New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

MITSUBISHI J8M SHUSUI

Last Update: 7/13/2019 1:50 PM
7/8/2019 1:11 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,814
Registered in: 9/20/2013
Location: VIAREGGIO
Age: 65
MODIFICATO AIRFIX 1:72
MITSUBISHI J8M SHUSUI


Il Mitsubishi J8M Shusui era un caccia intercettore con motore a razzo realizzato dall'azienda giapponese Mitsubishi Heavy Industries negli anni quaranta e basato sul tedesco Messerschmitt Me 163 Komet.
Velocità massima: 800 km/h
Lunghezza: 6,05 m
Velocità di crociera: 347 km/h
Tipo di motore: Walter HWK 109-509
Primo volo: 7 luglio 1945
Ditta costruttrice: Mitsubishi Aircraft Company












E' giusto adorare Gesù?Testimoni di Geova Online...248 pt.7/16/2019 11:39 PM by Anthony.Sidra
Calciomercato estivo - Stagione 2019/2020blog191251 pt.7/16/2019 8:08 PM by John Titor_69
Giorgia Rossi - Sport MediasetTELEGIORNALISTE FANS FORU...33 pt.7/16/2019 12:21 PM by Albatros61
Wrestling-Web HistoryAnkie & Friends - L&#...29 pt.7/17/2019 12:19 AM by XWF is TNA
7/12/2019 9:52 AM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,814
Registered in: 9/20/2013
Location: VIAREGGIO
Age: 65
☹☺☹☺☹☺
7/13/2019 9:56 AM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,814
Registered in: 9/20/2013
Location: VIAREGGIO
Age: 65
un po' di storia

Il Mitsubishi J8M Shūsui (in giapponese: 三菱 J8M 秋水, letteralmente "acqua autunnale", usato come termine poetico con il significato di "Spada affilata") era un caccia intercettore con motore a razzo realizzato dall'azienda giapponese Mitsubishi Heavy Industries negli anni quaranta e basato sul tedesco Messerschmitt Me 163 Komet

Storia del progetto
Tra la fine del 1943 e l'inizio del 1944 il Giappone acquistò i diritti per la costruzione su licenza del Messerschmitt Me 163A, che all'epoca era giunto alle fasi di messa a punto, e del relativo motore a razzo Walter HWK 109-509.

L'avventura cominciò nel peggiore dei modi quando, nel viaggio verso il Giappone il sottomarino I-29 che trasportava un esemplare di Me 163A ed i relativi piani di costruzione, venne affondato dagli alleati.

Le autorità nipponiche riuscirono tuttavia ad entrare in possesso di un manuale di istruzioni del velivolo e di un esemplare del motore a razzo. Venne pertanto affidato alla Mitsubishi l'incarico di progettare l'aereo e di realizzare il motore.

Il lavoro procedette contemporaneamente su due fronti: da un lato venne approntata la cellula dell'aereo, che venne testata in una versione senza motore, dall'altro si procedette all'adattamento del propulsore agli standard produttivi giapponesi.

Sul finire del 1944 erano pronti tre prototipi dell'aereo (in pratica dei veri e propri alianti). Denominati MXY8 e testati in volo, diedero buoni risultati tanto che sia la Marina che l'Esercito ordinarono la costruzione di esemplari destinati all'addestramento dei piloti (fase necessaria, alla luce dell'estrema novità rappresentata dal tipo di velivolo). Successivamente venne progettata un'altra versione dell'aliante conosciuta come MXY9, questo modello sarebbe stato mosso da un motore a getto Tsu-11, ma non entrò mai in sviluppo.

La costruzione dei modelli da addestramento venne affidata alle aziende Maeda Koku Kenkyujo e Yokoi Koku KK; in tutto vennero prodotti 50 esemplari, con i quali si diede il via al programma di addestramento.

Nel frattempo la Mitsubishi completò i prototipi definitivi; l'aereo era sostanzialmente identico al Me 163A, del quale riprendeva sia il sistema di decollo con carrello sganciabile che quello di atterraggio sul pattino ventrale.

Il primo volo si svolse a Yokosuka, il 7 luglio 1945, ma ebbe esito disastroso: un malfunzionamento del propulsore a razzo, in fase di salita dopo il decollo, fece precipitare il velivolo. Nell'incidente perse la vita il pilota collaudatore Toyohiko Inuzuka.

I tecnici della Mitsubishi riuscirono a risalire alla causa dell'incidente (un difetto nell'impianto di alimentazione del motore), ma nel frattempo il conflitto era terminato ed il J8M non divenne mai operativo.

Sviluppi previsti
La Marina aveva programmato lo sviluppo di due versioni del velivolo: la J8M1, con armamento previsto in due cannoni da 30 mm e la J8M2, che avrebbe dovuto avere serbatoi maggiorati a discapito dell'armamento ridotto ad un solo cannone.

L'Esercito, che ridenominò secondo il suo sistema di designazione Ki-200, intendeva affidare alla Rikugun Kokugijutsu Kenkujo lo sviluppo di una versione migliorata, ribattezzata Ki-202.

La fine della guerra decretò, ovviamente, l'abbandono di qualsiasi programma.
7/13/2019 1:50 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,117
Registered in: 6/11/2009
Location: PARMA
Age: 55
complimenti hai sempre dei modelli interessanti e particolari.
ciao
Marco




"Non condivido la tua idea ma combatterò perchè tu la possa esprimere"
Voltaire
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:23 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com