printprint
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

Confutazione trasmissione radio Maria del GRIS di ottobre 2018...

Last Update: 11/4/2018 10:36 PM
Author
Print | Email Notification    
10/21/2018 4:49 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,878
ViceAdmin
[Edited by viceadmintdg1 10/30/2018 8:13 AM]
Confutazione trasmissione radio Maria del GRIS di giugno 2019...confutazione radio maria6/25/2019 10:57 PM by (SimonLeBon)
è corretto pregare Gesù?171 pt.7/23/2019 10:19 PM by Angelo Serafino53
E' giusto adorare Gesù?121 pt.7/23/2019 9:59 PM by barnabino
10/21/2018 4:52 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,878
ViceAdmin
Dopo il preambolo di don Fiorino prende la parola Rocco Politi. Circa l'attendilita' delle critiche dei fuoriusciti rimandiamo, come di consueto, al seguente articolo del nostro sito TdGOnline:

I FUORIUSCITI DEI TESTIMONI DI GEOVA: TRA FENOMENOLOGIA E STATISTICA – Cosa dicono gli esperti?
10/30/2018 8:12 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,878
ViceAdmin
Il successivo e ultimo intervento è a cura di don Battista Cadei che affronta il tema CROCE O PALO? dicendo:


Si sa che i tdG sostengono che Gesù morì non sulla croce ma su un palo, cosa ribadita anche nel recende libro del 2017 dedicato a Gesù Cristo Gesù, la via, la verità, la vita che in nota a p. 300 dice:

«Il termine greco usato nei Vangeli per “palo” è stauròs. Un’opera di consultazione afferma: “Staurós è un palo piantato diritto (palo a punta); può servire a molteplici usi, come erigere steccati[...]; può avere anche il significato speciale di palizzata” (Dizionario dei concetti biblici del NT, a cura di L. Coenen – E. Beyereuther – H. Bietebhard, EDB – pp. 414-432).

Domandiamo se tutto ciò è vero. La citazione è esatta e con questa citazione vogliono dimostrare, con l'autorità di un'opera di consultazione, che Gesù non è morto in croce. Però dice solo mezza verità. Infatti l'articolo, di una ventina di pagine, alle pagine 417-418 aggiunge che stauròs, riferito al NT e quindi a Gesù, indica la codanna a morte in croce secondo l'uso romano (condanna emessa dal governatore romano Ponzio Pilato). Come avveniva? Essa consisteva nella

« affissione a una croce vera e propria, del condannato ancora in vita... Il condannato portava la trave trasversale (patibulum) nel luogo fissato... È qui che ha la sua origine il detto “portare lo stauròs” tipica espressione per indicare la punizione di uno schiavo... Il condannato viene legato con le braccia tese alla trave, che forse poggia sulle spalle ».

Quando le braccia erano inchiodate, il condannato veniva innalzato sul palo già piantato in terra. I due pali formavano una croce, che poteva avere la forma del segno + o più probabilmente di una T maiuscola.
Come si vede, il menzionato Dizionario non nega, ma espressamente afferma come più probabile l'inchiodatura di Gesù a uno stauròs a forma di croce. Si noti: solo probabile, perché il Vangelo non descrive la forma del legno a cui fu inchiodato!

I tdG con la citazione mutilata, mirano far credere che il Dizionario affermi che Gesù è morto su un palo. Ma quella è una mezza verità. Essi non sono nuovi a mutilazioni proprio riguardo a stauròs.
Nel libro Ragioniamo facendo uso delle Scritture, pp. 85-86, ed. 1985, citano il Dizionario greco-italiano di Liddell-Scott, dal quale essi riferiscono ‪questi significati:

“Legno tagliato e pronto per l’uso, sia legna da ardere, sia legname da costruzione, … pezzo di legno, tronco, trave, palo, …bastone, clava, randello,… asse o trave a cui erano legati i malfattori...(puntini) legno vivo, pianta, albero”.

Dove ci sono gli ultimi puntini (…) hanno tralasciato di citare l'espressione "la Croce, N.T".
E Ragioniamo conclude: «Il peso dell’evidenza indica quindi che Gesù morì su un palo verticale e non sulla croce tradizionale».
Nella realtà i tdG riportano alcuni significati di stauròs, ma tralasciano, il significato 'croce' con accanto la sigla NT. Uno che legge Ragioniamo alle pagine sopra menzionate, edizione 1985, è indotto erroneamente a credere che il dizionario di Liddell-Scott escluda il significato croce. La casa editrice Le Monnier ha protestato per ‪questa mutilazione che deforma il senso di ciò che il dizionario dice e mette in cattiva fama la serietà scientifica del Dizionario stesso. Dopo ‪questa protesta i tdG nella ristampa del 1990 di Ragioniamo hanno rimediato aggiungendo la parola Croce NT. La cosa in sé è corretta, ma il risultato è curioso, per non dire buffo e contraddittorio: il tdG che legge Ragioniamo per es. in Internet, Watchtower library alla voce 'croce' trova che Gesù è morto su un ‘palo’ con l’aggiunta che ‘stauròs’ nel NT significa anche ‘croce’: il contrario di quel che essi vorrebbero dimostrare. Ciò che meraviglia è che i tdG hanno usato per anni Ragioniamo bevendo ‪questa contraddizione: se ne saranno accorti?

Ci domandiamo come mai essi insistono con queste mutilazioni. La risposta è semplice: tutti i dizionari, dopo il significato 'palo', aggiungono che nel NT significa 'croce'. In tal caso i tdG scrivono che sono in errore i dizionari, mentre loro sono nella 'verità'.

Qual è il motivo della loro avversione alla croce? Siccome pensano che tutto ciò che appartiene alla Chiesa Cattolica e in genere alla cristianità è satanico, hanno bisogno di trovare significati pagani nella croce e di dire che Gesù morì su un palo. Ma possono dimostrarlo solo con citazioni mutilate.
Invito i tdG amanti della verità a verificare le citazioni che leggono, se sono complete o no!




Lascio la parola a chi desidera replicare...


11/4/2018 10:35 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 31,896
Location: PINEROLO
Age: 48
TdG
Re:
donCadei:

Si sa che i tdG sostengono che Gesù morì non sulla croce ma su un palo, cosa ribadita anche nel recende libro del 2017 dedicato a Gesù Cristo Gesù, la via, la verità, la vita che in nota a p. 300 dice:

«Il termine greco usato nei Vangeli per “palo” è stauròs. Un’opera di consultazione afferma: “Staurós è un palo piantato diritto (palo a punta); può servire a molteplici usi, come erigere steccati[...]; può avere anche il significato speciale di palizzata” (Dizionario dei concetti biblici del NT, a cura di L. Coenen – E. Beyereuther – H. Bietebhard, EDB – pp. 414-432).

Domandiamo se tutto ciò è vero. La citazione è esatta e con questa citazione vogliono dimostrare, con l'autorità di un'opera di consultazione, che Gesù non è morto in croce. Però dice solo mezza verità. Infatti l'articolo, di una ventina di pagine, alle pagine 417-418 aggiunge che stauròs, riferito al NT e quindi a Gesù, indica la codanna a morte in croce secondo l'uso romano (condanna emessa dal governatore romano Ponzio Pilato).



Caro il mio Cadei,

mi permetta di rimarcare che la sua critica, anche in questo caso, risulta un po’ stantia, come copiata da libri ingialliti degli anni '80. Sono ormai decenni che lei e i suoi pari affermate che le citazioni contenute nelle pubblicazioni dei tdG sono farlocche, che ribaltano il senso dell’opera citata etc. etc. Mi fa piacere vedere che in fin dei conti anche lei conclude che “La citazione è esatta”.

Le devo però ricordare che per noi tdG e per la nostra vita cristiana è del tutto irrilevante sapere con esattezza la forma dello strumento di tortura ed esecuzione capitale usato per mettere a morte Gesù: noi non adoriamo né veneriamo questo oggetto, al contrario di quello che lei insegna a fare al “gregge” cattolico di cui si occupa.

Ma vediamo come continua il suo ragionamento:

donCadei:

Infatti l'articolo, di una ventina di pagine, alle pagine 417-418 aggiunge che stauròs, riferito al NT e quindi a Gesù, indica la codanna a morte in croce secondo l'uso romano (condanna emessa dal governatore romano Ponzio Pilato). Come avveniva? Essa consisteva nella « affissione a una croce vera e propria, del condannato ancora in vita... Il condannato portava la trave trasversale (patibulum) nel luogo fissato... È qui che ha la sua origine il detto “portare lo stauròs” tipica espressione per indicare la punizione di uno schiavo... Il condannato viene legato con le braccia tese alla trave, che forse poggia sulle spalle ».

Quando le braccia erano inchiodate, il condannato veniva innalzato sul palo già piantato in terra. I due pali formavano una croce, che poteva avere la forma del segno + o più probabilmente di una T maiuscola.
Come si vede, il menzionato Dizionario non nega, ma espressamente afferma come più probabile l'inchiodatura di Gesù a uno stauròs a forma di croce. Si noti: solo probabile, perché il Vangelo non descrive la forma del legno a cui fu inchiodato!



Caro il mio Cadei, temo che lei si “fidi ciecamente” delle ricostruzioni pseudo-storiche che legge, senza alcun senso critico.

Le faccio notare quanto segue:

a) Il cosiddetto “uso romano” non è attestato in alcuno scrittore dell’antichità. Non esisteva alcuna procedura ”romana” (né greca, né persiana) di “crocifissione” e le fonti storiche a nostra disposizione non la descrivono.

b) L’affissione del condannato allo “stauros” o alla “crux” è documentata, ma l’affissione del “patibulum” (il testo greco del NT non usa solo “stauros” ma anche “xylon”) allo “stipes” piantato in terra è documentato unicamente nella fantasia di qualche scrittore moderno e nella sua, che li legge senza senso critico.

c) Il trasporto del “patibulum” (il greco del NT usa “stauros”) era una punizione conosciuta già dai tempi di Plauto, ma non era per forza o anzi per nulla collegata alla pratica della “crocefissione”. Nello specifico, non c’è alcuna prova che il “patibulum” andasse a costituire la “traversa” di un’ipotetica croce a T.

d) L’unica salma di un condannato alla crocefissione nella zona e nel periodo storico in cui visse Gesù non riporta alcun segno di chiodi nelle braccia, mentre nei polpacci era ancora presente un chiodo conficcato in senso trasversale al piede. Tutto questo non è compatibile con la sua ricostruzione fantasiosa di “crocifissione”.
L’unica cosa quasi precisa che ha affermato è la seguente “Si noti: solo probabile, perché il Vangelo non descrive la forma del legno a cui fu inchiodato!”. Devo solo appuntare che il “legno” aveva certamente la forma di un palo, mentre il NT non chiarisce la forma dello strumento di esecuzione capitale su cui morì Gesù. E detto da una persona che invita i suoi fedeli alla “venerazione della croce a forma di T” mi sembra pradossale.

Tralascio la sua polemica altrettanto stantia sulla citazione dal Liddell-Scott e proseguo:

donCadei:

… Ci domandiamo come mai essi insistono con queste mutilazioni. La risposta è semplice: tutti i dizionari, dopo il significato 'palo', aggiungono che nel NT significa 'croce'. In tal caso i tdG scrivono che sono in errore i dizionari, mentre loro sono nella 'verità'.



Giusto per farle capire quanto sia in errore:

“Croce, crocefissione
A. Nome
Stauros (σταυρὸς, 4716) denota, primariamente, “un palo verticale o trave.” Su quello venivano inchiodati i malfattori per metterli a morte. Sia il nome che il verbo σταυροṑ, “attaccare a un trave o palo,” sono originariamente da distinguere dalla forma ecclesiastica di “croce” a due bracci. La forma di quest’ultima aveva le sue origini dalla Caldea, ed era usata come simbolo del dio Tammuz (avendo la forma della mistica tau, l’iniziale del suo nome) in quel paese e nei paesi circostanti, incluso l’Egitto.”
(Vine’s complete expository dictionary, Thomas Nelson Publishers, 1996. P. 138)

Le auguro buona lettura.

donCadei:

Qual è il motivo della loro avversione alla croce? Siccome pensano che tutto ciò che appartiene alla Chiesa Cattolica e in genere alla cristianità è satanico, hanno bisogno di trovare significati pagani nella croce e di dire che Gesù morì su un palo. Ma possono dimostrarlo solo con citazioni mutilate.
Invito i tdG amanti della verità a verificare le citazioni che leggono, se sono complete o no!



La questione è molto più semplice, caro Cadei (stavo per scrivere “Caldei”!), se il NT avesse specificato la forma dello strumento di esecuzione, tutti ne avrebbero preso atto, anche noi tdG. Dal momento che non è così, come si permette la sua chiesa di farne uno strumento di venerazione?

Come detto, il problema non è nostro.

Simon
11/4/2018 10:36 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 31,896
Location: PINEROLO
Age: 48
TdG
Re: Re:
Giusto per precisare, la traduzione del testo del Vine's è mia.

Simon
Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:18 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com