestra. Cristo per fare ciò si serve della chiesa, di uomini, di pietre vive. Da sempre e non nel xx secolo secolo. Questo dono di evangelizzare è stato dato anche agli evangelici agli avventisti ecc. ecc. semplici persone non appartenenti alle classi clericali, si richede però il dono del battesimo se poi tu vuoi sminuire anche questo siamo al completo. Facciamo come tu dici: chi conosce meglio la bibbia o meglio crede di conoscerla è idononeo alla evangelizzazione. Ma quarda caso nessuno annuncia il vangelo nella forma che tu sostieni, o a te solo è stato dato il dono della interpretazione della sacra scrittura? L'hai letta meglio degli altri. Beato te vuol dire che tutti i cristiani non tdg verremo da te ad attingere lezioni. grazie
Longo Francesco nato a Catania il 5-7-60 interesse per lo studio delle sacre scritture
11/27/2019 11:34 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 653
Re: Ministero di riconciliazione
I-gua, 26/11/2019 08.27:


CEI 2 Corinzi 5






18 Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sé mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. 19 È stato Dio infatti a riconciliare a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. 20 Noi fungiamo quindi da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio




TNM:



. 18 Ma tutto ciò viene da Dio, che ci ha riconciliato con sé mediante Cristo+ e ci ha affidato il ministero della riconciliazione:+ 19 in altre parole Dio riconciliava con sé un mondo mediante Cristo,+ non imputando agli uomini le loro colpe,+ e ci ha affidato il messaggio della riconciliazione.+




Se tu vuoi far passare per buona la traduzione del tnm libero di farlo hai tutto un forum che ti sostiene. M a vedi che tutti questi passi a cui tu alludi non sono mai stati trasmessi come dici tu. Vuol dire che le generazioni passate sono tutte ignorante e tu intelligente. Il ministero della riconciliazione confessione penitenza è per noi è unsacramento che si ci accosta solo se hai fede. Esso trae originine da questo brano e da un altro: 20
Apparizione ai discepoli
19La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi». 22Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo; 23a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi».
(Testo TILC)
20
Gesù appare ai suoi discepoli
(vedi Matteo 28,16-20; Marco 16,14-18; Luca 24,36-43)
19La sera di quello stesso giorno, il primo della settimana, i discepoli se ne stavano con le porte chiuse per paura dei capi ebrei. Gesù venne, si fermò in piedi in mezzo a loro e li salutò dicendo: 'La pace sia con voi'. 20Poi mostrò ai discepoli le mani e il fianco, ed essi si rallegrarono di vedere il Signore.
21Gesù disse di nuovo: 'La pace sia con voi. Come il Padre ha mandato me, così io mando voi'. 22Poi soffiò su di loro e disse: 'Ricevete lo Spirito Santo. 23A chi perdonerete i peccati, saranno perdonati; a chi non li perdonerete, non saranno perdonati'.
I discepoli apostoli hanno ricevuto come dici tu da Dio stesso la potestà di rimettere i peccati. E questa potestà è stata trasferita ai successori che come Paolo dice per almeno tre volte, essa funge da ministero. E' scritto a chiare lettere, come è scritta a chiare lettere l'ordinazione sacerdotale ed episcopale. Nessuno si può improvvisare prespitero episcopo e diacono se no come affidamento e trasmissioni. Il dono di evangelizzare è dato a tutti cristiani. Purchè in sintonia con ciò che dice la chiesa madre e maestra. Cristo per fare ciò si serve della chiesa, di uomini, di pietre vive. Da sempre e non nel xx secolo secolo. Questo dono di evangelizzare è stato dato anche agli evangelici agli avventisti ecc. ecc. semplici persone non appartenenti alle classi clericali, si richede però il dono del battesimo se poi tu vuoi sminuire anche questo siamo al completo. Facciamo come tu dici: chi conosce meglio la bibbia o meglio crede di conoscerla è idononeo alla evangelizzazione. Ma quarda caso nessuno annuncia il vangelo nella forma che tu sostieni, o a te solo è stato dato il dono della interpretazione della sacra scrittura? L'hai letta meglio degli altri. Beato te vuol dire che tutti i cristiani non tdg verremo da te ad attingere lezioni. grazie
Longo Francesco nato a Catania il 5-7-60 interesse per lo studio delle sacre scritture
11/27/2019 12:09 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 32,039
Location: ANCONA
Age: 61
TdG
Re: Re: Ministero di riconciliazione
Caro Francesco, perché lo hai postato quattro volte?


Francesco Longo, 27/11/2019 11.34:



Se tu vuoi far passare per buona la traduzione del tnm libero di farlo hai tutto un forum che ti sostiene.




tu mi sai dimostrare che la resa della TNM è errata?

Francesco Longo, 27/11/2019 11.34:



M a vedi che tutti questi passi a cui tu alludi non sono mai stati trasmessi come dici tu. Vuol dire che le generazioni passate sono tutte ignorante e tu intelligente. Il ministero della riconciliazione confessione penitenza è per noi è unsacramento che si ci accosta solo se hai fede. Esso trae originine da questo brano e da un altro: 20
Apparizione ai discepoli
19La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi». 22Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo; 23a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi».
(Testo TILC)
20
Gesù appare ai suoi discepoli
(vedi Matteo 28,16-20; Marco 16,14-18; Luca 24,36-43)
19La sera di quello stesso giorno, il primo della settimana, i discepoli se ne stavano con le porte chiuse per paura dei capi ebrei. Gesù venne, si fermò in piedi in mezzo a loro e li salutò dicendo: 'La pace sia con voi'. 20Poi mostrò ai discepoli le mani e il fianco, ed essi si rallegrarono di vedere il Signore.
21Gesù disse di nuovo: 'La pace sia con voi. Come il Padre ha mandato me, così io mando voi'. 22Poi soffiò su di loro e disse: 'Ricevete lo Spirito Santo. 23A chi perdonerete i peccati, saranno perdonati; a chi non li perdonerete, non saranno perdonati'.
I discepoli apostoli hanno ricevuto come dici tu da Dio stesso la potestà di rimettere i peccati.




e puoi citarmi un solo passo biblico che parli di una confessione fatta agli apostoli e una remissione dei peccati da parte loro?
Me ne basta uno solo, sai?
Immagino che me lo saprai trovare, vero?

O forse dobbiamo dare un' altra lettura del passo giovanneo?
Mi sa proprio di si, Francesco


Francesco Longo, 27/11/2019 11.34:




E questa potestà è stata trasferita ai successori che come Paolo dice per almeno tre volte, essa funge da ministero. E' scritto a chiare lettere, come è scritta a chiare lettere l'ordinazione sacerdotale ed episcopale.




stai scherzando?
Dove diamine Paolo parla di "ordinazione sacerdotale episcopale"?
Puoi citarmi il passo o i passi?



Francesco Longo, 27/11/2019 11.34:



Nessuno si può improvvisare prespitero episcopo e diacono se no come affidamento e trasmissioni.




certo, la nomina è teocratica, ma non esiste nessun caso - dico nessuno - di ordinazione al presbiteriato o episcopato (IDENTICA FIGURA NEL N.T.) o al diaconato inteso come sacerdozio (gli anziani/sorveglianti, cioè gli espiscopi/presbiteri della primitiva chiesa cristiana del I secolo non sono mai stati sacerdoti terreni!) per imposizione delle mani, caro Francesco.
Oppure puoi segnalarmi un solo caso di ordinazione sacerdotale per imposizione delle mani o altra maniera nel N.T.?



Francesco Longo, 27/11/2019 11.34:




Il dono di evangelizzare è dato a tutti cristiani. Purchè in sintonia con ciò che dice la chiesa madre e maestra. Cristo per fare ciò si serve della chiesa, di uomini, di pietre vive.




infatti Gesù si serve della Chiesa di Dio, che si è acquistata con il sangue del Figlio (Atti 20:28)

Francesco Longo, 27/11/2019 11.34:




Da sempre e non nel xx secolo secolo.




Le Scritture parlano chiaro, caro Francesco!
Gesù disse che grano e zizzanie sarebbero state indistinguibili fino al tempo della mietitura e TUTTI GLI APOSTOLI ALL' UNISONO parlano di apostasia incombente già al loro tempo, pensa che Giovanni dice addirittura che è "l' ultima ora"! (1 Giovanni 2:18)
Vedi tu


Francesco Longo, 27/11/2019 11.34:



Questo dono di evangelizzare è stato dato anche agli evangelici agli avventisti ecc. ecc. semplici persone non appartenenti alle classi clericali,




NON C' E' MAI STATA UNA CLASSE CLERICALE NELLA CHIESA DEL I SECOLO, LO SAPEVI FRANCESCO?
MAI - DICO MAI - GLI APOSTOLI, GLI EPISCOPI/PRESBITERI (IDENTICA FIGURA NEL N.T.) SONO STATI UNA CLASSE CLERICALE, scusa se scrivo in grande, non si dovrebbe, ma è per fartelo capire, se lo vuoi capire!

Francesco Longo, 27/11/2019 11.34:



si richede però il dono del battesimo se poi tu vuoi sminuire anche questo siamo al completo. Facciamo come tu dici: chi conosce meglio la bibbia o meglio crede di conoscerla è idononeo alla evangelizzazione. Ma quarda caso nessuno annuncia il vangelo nella forma che tu sostieni, o a te solo è stato dato il dono della interpretazione della sacra scrittura? L'hai letta meglio degli altri. Beato te vuol dire che tutti i cristiani non tdg verremo da te ad attingere lezioni. grazie



pessima caduta di stile, Francesco.
Un cristiano non dovrebbe mai esprimersi così!

15 ma adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi.

16 Tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto
(1 Pietro 3:15-16 CEI)

Ciao


[Edited by Aquila-58 11/27/2019 12:12 PM]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:25 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com