Previous page | 1 | Next page

I NAVAJOS

Last Update: 10/15/2019 7:45 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 76,993
Post: 55,697
Registered in: 11/8/2008
Gender: Male
AMMINISTRATORE UNICO
6/21/2019 12:18 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

creati da alieni sotterranei della MESA ARCHULETA

di Arysio Nunes dos Santos





Dove sei uscito dai miei figli?
Da laggiù, dove si trova la montagna vorticosa.
Canto di sparo navajo

introduzione


I Navajo sono la più popolosa tra tutte le nazioni indiane sopravvissute negli Stati Uniti.

Comprendono circa 100.000 individui e vivono nel Nuovo Messico, in Arizona e nello Utah. Gli indiani Navajo sono parenti stretti degli Apache e sono stati, come questi, profondamente influenzati dagli indiani pueblo più civilizzati e agricoli. Sotto questa influenza, i Navajo adottarono un'esistenza sedentaria, basata sull'agricoltura e, in seguito, sulla pastorizia di capre, pecore e bovini.

Gli indiani Pueblo istruivano i Navajo e gli Apache non solo nell'agricoltura, ma anche nelle arti, nell'artigianato e nella religione. Le ceramiche navajo e i loro famosi tappeti derivano il loro design da quello dei Pueblos. Così fanno la loro argenteria e, soprattutto, i loro notevoli dipinti di sabbia, di cui parleremo in profondità.

Nel presente capitolo analizziamo, ad un certo dettaglio, uno dei miti principali degli indiani Navajo, quello dei Gemelli. Mostriamo la sua connessione inequivocabile con alcuni miti del Vecchio Mondo, in particolare quelli dell'India e dell'Indonesia. Inoltre, interpretiamo questo mito in dettaglio, dimostrando che si tratta in realtà di un'esposizione allegorica del mito del Paradiso e della sua segreta ubicazione. Questo Paradiso non è altro che Eden o Atlantide, la patria originaria dell'umanità e della civiltà, come risulterà chiaro dalla presente discussione.

Siamo dell'opinione - dopo aver ricercato la questione per un bel po 'di tempo - che la vera ragione dietro la teoria che detiene l'autoctonismo degli Amerindi era, e forse è ancora, parte di uno sforzo concertato per negare loro la loro umanità e il origine divina che i bianchi rivendicano per se stessi. Con ciò i Conquistadores ei Bandeirantes - così come le loro controparti altrove - erano giustificati nel saccheggiare la terra e le proprietà dei nativi, come loro, e nel renderli schiavi.

Così, mentre i missionari bianchi battevano la Bibbia , tentando di convertire gli Amerindi con forza , con la minaccia di tutti i veri e propri falò, hanno aperto la strada al soldato e ai coloni che avrebbero derubato i nativi di tutto, compresa la loro stessa umanità.

Certamente, questa influenza missionaria e civilizzatrice non sarebbe necessaria se gli indigeni partecipassero alla stessa Tradizione, Religione Primordiale e cultura che ci è arrivata dal Paradiso, portata dagli stessi angeli , all'alba dei tempi.

Quindi, gli antropologi moderni che si aggrappano a questa visione sono solo i legittimi eredi di questa antica tradizione, che difendono irrazionalmente, nonostante ogni sorta di prove contrarie convincenti.


La religione dei Navajo


Il sistema religioso Navajo è complicato. Come la maggior parte delle nazioni amerindie, affermano di provenire da un mondo sotterraneo attraverso caverne o prese d'aria che si collegano con questo mondo superiore. La loro è una religione misterica basata su culti della droga (Peyotism), sullo sciamanesimo e su canti amuleti, danze, design e rituali.

Ma l'idea di una Creazione sotterranea - una in cui l'umanità in qualche modo ha avuto origine sotterranea e in seguito ascesa su questa terra in qualche modo - è peculiare non solo dei Navajo , ma anche della maggior parte delle nazioni indiane delle tre Americhe. Di fatto, questa concezione di un paradiso sotterraneo da cui l'umanità è nata nell'era attuale provenendo da una precedente era anche diffusa nel mondo antico. Ad esempio, gli eroi civilizzatori come Osiride , Serapide , Mitra e molti altri originariamente si levarono da una grotta o da una dimora sotterranea, più o meno nel modo in cui anche Cristo è risorto tra i morti.

Questa caverna o tomba è la Grotta Primordiale, la Grotta degli Archetipi di cui Platone ci dice nei suoi dialoghi. È il Pacari-tambu degli Incas, e la Grotta dell'Illusione descritta magistralmente nel Ramayana. In realtà, questa grotta non è altro che il regno sommerso e sottomarino di Atlantide-Eden . Ancora una volta, i polinesiani sostengono di essere originariamente originari di un'isola o di un continente affondati che chiamavano con nomi come Hawaiki (o Javaiki), che significa qualcosa come "Sunken Grove", cioè il giardino sommerso dell'Eden.

E, come discutiamo altrove, il Paradiso polinesiano, proprio come tutti gli altri si trovano nella parte sommersa dell'Indonesia primordiale.


Le doppie creazioni


In tutto il mondo, le tradizioni parlano di due tipi fondamentali di miti della creazione . In uno, gli Antenati cadono dal Cielo sopra, e civilizzano gli umani semi-bestiali, con cui allevano la nuova umanità. Nell'altro, come nel caso degli Amerindi, gli Antenati provengono dagli Inferi, ed effettuano ciò che equivale ad una seconda Creazione che è in tutto e per tutto il doppio del precedente.

Questa duplice Creazione e, in verità, il Dualismo in generale, deriva dall'induismo e sembra costituire la base e l'essenza della Urreligion ("religione primordiale") postulata da alcuni antropologi di rilievo. Incontriamo questa duplice creazione anche nel libro della Genesi. Lì, la prima Creazione - attribuita a Elohim - è raccontata nel capitolo 1 di quel libro, mentre la seconda, attribuita a Jahveh, è ​​narrata nel capitolo 2, come il lettore può verificare da sé.

Il linguaggio in entrambi i passaggi è (volutamente) oscuro, ma è inconfondibilmente duale.

Il dio di Gen.1, Elohim è chiaramente celeste . Ma quello di Gen.2, Jahveh , inizia la sua Creazione dal basso , come "la nebbia che saliva da sotto la terra". In altre parole, lo spirito ("nebbia") di Dio sale dal basso, insieme alle acque sotterranee e, certamente, seguito dai suoi ospiti (o persone), molto alla maniera degli indiani .


The Earth-Diver


In molte Cosmogonie, abbiamo il cosiddetto "Terra-Tuffatore" che porta la terra da sotto i mari, in contrasto con il Sole Caduto che scende dai cieli sulla terra, come un avatar del Dio Celeste. L'archetipo di Earth Diver è Vishnu , nel suo avatar di Boar (Varaha). Quello del Sole Caduto è, ancora una volta, derivato da un archetipo indù; quella di Vishvasvat , il Sole e i suoi numerosi pseudonimi. Entrambi questi motivi cosmogonici risalgono ai tempi vedici in India e non può esserci alcuna questione di precedenza induista.

Come abbiamo detto sopra, i Navajo hanno imparato la loro religione misterica da indiani Pueblo come gli Zuñi del Nuovo Messico. Gli Zuñi a loro volta si riferiscono agli Aztechi e ai Maya del Messico, la cui civiltà avanzata è ben nota.

Questa diffusione della civiltà può essere fatta risalire agli Incas del Perù e, attraverso l'Oceano Pacifico, fino all'Indonesia e all'India.


I Pueblos e l'architettura di Çatal Huyuk


È sufficiente confrontare le uniche costruzioni di pueblo degli indiani Pueblo con quelle di Çatal Huyuk , in Anatolia, o quelle di Harappa e Mohenjo-daro , per concludere che furono indubbiamente costruite (o progettate) dalla stessa persona (vedi Fig.1 sotto). I pueblos sono, come le loro controparti del Vecchio Mondo, una sorta di "alveare" umano in cui i singoli appartamenti formano "celle" prive di porte e finestre.

L'unico accesso è attraverso il tetto, tramite un tombino e una scala. In caso di attacco, le scale potrebbero essere ritirate, e la "città" divenne una fortezza inespugnabile. Çatal Huyuk è stato datato a 9000 anni fa ed è una delle più antiche città conosciute. I metodi di sepoltura, l'agricoltura avanzata, il culto dei tori e il culto della Grande Madre, e molte altre somiglianze testimoniano ulteriormente un'antica connessione tra questi siti lontani.

Infatti, i mattoni di fango essiccati al sole - sparati quando era disponibile la legna da ardere - ci portano a pensare ad Adam , fatto della stessa roba. La mitologia di Zuñi raffigura i loro antenati che in realtà emergono dal fango sotterraneo in Paradiso e stanno migrando nella loro posizione attuale.


Atlantis, Eden e le sette città dorate di Cibola


I Pueblos furono presto associati dagli spagnoli con le sette città dorate di Cibola e con la leggenda dell'Eldorado.

E questi sono, come discutiamo altrove, lo stesso delle Sette Isole del Beato, che non sono altro che l'Eden sommerso dei giudeo-cristiani. Il nome delle città dorate di Cibola derivava molto chiaramente dal civico-pola Dravida, che significa " città d'oro " o, ancora, " città dei rossi ". È interessante notare che "Reds" o "Golden" sono gli epiteti usuali degli Atlantidei . Anche Adam era un "Rosso", cioè un Chamite, come il suo nome (significa "rosso") indica inequivocabilmente.


Inoltre, il numero sette attaccato alle città di Cibola è anche quello delle Isole del Beato e simile affondato r ealmi degli antichi. In realtà, il numero allude alle sette grandi isole dell'Indonesia: Giava, Sumatra, Borneo, Celebes, Filippine, Nuova Guinea e la penisola malese, che gli antichi consideravano un'isola.

Ricordiamo che la regola fondamentale della scienza del simbolismo è che un simbolo o una convenzione non possono essere invocati per spiegare l'origine di un altro simbolo, poiché questo semplicemente trasferisce il problema.

Quindi, la sacralità del numero sette - il numero più sacro degli indù - non può che derivare dai loro sette Dvipa o Paradisi , cioè dalle isole sopra elencate.

Riesci a pensare ad un altro sette sacro che non è di origine puramente convenzionale?

Gli spagnoli scambiarono le Americhe - che in seguito chiamarono Indie Occidentali - per le Indie Orientali, che sapevano essere il sito del Paradiso e, quindi, delle famose Sette città dorate di Cibola. Cibola, "la città d'oro", è solo uno dei tanti nomi di Lemurian Atlantis .

Il nome di "Seven Golden Cities" o "Seven Golden Islands" è stato applicato dagli antichi alle isole indonesiane e in nessun altro luogo.

Questo nome è in effetti una traduzione del sanscrito Suvarna-dvipa, che ha dato il greco Chryse Chersonesos e il latino Aurea Chersonesus, il che significava la stessa cosa "Golden City" o "Golden Island".


I gemelli e la grande madre


I Navajo tracciano la discendenza attraverso la madre e le loro famiglie ruotano intorno alla nonna. Questa è un'altra prova del loro culto alla Grande Madre, che è una caratteristica dell'Induismo dravidico. I riti Navajo, i canti e le danze si basano interamente sui personaggi, gli incidenti e i luoghi della loro mitologia e dei loro disegni rituali. I ballerini indossano maschere e vestiti secondo standard rigorosi e impersonano gli dei e gli eroi (Kachina) della loro mitologia.

Il più importante tra questi eroi ancestrali dei Navajo sono i gemelli, i figli di Sole e Madre Terra. Questi Gemelli sono anche chiamati " Piccoli Dei di Guerra ", un nome che evoca strettamente quello dei gemelli indù Ashvin e, più esattamente, i due fratelli Skanda e Ganesha , rispettivamente il generalissimos degli dei e dei diavoli nella mitologia indù.

I gemelli liberano la terra da ogni sorta di mostri, creando l'ordine dal caos prevalente. I gemelli Navajo corrispondono strettamente a quelli degli indiani Pueblo e quelli dei Maya e persino quelli degli indiani del Sud America.

In effetti, i Navajo Twins sono le controparti di quelli del Vecchio Mondo, coppie come Castore e Polluce , Atlante e Gadeiros , così come i gemelli Ashvin di India vedica . In tutti i casi la funzione di questi gemelli stava liberando il mondo da mostri e parassiti, comprese malattie e parassiti. Questo è vero su entrambi i lati del mondo. Quindi, è ingenuo pensare che corrispondenze così perfette possano essere il risultato di coincidenze improbabili.

Un confronto ravvicinato tra questi e altri personaggi mitologici rivela che la religione amerindia è la stessa in tutte e tre le Americhe, in particolare nella misura in cui la loro cosmogonia è implicita. Tuttavia, come spesso accade nelle razze oppresse, gli indiani mascherano la loro vera religione sotto un pesante velo di allegorie e simbolismi che devono essere decifrati prima che l'unità e lo scopo sottostanti diventino evidenti.

Anche a questo riguardo, la religione degli amerindi è in stretto rapporto con le religioni misteriche del Vecchio Mondo, i cui contenuti segreti non sono mai stati divulgati ai profani, specialmente se appartengono alle spregevoli razze bianche.


Djos y Ley, i gemelli archetipici


Spesso gli dei dei Navajo sono sincronizzati con le divinità e i santi alieni, nonostante il fatto che siano effettivamente i loro doppi. Ad esempio, gli indiani Pueblo hanno mascherato i loro gemelli, durante il dominio spagnolo, sotto i personaggi di Djos e Ley . Questi due sono personaggi affini al Trickster e si ritrovano in racconti volgari tendenti alla sciagura.

In realtà, i loro nomi sono corruzioni dei Dios e Rey spagnoli ("Dio" e "Re") e incarnano i due tipi di autorità divina che incontriamo in tutto il mondo. Questi due tipi corrispondono ai poteri impersonati dagli indù in Mitra e Varuna, come ampiamente discusso dal Prof. G. Dumézil . Mitra ("gemello") è il gemello solare e personifica la sovranità (Ley), proprio come Varuna è il gemello lunare che corrisponde alla magia e alla religione (djos).

I Gemelli personificano, ovunque, le due razze dell'Uomo, da cui sono sorti tutti gli umani . Il gemello minore (o minore) è spesso paragonato a una donna ed è dominato dal suo gemello maggiore. A volte sono trasformati in un maschio e una femmina e il loro ruolo viene cambiato mentre le ere si alternano. I gemelli sono spesso paragonati al sole (o al cielo) e alla terra (o all'inferno), che sono considerati i loro genitori.

Con gli indiani Barasana della giungla amazzonica brasiliana, i gemelli vengono sostituiti dalla coppia primordiale. Questi due includono Jurupari e Romi Kumu. Romi Kumu in qualche modo perse il suo fallo e divenne la Grande Madre, proprio come Jurupari, il Grande Padre, perse anche il suo, in un'occasione successiva. Ma in molte altre nazioni sudamericane, il carattere maschile (o androgino) dei Gemelli è conservato, con uno di essi dominante, e l'altro dominato ed effeminato.

Questi due castrati primordiali richiamano da vicino quelli della mitologia greca ( Ouranos e Kronos ), essi stessi copiati da Brahma e Shiva, i loro archetipi indù. Quando ci si sofferma a riflettere, è difficile non capire la loro origine comune da qualche parte.

E quando si pensa ancora più difficile, è facile vedere che questa origine può essere stata solo nelle Indie, da dove veniamo tutti, all'alba dei tempi.


I gemelli come fuoco e acqua


Più esattamente, i gemelli Navajo sono, rispettivamente, come le loro controparti indù, i figli del Sole e dell'Acqua della Madre Terra. Di nuovo questo dualismo è di origine indù, e il Sole è, in effetti, Agni (il Principio di Fuoco), mentre l'Acqua corrisponde a Indra (il Principio dell'Acqua).

La mitologia vedica è estremamente difficile da penetrare. Ma è possibile dimostrare che Mitra (" gemello ") è davvero un epiteto di Indra (ind = "acqua"), mentre Varuna è davvero il dio celeste (o sole) caduto nell'Oceano. Quando questa inversione di ruoli è avvenuta, Varuna è stata degradata e scesa sul fondo del mare, ruolo commerciale con il suo gemello (Mitra), che salì al cielo.

I Navajo e gli Apache esprimono la loro religione nelle danze e nei canti rituali dell'intera comunità. Queste cerimonie hanno lo scopo di ristabilire l'ordine cosmico e, quindi, riportare la salute agli ammalati; piove alle colture; gioco per i cacciatori, ecc. Inoltre scacciano gli spiriti maligni che disturbano l'armonia cosmica e invitano i buoni che lo alimentano.

Tutte le loro arti sono combinate nei rituali: l'elaborata poesia dei canti; la mitica geografia; le bellissime maschere e i copricapi di piume; il profondo simbolismo degli intricati dipinti di sabbia e, infine, le danze spettacolari dei personaggi che indossano le divinamente insegne.

Sia l'Apache che i Navajo chiamano i gemelli con nomi come " Killer-of-Enemy Gods " e " Child-of-the-Waters ". Questi nomi sono condivisi dagli altri popoli di lingua athabascana. Gli dei nemici sono i mostri che abitavano la terra primordiale e che lo rendevano inadatto all'occupazione umana prima di essere sterminato dai gemelli.

La maggior parte di questi mostri sono cannibali come Big Owl e Kicker-off-the-rocks. Child-of-the-Waters è il gemello junior; l'aiutante del suo vecchio disturbo. Il suo nome è una traduzione diretta di quella degli indù Apam-Napat, egli stesso un alias di Skanda, il dio della guerra indù.

Questi due dovrebbero essere paragonati agli Dei della Guerra dei Gemelli degli indiani Pueblo, come commentato sopra.


The Exploits of the Twins


La mitologia navajo si basa sulle imprese dei gemelli nella loro ricerca del mitico centro di origine, il paradiso che identificano con la vorticosa montagna al centro del mondo. In alcune versioni, questo paradiso fu raggiunto da un uomo che scese lungo il fiume Colorado all'interno di un tronco cavo. Questo mito può essere compreso alla luce di simili miti indiani sudamericani.

Il tronco cavo è in realtà un serpente gigante (Anaconda) che è una sorta di sottomarino, all'interno del quale sono usciti dalla dimora primordiale sottomarina. In altre parole, il tronco cavo è un alias dell'Arca , che è spesso paragonato a un serpente gigante sia nel Nuovo che nel Vecchio Mondo.

La mitologia indiana sudamericana è attualmente molto più completa di quella degli indiani nordamericani , perché qui vivono ancora molte tribù nel loro stato originario e non sono ancora state acculturate dai missionari e da altre influenze bianche.

Ma uno studio approfondito della mitologia sudamericana mostra chiaramente un'identità fondamentale con quella dei loro fratelli del nord, in particolare per quanto riguarda i miti di origine.


La morte e la risurrezione di Wiyot


Gli indiani Pueblo e i Luiseños trasformarono i migranti in imitazione dei gemelli.

Hanno così tentato di raggiungere il centro della Terra dove il loro dio, Wiyot, si era nascosto dopo la sua morte. Wiyot fu il primo di tutti gli uomini a morire, e la sua morte insegnò al suo popolo l'esempio. In effetti, Wiyot in seguito resuscitò come la Luna Nuova e divenne immortale.

L'esempio di Wiyot è letteralmente copiato da quello indù di Yama ("gemello"). Yama è uno pseudonimo di Varuna come il minore dei due gemelli. In effetti, le storie di entrambi Wiyot e Yama anticipano quella di Cristo, che è morto e risorto per insegnare ai suoi adoratori che può essere fatto in pratica. La morte e la resurrezione di Wiyot è un esempio di quelli dei cosiddetti Dei della Vegetazione del Vecchio Mondo. Anche a questo famoso confratello appartengono gli dei e gli eroi come Tammuz, Attis, Adonis, Agdistis, Re Artù, Ercole e, naturalmente, Gesù Cristo, Osiride e Dionisio.

Quello che la storia di Wiyot sta effettivamente raccontando è che l'anziano, il Solar Twin, muore e resuscita come il minore, il Lunar Twin. In altre parole, quello che abbiamo qui è l'alternanza delle ere e quella delle razze dominate e dominate con il passare del tempo.

Anche Platone sembrava credere in questo concetto, poiché sosteneva che siamo nati sequenzialmente come maschi e femmine (cioè solare e lunare) in successive metempsicosi.

Apparentemente, anche le vittime e gli oppressori cambiano posto. Come disse una volta un filosofo indiano,

"quando eravamo in cima, abbiamo calpestato il collo dei bianchi, ora sono in cima e calpestano i nostri".


La migrazione primordiale


Le migrazioni dei Luiseños, degli Apaches e dei Pueblos ricordano gli identici degli indiani Tupi-Guarani del Brasile.

Anche prima che arrivassero i portoghesi, sapevano che il loro mondo era condannato. Quindi, iniziarono a migrare verso la costa, in attesa del Salvatore che li avrebbe portati sani e salvi attraverso l'Oceano, proprio come avevano fatto Mosè, Cristo e altri Tirthankaras ("fabbricanti di Ford" o, meglio, "salvatori") in Primordial. volte.

Questa migrazione di massa precipitò la caduta della potente nazione un tempo Tupi-Guarani. Dalle loro stesse basi, questi indiani diventarono una facile preda per gli invasori portoghesi, che li avevano messi a terra contro il mare, e li uccisero per fame e diffondevano intenzionalmente malattie come il vaiolo e la sifilide. Più o meno come accaduto in Nord America, tranne che in una scala molto più ampia, perché il genocidio è stato condotto dal governo stesso.

La pungente storia delle migrazioni Tupi-Guarani in cerca del loro paradiso, Yvymaraney (o "terra senza male"), è uno dei drammi più toccanti della saga amerindia nelle tre Americhe. Abbiamo raccontato questa triste storia altrove, e non torneremo qui. Basti dire che i pellegrinaggi alla ricerca del Paradiso e della Terra Santa sono forse i più importanti riti religiosi del mondo.

I pellegrinaggi sono fatti dagli indù e dagli arabi, così come dagli ebrei e dai cristiani allo stesso modo. I pellegrinaggi sono una sorta di ritorno rituale in Paradiso. Gli eroi fasulli cercano di ritornare a paradisi puramente spirituali, mentre veri eroi come Alessandro, Ulisse, Osiride, Dioniso e Gilgamase cercano il vero sito del Paradiso Terrestre. E questo invariabilmente lo fanno, proprio come le loro controparti del Nuovo Mondo, attraversando le Indie, come possiamo leggere nelle saghe antiche.

I primi europei in America enfatizzarono le differenze e la "ferocia" degli Amerindi come una scusa per costringerli alla sottomissione e alla schiavitù, e per ottenere il permesso reale e papale di rubare la loro terra e proprietà e disorganizzare le loro nazioni e le loro religione. Privati ​​dei loro valori, gli indiani acculturati divennero una facile preda dei Conquistadores e dei Bandeirantes molto più bestiali che inevitabilmente seguono i missionari ovunque si presentino tra i primitivi.

Sai com'è: manda prima i missionari. Se falliscono nel compito di distruggere le strutture sociali dei nativi e di "convertirli" - un sicuro segno del loro patto con il Diavolo - mandano i soldati a fare un buco, e per punire i selvaggi, e per costringerli a conforme. Una volta che la loro cultura, la loro religione e la loro struttura sociale sono state sconvolte, mandate i coloni a portare via la loro terra, le loro proprietà e persino la loro stessa umanità, attraverso la schiavitù e il puro genocidio.

Guarda nella Storia e vedrai che questa triste realtà è la regola piuttosto che l'eccezione ovunque in questo nostro mondo.


Il significato dei culti della droga


Come gli Apache di Luiseños e di Mescalero, i Pueblos e i Navajo spesso aderiscono ai Culti della droga. Questi sono basati su allucinogeni come il fungo sacro, il peyote e il mescal. In effetti, la maggior parte degli indiani usa un tipo o un altro di estasi indotta da droghe, al fine di migliorare la loro unione mistica con Dio.

Tale era anche lo scopo originario della Santa Comunione dei Cristiani, dove il vino (un allucinogeno) sostituisce altre droghe. Tutti questi rituali derivano in ultima analisi dai rituali Soma degli indù, come hanno riconosciuto molti specialisti. Il Soma veniva preparato da molte piante come la canapa, i funghi, le asclepie, ecc., Nonché dai veleni animali ottenuti da rospi e serpenti.

I culti della droga erano generalizzati anche in tutto il mondo antico, poiché la ricerca archeologica è inequivocabilmente scoperta. Persino gli egiziani erano apparentemente assuefatti a tali rituali. Un recente studio di diverse mummie egiziane da parte dei meticolosi tedeschi ha rivelato inconfondibilmente che i faraoni egiziani usavano routinariamente droghe come la canapa, l'oppio, il tabacco e la coca.

Ora la canapa è una pianta indiana, mentre tabacco e coca sono di origine sudamericana, e l'oppio veniva solitamente prodotto nel Vicino Oriente. Quindi, ciò che questa straordinaria ricerca rivela in modo inequivocabile è l'esistenza di un antico commercio internazionale navale di droghe (e di altri beni) in tutto il mondo, e che comprende principalmente le Indie e le Americhe nelle sue rotte.

Un altro farmaco allucinogeno spesso usato è datura o jimson. Questo è anche chiamato loco-weed o thorn-apple (Datura stramonium). La datura è comune sia al Vecchio che al Nuovo Mondo, ed è anche ampiamente usata in India per gli stessi scopi rituali delle Americhe. Jimsonweed è particolarmente popolare tra i Chungichmich della California del sud ed è molto usato nei rituali iniziatici che coinvolgono nagualismo e sciamanesimo.

Il peyotism è basato sul cactus peyote (o mescal) (Lophophora Williamsii), originario del Messico.

Negli Stati Uniti, il Peyote viene mangiato in un pasto comune che ricorda da vicino la Santa Comunione dei Cristiani, che a quanto pare si paragona. In effetti, la moderna religione dei Peyote afferma in realtà che Cristo istituì la "Comunione Bianca" alla Comunione dei Bianchi e dei Peyote (o "Rossi") ai Rossi. È interessante notare come gli antichi indù parlassero anche di due tipi simili di Soma Communion, uno "rosso" (o "dorato" o "solare") e l'altro "bianco" (o "argenteo" o "lunare").

Il Peyotism è stato proibito o, almeno, perseguitato fin dai primi tempi nelle Americhe. Nel 1620, l'Inquisitore Generale della Nuova Spagna proibì l'uso del peyote da parte di tutti i cristiani, un fatto che significava che quelli catturati nella pratica non erano Cristiani e, quindi, passibili di accusa e incendi per eresia o stregoneria o entrambi .

Di recente, alla fine degli anni '60, il Peyotism era ancora fuorilegge in diverse regioni degli Stati Uniti d'America.

Il nome del peyote deriva dal Nahuatl peyotl che significa "messaggero divino", che è più o meno sinonimo di "angelo (o inviato) del Signore". In altre parole, Peyotl è il "Cristo", il Messias (o Emissary) inviato agli indiani come il Messaggero Celestiale, il portatore della Buona Novella dei Vangeli. Più esattamente, Peyotl è la Terza Venuta del Salvatore così ardentemente aspettata dagli Gnostici e dai Mistici ovunque.

Quando verrà, a breve, porterà il Pane Celeste a tutti gli umani, quello bianco ai Bianchi, e quello rosso ai Rossi, in parti uguali e giuste a tutti noi umani. 1


La grande madre, Venere e Nagualismo


Nella mitologia Navajo, la Grande Madre è chiamata Donna che Cambia. La donna cambiante rappresenta la terra.

E il suo nome si riferisce all'idea che il nostro pianeta periodicamente rimuove la sua vecchia pelle (la crosta) come un serpente, rinascendo come fresca e verginale come una giovane sposa. Questo motivo è ritualmente attuato nelle danze navajo e nei canti di un personaggio iniziatico.

Questo rinnovamento periodico del mondo è connesso non solo con il quotidiano o con l'anno, ma con le epoche di umanità dettate dalla Precessione degli Equinozi. In altre parole, Changing Woman è la stessa di Nagis ("Serpent Women") degli indù, e le sue innumerevoli controparti come Mélusine, Kokilan, Ganga, la regina di Saba, Echidna, ecc. Che, tutti, simboleggiano il rinnovamento terra.

Più esattamente, Changing Woman è Venus, rinata di nuovo dalla schiuma e dal sangue del fallo castrato di Ouranos lanciato da Kronos nelle acque dell'Oceano. Infatti, Venere è l'alias o la replica della dea indù Lakshmi (anche chiamata Shri).

Shri nacque, proprio come Afrodite-Venere, dalla schiuma generata in occasione dello zangolatura dell'oceano di latte, in conseguenza della disputa tra gli dei e i diavoli (devas e asura) per il possesso dell'elisir di vita, il Soma.


La castrazione primordiale e i gemelli universali


Ancora una volta, questa agitazione è un'intelligente allegoria della distruzione del Paradiso da parte del gigantesco vulcanismo che ha cambiato il Monte. Atlante da un picco vulcanico a una gigantesca caldera sottomarina, come spiegheremo dopo.

Questo evento è anche allegorizzato, di nuovo in bellissime immagini, la Castrazione Primordiale della Santa Montagna del Paradiso e la sua caduta nell'Oceano, e la rinascita del rinnovato Paradiso dell'era successiva.

Un'altra allegoria simile è quella che abbiamo menzionato più sopra, riguardante il mito del Sole Caduto, che è anche il Castrato Primordiale. L'ex Sole (maschio) cade nei mari, e rinasce come la Luna Nuova (femmina) che è l'alias di Venere o, ancora, della Terra rinnovata e della Grande Madre ringiovanita che è sua figlia, la Vergine. È interessante notare che alla nascita dei gemelli è presente anche una schiuma che, come vedremo in seguito, ha un profondo significato esoterico.

Secondo il Male Shooting Chant dei Navajos, i gemelli nacquero da Changing Woman e furono generati, sequenzialmente, da Dripping Water e Sun. La maggior parte dei mitici gemelli nascono allo stesso modo, generati da due padri diversi. Un caso ben noto è quello di Ercole e Ificle, successivamente fondato da Zeus e Amphitrion.

Allo stesso modo, Caino e Abele nacquero anche da Eva, fondata rispettivamente da Dio e Adamo (Genesi 4: 1-2). In effetti, anche Gesù Cristo e il suo gemello (Tommaso Didimo) potrebbero essere stati allevati in questo modo. Come al solito, questo doppio schema di impregnazione è di origine indù, ed è istanziato, fi, nella concezione miracolosa di Krishna e Balarama e di quella degli Ashvin Twins. Diversi vangeli apocrifi raccontano, spesso in termini allegorici ma inequivocabili, della duplice paternità di Cristo e dei suoi numerosi gemelli.

I due padri sono o Giuseppe e l'Angelo, lo Spirito Santo e il Padre o anche Giuseppe e un misterioso legionario romano chiamato Panthera.


La riconquista della gioventù


In una danza sacra Navajo, la Cambiante, vecchia, decrepita e debole, viene condotta attraverso le quattro diverse stazioni di un rituale di dipinti di sabbia e riacquista la sua giovinezza, uscendo finalmente fresca e verginale come la Terra in primavera.

Apparentemente, è rinata come un maschio, la Junior Twin o come sua sorella gemella, la Vergine. Junior è molto più di un semplice compagno e compagno di Elder Twin. Anche lui sembra essere il suo amante.

Ciò è evidenziato, ad esempio, quando Changing Woman completa la modifica e canta:

Il bambino che cambia donna è diventato,
Con lui vado, restaurato in gioventù,
Secondo la bellezza, cammino.
Tutto è d'accordo di nuovo,
Tutto è d'accordo di nuovo,
Tutto è d'accordo di nuovo
Tutto è d'accordo di nuovo.


I gemelli navajo e le loro controparti del vecchio mondo


I gemelli Navajo evocano anche Amphion e Zethos, i costruttori delle mura di Tebe, nella mitologia greca.

Amphion era rozzo, brutale e gigantesco come gli Dei-degli-alieni, mentre Zethos era leggero, gentile e affascinante come Figlio-di-acque. Il gemello maggiore nacque "un po 'precipitosamente, al suono del tuono", mentre il più giovane nacque "dolcemente accompagnato da un leggero tuono".

I loro exploit sono anche trattati in modo molto più dettagliato in quelli delle loro controparti tra gli indiani sudamericani. Lì, i gemelli sono chiamati Nanderikey e Tiviry dagli Apapocuva Guarani, nomi che significano rispettivamente "Nostro Signore" e "Gemello". I gemelli sono adorati anche dagli altri indiani sudamericani, che li chiamano con nomi equivalenti.

Come abbiamo detto sopra, alcune tribù rendono la seconda gemella una femmina, come nel caso di Jurupari e Romi Kumu. Questi due sono, rispettivamente, il Grande Padre e la Grande Madre degli indiani Barasana. Tra le altre tribù brasiliane, ad esempio Ava-Katu-Etê e Aché, i Gemelli sono identificati al Sole e alla Luna e in realtà sono chiamati Kuaray ("Sole") e Yacy ("Luna").

Anche la coppia primordiale degli indiani barasani del Brasile ricorda da vicino Yama e Yami, i loro equivalenti e archetipi indù. Questi nomi significano, rispettivamente, "Gemelli maschi" e "Gemelli femminili", e il loro mito e ruolo sono molto complessi nella mitologia indiana. Un parallelo ancora più stretto con i Gemelli di Barasana è offerto da Shiva e Brahma. Entrambi gli dei finiscono per essere castrati, come Romi Kumu e Jurupari. Questo evento si svolge ripetutamente in diverse occasioni, durante le quali, in alternanza, uno dei Gemelli gioca la femmina con l'altro gemello. In questo modo generano l'Umanità e, di fatto, l'intera Creazione.

Anche nel cristianesimo, le cose apparentemente si accordano a questo schema. La figura del gemello di Cristo è spesso quella dell'Amato Discepolo. Questo personaggio viene spesso confuso con San Giovanni Battista, con San Giovanni Evangelista, con Tommaso Dydimus ("gemello gemello") o persino Giuda e Maria Maddalena. Ad esempio, nelle figurazioni gnostiche come quella famosa di Leonardo da Vinci, San Giovanni Battista viene tradizionalmente dipinto come un personaggio androgino, affascinante ed effeminato.

Come abbiamo sottolineato altrove, le figure "gemelle" di Giovanni e Cristo e le circostanze peculiari che hanno assistito alla loro generazione, alla loro nascita e alla loro infanzia sono state copiate testualmente dai Vangeli indù di Krishna e Balarama. Persino il misterioso dettaglio che gli indù chiamano samkarshana - il misterioso scambio di uteri da una Vergine Madre all'altra - non manca nella versione cristiana. In realtà, questi misteriosi eventi sono allegorie degli eventi paradisiaci che hanno a che fare con la Messa (Missa) e il Messias, come discusso nella nota precedente.

Ma questo tema non può essere trattato in modo più dettagliato qui, perché certe cose potrebbero non essere ancora rivelate.


I sei veli dei miti amerindi


I Navajo Twins nascono in un luogo misterioso, coperto da sei veli successivi: oscurità, cieli azzurri, crepuscolo, alba, miraggio e calore.

Sono stati allevati dai guardiani di Changing Woman, Bear Man e Rattlesnake Man. Questi due portieri corrispondono apparentemente alle costellazioni polari del piccolo orso e di Draco, mentre la stessa donna cambiante corrisponde a Lyra, la terza costellazione polare, che è la controparte femminile degli altri due, entrambi maschi.

Ma non dovremmo mai dimenticare che le costellazioni celesti, così come le personificazioni degli Eroi e dei non sono altro che allegorie, simboli e metafore che rappresentano un'ulteriore Realtà. Questo è un argomento complesso, la cui discussione non si adatta qui e che è stata esaminata da noi altrove. Ha a che fare con l'alternanza delle ere dell'umanità e la condivisione del singolo fallo tra le due divinità, che scambiano ruoli e sesso in questo modo.

Naturalmente, le immagini stellari sono solo allegoriche, come lo sono anche le personificazioni e gli avatar luni-solari di entrambi gli Dei e gli Eroi. Tutti questi sono in effetti personificazioni di nazioni, razze e popoli che hanno modellato la storia umana e sono considerati i nostri mitici antenati.

Più esattamente ancora, i Gemelli personificano le due Atlantide gemelle, i due Paradisi in cui l'umanità originariamente si è sviluppata ed evoluta, diventando civilizzata e raggiungendo uno sviluppo spirituale e tecnico che siamo ancora, nonostante tutta la nostra arroganza, incapaci persino di sognare.

Quando cresciamo tanto quanto loro, possiamo forse diventare dei e angeli, come Pitagora disse che potevamo.


The Mysterious Exploits of the Navajo Twins


I gemelli navajo sono generalmente indicati come primogeniti e secondogeniti, una designazione standard dei gemelli ovunque. Subito dopo la loro nascita - sono cresciuti in pochi giorni - i gemelli si sono messi alla ricerca del loro padre, il sole, per ottenere i poteri. La loro strada è lunga e difficile, e piena di pericoli posti da ogni sorta di mostri e pericoli, che conquistano.

Questa storia ricorda molto da vicino quella dei Gemelli Maya, raccontata nel Popol Vuh , riguardante il loro ritorno a Xibalba, la misteriosa Terra dei Morti. La Terra dei Morti è davvero Paradise Destroyed e, più esattamente ancora, Atlantis affondata, l'ex Isola del Sole. Per arrivarci, i gemelli hanno guidato un arcobaleno, che li ha trasportati magicamente attraverso i cieli.

Successivamente, i gemelli incontrano Spider Woman, Clashing Rocks, Cutting Reeds, Burying-sand-dune e infine raggiungono la casa del Sole.

Lì loro sono resistiti dai Quattro Guardiani: Orso, Serpente a sonagli, Vento e Tuono, che sono appagati quando dichiarano i loro rispettivi nomi. Il Sole, all'inizio, non riesce a riconoscere i gemelli come suoi propri figli e tenta di ucciderli. Ma dopo vari tentativi falliti, il Sole finalmente riconosce i suoi figli nei due valorosi ragazzi.

Li rende invisibili e immortali, "dopo la sua immagine", rendendoli "santi per sempre".




The Twins as Hero-Killing Heroes


Il Sole dà anche ai suoi figli fulmini per le armi.

Questi erano capaci di uccidere ogni sorta di mostri, ex figli suoi. I gemelli poi ritornano sulla terra, cadendo dal cielo "come fulmini". Il luogo in cui è sbarcato il primo gemello è diventato noto come "Come-zigzag-lightning-he-come-down", mentre quello del secondo gemello è stato chiamato "Let-down-on-a-sunbeam". Queste "discese dal cielo" sotto forma di fulmini sono avatar, una parola sanscrita che significa "stella cadente" e, più esattamente, che implica la caduta del vajra.

La caduta dei Navajo Twins ricorda in modo singolare quelli di Cristo e di Lucifero, i gemelli delle tradizioni giudaico-cristiane, ai quali torniamo più in basso. Al loro ritorno, i gemelli iniziano a uccidere ogni sorta di terribili mostri: mostro gigante, mostro scavatore, lancio delle roccie, orsetto, uccisioni con gli occhi, rock a piedi, ecc.

Successivamente, i gemelli partirono di nuovo dalla casa della madre, lasciandosi alle spalle le loro controparti nelle persone di Holy Man e Holy Boy.

I gemelli vanno successivamente a Trembling Mountain, Whirling Mountain, Mountain-fallen-away, Striped Mountain e Coiled Mountain, dove imparano i canti magici e gli schemi magici (dipinti a mano) di varie divinità locali. Queste cinque montagne sono tutte sacre. Corrispondono strettamente al Monte. Meru e le sue quattro montagne fiancheggiate, che sono i siti dei Paradisi indù, come vedremo più avanti.

In quanto tali, le cinque montagne - che formano un quinconce come gli indù e i pitagorici - sono ritratte senza fine nei mandala con i sandali navajo che discuteremo più avanti.




La Conquista dell'Elisir e dei suoi Parallels del Vecchio Mondo


Infine, ai gemelli viene dato l'elisir, chiamato "Old-age-restored-in-beauty".

Questo danno a loro madre, donna mutevole, per renderla di nuovo giovane. Dopo il suo cambiamento, Changing Woman è costretta a trasferirsi in un posto "vicino a Canyon de Chelly" (la riserva indiana dei Navajo in Arizona), costretto a uscire dalla sua casa originaria dai Gemelli e da altri dei.

Come è chiaro, la Cambiante Donna rappresenta gli Indiani (Navajos) cacciati dal Paradiso Primordiale invadendo le nazioni, inclusa la loro stessa progenie. La maggior parte delle caratteristiche del mito Navajo dei Gemelli può essere fatta risalire al Vecchio Mondo, così come al Sud America e ad altri luoghi. Ad esempio i Clashing Rocks sono gli stessi dei Symplegades dell'Odissea e dell'Argonautica, e hanno anche controparti in Sud America, negli Yvymomó dei Guaranis Apopocuva, per non parlare degli altri indiani.

È impossibile leggere la relazione delle avventure dei gemelli Navajo senza notare il parallelismo fondamentale con le azioni simili dei gemelli del Vecchio Mondo e dei Giant-Killers. In particolare le avventure dei gemelli amerindi corrispondono a quelle di Krishna e Balarama delle tradizioni indù, di Gilgamesh e Enkidu dei miti sumerici, o di Horus e Seth nella mitologia egizia o, ancora, di Atlas (o di Orione) e Ercole in Grecia o di Thor e Odino tra gli scandinavi.

In realtà, tutti questi miti derivano da un'unica fonte (Atlantidea), che è stata continuamente copiata e adattata da ogni nazione nei secoli, e che è arrivata a formare la base della loro religione, di nuovo di origine atlantidea. È stato anche così che il mito dei Gemelli è entrato nel cristianesimo nelle due figure di Cristo e dell'Anti-Cristo (Lucifero), che abbiamo menzionato sopra.

L'isola bianca, che di notte si è trasformata in una montagna e cresciuta nei cieli, è visibilmente uguale alla Scilla dell'Udissea, descritta in termini identici da Omero. Qui, il mito di questa isola-montagna è stato mescolato con quelli delle Leukade ("Isole Bianche") e di Shveta-dvipa (idem) degli Indù.

In realtà, questa nobile montagna è il monte. Atlante o Meru, chiamato Monte. Cassius (cioè Kachi o "Bianco") in alcune tradizioni come quelle greco-romana e fenicia riferite da Avienus. Il duale della Montagna cosmica (Linga) è il baratro cosmico (Yoni), figurato in Omero come la terrificante Cariddi affrontata da Ulisse nel suo viaggio verso la Phaeacia, che non è altro che il paradiso sommerso di Atlantide.

Infatti, Scilla e Cariddi - una gigantesca vetta vulcanica, l'altra l'enorme caldera di un vulcano sottomarino - sono allegorie della barriera invalicabile delle Colonne d'Ercole, come spieghiamo altrove in dettaglio.

Le canne da taglio che raggiungono per afferrare e tagliare le persone sono un altro motivo tradizionale di suprema importanza.

Questa leggenda è collegata a quella del Mar dei Sargassi degli antichi che, presumibilmente, fece lo stesso. In definitiva, la leggenda (fenicia) del Mare di Sargassos deriva da quella indù di Nalanala ("Mare delle erbacce") e quella di Kushadvipa ("l'isola di Kusha Grass"), le cui ance hanno anche mantenuto il passaggio delle navi e le hanno trascinate a il fondo, proprio come Colombo e i suoi uomini temevano sarebbe accaduto loro nella regione caraibica, si scambiarono per quella delle Indie, che in realtà intendevano raggiungere.

In realtà, le leggende di cui sopra si riferiscono alle isole e ai mari dell'Indonesia, in realtà pieni di tali banchi di sabbia e banchi fangosi, canne spinose ed erbacce, come commentiamo altrove in altre parti.

Ed è proprio in Indonesia che troviamo l'enorme voragine che i greci chiamavano Symplegades e che gli indù chiamano con il nome di Vadava-mukha ("la bocca del mare"). Il Vadava-mukha è in realtà il sito del vulcano Krakatoa, che si trasformò in un'immensa caldera dopo la catastrofica eruzione esplosiva che devastò l'Atlantide paradisiaca.

Questa gigantesca esplosione sputava enormi quantità di pietra pomice che formava enormi banchi galleggianti che rappresentavano una terribile minaccia alla navigazione in quei mari. Ciò accade anche oggi, quando i vulcani locali, incluso lo stesso Krakatoa, eruttano in modo esplosivo, sputando cenere e bombe vulcaniche composte da pietra pomice che forma enormi banchi che ostacolano la navigazione nei mari locali.

Dalla grandezza delle sponde di pomice formate da tali eruzioni relativamente minori, possiamo immaginare l'enorme dimensione dell'esplosione colossale che rase al suolo l'Atlantide Paradisiale.

Gli archetipi indù


Il magico arcobaleno che trasporta i gemelli attraverso i cieli si riferisce a motivi come i tappeti volanti delle leggende arabe e i Rainbow Bridge che accedono al paradiso nella mitologia germanica.

Più esattamente, essi corrispondono ai Naga Arcobaleno di Angkor, che hanno uno scopo simile o, ancora, i ben noti Vimanas (o carri volanti) degli indù.

Uno di questi è Pushpaka, il gigantesco dirigibile che trasportava Rama ei suoi immensi eserciti sulla via del ritorno da Lanka, il Paradiso che avevano conquistato e distrutto in Indonesia. Lanka è il vero archetipo di Atlantide, ed è interessante trovare in quella guerra - la guerra di Atlantide - le super-armi come Pushpaka e altre come quelle citate nella bella saga indù, il Ramayana. Pushpaka aveva le dimensioni di una città piena ed era coperta da molti giardini e fontane, tutti completamente decorati con metalli preziosi e gemme di molti colori. Come le sue controparti amerindi, Pushpaka ha lasciato una traccia sui cieli con un arcobaleno o una pista di meteoriti.


Veri o romanzati, questi carri volanti - chiamati vimana o vahanas in sanscrito - permeano i libri sacri indù come il Ramayana e il Mahabharata, e hanno chiaramente ispirato altre tradizioni simili come quelle dei Celti, dei tedeschi, degli indonesiani e dei navajo.




Il significato degli angeli caduti


L'idea dei gemelli che cadono dal cielo come due fulmini gemelli deriva anche dalle tradizioni indù.

Il fulmine è in realtà il vajra e rappresenta una stella cadente o, più esattamente, una caduta meteoritica. Incontriamo, come abbiamo già detto, lo stesso motivo nella Bibbia, in cui sia Cristo che Lucifero "cadono dal cielo come un fulmine". Nelle tradizioni indonesiane, illustrate nella pietra nei maestosi portali di Borobudur, sono i Nobili Celesti a farlo, e che fungono da ponte magico arcobaleno che collega il cielo e la terra. Nell'India vedica è la testa decapitata di Dadhyanch (o Angiras) che cade così dai cieli.

Dadhyanch è l'archetipo degli Angeli Caduti (Angiras = Angelos = "Angelo") e i loro numerosi pseudonimi che incontriamo in tutte le mitologie. Nella mitologia celtica - o, più esattamente, nel ciclo arturiano - troviamo questo teschio, che diventa il vajra, come lo smeraldo che cadde dalla corona di Lucifero durante la sua caduta. E, come abbiamo mostrato, gli avatar di Vishnu sono in realtà allegorie di tali "cadute di stelle" (ava-taras). In effetti, la caduta di Lucifero e persino la discesa di Cristo sulla terra è descritta, nella Bibbia, come "simile alla caduta di un fulmine", un'immagine evidentemente ottenuta dagli archetipi indù appena menzionati.

Questo cranio che cade è il vajra. Quando cade nell'oceano, forma la prima terra, la stessa della collina primordiale che sorge dall'abisso nelle tradizioni egiziane. È anche la montagna santa (Meru) al centro del mondo, quella variamente chiamata con nomi come Golgota, Calvario, Kailasha, Qaf, Alborj, Bereshaiti, e altri che significano qualcosa come "Skull Mountain". Nelle tradizioni giudaico-cristiane, è il teschio di Adamo che cade così dai cieli, e che diventa Mt. Calvario (o Golgota = "Teschio"), come spiegheremo più avanti.

Questo tipo di mito è anche allegorizzato come la Caduta del Sole o quella di suo Figlio (Phaeton, Apollo, Lucifero, ecc.). Gli eventi nascosti sotto tali allegorie sono le periodiche gigantesche cadute meteoritiche che distruggono il mondo, proprio come hanno fatto nei dinosauri o sollevate dalla Luna dalla Terra. Al contrario, essi allegorizzano anche le enormi bombe vulcaniche lanciate da sotto la terra nei cieli dalle gigantesche esplosioni vulcaniche come quella del Monte. Atlas , quello che ha distrutto il Paradiso.

Nella leggenda navajo abbiamo i gemelli figli del Sole che cadono dal cielo proprio come abbiamo avuto la caduta di Phaeton (figlio di Helios) in Grecia, o quella di Solar Varuna in India. Ma, se guardiamo più da vicino, tali cadute sono sempre duali e spesso consistono nella caduta del Gemello Celeste (o Solare) e dell'ascensione del suo doppio ctonio in Cielo.

I Gemelli dei Navajo sono armati del fulmine (allo stesso modo duale), proprio come lo sono Zeus e Poseidone (il Fulmine e il Tridente) o Indra e Shiva (idem). Gli dei e gli eroi dei Navajo, dei Pueblo e degli Apaches sono chiamati Kachina. Questa parola sembra essere correlata al Dravidian Kattiyam = "intelligente", "destre", "eroico", che implica l'idea di un eroe, cioè del genitore maschio (Skt gandha).

In altre parole, i Kachina sono gli Angeli Caduti oi Messaggeri Celesti (= Peyote) che hanno insegnato all'uomo tutte le arti e le abilità e hanno liberato il mondo dai mostri. Inoltre, hanno anche amato e inseminato le figlie di tali mostri, generando l'umanità dalle creature scimmiesche semi-bestiali che poi popolavano la terra.

Questi Angeli Caduti non sono altri che i Figli Atlantesi di Dio, gli Eroi Civilizzatori che incontriamo essenzialmente in tutte le mitologie delle antiche nazioni, sia nel Vecchio che nel Nuovo Mondo. Perché i nostri antenati inventerebbero un tale mito e costruiranno le loro religioni intorno a loro se fossero solo una bugia, un'invenzione di qualche tipo? I salvatori come Cristo, Mani, Buddha e Krishna, tra gli altri, sono considerati personaggi reali e storici.

I salvatori di tutte le religioni sono in effetti delle repliche, reali o no, degli eroi dell'antichità, anch'essi figli di Dio di un mortale e che combinano entrambe le nature, come Cristo e Krishna. Quando torniamo indietro nel tempo, questa infinita successione di Salvatori finisce con la fine in eroi inondati come Manu e Noah, gli stessi che hanno fondato l'era attuale. E il diluvio non è in effetti altro che il cataclisma che fece fondere l'Atlantide, all'alba dei tempi.

Quindi, vediamo che, in effetti, gli Eroi Civilizzatori sono personificazioni delle Missae (o Messias), i Messaggeri Celesti usciti da Atlantide, cioè dal Paradiso sommerso trasformato nella Terra dei Morti delle antiche tradizioni.




L'isola del fuoco e l'isola del sole


Gli eroi civilizzatori del Vecchio e del Nuovo Mondo erano i Dravida luciferini dell'India meridionale, della Birmania e dell'Indonesia incontaminata, il vero luogo dell'Eden. Come abbiamo detto sopra, l '"indigenismo" degli amerindi era, come la loro "ferocia" e la loro incorruttibile "irreligione", solo un accorgimento dei bianchi per giustificare il genocidio dei loro fratelli maggiori d'America, di cui hanno la terra e la ricchezza ardentemente bramato. Questi Dravida incontaminati erano i "rossi" di Atlantide , chiamati proprio da quell'epiteto in quasi tutte le tradizioni.

L'Eden, il Paradiso Terrestre, era in effetti l'Indonesia e, più esattamente, la sua parte sommersa che identifichiamo con l' Atlantide Lemuriana. In effetti, l'Indonesia è appunto "l'isola del fuoco" che è associata ad Atlantide nelle antiche tradizioni gnostiche. L'Indonesia deriva il suo nome dal greco Indos-nesos, che significa "isola indiana". Ma la parola "India" deriva, come il nome di Eden, da un sanscrito radicale indh (o endh o edh) che significa "fuoco".

Quindi, il vero etimo (o etimo o etimologia) del nome dell'Indonesia è "L'isola del fuoco", come abbiamo appena detto. Ma il suddetto radix è anche associato all'idea di "sole" (Drav. Endi, eddi), così che "l'Indonesia" è anche "l'isola del sole", un altro nome frequente di Atlantidenelle tradizioni esoteriche. L'Eden, il Paradiso Terrestre, era in effetti l'Atlantide Lemuriana che era la Grande Madre degli dei e degli uomini. Il suo meraviglioso "Figlio" (o "Gemello" o "Amante") fu il secondo Paradiso, l'Atlantide indiana, costruita nell'Indo




Il significato dei dipinti di sabbia navajo


Finalmente raggiungiamo una posizione in cui possiamo interpretare utilmente le tele di sabbia dei Navajo . Questa sofisticata forma di espressione artistica apprese dagli indiani Pueblo , insieme alle arti e alle tecniche, come descritto in precedenza.

Speriamo che, ormai, il caro lettore che ci ha seguito pazientemente fino a qui, sia perlomeno convinto che i miti e le religioni amerindi sono essenzialmente gli stessi di quelli del Vecchio Mondo, in particolare per quanto riguarda il messaggio esoterico. E se porterà con noi fino alla fine del presente capitolo, ne saremo, ne siamo sicuri, pienamente convinti com'eravamo noi stessi quando abbiamo scoperto per la prima volta il vero significato della mitologia indù e amerindia e il loro intimo legame con la storia segreta di Atlantide.

Naturalmente, il significato di fondo dei miti amerindi è molto difficile da penetrare. È forse anche più difficile delle loro mitiche controparti del Vecchio Mondo. Dopo tutto, i miti amerindi sono, come quelli del Vecchio Mondo, parte del segreto dei Misteri. Quindi, se fossero facili da perforare, non sarebbero Misteri e non richiederebbero alcuna Iniziazione.

Ma, anche senza comprendere appieno il significato interiore degli antichi miti e delle tradizioni religiose, è immediatamente evidente che derivano tutti da un'unica, unica fonte di diffusione. L'accordo nella forma, nel dettaglio e nel significato trascende ogni possibilità di una coincidenza casuale. E le forme sono così sofisticate, così vicine in tutti i dettagli, e così trascendentali da precludere tutti i tipi di archetipi collettivi eventualmente incisi nell'inconscio umano, nel modo proposto da Jung e Eliade e, un po 'meno fantasiosamente, da Freud e la sua scuola.

La domanda è davvero una di diffusione, come è visibile nel trasferimento dai Pueblo agli Athabaskani(Apaches e Navajos) e negli altri menzionati sopra. A loro volta, gli indiani Pueblo furono istruiti dai Maya e dagli Aztechi; questi dagli Incas e dagli Incas dagli Eroi Civilizzatori che arrivarono dall'Indonesia, attraverso la Polinesia e la Melanesia, come raccontano le loro leggende e tradizioni.




I Mandala indù come archetipi dei Navajo


Nelle figure sottostanti riproduciamo alcuni dei mandala dai colori generosamente colorati dei Navajo e quelli ancora più perfetti degli indù e dei tibetani.

Per ragioni di spazio, siamo limitati a presentare solo un paio di tali mandala.

Ma il lettore interessato è consigliato di perseguire il confronto nei riferimenti elencati di seguito, o in qualsiasi altro che possa trovare da sé nella letteratura abbondante sull'argomento. 2

La figura 2 (aeb) mostra il luogo di emersione come la montagna centrale circondata dai quattro centri sussidiari (anch'essi composti da montagne o isole).

Queste cinque montagne sono uguali a quelle visitate dai Gemelli, come descritto sopra.

I quattro triangoli accatastati ai quattro angoli rappresentano la successione delle Quattro ere dell'umanità, con la quinta che è quella centrale; l'età degli eroi di Esiodo , quella che corrisponde ad Atlantide .


Il tema esiodico delle quattro (o cinque) ere (o età) dell'umanità deriva ancora dagli Yuga indù (ere).

Ma il motivo è anche diffuso in tutte le Americhe, come dimostriamo in altre opere sull'argomento.

I triangoli sfalsati del mandala navajo rappresentano lo stesso simbolismo di quelli del famoso mandala Shri Yantra degli indù.

Rappresentano, come mostrato in Fig. 3, le Creazioni sequenziali delle ere successive che emanano come onde dal Centro Primordiale.


Nei dipinti di sabbia navajo , le quattro filiali Holy Mountains poste ai quattro cardinali direzioni sono spesso sostituite dai loro quattro guardiani. Questi quattro sono spesso considerati come serpenti o uccelli, i loro equivalenti simbolici.

Questi Guardiani sono solitamente colorati e i rispettivi colori araldici sono Bianco, Giallo, Blu e Nero, con il quinto, Rosa, a volte incluso.

I quattro colori sono quelli di Sun's House, che è la Montagna Centrale e combina tutti e quattro i colori in strisce, punti o sovrapposizioni.




I quattro serpenti guardiani sono le controparti esatte di ciò che gli indù chiamano i quattro naga ("serpenti guardiani" o "draghi"). Anche in India questi guardiani sono spesso simbolizzati dalle loro quattro cime montuose, completando il quinconce centrato attorno al Monte. Meru .

Chiunque si fermi a meditare su tali coincidenze esatte non può, noi crediamo, arrivare a una conclusione diversa da quella che effettivamente hanno avuto origine in India e Indonesia e, più esattamente, in Atlantide e in Lemuria .




Il significato segreto dei Mandala indù e degli Yantras


La Santa Montagna del Paradiso Indù è spesso rappresentata in allegorie anche più sottili di quelle sopra.

Uno di questi è un famoso traforo di origine indù costituito da una stella a quattro punte circondata da un ottagono. La stella a quattro punte è in effetti una piramide (Mt. Meru) vista dall'alto, in pianta. Le sue quattro facce sono rientrate, come nella Grande Piramide e in quella di Mykerinos , così che la piramide diventa una stella a quattro punte. L'ottagono che avvolge rappresenta l'Oceano circolare che circondava l' Atlantide . L'infinita successione di tali piramidi circondate rappresenta l'infinita successione delle ere nel tempo.

Un motivo molto simile è il cosiddetto traforo dogtooth. Consiste in una serie ripetuta di piramidi a quattro lati in rilievo, ognuna con le facce rientrate come quelle del Monte. Meru e la Grande Piramide. L'idea è, ancora una volta, identica a quella sopra. Altri motivi decorativi simili sono usati dall'Amazzonia e da altri indiani del Sud America nei loro setacci e altri cesti. I colori che usano sono solitamente quelli dei quattro indù indù (rosso, nero, bianco, giallo), ottenuti usando fibre di diversi colori.

Di nuovo, i loro motivi preferiti sono quelli del Monte piramidale. Meru visto in pianta come una stella a quattro punte o una montagna cruciforme. Questi ingegnosi disegni amazzonici risalgono ad un'immensa antichità, come attestano le ceramiche trovate nell'isola di Marajó e altrove. Inoltre, essi corrispondono strettamente a decorazioni di vasi simili trovati altrove nelle Americhe e, in effetti, in tutto il mondo, come illustriamo in dettaglio altrove.

Non c'è dubbio che questo motivo decorativo rappresenta la stessa cosa e, quindi, deriva da un'unica fonte . In realtà, sono tutte varianti della rappresentazione mandalica del monte. Meru , la Santa Montagna del Paradiso. E, quando ci fermiamo a riflettere sul loro significato, vediamo il motivo per cui vengono chiamati mandala o yantras.

La parola yantra significa "dispositivo per pensare" in sanscrito, mentre mandala ("ruota") è in effetti correlata alla radice manas ("mente"), e implica l'idea di "dispositivo per ricordare". In altre parole, i mandala o gli yantras come quelli in discussione sono dispositivi per meditare sugli eventi Paradisiali e, più esattamente, sulla distruzione e l'affondamento di Atlantide dalla memorabile esplosione della sua Santa Montagna.

[Edited by (richard) 10/15/2019 7:45 PM]


ELIMINATO L'IMPOSSIBILE,CIO' CHE RESTA,PER IMPROBABILE CHE SIA,DEVE ESSERE LA VERITA'! <"center">


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
NUOVA DISCUSSIONE
 | 
RISPONDI
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:10 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com


Copyright 2008-2020 UFODIRECTLINE Ogni riproduzione totale o parziale alla grafica e ai contenuti esclusivi di questo sito sarà punita a norma di legge. Parte del materiale di UFODIRECTLINE è stato scelto fra il materiale di ufologia disponibile gratuitamente sul web; ogni foto e marchio è dei rispettivi autori. Se ritenete che la nostra azione abbia infranto qualche diritto di copyright siete pregati di comunicarcerlo: provvederemo a rimuovere il materiale. Questo forum non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro). L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.