printprint
New Thread
Reply
 

Genesi 1:6 cosa intende per rā·qî·a‘ ?

Last Update: 6/13/2019 9:47 PM
Author
Print | Email Notification    
6/10/2019 5:15 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 56,617
Moderatore
Caro VVRL,


Ti ho detto di si. Le finestre servivano a far cadere le acque di sopra, altrimenti cosa ci stavano a fare in cielo? A guardare il panorama? Quante volte devo ancora ripetere questa risposta?



Infatti, secondo la Bibbia le finestre non servono proprio a nulla perché leggendo quel testo si dice chiaramente che la pioggia non è il prodotto di apertura e chiusura di finestre letterali ma dell'evaporazione dell'acqua. Per questo che diciamo che si tratta solo di un'espresssione figurata.

D'altronte tu ancora non rispondi: quante volte queste "finestre" sono state aperte e chiuse secondo le Scritture? E quante volte è piovuto dopo il diluvio? In quale genere letterario è usata la parola "cateratte" e riferita a chi? Prima di giudicare il testo dovresti leggerlo.


La Bibbia non lo spiega, lo spiega però bene Aristotele che era coevo del periodo in cui venne scritta Genesi



Anche dando retta alle datazioni più estreme tra la Genesi e Aristotele passano 3 secoli circa, una a Babilonia e l'altro in Grecia, due ambienti linguistici e culturali agli antipodi, tanto più che Aristotele fino al medioevo era poco conosciuto. Vedi tu se possiamo spiegare la Bibbia con le idee di Aristotele che, per altro, non mi risulta che sostenesse che la pioggia fosse il prodotto dell'apertura di cateratte nel firmamento. Che facciamo? In questo caso Aristotele non spiega più la Bibbia?


Questi aveva ipotizzato il roqià come una sfera di cristallo con incassonati gli astri (in realtà c'erano tante sfere concentriche in cielo, quindi più roqià). Il movimento del roqia era da inputare a Dio dato che produceva la rotazione del primo rotante (il roqià più esterno). Come dicevo, il modello biblico è molto più semplice dato che prevede una sola cupola che evidentemente veniva messa in moto direttamente da Dio, ma il concetto non cambierebbe rispetto al sistema Aristotelico/Tolemaico, sempre Dio era quello che produceva il movimento degli astri



Peccato che la Bibbia non dice mai che la distesa fosse una cupola, non dice che fosse di cristallo trasparente né dice che venisse messa in moto da Dio. Semmai è la tua chiesa che nel passato, nel desiderio di accordare la Bibbia con la filosofica greca, cercò di trovarvi delle similitudini ignorando le evidenti differenze esistenti tra Bibbia e modello aristotelico.


Piuttosto che fare sempre le stesse domande, riesci a confutare questa argomentazione?



Beh, se fosse vero quanto dici dovremmo dire che le cateratte sono solo figurative perché Aristotele non le contempla nel suo modello.

Shalom [SM=g27987]

--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
Lida Daidaihua cosa ne pensate?Perdere peso.Pillole dima...cosa6/21/2019 9:20 PM by blackmary
I cubani potranno utilizzare e condividere reti private per navigare in internetCuba Facileper6/22/2019 9:16 PM by cocoloco
Formula per cancellare dati all'interno di un campo definito con dataExcel Forumper6/19/2019 7:24 PM by Pako96
6/10/2019 5:28 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,464
Location: MILANO
Age: 44
Re:
barnabino, 10/06/2019 17.15:

Caro VVRL,


Ti ho detto di si. Le finestre servivano a far cadere le acque di sopra, altrimenti cosa ci stavano a fare in cielo? A guardare il panorama? Quante volte devo ancora ripetere questa risposta?



Infatti, secondo la Bibbia le finestre non servono proprio a nulla perché leggendo quel testo si dice chiaramente che la pioggia non è il prodotto di apertura e chiusura di finestre letterali ma dell'evaporazione dell'acqua. Per questo che diciamo che si tratta solo di un'espresssione figurata.

D'altronte tu ancora non rispondi: quante volte queste "finestre" sono state aperte e chiuse secondo le Scritture? E quante volte è piovuto dopo il diluvio? In quale genere letterario è usata la parola "cateratte" e riferita a chi? Prima di giudicare il testo dovresti leggerlo.


La Bibbia non lo spiega, lo spiega però bene Aristotele che era coevo del periodo in cui venne scritta Genesi



Anche dando retta alle datazioni più estreme tra la Genesi e Aristotele passano 3 secoli circa, una a Babilonia e l'altro in Grecia, due ambienti linguistici e culturali agli antipodi, tanto più che Aristotele fino al medioevo era poco conosciuto. Vedi tu se possiamo spiegare la Bibbia con le idee di Aristotele che, per altro, non mi risulta che sostenesse che la pioggia fosse il prodotto dell'apertura di cateratte nel firmamento. Che facciamo? In questo caso Aristotele non spiega più la Bibbia?


Questi aveva ipotizzato il roqià come una sfera di cristallo con incassonati gli astri (in realtà c'erano tante sfere concentriche in cielo, quindi più roqià). Il movimento del roqia era da inputare a Dio dato che produceva la rotazione del primo rotante (il roqià più esterno). Come dicevo, il modello biblico è molto più semplice dato che prevede una sola cupola che evidentemente veniva messa in moto direttamente da Dio, ma il concetto non cambierebbe rispetto al sistema Aristotelico/Tolemaico, sempre Dio era quello che produceva il movimento degli astri



Peccato che la Bibbia non dice mai che la distesa fosse una cupola, non dice che fosse di cristallo trasparente né dice che venisse messa in moto da Dio. Semmai è la tua chiesa che nel passato, nel desiderio di accordare la Bibbia con la filosofica greca, cercò di trovarvi delle similitudini ignorando le evidenti differenze esistenti tra Bibbia e modello aristotelico.


Piuttosto che fare sempre le stesse domande, riesci a confutare questa argomentazione?



Beh, se fosse vero quanto dici dovremmo dire che le cateratte sono solo figurative perché Aristotele non le contempla nel suo modello.

Shalom [SM=g27987]



Barnabino, lascia rispondere Simon. E' laureato in ingegneria e a differenza mia non fa copia e incolla su guggol. Suppongo quindi che sia in grado di rispondere alle obiezioni che gli sollevo, giusto?

6/10/2019 5:29 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 56,617
Moderatore
Caro VVRL,


La terra infatti non cade nel vuoto per intervento divino, stessa cosa dicasi per le nuvole. Dimmi tu se la scienza di oggi ammette l'ipotesi che le nuvole non cadono perché Geova le sorregge



Siamo sempre alle solite, non devi aspettarti dalla Bibbia spiegazioni scientifiche di eventi naturali. Non era l'obiettivo dell'autore che non stava scrivendo un testo di storia naturale ma un testo di teologia in linguaggio poetico. Di certo quando dice che "Egli sospende la terra sul nulla" descrive un'immagine con cui sarebbe d'accordo anche la scienza moderna, al di là delle conclusioni teologiche dell'autore sui motivi per cui sia in quella posizione.


Ho solo detto che la scelta di Geova di creare il roqia è stata effettivamente intelligente, dato che serviva da barriera per le acque di sopra e serviva anche a contenere e non far cadere gli astri



Nulla ci dice che questa barriera sia solida o di cristallo, per quanto ne sappiamo la volta celeste potrebbe indicare l'atmosfera gassosa (dunque non il vuoto) che costituisce una naturale barriera contro eventuali corpi celesti e radiazioni solari. Capisci che se vogliamo cercare interpretazioni le troviamo senza Aristotele, ma capisci anche che sono speculazioni tanto quanto lo erano quelle della tua chiesa che vi leggeva Aristotele.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
6/10/2019 6:00 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,464
Location: MILANO
Age: 44
Re:
barnabino, 10/06/2019 17.29:



Siamo sempre alle solite, non devi aspettarti dalla Bibbia spiegazioni scientifiche di eventi naturali. Non era l'obiettivo dell'autore che non stava scrivendo un testo di storia naturale ma un testo di teologia in linguaggio poetico. Di certo quando dice che "Egli sospende la terra sul nulla" descrive un'immagine con cui sarebbe d'accordo anche la scienza moderna, al di là delle conclusioni teologiche dell'autore sui motivi per cui sia in quella posizione.


Senza offesa, ma dai una botta al cerchio e una alla botte a seconda della convenienza del momento.
La scienza non ammetta da nessuna parte che un qualsiasi dio possa tenere sospesa la terra nel vuoto. La terra non ha bisogna di Geova per girare attorno al sole. Semmai Dio ha creato la legge di gravitazione universale, ma il moto della terra nel vuoto è spiegato da questa legge e non certo dall'ipotesi che c'è Dio che la spinge.
Per il resto nella frase "sospende la terra sul nulla" non c'è nulla di teologico, è solo un tentativo di spiegare il motivo per cui la terra non cade come tutti gli oggetti.



Nulla ci dice che questa barriera sia solida o di cristallo, per quanto ne sappiamo la volta celeste potrebbe indicare l'atmosfera gassosa (dunque non il vuoto) che costituisce una naturale barriera contro eventuali corpi celesti e radiazioni solari. Capisci che se vogliamo cercare interpretazioni le troviamo senza Aristotele, ma capisci anche che sono speculazioni tanto quanto lo erano quelle della tua chiesa che vi leggeva Aristotele.


Come fai a volare così tanto con la fantasia? Genesi dice che il riqià serve per dividere le acque e tu la fai diventare una barriera contro i meteoriti, cosa completamente falsa dato che in passato hanno causato l'estinzione dei dinosauri?
Qui gli unici che fanno speculazioni siete tu ed Aquila, che cercate di dare spiegazioni scientifiche ad un racconto che voi stessi dite essere poetico. Lasciamo a Genesi il ruolo mitologico e lasciamo alla scienza il compito di spiegare le effettive origini dell'universo.




6/10/2019 6:16 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 29,164
Location: ANCONA
Age: 60
TdG
Re: Re: Re: Re: Re: Re:
VVRL, 10/06/2019 15.09:

Aquila-58, 10/06/2019 12.35:



La Bibbia anticipa di molto le concezioni giudaiche dell' epoca, secondo il passo di Giobbe 26:7, direi che ti sbagli!


A parte che non si capisce in cosa consistano le concezioni giudaiche del tempo, non c'è proprio alcun anticipo dato che Giobbe vede un intervento divino praticamente in ogni aspetto fisico descritto dalla Bibbia. La terra infatti non cade nel vuoto per intervento divino, stessa cosa dicasi per le nuvole. Dimmi tu se la scienza di oggi ammette l'ipotesi che le nuvole non cadono perché Geova le sorregge.
Questo è una precursione dei tempi moderni? Senti a me, lascia perdere.




ma devi essere tu a lasciar perdere, non io!

Giobbe è ispirato da Dio a scrivere quella frase che è riportata nel libro intitolato al suo nome.
Quindi questa frase ispirata anticipa i tempi proprio perché è ispirata da Dio e in ogni caso esclude che i giudei dell' epoca credessero alla concezione aristotelica, secondo cui un oggetto deve poggiare su qualcosa o esservi attaccato, altrimenti cade.

Lascia perdere!


VVRL, 10/06/2019 15.09:




No, questo non te lo concedo!
QUI DEVI AVERE RISPETTO PER GEOVA DIO, ALTRIMENTI TE NE PUOI ANCHE ANDARE!

In Genesi 1 non si parla affatto di "barriere solide", se ne parla solo nelle tue fantasie, prova ne sia che Giobbe 26:7 non sa nulla di "barriere solide" e certo una terra sospesa sul nulla sarebbe stata cosa completamente assurda per Aristotele


In che senso scusa?
Ho solo detto che la scelta di Geova di creare il roqia è stata effettivamente intelligente, dato che serviva da barriera per le acque di sopra e serviva anche a contenere e non far cadere gli astri.
Perché pensi male di ogni cosa che scrivo?







perché quello che hai scritto (con tanto di faccina) riguardo a Geova è irrispettoso, quindi vedi di cambiare tono.
In Genesi 1:6-8 riguardo alla distesa, nono si parla di nessuna barriera solida se non nei tuoi sogni, banalmente perché non c' è scritto

Stammi bene



[SM=g1871112]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
6/10/2019 6:22 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 31,404
Location: PINEROLO
Age: 48
TdG
Re:
VVRL, 10/06/2019 15:02:



Ti ho detto di si. Le finestre servivano a far cadere le acque di sopra, altrimenti cosa ci stavano a fare in cielo? A guardare il panorama? Quante volte devo ancora ripetere questa risposta?
La Bibbia non lo spiega, lo spiega però bene Aristotele che era coevo del periodo in cui venne scritta Genesi.



Caro VVRL,
il tuo livello è un po' bassino. Già è problematico e attira la critica erudita se spieghiamo la Bibbia con la Bibbia stessa; se poi ci mettiamo a spiegare la Bibbia con Aristotele, stiamo a posto!
Soprattutto sarebbe interessante sapere come fa Aristotele, vissuto nel IV sec a.C. in Grecia a spiegare un testo ebraico di 2700 anni fa!
Spiegalo tu VVRL...

VVRL, 10/06/2019 15:02:


Questi aveva ipotizzato il roqià come una sfera di cristallo con incassonati gli astri (in realtà c'erano tante sfere concentriche in cielo, quindi più roqià). Il movimento del roqia era da inputare a Dio dato che produceva la rotazione del primo rotante (il roqià più esterno). Come dicevo, il modello biblico è molto più semplice dato che prevede una sola cupola che evidentemente veniva messa in moto direttamente da Dio, ma il concetto non cambierebbe rispetto al sistema Aristotelico/Tolemaico, sempre Dio era quello che produceva il movimento degli astri.
Piuttosto che fare sempre le stesse domande, riesci a confutare questa argomentazione?



Ah dunque, non solo il modello è posteriore allo scritto biblico, ma dovrebbe spiegarlo lo stesso, ma dove c'è scritto "roquià" al singolare tu lo prendi per plurale, perchè il Dio della Bibbia si sarebbe dimenticato di spiegare quello che lui aveva fatto?

Ti chiedevo comunque, visto che tra l'altro qui parliamo di Bibbia, dove leggi che Dio avrebbe aperto le "finestre" in tutte le altre occasioni che piovve, e devono essere state tante.

A me pare che tu ti stia inventando una spiegazione che tra l'altro è del tutto sballata cronologicamente e fa acqua in tutti i dettagli, giusto per un tuo sfizio filosofico, di livello bassino...

Simon
6/10/2019 6:22 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 56,617
Moderatore
Caro VVRL,


Senza offesa, ma dai una botta al cerchio e una alla botte a seconda della convenienza del momento. La scienza non ammetta da nessuna parte che un qualsiasi dio possa tenere sospesa la terra nel vuoto. La terra non ha bisogna di Geova per girare attorno al sole



Sembri stentare a capire: la Bibbia non è un testo di storia naturale. Quella di Giobbe è un'immagine poetica di valore teologico e non scientifico, non sta spiegandoci come la terra sia sospesa nel nulla o come Dio la sospenda o queli forze la sospendano. Detto questo l'immagine poetica non dice nulla di scientificamente scorretto, non vede la terra appoggiata su qualcosa come in molto mitologie arcaiche.


Come fai a volare così tanto con la fantasia? Genesi dice che il riqià serve per dividere le acque e tu la fai diventare una barriera contro i meteoriti, cosa completamente falsa dato che in passato hanno causato l'estinzione dei dinosauri?



E' solo per dimostrarti che se ci allontaniamo dal testo possiamo fargli dire molte cose... anche dire che il raqià è solido e trasparente è pura fantasia non essendo detto da nessuna parte ma vedi che se ci mettiamo un po' di fantasia possiamo leggerlo in molti altri modi.


Qui gli unici che fanno speculazioni siete tu ed Aquila, che cercate di dare spiegazioni scientifiche ad un racconto che voi stessi dite essere poetico



Io veramente non do nessuna spiegazione scientifica, ti dico come i fatti si sarebbero avvicendati secondo la Genesi, non sono una descrizione scientifica ma sono solo una descrizione poetica. Sei tu piuttosto che insisti nel voler far passare interpretazioni medievali, basate su Aristotele, come se fossero le sole possibili, capisci?

Shalom
[Edited by barnabino 6/10/2019 6:24 PM]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
6/10/2019 6:24 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,464
Location: MILANO
Age: 44
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
Aquila-58, 10/06/2019 18.16:



ma devi essere tu a lasciar perdere, non io!

Giobbe è ispirato da Dio a scrivere quella frase che è riportata nel libro intitolato al suo nome.
Quindi questa frase ispirata anticipa i tempi proprio perché è ispirata da Dio e in ogni caso esclude che i giudei dell' epoca credessero alla concezione aristotelica, secondo cui un oggetto deve poggiare su qualcosa o esservi attaccato, altrimenti cade.

Lascia perdere!


Ecco il solito errore di base: siccome la Bibbia è ispirata da Dio, allora deve dire il vero su tutto.


perché quello che hai scritto (con tanto di faccina) riguardo a Geova è irrispettoso, quindi vedi di cambiare tono.
In Genesi 1:6-8 riguardo alla distesa, nono si parla di nessuna barriera solida se non nei tuoi sogni, banalmente perché non c' è scritto

Stammi bene


Quindi le acque di sopra non cadono sulla terra perché Dio le tiene come la terra sul vuoto?
Bada bene che Genesi non parla di vapore o nubi, ma parla di acque di sopra che devono essere come le acque di sotto per essere divise, cioè devono essere liquide secondo la Bibbia.😊


6/10/2019 6:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 31,404
Location: PINEROLO
Age: 48
TdG
Re: Re:
VVRL, 10/06/2019 18:00:

...
Come fai a volare così tanto con la fantasia? Genesi dice che il riqià serve per dividere le acque e tu la fai diventare una barriera contro i meteoriti, cosa completamente falsa dato che in passato hanno causato l'estinzione dei dinosauri?
Qui gli unici che fanno speculazioni siete tu ed Aquila, che cercate di dare spiegazioni scientifiche ad un racconto che voi stessi dite essere poetico. Lasciamo a Genesi il ruolo mitologico e lasciamo alla scienza il compito di spiegare le effettive origini dell'universo.




Caro VVRL,
quanto a fantasia, tu non sei secondo a nessuno in questo forum.

Tra le tue prodezze, ti ricordo l'ablativo greco e adesso la teoria aristotelica per spiegare gli scritti biblici precedenti a lui.

Il racconto poetico deve, prima di tutto essere letto, poi capito per quel che dice.
E già mi pare proprio che tu abbiamo non pochi problemi di comprensione. Poi ci aggiungi le tue invenzioni fantasiose... non hai altri modi di passare il lunedi di pentecoste?

Simon
6/10/2019 6:32 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 56,617
Moderatore

Ecco il solito errore di base: siccome la Bibbia è ispirata da Dio, allora deve dire il vero su tutto



Ecco le solite generalizzazioni, Aquila ti ha fatto un'osservazione specifica non generale. Che c'entra generalizare? Si vuoi parlare del concetto di "inerranza" fallo altrove.


Quindi le acque di sopra non cadono sulla terra perché Dio le tiene come la terra sul vuoto?



La acque di sopra non cadono perché anche per gli antichi saliva in alto e non in basso...


Bada bene che Genesi non parla di vapore o nubi, ma parla di acque di sopra



Perché, le nuvole cosa sono per la Bibbia se non acqua? Di cosa doveva parlare un testo poetico per indicare nubi eccezionalmente cariche di acqua, al punto da non permettere la visione del sole e della luna? Per altro le nubi sono "costituita da minute particelle d'acqua condensata e/o cristalli di ghiaccio, sospesi nell'atmosfera grazie a correnti ascensionali" (Wikipedia) e dunque parlare di acque di sopra sarebbe pure scientifico.

Shalom [SM=g27985]

[Edited by barnabino 6/10/2019 6:36 PM]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
6/10/2019 6:32 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 29,164
Location: ANCONA
Age: 60
TdG
Re: Re:
VVRL, 10/06/2019 18.00:

barnabino, 10/06/2019 17.29:



Siamo sempre alle solite, non devi aspettarti dalla Bibbia spiegazioni scientifiche di eventi naturali. Non era l'obiettivo dell'autore che non stava scrivendo un testo di storia naturale ma un testo di teologia in linguaggio poetico. Di certo quando dice che "Egli sospende la terra sul nulla" descrive un'immagine con cui sarebbe d'accordo anche la scienza moderna, al di là delle conclusioni teologiche dell'autore sui motivi per cui sia in quella posizione.


Senza offesa, ma dai una botta al cerchio e una alla botte a seconda della convenienza del momento.
La scienza non ammetta da nessuna parte che un qualsiasi dio possa tenere sospesa la terra nel vuoto.





ma il fatto che Giobbe sotto ispirazione dica che Dio sospende la terra sul Nulla non indica in se un intervento divino miracoloso. Dio ha stabilito gli statuti dei cieli, come è scritto sempre in Giobbe (Giobbe 38:33), quindi Dio ha stabilito delle leggi per cui gli astri restano sospesi senza essere attaccati a qualche barriera, come pensi tu.
Lascia perdere!


VVRL, 10/06/2019 18.00:



La terra non ha bisogna di Geova per girare attorno al sole. Semmai Dio ha creato la legge di gravitazione universale, ma il moto della terra nel vuoto è spiegato da questa legge e non certo dall'ipotesi che c'è Dio che la spinge.




ma che dici?
Dio ha stabilito gli statuti dei cieli, ergo le leggi fisiche che determinano il funzionamento dell' Universo.
Lascia perdere!

VVRL, 10/06/2019 18.00:




Per il resto nella frase "sospende la terra sul nulla" non c'è nulla di teologico, è solo un tentativo di spiegare il motivo per cui la terra non cade come tutti gli oggetti.





Per nulla!
La frase ispirata di Giobbe rientra nel quadro degli statuti dei cieli di cui parla lo stesso Giobbe.
Lascia perdere!


VVRL, 10/06/2019 18.00:





Nulla ci dice che questa barriera sia solida o di cristallo, per quanto ne sappiamo la volta celeste potrebbe indicare l'atmosfera gassosa (dunque non il vuoto) che costituisce una naturale barriera contro eventuali corpi celesti e radiazioni solari. Capisci che se vogliamo cercare interpretazioni le troviamo senza Aristotele, ma capisci anche che sono speculazioni tanto quanto lo erano quelle della tua chiesa che vi leggeva Aristotele.


Come fai a volare così tanto con la fantasia? Genesi dice che il riqià serve per dividere le acque e tu la fai diventare una barriera contro i meteoriti, cosa completamente falsa dato che in passato hanno causato l'estinzione dei dinosauri?
Qui gli unici che fanno speculazioni siete tu ed Aquila, che cercate di dare spiegazioni scientifiche ad un racconto che voi stessi dite essere poetico. Lasciamo a Genesi il ruolo mitologico e lasciamo alla scienza il compito di spiegare le effettive origini dell'universo.







ma lascia tu il "ruolo mitologico" alla Genesi, perché è quello che cerchi (avendo sempre sullo sfondo, ovviamente, Adamo ed Eva, il tuo vero obiettivo!)
Noi non diciamo affatto che Genesi 1 sia una narrazione poetica, dove lo leggi?
Solo che Genesi 1, se letta correttamente, non collide in alcun modo con la scienza...ripeto, se letta correttamente e senza favole aristoteliche

Lascia perdere!



-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
6/10/2019 6:40 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 29,164
Location: ANCONA
Age: 60
TdG
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
VVRL, 10/06/2019 18.24:

Aquila-58, 10/06/2019 18.16:



ma devi essere tu a lasciar perdere, non io!

Giobbe è ispirato da Dio a scrivere quella frase che è riportata nel libro intitolato al suo nome.
Quindi questa frase ispirata anticipa i tempi proprio perché è ispirata da Dio e in ogni caso esclude che i giudei dell' epoca credessero alla concezione aristotelica, secondo cui un oggetto deve poggiare su qualcosa o esservi attaccato, altrimenti cade.

Lascia perdere!


Ecco il solito errore di base: siccome la Bibbia è ispirata da Dio, allora deve dire il vero su tutto.




non mi pare che su Giobbe 26:7 dica il falso, se leggiamo il passo unitamente a Giobbe 38:33.
Lascia perdere!


VVRL, 10/06/2019 18.24:




perché quello che hai scritto (con tanto di faccina) riguardo a Geova è irrispettoso, quindi vedi di cambiare tono.
In Genesi 1:6-8 riguardo alla distesa, nono si parla di nessuna barriera solida se non nei tuoi sogni, banalmente perché non c' è scritto

Stammi bene


Quindi le acque di sopra non cadono sulla terra perché Dio le tiene come la terra sul vuoto?
Bada bene che Genesi non parla di vapore o nubi, ma parla di acque di sopra che devono essere come le acque di sotto per essere divise, cioè devono essere liquide secondo la Bibbia.





perché le nuvole di cosa sono fatte, di vino?
Sul fatto che Dio non tenga la terra sul vuoto come facesse un intervento miracoloso ma che abbia stabilito degli statuti, cioè delle leggi nel ho già parlato sopra e questo vale anche per la acque di sopra e per tutto il resto.

Stammi bene


-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
6/11/2019 9:32 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,464
Location: MILANO
Age: 44
Re: Re: Re:
Aquila-58, 10/06/2019 18.32:



ma il fatto che Giobbe sotto ispirazione dica che Dio sospende la terra sul Nulla non indica in se un intervento divino miracoloso. Dio ha stabilito gli statuti dei cieli, come è scritto sempre in Giobbe (Giobbe 38:33), quindi Dio ha stabilito delle leggi per cui gli astri restano sospesi senza essere attaccati a qualche barriera, come pensi tu.


Cosa dici? Il filo che sospende sul vuoto l'acrobata non è vero che indica il sostentamento? Mah
Certo che Dio ha stabilito le leggi che l'uomo non può conoscere come dice proprio Giobbe 38. Ti risulta che oggi non conosciamo il motivo per cui la luna gira attorno alla terra?
Questo visione della natura dimostra l'idea biblica che è Dio che agisce in maniera costante.



ma lascia tu il "ruolo mitologico" alla Genesi, perché è quello che cerchi (avendo sempre sullo sfondo, ovviamente, Adamo ed Eva, il tuo vero obiettivo!)
Noi non diciamo affatto che Genesi 1 sia una narrazione poetica, dove lo leggi?
Solo che Genesi 1, se letta correttamente, non collide in alcun modo con la scienza...ripeto, se letta correttamente e senza favole aristoteliche


Adesso ritratti il senso poetico delle cateratte dei cieli?
Quanto ti fa comodo Genesi non è letterale e diventa un racconto poetico, quando non ti fa comodo prendi tutto alla lettera. Mah





6/11/2019 9:46 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,464
Location: MILANO
Age: 44
Re:
barnabino, 10/06/2019 18.32:


Ecco le solite generalizzazioni, Aquila ti ha fatto un'osservazione specifica non generale. Che c'entra generalizare? Si vuoi parlare del concetto di "inerranza" fallo altrove.


Ma il problema è proprio l'approccio alla lettura della Bibbia. Voi partite dal postulato che la Bibbia dice il vero non solo sugli aspetti teologici, ma anche sulle informazioni scientifiche e storiche. Io dico invece che l'inerranza biblica riguarda solo il significato teologico, il resto non è attendibile.



La acque di sopra non cadono perché anche per gli antichi saliva in alto e non in basso...


Quando mai l'acqua sale in alto? Tutti noi facciamo esperienza che l'acqua cade in basso come tutti gli oggetti solidi. Se poi tu non conosci la differenza tra lo stato solido e lo stato gassoso della materia è un altro discorso.


Perché, le nuvole cosa sono per la Bibbia se non acqua? Di cosa doveva parlare un testo poetico per indicare nubi eccezionalmente cariche di acqua, al punto da non permettere la visione del sole e della luna? Per altro le nubi sono "costituita da minute particelle d'acqua condensata e/o cristalli di ghiaccio, sospesi nell'atmosfera grazie a correnti ascensionali" (Wikipedia) e dunque parlare di acque di sopra sarebbe pure scientifico.


Intanto nel contesto di Genesi non si mette mai in relazione l'acqua con le nuvole. In secondo luogo nessun contesto poetico può mai collegare le nuvole a delle finestre che si aprono e chiudono, in fine la scienza esclude categoricamente che dell'acqua possa ammassarsi nell'atmosfera a tal punto da oscurare il sole. Evidentemente ti mancano le conoscenze scientifiche di base, dato che un gas (vapore) non è acqua in termini scientifici, seppur le molecole sono uguale, cambiando solo lo stato di aggregazione. Questo lo dice chiaramente la scienza di oggi e manco lontanamente poteva essere intuito dagli antichi che vedevano la materia tutta formata da tre o 4 elementi.


6/11/2019 3:06 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 56,617
Moderatore
Caro VVRL,


Ma il problema è proprio l'approccio alla lettura della Bibbia. Voi partite dal postulato che la Bibbia dice il vero non solo sugli aspetti teologici, ma anche sulle informazioni scientifiche e storiche. Io dico invece che l'inerranza biblica riguarda solo il significato teologico, il resto non è attendibile



Ho l'impressione che tu non abbia molto capito il nostro approccio, sono diverse volte che ti ripetiamo, noi non diciamo che la Bibbia è un libro di storia naturale e non diciamo che contiene informazioni scientifiche. Comunque apri una discussione a parte.


Quando mai l'acqua sale in alto? Tutti noi facciamo esperienza che l'acqua cade in basso come tutti gli oggetti solidi. Se poi tu non conosci la differenza tra lo stato solido e lo stato gassoso della materia è un altro discorso



Gli antichi sapevano bene che l'acqua scaldata saliva in alto e tornava in basse come pioggia. Non c'è alcuna differenza sostanziale tra acqua allo stato solido e aeriforme e le nuvole sono in realtà acqua liquida, vapore già condensato, che appunto cade sotto forma 4di pioggia.


Evidentemente ti mancano le conoscenze scientifiche di base, dato che un gas (vapore) non è acqua in termini scientifici, seppur le molecole sono uguale, cambiando solo lo stato di aggregazione



A me mancano le "basi" scientifiche? Può darsi ma tu un vapore lo chiami gas? Errore grossolano! Il punto è che allo scrittore non intessa fare una lezione sui passaggi di stato, ti dice solo che le nuvole in cielo sono d'acqua (e di che cosa altro sono fatte?) che cade per far piovere. Mi pare corretto nella sua semplicità. Invece di cateratte QUANTE VOLTE SE NE PARLA? Ne parla il tuo Aristotele?

Shalom
[Edited by barnabino 6/11/2019 3:21 PM]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
6/11/2019 4:15 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,464
Location: MILANO
Age: 44
Re:
barnabino, 11/06/2019 15.06:




Gli antichi sapevano bene che l'acqua scaldata saliva in alto e tornava in basse come pioggia. Non c'è alcuna differenza sostanziale tra acqua allo stato solido e aeriforme e le nuvole sono in realtà acqua liquida, vapore già condensato, che appunto cade sotto forma 4di pioggia.


Se conoscevano benissimo il ciclo dell'acqua, non si capisce perché l'agiografo di Genesi abbia scritto che sopra il raquià c'era una coltre di acqua e non di nuvole o vapore. La parola nuvola era nota, perché viene usata in Genesi solo per indicare il sostentamento dell'arcobaleno?
La verità invece è che gli antichi ebrei pensavano che ci fosse acqua liquida in alto nei cieli e servivano delle fessura sulla volta celeste per farla venire giù. Che Genesi parli di cateratte solo due volte non significa certo che non è parola di Dio ispirata come direbbe Aquila. Cosa ti autorizza a cancellare il senso di questa occorrenza? E' poesia di cosa visto che le saracinesche che si aprono e chiudono non hanno nulla di metaforico con la pioggia delle nuvole?
Ancora nessuno ha saputo rispondere a questa obiezione.



A me mancano le "basi" scientifiche? Può darsi ma tu un vapore lo chiami gas? Errore grossolano! Il punto è che allo scrittore non intessa fare una lezione sui passaggi di stato, ti dice solo che le nuvole in cielo sono d'acqua (e di che cosa altro sono fatte?) che cade per far piovere. Mi pare corretto nella sua semplicità. Invece di cateratte QUANTE VOLTE SE NE PARLA? Ne parla il tuo Aristotele?


Se le nuvole sono acqua cadrebbero sulla terra. La parte di vapore (acqua allo stato gassoso) che condensa, divenendo acqua cade a terra, questa è la pioggia. Quando vedi una nuvola e non piove, significa che non hai forma liquida, ma solo gassosa di H2O. Tutto questo gli antichi non potevano saperlo e Genesi parla di pioggia come caduta delle acque di sopra attraverso le finestre del roqià.
Il modello di Aristotele è diverso da quello biblico, la presenza delle tante sfere non permette la possibilità di avere dell'acqua sopra l'ultimo (il primo lato terra) rotante, pertanto avrà pensato che le nuvole sono nell'atmosfera al pari del cielo dove volano gli uccelli.



6/11/2019 4:40 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 56,617
Moderatore
Caro VVRL,


Se conoscevano benissimo il ciclo dell'acqua, non si capisce perché l'agiografo di Genesi abbia scritto che sopra il raquià c'era una coltre di acqua e non di nuvole o vapore. La parola nuvola era nota, perché viene usata in Genesi solo per indicare il sostentamento dell'arcobaleno?



Perché evidentemente quello spesso strato di goccioline e ghiaccio non era paragonabile alle normali nuvole, tanto è vero che il sole e la luna non erano neppure visibili. Di certo non si dice che erano "sostenute" da una volta solida e trasparente ma solo che erano "divise" dall'acqua del mare da un'ampia distesa, che possiamo ben immaginare come lo spazio che separa il mare dalle nuvole.


La verità invece è che gli antichi ebrei pensavano che ci fosse acqua liquida in alto nei cieli e servivano delle fessura sulla volta celeste per farla venire giù



Dove lo dice? Questo è il punto. Non leggo che le acque fossero liquide e ti dirò di più, anche le nuvole sono acqua liquida. Se le acque sono nuvole non c'è bisogno di alcuna volta solida e se la pioggia è il risultato delle nuvole non c'è bisogno di alcuna cateratta letterale... di cui non parla neppure ul tuo amico Aristotele, pensa un po'.


Che Genesi parli di cateratte solo due volte non significa certo che non è parola di Dio ispirata come direbbe Aquila. Cosa ti autorizza a cancellare il senso di questa occorrenza? E' poesia di cosa visto che le saracinesche che si aprono e chiudono non hanno nulla di metaforico con la pioggia delle nuvole?



Quante volte è piovuto nella Bibbia? Quante volte si sono aperte le cateratte nella Bibbia? Vedi tu se gli ebrei credevano che ogni volta che pioveva si aprivano letterali cateratte. Ancora non hai rispsto: quante volte si aprono le cateratte?


Se le nuvole sono acqua cadrebbero sulla terra



Infatti l'acqua cade dalle nuvole... il vapore sale, si condensa, diventa liquido nelle nuvole e poi cade sulla terra. Non mi pare scientificamente scorretto seppure semplificato.


Quando vedi una nuvola e non piove, significa che non hai forma liquida, ma solo gassosa di H2O



Non è proprio così, ma comunque le Scritture non sono un testo di metereologia ma non ci vuole molto ad osservare che l'acqua evaporando sale in alto e che il vapore altro non è che acqua. D'altronde Giobbe lo dice piuttosto chiaramente, poi tu leggilo come vuoi. Non si parla comunque di cateratte dove si descrive il normale fenomeno della pioggia.


Il modello di Aristotele è diverso da quello biblico



Ah, ma guarda un po' è proprio quello che ti stiamo ripetenendo dall'inizio della discussione, non è possibile paragonare Aristotele alla Bibbia, parliamo di due periodi, culture e concezioni lontanissime e che per Aristotele i cieli fossero sfere solide che ruotavano non vedo come possa valere per la Bibbia dove non ce n'è traccia.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
6/11/2019 6:17 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 31,404
Location: PINEROLO
Age: 48
TdG
Re:
VVRL, 11/06/2019 09:32:

...



ma lascia tu il "ruolo mitologico" alla Genesi, perché è quello che cerchi (avendo sempre sullo sfondo, ovviamente, Adamo ed Eva, il tuo vero obiettivo!)
Noi non diciamo affatto che Genesi 1 sia una narrazione poetica, dove lo leggi?
Solo che Genesi 1, se letta correttamente, non collide in alcun modo con la scienza...ripeto, se letta correttamente e senza favole aristoteliche


Adesso ritratti il senso poetico delle cateratte dei cieli?
Quanto ti fa comodo Genesi non è letterale e diventa un racconto poetico, quando non ti fa comodo prendi tutto alla lettera. Mah



Ma VVRL tu cosa fai di mestiere, giusto per sapere?

Ripeti un po' per i nostri lettori: in cielo ci sono le "finestre"?
Dio le apre?
Dio le apre ogni volta che piove?

Non è questione di "prendere tutto alla lettere", è che non si capisce cosa vorresti sostenere tu, visto che fai alcune dichiarazioni e poi non rispondi a nessuna delle domande poste.

Simon
6/11/2019 6:19 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 31,404
Location: PINEROLO
Age: 48
TdG
Re: Re:
VVRL, 11/06/2019 16:15:

...
Se le nuvole sono acqua cadrebbero sulla terra. La parte di vapore (acqua allo stato gassoso) che condensa, divenendo acqua cade a terra, questa è la pioggia. Quando vedi una nuvola e non piove, significa che non hai forma liquida, ma solo gassosa di H2O. Tutto questo gli antichi non potevano saperlo e Genesi parla di pioggia come caduta delle acque di sopra attraverso le finestre del roqià.
Il modello di Aristotele è diverso da quello biblico, la presenza delle tante sfere non permette la possibilità di avere dell'acqua sopra l'ultimo (il primo lato terra) rotante, pertanto avrà pensato che le nuvole sono nell'atmosfera al pari del cielo dove volano gli uccelli.





Ma riassumi meglio il VVRL-pensiero: fino a 2 pagine fa dicevi che Aristotele spiegava la Bibbia.
Adesso dici che "Il modello di Aristotele è diverso da quello biblico".

Forse ti sei accorto che uno è precedente all'altro, perchè su guggol non c'era scritto e dovevi pensarlo tu?

Simon
6/11/2019 6:34 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 29,164
Location: ANCONA
Age: 60
TdG
Re: Re: Re: Re:
VVRL, 11/06/2019 09.32:



Aquila-58, 10/06/2019 18.32:



ma il fatto che Giobbe sotto ispirazione dica che Dio sospende la terra sul Nulla non indica in se un intervento divino miracoloso. Dio ha stabilito gli statuti dei cieli, come è scritto sempre in Giobbe (Giobbe 38:33), quindi Dio ha stabilito delle leggi per cui gli astri restano sospesi senza essere attaccati a qualche barriera, come pensi tu.


Cosa dici? Il filo che sospende sul vuoto l'acrobata non è vero che indica il sostentamento? Mah
Certo che Dio ha stabilito le leggi che l'uomo non può conoscere come dice proprio Giobbe 38. Ti risulta che oggi non conosciamo il motivo per cui la luna gira attorno alla terra?
Questo visione della natura dimostra l'idea biblica che è Dio che agisce in maniera costante.




non mi è chiara questa tua affermazione.
Ovvio che al tempo di Giobbe non ci fossero le conoscenze che abbiamo oggi, io ti sto solo dicendo che in Giobbe 38 Dio parla di statuti dei cieli e questo di per se non indica né un intervento miracoloso divino per cui Egli sospende la terra sul nulla né che gli astri siano attaccati a qualcosa, ma allude alle leggi fisiche che permettono agli astri medesimi di muoversi nello spazio senza essere appesi a un bel nulla se non alle tue fantasie..


VVRL, 11/06/2019 09.32:





ma lascia tu il "ruolo mitologico" alla Genesi, perché è quello che cerchi (avendo sempre sullo sfondo, ovviamente, Adamo ed Eva, il tuo vero obiettivo!)
Noi non diciamo affatto che Genesi 1 sia una narrazione poetica, dove lo leggi?
Solo che Genesi 1, se letta correttamente, non collide in alcun modo con la scienza...ripeto, se letta correttamente e senza favole aristoteliche


Adesso ritratti il senso poetico delle cateratte dei cieli?
Quanto ti fa comodo Genesi non è letterale e diventa un racconto poetico, quando non ti fa comodo prendi tutto alla lettera. Mah






io non ho mai ritrattato il senso poetico di "cateratte dei cieli", puoi indicarmi dove lo avrei fatto?

Io mi riferivo a Genesi capitolo 1, semmai

Mah




-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:30 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com