printprint
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

La scienza spiega il come delle cose e non il perché

Last Update: 6/11/2018 8:43 AM
Author
Print | Email Notification    
6/9/2018 10:32 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,248
Location: ANCONA
Age: 64
TdG
Si potrebbe pensare che siccome la scienza spiega solo il come di un certo fenomeno fisico, chimico, astronomico, astrofisico, ecc., con leggi precise e ben calibrate. E non il perché. Non potendo formulare alla scienza la domanda del perché avvengono certi fenomeni, questo induce molti a non credere nell'esitenza di Dio.

Eppure scienziati di tutto il mondo con la domanda "come avvengono queste fenomeni", sono arrivati alla conclusione che esiste un progetto intelligente e un progettista che è un essere superiore a noi.

Vediamo un articolo della Svegliatevi di Novembre 2010

La scienza si è sbarazzata di Dio?

IL FILOSOFO britannico Antony Flew è stato per mezzo secolo un ateo molto stimato dai suoi colleghi. “Teologia e falsificazione”, un suo saggio del 1950, “è stato uno dei testi filosofici più ristampati del [XX] secolo”. (There is a God) Nel 1986 Flew fu definito “il più profondo tra i critici contemporanei del teismo” (la credenza in Dio o nelle divinità).* Per questo molti rimasero scioccati quando, nel 2004, Flew annunciò di aver cambiato idea.

Cosa lo indusse a cambiare parere? In una parola, la scienza. Si convinse che l’universo, le leggi della natura e la vita stessa non possono essere venuti all’esistenza semplicemente per caso. Si tratta di una conclusione ragionevole?

Come sono venute all’esistenza le leggi della natura?

Il fisico e scrittore Paul Davies fa notare che la scienza rende un eccellente servizio spiegando fenomeni fisici come la pioggia. Ma dice: “Quando . . . ci si chiede per esempio ‘perché ci sono leggi di natura?’, la situazione è meno chiara. Problemi di questo tipo non sono molto influenzati da specifiche scoperte scientifiche: molte delle questioni davvero importanti sono rimaste immutate fin dalla nascita della civiltà e ci tormentano ancora oggi”.*

“L’aspetto veramente importante non è che ci sono delle regolarità in natura”, ha scritto Flew nel 2007, “ma che queste regolarità sono matematicamente precise, universali e correlate. Einstein ne parla come di ‘ragione incarnata’. La domanda che dovremmo porci è come la natura sia stata confezionata in questo modo. Questa è certamente una domanda che scienziati da Newton ad Einstein ad Heisenberg si sono posti e a cui hanno dato una risposta. La loro risposta è stata: la Mente di Dio”. — There is a God.

Quindi molti scienziati assai stimati non ritengono antiscientifico credere in una Causa Prima intelligente. D’altra parte, dire che l’universo, le sue leggi e la vita stessa siano frutto del caso è insoddisfacente sotto il profilo intellettuale. L’esperienza di tutti i giorni ci dice che un progetto, soprattutto se molto sofisticato, richiede un progettista.

Quale fede abbraccerete?

Anche se ai neoatei piace innalzare il vessillo della scienza, la verità è che né l’ateismo né il teismo si basano esclusivamente su di essa. Entrambi richiedono fede: nel cieco caso da un lato, in una Causa Prima intelligente dall’altro. I neoatei promuovono l’idea che “ogni fede religiosa sia una fede cieca”, scrive John Lennox, docente di matematica presso l’Università di Oxford, il quale però sottolinea con forza che questa idea è errata.* Per cui la domanda è: da un’attenta analisi, quale fede si dimostra corretta, quella degli atei o quella dei credenti? Consideriamo, ad esempio, la questione dell’origine della vita.

Gli evoluzionisti ammettono che, sebbene esistano molte teorie contrastanti, l’origine della vita rimane un mistero. Richard Dawkins, esponente di spicco del neoateismo, sostiene che, considerato l’enorme numero di pianeti che devono esistere nell’universo, era inevitabile che la vita comparisse da qualche parte. Ma molti scienziati autorevoli non ne sono così sicuri. John Barrow, docente presso l’Università di Cambridge, afferma che “l’evoluzione della vita e dell’intelligenza è disseminata di vicoli ciechi, in ogni sua fase. I modi in cui l’evoluzione può interrompersi in un ambiente complesso e ostile sono così numerosi che sarebbe pura hýbris supporre che, dati semplicemente un’adeguata quantità di carbonio e un tempo sufficiente, tutto sia possibile”.*

Tenete conto anche del fatto che la vita non è soltanto una combinazione di sostanze chimiche. Si basa piuttosto su un tipo di informazione estremamente complessa, codificata nel DNA. Quando perciò parliamo dell’origine della vita, parliamo anche dell’origine dell’informazione biologica. Da dove ha origine l’informazione? A quanto ne sappiamo, può nascere solo dall’intelligenza. È plausibile che informazioni complesse, come quelle racchiuse in un software, una formula algebrica, un’enciclopedia o anche solo in una ricetta per una torta, siano il prodotto di un insieme di eventi casuali? Naturalmente no. Eppure, sul piano della complessità e dell’efficienza, nessuna di queste cose può reggere nemmeno lontanamente il paragone con l’informazione immagazzinata nel codice genetico degli organismi viventi.

È scientifico ritenere che la causa prima sia il puro caso?

Secondo gli atei, “l’universo è come è, misteriosamente, e per puro caso consente la vita”, spiega Paul Davies. “Se fosse stato differente”, dicono gli atei, “noi non saremmo qui a discuterne. L’universo può avere o no una profonda unità alla base, ma non c’è assolutamente alcun progetto, scopo o senso: quanto meno nessuno che noi potremmo comprendere”. “Il vantaggio di questa posizione”, fa notare Davies, “è che è facile da mantenere: facile al punto da essere una scappatoia”, cioè un modo comodo per evitare di affrontare la questione. — Op. cit., pp. 329-330.

In un suo libro, il biologo molecolare Michael Denton è giunto alla conclusione che la teoria dell’evoluzione “somiglia più a un principio di astrologia medievale che a una seria teoria scientifica”. (Evolution—A Theory in Crisis) Sempre Denton ha definito l’evoluzione darwiniana una delle leggende più grandi dei nostri tempi.

In effetti ritenere che il puro caso sia la causa prima ha del fantasioso. Facciamo un esempio. Un archeologo vede una pietra grezza più o meno squadrata. Potrebbe attribuire una forma del genere al caso, il che sarebbe ragionevole. Ma poi trova una pietra perfettamente scolpita che riproduce nei minimi particolari un busto. Attribuirà anche questa al caso? No. La logica gli dice che qualcuno deve averla scolpita. Ricorrendo a un ragionamento simile, la Bibbia afferma: “Ogni casa è costruita da qualcuno, ma chi ha costruito tutte le cose è Dio”. (Ebrei 3:4) Siete d’accordo con questa affermazione?

“Più cose conosciamo riguardo al nostro universo”, scrive Lennox, “più l’ipotesi che vi sia un Dio Creatore il quale abbia progettato l’universo per un certo scopo acquista credibilità come spiegazione migliore del perché noi siamo qui”. — Op. cit., p. 84.

Triste a dirsi, tra le cose che minano la fede in Dio c’è il male perpetrato nel suo nome. Di conseguenza alcuni hanno concluso che l’uomo vivrebbe meglio senza religione. E voi cosa ne pensate?

J. Barrow e F. Tipler, Il principio antropico, trad. di F. Nicodemi, Adelphi, Milano, 2002, pp. 124-125.

Una fortuna cosmica, trad. di T. Cannillo, Mondadori, Milano, 2007, p. 28.

Fede e scienza, trad. di R. Sorgo, Armenia, Milano, 2009, p. 75.

Teorie del tutto, trad. di T. Cannillo, Adelphi, Milano, 1992, p. 183.

Ciao
anto_netti
VENDO N3 MULINELLI SHIMANO ULTEGRA XSC COME NUOVICARPMERCATINOcome9/26/2019 4:27 PM by Hmarco
Dove finiscono i soldi delle Messe?Ipercaforumdelle10/8/2019 2:26 PM by AlcibiadeR
(Luca 1:32-33) "Dio gli darà il trono di suo padre Davide e lui regnerà sulla casa di Giacobbe per sempre, e il suo Regno non avrà fine”.non9/25/2019 5:15 PM by Angelo Serafino53
6/9/2018 10:49 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,248
Location: ANCONA
Age: 64
TdG
Contrariamente alla scienza. Filosofia, metafisica e religione. Possono rispondere a domande: Perché esiste l'universo. Perché noi esistiamo. Perché noi siamo qui. Domande che rivelano uno scopo.

Ma la scienza con la domanda "come avvengono certi fenomeni", può rispondere egualmente al credente. Le leggi della natura perfette che rivelano un progetto intelligente ci danno la dimostrazione dell'esistenza di Dio.

Per il credente questa è una prova scientifica, pur non rispondendo al metodo sperimentale.

Ciao
anto_netti
[Edited by anto_netti 6/9/2018 10:51 AM]
6/9/2018 12:45 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 2,490
Location: BOCA
Age: 48
Il "come" riguarda MECCANISMI , che si possono osservare.

Il "perché" riguarda " PROPOSITI che devono essere rivelati o dedotti
6/9/2018 10:09 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,362
Location: ZAGAROLO
Age: 28
La felicità non viene dal sapere se il fiore nasce dal seme o il seme nase dal fiore.

La felicita viene dal osservare il fiore e sentirne l'odore ovveri il suo perche!
Cosa che sfugge a gran parte delle persone[SM=g27988]
6/10/2018 10:16 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,166
Location: SUBIACO
Age: 56

Secondo me neanche il come spiega, si limita a descrivere i fenomeni con modelli matematici più o meno vicini alla realtà

ma i meccanismi intrinseci dei fenomeni sono ben altra cosa!





Ci sono due tipi di sciocchi:
chi vede complotti dappertutto
e chi da nessuna parte
6/11/2018 8:38 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,248
Location: ANCONA
Age: 64
TdG
Re:
Vostok1, 10/06/2018 22.16:


Secondo me neanche il come spiega, si limita a descrivere i fenomeni con modelli matematici più o meno vicini alla realtà

ma i meccanismi intrinseci dei fenomeni sono ben altra cosa!



Penso che hai ragione. In fin dei conti la scienza, la matematica, sono cose inventate dall'uomo e danno una rappresentazione approssimativa di quello che è la realtà.

Per fare un esempio: Una particella subatomica, viene rappresentata per comodità come una pallina, un corpuscolo puntiforme simile ad una pallina. Ma è veramente cosi? La meccanica quantistica ci ha fatto capire che una particella si comporta a volte come corpuscolo e a volte come onda. Ma qual è la sua vera natura intrinseca?

Ciao
anto_netti
6/11/2018 8:43 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,248
Location: ANCONA
Age: 64
TdG
Una precisazione. La matematica è stata creata da Dio. La creazione dell'universo è fondata su basi matematiche. E' in pratica il linguaggio dell'universo. Da un progetto matematico è stato realizzato l'universo fisico. Ma il modo in cui l'uomo spiega la matematica è completamente inventato dall'uomo.

Ciao
anto_netti
Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:03 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com