Il Cesena Siamo Noi
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 | Next page
Print | Email Notification    
Author

#cesenastories 2019/2020

Last Update: 3/1/2020 9:14 PM
12/21/2019 8:53 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,378
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 16^ puntata. L'opera d'arte bianconera. Al Cesena basta Franco

Una vittoria per dimenticare una sconfitta. Ai bianconeri è sufficiente il gol di Franco per chiudere il girone d'andata con ottimismo. E lo spogliatoio diventa una galleria d'arte: il Cesena s'ispira a Cattelan

“Dobbiamo essere bravi, specialmente nel difendere e nell'essere tosti sui contrasti e poi sfruttare le capacità dei singoli giocatori”. Così parlò Modesto prima della partita al Menti, contro l’Arzignano. Ed è andata bene. Al Cesena è bastata la testa di Franco per riscattare la brutta sconfitta in casa contro il Fano di sette giorni prima.

I bianconeri possono archiviare col sorriso il girone d’andata. “Il gol è arrivato con uno schema provato sabato in allenamento”, spiega l’autore del gol partita. “Sapevamo che sul secondo palo potevamo fare male. Poi Andrea (Ciofi, ndr) è stato bravo a rimetterla dentro, Maddaloni l'ha spizzata e io mi sono fatto trovare pronto sul primo palo”.

“Dovevamo chiuderla prima, però siamo stati tosti, attenti e bravi”, è l’analisi di un (quasi) soddisfatto Modesto. “Abbiamo fatto un ottimo primo tempo- aggiunge il direttore sportivo bianconero- il secondo tempo un po' di meno, anche perché la squadra di casa ha cambiato atteggiamento, ma finalmente abbiamo avuto anche un ottimo atteggiamento difensivo”.

Poi una curiosità. E’ il club manager del Cesena a svelarla: “Solitamente dopo le partite mangiamo della pasta, del riso freddo, e una banana. Ieri l'albergo dove eravamo ha messo nei sacchetti delle banane che erano verdi come ramarri e non le ha mangiate nessuno. Così ne abbiamo appesa una nello spogliatoio”.

Adesso anche il Cesena ha la sua opera d’arte. Non ditelo a Cattelan.
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2019/12/18/cesena-calcio-stories-puntata-sedici



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
12/21/2019 8:56 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 446
Registered in: 7/12/2009
Senior User
La migliore è stata l'ultima in casa.
Una perla.
12/21/2019 8:56 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,379
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 17^ puntata. Auguri, in tutte le lingue bianconere

E' l'ultima puntata dell'anno. E allora, immancabili, gli auguri, in tutte le lingue bianconere. Il Cesena, che non giocherà sabato contro il Carpi, è già pronto a salutare il 2019

Sabato doveva essere il turno di Cesena-Carpi. L’ultima partita del 2019. Ma niente, non si gioca, causa sciopero. "Noi eravamo pronti e anche carichi", fanno sapere. E allora i bianconeri salutano in forzato anticipo l’anno, brindando al vecchio e a quello che verrà. Quello che va per concludersi ha portato ai bianconeri 6 vittorie, altrettanti pareggi e 7 sconfitte che si traducono in una posizione di metà classifica. Adesso se ne riparlerà il 12 gennaio, con la prima trasferta dell’anno, a Pesaro. E allora via con gli auguri, Jingle Bells e tutto quello che fa Natale. A chiudere l'ultima puntata dell'anno ci pensa Domenico Franco, detto Mimmo, 27 anni da Castrovillari, ma già cesenate..."Qui si vive benissimo - spiega il centrocampista- per me del Sud è stato facile ambientarmi subito. Ero davvero convinto di venire a Cesena, penso sia il posto giusto per sentirsi calciatore". Anche Franco avrebbe voluto essere in campo invece che mangiare il panettone. "Sabato avremmo preferito giocare. Ora ci godiamo le feste in anticipo. E ovviamenete torneremo più carichi di prima".
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2019/12/20/cesena-calcio-stories-puntata-diciassette



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
12/21/2019 9:00 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 447
Registered in: 7/12/2009
Senior User
Stavolta ci è andata bene.
1/11/2020 9:37 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,437
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 18^pt. Finalmente il campo. Modesto: "Quello che conta siamo noi"

Era ora. Il Cesena riparte da dove aveva lasciato, ed era ancora il 2019. Con un paio di giocatori in meno. "Ma abbiamo le idee chiare", spiega il ds bianconero. Mentre un tifoso non si spiega perchè Ibra abbia preferito il Milan...

Un mese senza partite ufficiali. L’ultima del 2019 il Cesena l’aveva vinta sul campo dell’Arzignano. Tra sciopero e la sosta non si gioca, insomma, da 30 giorni. I bianconeri ora vogliono riprendere da dove avevano lasciato “Siamo pronti a ripartire come abbiamo finito e siamo carichissimi” è il pensiero di Rosario Maddaloni. La squadra è tornata al lavoro negli utimi giorni dell'anno. Non proprio tutti, però. Il mercato ha già mosso le prime pedine: per adesso solo in uscita. L’attaccante Manuel Sarao è partito in direzione Reggio Calabria. Saluti anticipati anche per Juan Manuel Valencia: il centrocampista, 10 presenze con la maglia del Cesena, arrivato a luglio in prestito dal Bologna, si è trasferito infatti alla Reggio Audace. “Bisognerà fare qualche riparazione per i ragazzi che sono usciti”, la promessa del Direttore Sportivo del Cesena, Pelliccioni. “Ci stiamo già muovendo e abbiamo le idee abbastanza chiare, sappiamo che giocatori vuole l'allenatore, ma non dobbiamo avere fretta. Penso che nel giro di 10 giorni qualcosa venga fuori.”

Dal mercato al campo. Modesto vuole caricare la squadra in vista della trasferta di domenica 12 contro la Vis Pesaro. “Quello che conta siamo noi. Se noi siamo convinti di quello che dobbiamo fare, possiamo mettere mattone su mattone fino a fine campionato. Però lo dobbiamo volere tutti insieme.”

I propositi sono buoni. C'è solo una perplessità. E la espone un tifoso bianconero: "Mi meraviglio che Ibrahimovic abbia scelto il Milan invece del Cesena, visto che noi (quando l'attaccante ha ufficializzato il suo ritorno in rossonero, ndr) abbiamo quattro punti in più in classifica!”
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/01/10/cesena-calcio-stories-puntata-diciotto



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
1/20/2020 10:28 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,490
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 19^ puntata. Una sconfitta difficile da commentare

Dopo un mese di sosta il Cesena riparte con il piede sbagliato. A Pesaro arriva la prima sconfitta del 2020: "E' mancato il gol, ora avanti a testa bassa", l'analisi del portiere bianconero

“Dopo un mese che non giochi devi subito attivare il cervello”. Modesto dixit prima della partita contro la Vis Pesaro. Il 2020 del Cesena non inizia nel migliore dei modi, con una sconfitta a Pesaro, dove è bastato il rigore di Lazzari al 21’ .

"Siamo dispiaciuti perché abbiamo fatto un’ottima gara, giusta anche dal punto di vista dell’approccio. Abbiamo anche avuto tante occasioni, peccato davvero per la sconfitta perché non la meritavamo”. È il rammarico di Giuseppe Zampano, il difensore 26enne, ex compagno di squadra di mister Modesto, arrivato a Cesena a dicembre. “Adesso ci stiamo allenando al meglio per arrivare pronti all’appuntamento di sabato pomeriggio”. Un anticipo che il Cesena giocherà in casa (fischio d’inizio alle ore 15) contro la Virtus Verona.



Tornando alla sconfitta di domenica, anche Leonardo Marson non se ne fa una ragione. "Una sconfitta difficile da commentare, noi la partita l'abbiamo giocata con il giusto approccio - spiega il portiere bianconero- cercando di gestire il gioco come facciamo solitamente. Purtroppo è mancato il gol, ma questo fa parte del calcio. Adesso dobbiamo continuare a testa bassa". Dalla porta alla difesa, il concetto è il medesimo.

“Purtroppo non abbiamo iniziato il 2020 come volevamo- le parole di Andrea Ciofi- però ci abbiamo provato, ce l'abbiamo messa tutta. Ci è messa anche un po' di sfortuna, ma mancano ancora tante partite. Era soltanto la prima del girone di ritorno. Sappiamo che possiamo fare molto di più e quindi già sabato è necessario riprendere il nostro cammino”.
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/01/15/cesena-calcio-stories-puntata-diciannove



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
1/20/2020 10:31 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,491
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 20^ puntata. I tifosi e la media del gambero. Parla Marson

Sabato serve solo vincere: al Manuzzi arriva la Virtus Verona. Per farlo ci vogliono anche i gol di Butic: “La partita di domenica scorsa l'abbiamo cancellata, non serve girarsi indietro”

placeholder
A Cesena la sconfitta contro la Vis Pesaro che ha inaugurato il nuovo anno è rimasta decisamente indigesta. “Ancora non riusciamo a spiegarci il risultato di domenica”, la spiegazione del club manager bianconero. “I ragazzi sono stati concentrati e arrabbiati al punto giusto”. Poi una rassicurazione. “La squadra ci tiene, i tifosi devono stare tranquilli. La squadra c'è, sono tutti concentrati e stanno dando il massimo. Ora speriamo di fare punti”. I tifosi adesso aspettano rinforzi dal mercato. “Facciamo la media dei gamberi. Due avanti e uno dietro”, è il commento di un seguace bianconero a cui se ne aggiunge un altro (l’aficionado Delmo): “Siamo migliorati, ma bisogna fare gol, non c'è niente da fare. Bisogna vincere a tutti i costi”. Per i tre punti è necessario contare anche su Karlo Butic, l’attaccante croato a secco dal 17 novembre (gol su rigore a Gubbio). “La partita di domenica l'abbiamo cancellata, l'abbiamo dimenticata subito, perché non serve girarsi indietro. Adesso abbiamo una partita ancora più difficile, ma siamo pronti per affrontarla”. Guardare avanti. E' il credo di Butic, sette gol quest’anno di cui 3 dal dischetto.



Dall’attacco alla difesa, quella estrema, di Leonardo Marson. Il suo racconto non può che partire dai suoi mentori. “Antonioli, senza ombra di dubbio, è stato un grandissimo portiere e la sua carriera parla per lui. Averlo come preparatore dei portieri per me è motivo d'orgoglio. La stessa cosa vale anche per Fede Agliardi, perché ha giocato tantissime partite in serie A, cerca sempre di darmi una mano ed è sempre positivo. Ho dunque la fortuna di poter imparare molto da tutti e due”. Un ragazzo tranquillo, così si dipinge il portiere classe '98 del Cesena, "in giro" da quando aveva 14 anni, tra Milano, Palermo, Sassuolo e Olbia. Ora c’è il Cesena. Quello che deve cercare a tutti i costi i tre punti sabato (ore 15) contro la Virtus Verona, tre punti sopra i bianconeri.
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/01/17/cesena-calcio-stories-puntata-venti



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
1/24/2020 6:19 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,549
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 21^ pt. Valeri: "Capisco i fischi dei tifosi. Col Carpi per riscattarci"

E'già ora di dimenticare il punto raccolto con la Virtus Verona (con un pirotecnico 3-3). Oggi c'è già l'occasione per il riscatto contro il Carpi, recupero della 1^giornata di ritorno, che al Manuzzi nonha mai vinto.

Contro la Virtus Verona è andata bene o male? Un 3-3 che ha portato un punto: e allora vediamola al positivo, come il difensore bianconero Emanuele Valeri. Il Cesena contro i veneti è riuscito a mantenere il vantaggio fino a 9 minuti dal fischio finale, grazie ai due rigori trasformati da Karlo Butic (9 gol finora, che hanno portato in casa bianconera 11 sui 25 totali in classifica) e dal gol di Valeri. “C'è un po' di rammarico perché la partita poteva andare in modo diverso per come l'avevamo ribaltata. Alla fine possiamo dire di aver guadagnato un punto, perché queste partite si possono anche perdere”. Secondo gol in campionato per il giovane difensore romano che vede il bicchiere mezzo pieno. “Dobbiamo vederla sotto questo punto di vista. L'importanza adesso va in primis alla squadra perché il momento non è dei migliori, quindi ci sta anche la contestazione, i fischi del pubblico. Hanno anche le loro ragioni a fischiarti alla fine. Noi però stiamo dando il 100% e questo spero che si veda. Noi sappiamo giocare, però non riusciamo a rendere al meglio. Creiamo tante occasioni e fatichiamo a fare gol”. Non si nasconde il 21enne alla sua seconda stagione a Cesena, che guarda già ad oggi, quando i bianconeri hanno già un'occasiobe per riscattarsi. “Ora abbiamo quattro partite importanti tutte di fila (Carpi in casa, trasferte a Trieste e Piacenza e il Padova al Manuzzi, ndr). Già la partita di oggi contro gli emiliani, che stanno nei primi posti, può darci lo stimolo in più. Dobbiamo cercare di fare meglio di quello che abbiamo fatto in queste due partite, magari alzando un po' l'attenzione e guadagnando qualche punto in più”.

Il Cesena non deve avere paura (come dice Modesto) e la chance per dimostrarlo è presto servita: oggi alle 18.30, al Manuzzi, si recupera la giornata saltata prima di Natale per via dello sciopero. Con due rinforzi nuovi di zecca: il centrocampista Francesco Ardizzone e il difensore Ivan De Santis, entrambi arrivati dalla Virtus Entella. Anche i numeri stanno dalla parte dei bianconer. Il Carpi non ha mai vinto a Cesena: nelle sette gare giocate tra i professionisti, 5 vittorie per i romagnoli e 2 pareggi. Non resta che giocare.
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/01/22/cesena-calcio-stories-puntata-ventuno



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
1/24/2020 6:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,550
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 22^ pt. Modesto: "Ci siamo incartati seriamente"

Niente. Il momento del Cesena è più nero che bianco. “I ragazzi ce l'hanno messa tutta, ma siamo inc....” il commento di Modesto dopo la sconfitta con il Carpi. Agli emiliani è bastato un gol per vincere al Manuzzi. Ora c’è la trasferta a Trieste, con una punta in più.

Contro il Carpi il Cesena ci ha provato e riprovato. Ma è stato sufficiente il gol di 42’ di Biasci per consegnare agli emiliani la prima vittoria al Manuzzi.

“I ragazzi ce l'hanno messa tutta, dobbiamo essere inc…”. Amarezza e rabbia nelle parole dell’allenatore bianconero a fine partita. “Purtroppo non abbiamo giocato benissimo tecnicamente, perché comunque avendo davanti una squadra come il Carpi, che ha voglia di rifarsi, ci siamo incartati seriamente”. La nona sconfitta in campionato non fa bene alla classifica e soprattutto al morale.



“Diciamo che l'umore non è ottimale- è la prima impressione del neo acquisto del Cesena, Salvatore Caturano- ma ci sono ancora tante partite. Bisogna riscattarsi subito per alzare la testa e uscire da questo momento negativo. Sappiamo tutti che è il Cesena una squadra formata da tanti giovani. Hanno bisogno di un po' di tempo e anche di un po' di fiducia. L'importante è che la squadra è viva e gioca bene, ma in questo campionato bisogna concretizzare per raccogliere qualcosa. Diciamo che la strada è quella giusta a livello di gioco – conclude l’attaccante classe 1990, 284 presenze e 78 reti tra i professionisti e appena arrivato dalla Virtus Entella- ma bisogna portare a casa punti perché altrimenti si fa veramente dura”. E allora non resta che iniziare da Trieste.
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/01/24/cesena-calcio-stories-puntata-ventidue






------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
1/30/2020 9:12 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,583
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 23^ pt. Via Modesto, Viali torna a Cesena (da allenatore)

L'ex difensore fa il suo ritorno in Romagna, 25 anni dopo. Viali che proprio con la maglia del cavalluccio aveva esordito in Serie B. Ora è chiamato a risollevare morale (e classifica) dei bianconeri. L'esordio domenica contro il Piacenza.

Quattro gol sono pesanti (e solo uno fatto, quello dell’esordiente Caturano). Tanto da scrivere la parola fine sull’avventura di Ciccio Modesto a Cesena. L’allenatore di Crotone ha pagato dunque la sconfitta di Trieste, ma non solo. Quattro giornate senza vittorie e una classifica che iniziava a destare qualche preoccupazione in casa bianconera.

Salutato Modesto, ecco il nuovo mister. E’ William Viali, milanese classe 1974. Da calciatore, tanta Serie A con le maglie di Treviso, Lecce, Fiorentina, Ancona, Perugia, Venezia e Lecce. E, nel 1995 lega il suo esordio in Serie B proprio al Cesena, dove gioca solo tre partite, prima di passare al Monza.



Da allenatore, l’esordio è nella stagione 2012-13 con la Lupa Piacenza che conduce alla vittoria del campionato di Eccellenza e disputa i play off in quella successiva. Dopo un anno di pausa, all’inizio del campionato di Lega Pro 2015-2016 viene chiamato alla guida della Pro Piacenza e conquista la salvezza. In terza serie seguono le esperienze con Sud Tirol, Cuneo, in cui subentra a stagione in corso centrando la permanenza, e Novara, che conduce ai play off (dove viene eliminato al secondo turno dall’Arezzo).



Ora c’è il Cesena. Sicuramente fino a fine stagione, così recita il suo contratto. “Abbiamo preso questa decisione alla luce degli ultimi risultati”, il commento amareggiato di Augusto Patrignani, presidente del Cesena, sull’esonero di Modesto. “E' chiaro che la squadra aveva bisogno di una scossa. La società, molto attenta a quello che succede attorno, ha preso la decisione che bisognava prendere”.



Viali è già sul campo, pronto a far ripartire il Cesena. “Sono molto felice di essere qui. Ho un bellissimo ricordo di questa piazza perché ho esordito con questa maglia in Serie B. Tornare a Villa Silvia dopo 25 anni è emozionante”. Le prime parole romagnole di Viali.

“Cesena è una piazza famosa, anche per l'entusiasmo che c'è la domenica al Manuzzi. Siamo convinti di poter dare delle soddisfazioni e sicuramente abbiamo bisogno della spinta dei nostri tifosi perché può essere veramente, per questo girone di ritorno, una marcia in più per svoltare”. Il futuro è già domenica, con la trasferta a Piacenza.
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/01/29/cesena-calcio-stories-puntata-ventitre





------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
2/3/2020 1:37 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,608
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 24^ pt. Viali: "Con sentimento e cuore si fa sempre qualcosa in più"

Vuole uomini veri, ma con tanto cuore. Il nuovo allenatore bianconero può continuare a vivere quel sogno interrotto 25 anni fa. Mentre i tifosi invocano la bi-zona...

"Io voglio che sia una squadra dispiaciuta per il cambio allenatore, perché a me piace allenare uomini veri in cui si creano sentimenti veri. Perché secondo me il sentimento nello sport non può essere tolto dalla prestazione. Secondo me con sentimento e con cuore si fa sempre qualcosa in più”.

Si presenta così il neoallenatore del Cesena, William Viali, chiamato a sostituire Modesto. Per l’ex difensore un ritorno in panchina, dopo una veloce apparizione in campo, con la maglia del Cesena indossata per solo tre partite nel 1995. Oggi guida i bianconeri e per lui è un sogno che si realizza. Anche se dovrà subito ripartire con l’obiettivo di fare risultati e punti.

“Adesso sta a noi. Dobbiamo invertire la rotta”, la palla passa a chi in campo ci va, come Luca Ricci. “Sicuramente il mister ci sta dando nuove indicazioni sul suo modo di vedere il calcio, però poi in campo andiamo noi, quindi le responsabilità sono nostre. Da domenica dobbiamo risalire la china assolutamente”.

Novità che andranno già messe in pratica domenica, nel derby emiliano-romagnolo di Piacenza. “Ho sensazioni positive”, le prime impressioni di Giuseppe Zampano. “Siamo di fronte comunque a un cambio di mister, quindi sensazioni nuove, schemi, moduli nuovi. Lo abbiamo accolto con grande entusiasmo e ora ripartiamo più forti di prima”.

La chiusura spetta ad Agliardi: “È chiaro, come nella vita, i cambiamenti sono sempre particolari, ma il professionista deve essere professionista e deve mettersi sempre a disposizione tutti i giorni. Ora c'è da lavorare, tenere la testa bassa e spingere, perché mancano tre mesi alla fine e bisogna portare a casa punti”.

Bisogna vincere. Anche con il 5-5-5, la famosa bi-zona di Oronzo Canà, come suggerisce un tifoso bianconero.



[Edited by bismark67 2/7/2020 1:25 PM]



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
2/7/2020 1:24 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,655
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 25^ puntata. Penso positivo (nonostante la nebbia)

La partita di Piacenza l’hanno vista in pochi. Tanto che il video della gara è inutilizzabile anche per l’allenatore. Per la cronaca è finita 1-1 con Ardizzone protagonista nel male (fallo da rigore) e nel bene (gol del pari): “Mi sono fatto perdonare”

“Ho cominciato a mettere le mie idee, ma nello stesso tempo devo arrivare a Piacenza con dei giocatori, e con una squadra con la mente libera. Non è che si può cambiare tutto in cinque giorni. Abbiamo cercato di mettere a posto le cose più importanti. Sulle cose dove la squadra aveva già delle certezze era giusto non stravolgerle”. Cinque giorni sono pochi per il neo allenatore del Cesena, all’esordio a Piacenza sulla panchina bianconera. Un punto per ripartire con ottimismo. “Le sensazioni positive me le ha date soprattutto la squadra. E’ questa la cosa che mi porto via dall'esordio in panchina. Abbiamo già degli spunti per poter lavorare questa settimana”.

Vede il bicchiere mezzo pieno William Viali che poi scherza (ma non troppo) sulla “leggera foschia” che domenica si è inghiottita il Garilli. “Peccato solo che la nebbia di Piacenza non ci abbia dato materiale didattico, diciamo così, da utilizzare con la squadra: secondo me è la cosa più importante, il video aiuta molto i ragazzi. Però, onestamente, a parte i primi dieci minuti, dal video si vede veramente poco”.

Nella nebbia si è visto però bene il fallo di mano di Ardizzone. “Per il gol sono contentissimo, anche se avevo procurato il rigore nel primo tempo, quindi mi sono fatto perdonare”, è l’ammissione del centrocampista ex Virtus Entella al primo gol in bianconero. “Dobbiamo essere un po' rammaricati per questo pareggio perché meritavamo assolutamente la vittoria. Adesso dobbiamo crederci, migliorare e lavorare col nuovo mister che ha avuto un grande impatto: sta cercando di portare le sue idee e dare compattezza alla squadra e secondo me possiamo fare bene”.

L’ultimo a parlare è anche l’ultimo arrivato in casa Cesena, l’attaccante Simone Lo Faso, classe ’98 arrivato dal Lecce. “Ho solo sensazioni positive. Sicuramente non è la categoria che appartiene a questa società, si vede benissimo che è una società storica di Serie A e questo è quello che mi ha spinto sicuramente a venire qui”. Le prime parole bianconere del giovane di Palermo che proprio con la maglia rosanero ha debuttato in Serie A nella stagione 2016-2017. “Sto bene e spero di farmi conoscere il prima possibile”. Magari domenica pomeriggio, contro il Padova del ravennate Mandorlini.
https://calciocesena.com/it/news/2020/2/5/cesenastories-s02e25-lo-faso-piacenza-cesena-ardizzone-gol



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
2/8/2020 5:18 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,656
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 26^ puntata. E' uno Zampano da... curva

Contro il Padova sarà la prima di Viali al Manuzzi. Con un Munari in più e Zampano quasi-ultrà bianconero che ricorda le sfide con il gemello Francesco, difensore del Frosinone. "Quando l'ho incontrato con il Crotone l'ho asfaltato!"

“Ci stiamo preparando bene, c'è un bel clima, oltre che un bel sole, e stiamo bene. Secondo me la squadra ha voglia di fare, sta dando qualcosa in più, si vede negli allenamenti e speriamo si veda anche domenica”. A Villa Silvia è una bella giornata e Fabrizio Brignani punta tutto su domenica, quando al Manuzzi arriverà il Padova, quinto in classifica. Poi c’è Davide Munari, della serie “a volte ritornano”: il centrocampista, classe 2000 è rientrato in Romagna a titolo definitivo dal Torino dov’era tornato al termine della scorsa stagione dopo le 16 presenze (con un gol) in maglia bianconera nello scorso campionato di serie D. “Avevo molta voglia di tornare. Ovviamente la serie C sarà più difficile, però voglio mettermi in gioco e con altri obiettivi”.

Arrivato a dicembre, Zampano è già entusiasta di Cesena. E l’intervista la vuole fare in curva Mare. “Sono Giuseppe, vengo da Genova, ma originario del Sud, i miei sono napoletani e calabresi. Per me questa è una grande opportunità perché la piazza parla da sola. E' uno stadio da serie A, qui le persone amano e vivono per il calcio”. Simpatico e solare, così si descrive il numero 27 bianconero. “Mi piace essere positivo anche quando le cose vanno male. Ho avuto un periodo un po' così che mi ha portato a essere quello che sono ora”.

Ma di Zampano non ce ne è uno solo. E non è un modo di dire, perché Giuseppe ha un fratello, gemello, anche lui... calciatore. Adesso gioca a Frosinone, professione difensore. “Francesco è anche forte a giocare a calcio, purtroppo…”, scherza il centrocampista del Cesena. “Ho avuto la fortuna di sfidarlo tre-quattro volte. Giocare contro di lui è stata una bella emozione: era stato l'anno in cui siamo andati con il Crotone in Serie A ed era una partita molto importante. Abbiamo vinto 4 a 2 e sono riuscito anche a fare gol. Diciamo che l'ho asfaltato!”

https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/02/07/cesena-calcio-stories-puntata-ventisei




------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
2/14/2020 8:45 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,689
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 27^ pt. Un punto che vale tre da dividere in due

E’il minuto 88 quando il Cesena “riaddrizza” la sua domenica. Un pareggio che vale una vittoria (e se lo dicono i tifosi…), ma da dividere in due. La formula? Chiedere alla premiata ditta Zerbin&Borello

“Consapevoli della forza dell'avversario, ma qui dobbiamo pensare a noi stessi e cercare di fare il massimo per quello che siamo oggi, in funzione della partita contro il Padova, per fare più punti possibili”. Viali cercava contro il Padova un esordio da tre punti, per la sua prima al Manuzzi. Non è andata bene, ma neppure malissimo.

Soprattutto perchè il Cesena ha rischiato la sconfitta fino a meno due dal novantesimo. L’allenatore bianconero non può che applaudire i suoi per il carattere e per la reazione. “Da un 1 a 1 così è chiaro che ci sta anche la parte positiva: andare sotto a un quarto d'ora dalla fine, in quel modo lì, contro una grande squadra e vedere che la squadra non demorde e riaddrizzi la partita, è positivo”.

Il punto è da dividere in due, tra Zerbin, in campo da un minuto, e Giuseppe Borello che ha avuto il merito di spingere la palla in rete. “L'ho visto, lui si è inserito bene, ho fatto un buon cross e lui l'ha buttata dentro!” racconta l’uomo assist di domenica. “Come ho visto se si accentrava, ho cercato di tagliare sul difensore ed è andata bene, quindi non posso che ringraziarlo”, gli fa eco Borello. Ma Zerbin non ci sta e vorrebbe vedere ricambiato il favore. “Adesso tocca a lui farmi qualche assist. Per me è già il secondo e io sono ancora a quota zero”. Ma il compagno rilancia e promette una ricompensa. “Al terzo assist pago la cena!”. Staremo a vedere.

Poi la parola passa al neo vice allenatore Filippo Medri che a Cesena è nato, cresciuto, indossando anche la maglia bianconera dal 1992 al 1996. “Passare da essere un pulcino e avere la possibilità di collaborare con la prima squadra per me è una bella cosa. Sono emozioni che, per un cesenate, sono uniche. Ho la fortuna, probabilmente, di essere uno dei pochi, spero di trasferire questa mia romagnolità anche ai ragazzi non romagnoli”.

Ma i tifosi cosa pensano della partita contro il Padova? “E' tutta un'altra squadra: stessi giocatori, ma un'altra squadra. Un punto che vale oro, vale tre”.
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/02/12/cesena-calcio-stories-puntata-ventisette



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
2/14/2020 8:49 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,690
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 28^ pt. De Feudis fa 300: il capitano arrivato a Cesena in motorino

Contro l'Imolese il Conte timbrerà il cartellino bianconero per la trecentesima volta. Arrivato a Cesena nel 2003 ad aspettarlo c'era Edmeo Lugaresi. "Mi chiese chi ero e se facevo parte del settore giovanile o della prima squadra. Mi misi a ridere perché forse non glielo avevano ancora detto”

“Domenica a Imola faccio la mia trecentesisma presenza in maglia bianconera, e per me è motivo di grande orgoglio; è una soddisfazione veramente indescrivibile e sono fiero di aver indossato per 300 volte la maglia del Cavalluccio”.

A parlare è il Conte di Bollate che riavvolge il nastro e torna indietro fino all’estate del 2003 e a quella la prima volta in Romagna. “Il mio primo giorno in bianconero? Sono arrivato a Cesena con il treno, da casa mia, Milano. E ad aspettarmi alla stazione di c'era Gianluca Campana che con il suo scooter mi portò allo Stadio Dino Manuzzi di Cesena”.

Un arrivo in motorino. D’altra parte la Romagna è terra “de mutor”. “Sono orgogliosissimo di confermare questa notizia-racconta Gianluca, che oggi è il Responsabile della sicurezza del club bianconero- tenendo conto del fatto che in quel periodo c’era molto meno personale e quindi mi adoperavo a dare una mano in tutti i contesti. In quel caso lì ho contribuito e non è stata l’unica volta”.

Non c’erano tv o giornalisti ad aspettare quel ventenne che diventerà il capitano bianconero. Ma c’è il Presidente del Cesena. “Ad accogliermi allo stadio c'era Edmeo Lugaresi che mi chiese chi ero e se facevo parte del settore giovanile o della prima squadra. Mi misi a ridere perché forse non glielo avevano ancora detto”.

Oggi Beppe si tiene stretta quella fascia, un capitano schivo, introverso, ma un punto di riferimento per tutti. Anche per Capellini che ama scherzare sul look di De Feudis. E per parlarne con cognizione di causa giusto sentire direttamente chi mette le mani in testa al capitano. “E’ uno che ci tiene molto- spiega l’acconciatore del Conte- quindi gli ho cambiato in continuazione il look, anche in base un po' all’età”.

E, infine, l’investitura ufficiale. Per un Conte ci voleva un Sindaco, quello di Cesena: “La caratteristica di De Feudis è questa: non fa cose eclatanti, è la costanza, l'esserci sempre, il mettere sempre insieme quantità e qualità che fanno la differenza”, spiega Enzo Lattuca. “Sono più i suoi silenzi e il suo non essere in prima linea senza fare gesti eclatanti che lo rendono unico”.

Un capitano, c'è solo un capitano.
https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/02/14/cesena-calcio-stories-puntata-ventotto



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
2/21/2020 9:39 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,739
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 29^ pt. Viali: "Una vittoria per l'autostima. Squadra ha un'anima"

Prima vittoria del 2020 per i bianconeri che ad Imola consegnano a Viali i suoi primi tre punti. "Non c'è niente di meglio di una vittoria per diventare più squadra e credere in quello che si fa"

La squadra ha un’anima e crede in quello che fa. Era il Viali pre derby con l’Imolese. E quel carattere è venuto fuori consegnando ai bianconeri quei tre punti che mancavano da due mesi. Una vittoria abbondante (4-1), la prima con Viali in panchina. Doppietta per Zerbin (“Sono contento un po’ per tutto, oltre che per la vittoria, anche per il gol che mi mancava, poi sono arrivati addirittura due!” e per Caturano, che dedica la vittoria “a mio papà che mi guarda sempre dal cielo e alla mia famiglia”.

“È chiaro che il risultato sia la cosa più importante- spiega l’allenatore bianconero- in questo momento la vittoria ci poteva cambiare un pochino l'atmosfera, ma alzare soprattutto autostima perché questi ragazzi venivano da un periodo complicato. Non c'è niente di meglio di una vittoria per aiutare a diventare più squadra e a credere in quello che si fa. Per questo la partita di domenica è stata molto importante. Abbiamo avuto delle difficoltà, ma lo sapevamo, ma l'avevamo preparata bene. Nei primi 25 minuti non riuscivamo bene a fare alcune cose, ma la squadra, nonostante questo, è stata in partita e appena abbiamo sbloccato il risultato, è stato tutto più facile. La squadra è stata brava a fare un risultato molto importante”.

Andiamo ai playoff. E’ il pensiero dei tifosi bianconeri. C’è ottimismo. Che non fa mai male.


https://sport.sky.it/calcio/serie-c/2020/02/19/cesena-calcio-stories-puntata-ventinove
[Edited by bismark67 2/21/2020 9:40 AM]



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
3/1/2020 9:10 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,769
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 30^ puntata. Il portiere Alice e l'attesa più dolce

Calciatrice e mamma: si può fare. Oggi raccontiamo la storia di Alice, portiere del Cesena femminile. “All’inizio ho pianto, poi le compagne mi hanno fatto capire che stava per succedermi una cosa bellissima”. E la società non l’ha abbandonata, anzi. Perchè “la gravidanza non deve essere una penalità, ma il completamento di un'atleta”.



Il Cesena è anche femminile. La squadra gioca in Serie B e in porta c’è una giovane donna, Alice Pignagnoli, classe 1988 e una lunga carriera, sempre in giro per l’Italia: dal Napoli al Genoa, fino al Cesena. Passando dalla Torres, dove il portiere di Reggio Emilia ha vinto Scudetto e Supercoppa Italiana, partecipando anche alla Champions League.



In estate sposa invece i colori bianconeri (perché il marito lo aveva già sposato tre anni fa!). E ne difende la porta, fino a qualche settimana fa, prima di fermarsi perché "infortunata", solo dopo dirà "incinta".

“Le prime settimane sono state molto dure perché abbiamo deciso di non comunicarlo alle compagne subito, sia per non stravolgere troppo l'ambiente, sia perché volevo fare gli esami del caso e sapere che fosse tutto a posto”. Inizia così il racconto della futura mamma. Tra dubbi, incertezze e piccole paure, comuni a tutte le donne. “Il pensiero di dover interrompere l'attività sportiva per me è stato scioccante. Mio marito era felice, ma io continuavo a piangere. Ho avvisato subito la società e il mister perché comunque stiamo giocando un campionato importante. Sapevo di venire a mancare per diversi mesi. Poi dopo la partita col Vittorio Veneto ho deciso che era ora di comunicarlo e ho cominciato dal capitano Petralia e da Cama, le persone a cui sono più legata e che hanno giocato con me tanti anni anche in Serie A. La loro reazione è stata quella che mi ha dato proprio la forza di dire: ok, Alice, stai facendo una grande cosa e le tue compagne sono con te”.

“Durante il viaggio di ritorno, mi fece questa confessione”, racconta il capitano bianconero Eleonora Petralia. “Mi spiegò che non era infortunata, ma che aspettava un bambino. Io l'ho subito abbracciata con grande gioia perché era una notizia bellissima”.

L’affetto delle compagne ha dato ad Alice la serenità che cercava. “Mi hanno detto: ci mancherai tantissimo in campo, ma lotteremo anche per te, ci salveremo e l'anno prossimo sarai con noi. Dopo quelle parole mi sono un po' calmata. Il passo successivo è stato quello di comunicarlo alla società”.



La paura di Alice è anche quella di tutte le calciatrici che, in quanto dilettanti, non hanno con le società reali contratti di lavoro, ma scritture private che prevedono la rescissione nel caso in cui l'atleta resti incinta. Aveva paura di non poter più far parte della squadra e di essere lasciata sola.

“Ho ovviamente interrotto il contratto e lo stipendio, perché siamo dilettanti, ma il club mi ha proposto di restare vicino alla squadra ugualmente, rimborsandomi tutti i costi che avevo di trasferta e anche di viaggio”. Un piccolo atto di civiltà, non scontato.

Accompagnato dalle parole della Team Manager del Cesena. “La gravidanza non deve essere una penalità, ma dev'essere un completamento di un'atleta. Non un qualcosa che le vada a togliere o a penalizzare quelle che sono le sue capacità, le sue passioni, i suoi interessi. Da qui l'idea di mantenere Alice assolutamente nel gruppo come prima, di continuare al pari delle altre atlete, quindi con un rimborso per le spese dei viaggi che deve sostenere per venire agli allenamenti o a incoraggiare le compagne alle partite, o alle trasferte. Insomma, Alice è integrata come prima, più di prima, nel gruppo – conclude Manuela Vincenzi- e anzi, stiamo diventando tutti zie. E siamo anche molto emozionate”.

Adesso Alice è pronta a parare il rigore più bello.




------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
3/1/2020 9:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,770
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 31^ pt. Viali: "Giusto fermarsi, ora lo sport non è la priorità"

Il Cesena si allena (a porte chiuse) e non giocherà le prossime due partite. L’emergenza coronavirus ha fermato tutto. “Giusto prima tutelare la popolazione- la considerazione dell’allenatore bianconero- lo sport è una conseguenza, ma non è la priorità”.

Il Cesena fa in tempo a giocare (e perdere) contro la capolista Vicenza prima del rinvio delle prossime due giornate a causa dell’emergenza Coronavirus. Non si disputeranno dunque 35 partite di Lega Pro, tra cui quelle dei bianconeri con Sambenedettese e Rimini, che verranno recuperate mercoledì 18 marzo e il derby, il 14 aprile.

“A parte la preoccupazione che hanno tutti, che è assolutamente naturale, abbiamo la fortuna che nel quotidiano ci sta spostando poco- la riflessione dell’allenatore del Cesena- quindi abbiamo la possibilità di allenarci tutti i giorni. Cercheremo di sfruttare questo tempo in più, non avendo la partita domenica e mercoledì, per cercare di recuperare il tempo che non abbiamo avuto in queste prime settimane”.

I bianconeri continuano ad allenarsi, ma a porte chiuse. “E’ un'emergenza sanitaria nazionale quindi è giusto sospendere tutto- il commento di Emanuele Valeri- dalla Serie C alla Serie A. Anche se le partite sospese sono soprattutto in Lega Pro”.

Una decisione che ha fatto cambiare i piani a molte squadre. “Secondo me è giusto- spiega Viali- perché nessuno può capire esattamente com'è la situazione: penso si sia preso un po’ di tempo per gestirla giornalmente. Sotto l'aspetto della sicurezza è stato giusto così. È chiaro che a noi va a interrompere un po’ la continuità di prestazione, ma fa parte del gioco, ed è giusto prima tutelare la popolazione. Lo sport è una conseguenza, ma non è la priorità”.

Uno stop che può tornare utile per chi in questo momento non è al top, come spiega il preparatore atletico Mattia Vincenzi. “È l'opportunità per recuperare qualcuno, ma è anche per consolidare qualche lavoro e completare qualche ciclo”.



------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
3/1/2020 9:14 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,771
Registered in: 8/24/2003
Webmaster
Master User
Coccarda di partecipazione schedinaincuore 2022/2023
#CESENASTORIES, 32^ pt. Brignani, il Cesena nel destino

"Tanto tempo fa mi ero immaginato di poter indossare questa maglia". E' il racconto di Fabrizio Brignani, difensore classe 1998 che, in tempi non sospetti, già sognava il bianconero.

Il Cesena non si ferma. Non giocherà le prossime due partite, ma gli allenamenti proseguono e c’è anche il modo di tirare un sospiro di sollievo per Caturano, uscito contro il Vicenza per infortunio. “Pensavo peggio – ammette l’attaccante bianconero- quindi sono contento dell'esito finale visto che si tratta solo uno stiramento di primo grado. Non è grave come si pensava e siamo già carichi per rientrare”. C’è dunque il tempo per recuperare gli infortunati e per dedicarsi alla parte atletica, anche se tutti non vedo l’ora di tornare a giocare.

Come Fabrizio Brignani, difensore classe 1998 arrivato in estate in prestito dal Bologna. “Vi rivelo una piccola chicca che mi è tornata in mente”, racconta Fabrizio. “Mio fratello più piccolo, che è del 2002, aveva giocato le finali dei giovanissimi qui a Cesena e mio papà lo aveva seguito. Mi avevano entrambi parlato benissimo, rimasero colpiti soprattutto dallo stadio e dalla atmosfera, quasi meravigliati. In quel momento mi ero immaginato, in un futuro, potessi indossare questa maglia. Mi ricordo molto bene quel momento e quella sensazione”. Il Cesena nel destino. Ora è realtà e il difensore la racconta così. “Siamo un bel gruppo, di ragazzi semplici. Mi sto trovando molto bene con Nicola Capellini, Giacomo Rosaia o Butic. Ora non vedo l'ora di ricominciare anche se questa pausa ci sta anche dando la possibilità di allenarci con più intensità. Abbiamo voglia di giocare: lo stato mentale delle ultime due partite era positivo, ora serve la scossa finale per chiudere alla grande la stagione”.




------------------------------------------------------------------

#cesenainbolgia
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:29 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com