Senza Padroni Quindi Romanisti
printprintFacebook
 
Previous page | 1 2 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Piquè Ommemmè, un degno simbolo della buffonata Catalana

Last Update: 10/6/2017 5:18 PM
OFFLINE
Post: 16,528
Location: ROMA
Age: 51
Gender: Male
10/2/2017 2:43 PM
 
Quote

Catalogna, Piqué in lacrime: "Non votare è franchismo, potrei lasciare la nazionale"

"Se per la federcalcio spagnola o per qualcuno sono un problema, bene: per me non è un problema fare un passo al lato e ritirarmi dalla nazionale prima del Mondiale". Lo ha detto Gerard Piqué, in lacrime, parlando della sua presa di posizione a favore del referendum per l'indipendenza della Catalogna. "Quando in Spagna non si votava c'era il franchismo: io sono orgoglioso di essere catalano", ha detto il difensore del Barcellona.
"Il Pp e il capo del governo Mariano Rajoy mentono, dicono che siamo una minoranza ma siamo milioni. In sette anni mai una forzatura, mai una violenza. Ma quale sia il suo livello si vede, va in giro per il mondo e non sa neanche l'inglese...", ha detto molto commosso al termine della partita giocata a porte chiuse vinta col Las Palmas.
"Quando c'è una consultazione elettorale, si può votare sì, si può votare no, si può lasciare scheda bianca. Ma si deve votare, è un diritto in democrazia e tutti dovremmo difenderlo", ha detto Piqué, dallo spogliatoio del Camp Nou. "Invece oggi la Guardia Civil ha fatto quel che ha fatto per impedirlo: io sono e mi sento oggi più che mai catalano - ha aggiunto, commuovendosi, il difensore - e ne sono orgoglioso. Sono orgoglioso della gente di Catalogna che in questi due anni non ha mai fatto un gesto di violenza".
Poi la decisione di giocare: "L'esecutivo del club era per non giocare, a tutti i costi: ne abbiamo discusso nello spogliatoio, tra giocatori e società, e c'erano opionioni diverse. La mia ora non conta: è stato deciso di giocare, il motto 'mes que un club' non doveva per forza impedirci di scendere in campo".


E chissà com'è che non ha mai rifiutato la Nazionale! L'OPPORTUNITA' di entrare nella leggenda, di VINCERE a livello di NAZI0N(al)E.
E I SOLDI, I BENEFIT, LE ONORIFICIENZE, GLI ONORI, LA FAMA, LA GLORIA.
Come mai SOLO ADESSO?

Semplice. E' un'ipocrita di merda come tanti ce ne sono. Un pagliaccio vomitevole, irresponsabile sobillatore di masse, un masaniello con il CULKO degli altri e Campione a livello di Nazionali con LA MAGLIA DI ALTRI.
Perché non è la sua, lo ha detto no? Lui è "Catalano".

Ma si è completato come giocatore, come vincente, come palmares, come SOLDI, grazie alla Spagna che adesso denigra, contro cui insorge.

Piccolo uomo e Piccolo cervello.
Ma SIMBOLO.
Simbolo innanzitutto dell'Ipocrisia umana, Ma soprattutto di questa buffonata di referendum e soprattutto delle ISTANZE che lo muovono.
Puri SOLDI.
SOLO E SOLTANTO una quetione di convenienza economica.

E per quanto mi riguarda, non puoi decidere di andartene "perché è conveniente economicamente". Perché questo in fondo è, questo referendum.
Un referendum io lo ammetto, persino in questo senso. SE PERO' RESTA nell'alveo istituzionale, come PURA Manifestazione di desiderio.
Ma senza nessuna valenza, né alcun "fumus RALMENTE secessionista".
Altrimenti per me, carrarmati.

Ovviamente il discorso sarebbe lungo, implicherebbe anche la capacità del governo centrale, nei decenni, di "convogliare" certe istanze, in un percorso di rivendicazione istituzionale, da "secessionista/indipendentista" a, magari, una qualche forma di federalismo, in una qualche forma di rafforzamento di Statuti Speciali.

Per il resto, per me, la provocazione l'ha fatta la Catalogna.
E Piqué è un grandissimo ipocrita sobillatore.
[Edited by giove(R) 10/2/2017 2:44 PM]


La Guerra della Domenica Sera - Fabio Fazio vs Barbara D'Urso vs Massimo GilettiAnkie & Friends - L&#...della10/13/2019 9:45 PM by anklelock89
Ci sono parti della Bibbia tramandati oralmente? Testimoni di Geova Online...della10/2/2019 9:17 PM by 'Andros'
La semina della pinguicula orchidioides x gypsicolaRexPlants - Piante Carniv...della9/29/2019 6:02 PM by Jake63
OFFLINE
Post: 8,508
Location: ROMA
Age: 45
Gender: Male
10/2/2017 2:53 PM
 
Quote

mi ricordo quando sono andato nei Paesi Baschi e in Catalogna.
Pur se i motivi storici per l'indipendenza sono enormi (lingua, oppressione centralista feroce durante quarant'anni e più) quello che spiccava era l'egoismo del benessere economico.
E certo Baschi e Catalani da questo punto di vista non mi possono stare simpatici.
OFFLINE
Post: 8,330
Age: 36
Gender: Male
10/2/2017 8:02 PM
 
Quote

Io mi ricordo una volta ero a Lleida per un convegno, sarà stato il 2012, nel pieno della crisi e ce mancavano le balle de fieno pe' strada tipo i film de Leone. Reus uguale un altro buco del culo del mondo. Tutto sto benessere scintillante fuori da Barcellona non è che proprio me lo ricordo. Per dire Valladolid sembrava molto più "benestante". Certo se il paragone è l'Extremadura allora no.

Vabbè comunque personalmente a me già fanno ride i nazionalismi, pensa i regionalismi. Ma in Spagna, per qualcuno, pesa ancora Franco, pure questo va contato. E comunque dai tu governo hai il dovere di ascoltare le istanze delle "regioni" cosa che il PP non ha mai fatto, co' tutti i carlisti nelle sue file era pure difficile. Cioè non è che i catalani è da ieri che chiedono l'indipendenza. Ma di fondo sì so' soldi: i baschi hanno molta più autonomia fiscale e infatti l'ETA è sparita, non fanno richieste speciali etc...
--------------------------------------------------------
"A' Gómez, se c'hai 'na penna te faccio l'autografo!"

"Vola, sotto la curva vola, la curva s'innamora, tedesco vola"

OFFLINE
Post: 16,207
Location: ROMA
Age: 37
Gender: Male
10/2/2017 11:38 PM
 
Quote

Pure Guardiola è infervorato su questa storia ma ha giocato con la Spagna. Idem Xavi. Tra l'altro Xavi, come Puyol e lo stesso Piquè, hanno giocato con la selezione catalana (almeno tra quelli celebri che ricordo di recente).
Julen guerrero, che è stato il basco più forte, il totti del bilbao, ha giocato con la spagna.
L'atteggiamento da portavoce di piquè mi sembra forzato ed esagerato,cmq non penso si discosti tanto da quello di guardiola,che qualche settimana aveva tenuto una sorta di comizio.

Non entro nel merito se giusta o sbagliata l'indipendenza, comunque il voto in sè non penso sia un problema, mi sembra una di quelle cose simboliche (tipo il parlamento della padania o come si chiama) che lasciano il tempo che trovano.
-------------------------------------------------
Quando i gabbiani seguono il peschereccio è perché pensano che delle sardine stanno per essere gettate in mare (Cantona)
OFFLINE
Post: 19,467
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
10/3/2017 11:04 AM
 
Quote

Qui però siamo ad un livello superiore alle braciolate de Pontida.

Questi si sono fatti una legge regionale, peraltro in violazione dello stesso statuto catalano, per un referendum di per sé incostituzionale, vogliono dichiarare l'indipendenza senza alcuna base giuridica e , volendo, pure senza il conforto dei numeri perché ha votato meno del 50% dei catalani.

Ma quale diritto all'indipendenza?
Questi sono dei sovversivi secessionisti per meri fini economici.
Unica cosa che potrebbero fare è il principato di Barcellona visto che il resto della Catalogna non se la passa di certo bene.

Ma poi però fuori dalla Spagna e fuori dall'Europa.
Ma chi li puo' riconoscere come Stato questi qui?
Na roba piu' vicina al franchismo nn la potevano allestire.
E il governo spagnolo gli ha dato un bell'assist con la Guardia civil nel fine settimana.
------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 8,330
Age: 36
Gender: Male
10/3/2017 11:29 AM
 
Quote

Ma non li può riconosce nessuno me pare evidente. Dopo tre minuti se staccherebbero i fiamminghi, proprio in prima fila, poi i corsi, i sardi, i bretoni. Certo mo' non è che lo stato-nazione sia un'entità immutabile ma boh a me i regionalismi me so' sempre sembrati una cosa uguale allo stato nazione, ma in piccolo con ste palle sull'identità, le tradizioni, i valori. non che non esistano ma io manco insisterei troppo che alla fine della fiera il rapporto fondamentale della storia dell'umanità è quello de uno che lo butta in culo e uno che lo prende. Italiano, catalano, romano non fa troppa differenza [SM=x2478856]
[Edited by jandileida23 10/3/2017 11:30 AM]
--------------------------------------------------------
"A' Gómez, se c'hai 'na penna te faccio l'autografo!"

"Vola, sotto la curva vola, la curva s'innamora, tedesco vola"

OFFLINE
Post: 16,528
Location: ROMA
Age: 51
Gender: Male
10/3/2017 12:54 PM
 
Quote

A parte che, anche se questa è un'argomentazione "a latere" e può interessare il giusto, il futuro sarà dominato dalle MACRO NAZIONI...
Questo lo dicono tutti i principali esperti di geopolitica e non solo.
Cina, India, USA, URSS, Brasile, ecc. vinceranno gli stati con a disposizione PIU' territorio, e PIU' popolazione.
E in quest'ottica la disgregazione progressivo-esponenziale che vorrebbero tante realtà non solo i catalani va contro ogni scenario.

Certo, se sei micro-micro-micro e hai in quel piccolo territorio tante risorse, magari soffri meno.
Lo potremmo fare anche noi a Roma per dire (lo dicevo 25 anni fa quando apparve la Lega: "allora pure noi, staremmo pure meglio: chiudi dal Litorale al Terminillo, TUTTO TURISMO, Storia, Vaticano, tutte le risorse a noi, e saremo ricchi sfondati persino se ci mettiamo a vendere le madonne").

Ma è un correre contro il futuro.

Detto ciò, NON E' affatto una "consultazone simbolica" (quella la posso anche ammettere, lascio che i miei cittadini manifestino una volontà, un desiderio, come dire "misuro" la corposità "numerica" di una determinata istanza.

Ma questi POI VOLEVANO TRADURRE LA "consultazione amichevole" in FATTI!!!

Io sono d'accordo con Ennio, secessionisti sovversivi (EVERSIVI aggiungo) per meri fini economici.

Per quanto riguarda il discorso, giusto, di jandi, sulla poca prontezza del PP.... si è anch vero, ma non è che la sinistra sia stata così sveglia eh?
non me pare che la sinistra spagnola faccia la torcida pro indipendenza basca, non me pare che abbiano concesso, promesso, garantito chissà quali indipendenze e secessioni....

E, altra cosa, il motore e la fonte delle istanze separatiste, in questo momento, vengono dalla DESTRA catalana, più ancora che dalla sinistra. Insomma Destra contro Destra, perché poi, sempre per seguire jandi, quando c'è da metterlo al culo, te fai venì pure due braccia destre, due nerchie e 8 palle.


OFFLINE
Post: 16,528
Location: ROMA
Age: 51
Gender: Male
10/3/2017 1:06 PM
 
Quote

Comunque, io in linea di massima la vedo così.
Altro che "consultazione soft", questi poi il conto te lo presentano.
E siccome era chiara sta cosa, io ci mandavo l'esercito con i carrarmati, non la Guardia Civil.
Ma due sere prima, senza arrivare lì che c'erano già i capannelli.

Non è che se mi punti il mitra ma c'hai la faccia sorridente io mi fidi eh?
E questi stanno strumentalizzando, la gente gli crede, "manifestazione consultiva pacifica".
Ma intanto dietro stanno affilando i coltelli per presentarti il conto.
E' una infamata eversiva da paura.

www.glistatigenerali.com/diritti-umani_scienze-sociali/lavventurismo-catalanista-i-rischi-per-leuropa-e-la-spagna-da-ri...

Referendum catalano
L’avventurismo catalanista, i rischi per l’Europa e la Spagna da riformare


Gabriele Catania
1 ottobre 2017

In Catalogna si sta consumando un dramma, che potrebbe, Dio non voglia, anche trasformarsi in tragedia. A scapito, in primis, di milioni di cittadini catalani. Ma andiamo con ordine. Prima di tutto, un breve richiamo alla storia catalana più recente: nel 2014 (tre anni or sono, non mezzo secolo fa) ebbe luogo in Catalogna un inedito “Procés de participació ciutadana sobre el futur polític de Catalunya” che chiedeva ai cittadini catalani: vuoi che la Catalogna diventi uno Stato? Non si trattava di un referendum vincolante, ma di una specie di consultazione (illegale secondo la legge spagnola).
Ebbene, in quell’occasione storica la percentuale di votanti non raggiunse il 40% degli aventi diritto, anche se circa l’81% votò sì. Evidentemente i catalani avevano altre priorità. Tuttavia se si traducono le percentuali in cifre, quell’81% di voti vuol dire 1,8 milioni di elettori catalani schierati per l’indipendenza. Un bel numero di persone, capace di riempire strade e piazze, e di fornire ai politici catalanisti quell’esercito pacifico (e simpatico) di cittadini immortalato in questi giorni dai media internazionali.
Il popolo… I referendum, intrinsecamente manichei (sì o no, tertium non datur), hanno sempre bisogno di un popolo. Una “massa di manovra” politica che in certe circostanze, per quanto benintenzionata e mossa da nobili intenti, può essere vittima di ciniche strumentalizzazioni. Non a caso i referendum si prestano, più di ogni altro strumento politico democratico, alle manovre di dittatori, demagoghi e “uomini forti”: da Napoleone III a Mussolini, da Franco ai populisti dell’Europa centro-orientale, plebisciti e referendum sono il modo, facile e rapido, per conferire legittimità a scelte politiche discutibili o addirittura illegali.
E se ci sono di mezzo i sogni (e le vite) di un popolo con cui farsi scudo, tanto meglio. Del resto, la democrazia liberale è così complicata, corrotta e inefficiente… Lo dicevano i franchisti, gli stalinisti e i fascisti sessant’anni fa, e lo ripetono oggi certi demagoghi “amici dei popoli” portatori di visioni politiche semplicistiche ma perniciose. Demagoghi pronti a trasformare l’Altro (il centralismo di Madrid, l’Unione Europea, gli immigrati, l’Islam, la sinistra senza Dio, la massoneria, Israele; a ciascuno il suo) nella sola e unica causa di tutti i mali del popolo. E a invocare facili scorciatoie di stampo etnico-regionalista eurofilo (o etnico-nazionalista eurofobo, dipende dal luogo) per risolvere, in un’ottica di “sacro egoismo”, i problemi una volta per tutte. Possibilmente con la benedizione di un referendum plebiscitario.
Uno “sproposito democratico”. Così l’ex presidente del governo spagnolo, il socialista Felipe González ha definito il referendum in Catalogna, in un editoriale pubblicato sabato in Italia da Repubblica. Il secessionismo catalanista, ha argomentato González (che non è un opinionista qualunque, ma uno dei padri nobili della democrazia spagnola, e uno dei più autorevoli leader della sinistra del XX secolo), rappresenta una minaccia gravissima per la legalità, nonché per la legittimità del governo catalano.
Difficile dare torto all’anziano statista, che in gioventù conobbe le asprezze del regime (quello vero, il franchismo, pronto a usare con gli oppositori politici pure la garrota) e dovette operare per anni in clandestinità. Difficile dargli torto specialmente se si ragiona sulla base dei fatti, senza abbandonarsi alle emozioni e a fantasie romantiche. Sia chiaro: un popolo che manifesta pacificamente le sue idee merita rispetto, anche quando ha torto. Si può aver torto, del resto, persino in buona, ottima fede. La strada per l’inferno è spesso lastricata di buone intenzioni, e quasi sempre è dotata di una segnaletica ingannevole.
I cortei, il tripudio di bandiere, i trattori dalla Catalogna rurale e i canti anti-franchisti sono senz’altro uno spettacolo inebriante (le rivoluzioni e i colpi di stato hanno una loro dimensione estetica, che ha ancora più peso in quest’epoca di dittatura delle immagini), e la simpatia è istintiva. Non si può non ammirare la tenacia e il coraggio dei cittadini catalani che vanno a votare, così come non si può non provare repulsione per i proiettili di gomma e le cariche di polizia. A chi è democratico ogni uso della forza ripugna anche quando questo è consentito dalla legge, perché usare la forza è sempre una sconfitta, per tutti.
A questo sentimento quasi istintivo di solidarietà verso i catalani contribuisce poi la love story che molti europei (specie giovani, specie di sinistra) intrattengono con la magnifica città di Barcellona. Ma il destino di decine di milioni, forse centinaia di milioni di persone non può essere deciso sulla base di simpatie ed emozioni. E purtroppo né la ragione né la realpolitik stanno dalla parte del catalanismo radicale, come cerco di illustrare in questo mio post.
I progressisti di tutto il mondo possono anche entusiasmarsi per i proclami mirabolanti del CUP (Candidatura d’Unitat Popular) e di altri gruppetti di sinistra, che con il referendum promettono di spazzare via “il capitalismo, la corruzione e la monarchia” e di costruire una nuova repubblica ambientalista, socialista e femminista; a guidare il tentativo secessionista, però, non sono gli utopisti di sinistra, ma la destra catalanista guidata dal super-mediatico e iper-attivo Puigdemont (scaltrissimo ex giornalista, nonché profondo conoscitore dei meccanismi della comunicazione moderna).
Nel XX secolo la Catalogna, come tante altre regioni del Vecchio Continente (dalle Fiandre alla Slesia, dalla Venezia Giulia alla Bosnia), è stata teatro di massacri, violenze e soprusi. Tutti noi conosciamo l’eroica lotta dei catalani contro i nazionalisti durante la Guerra civile, la durissima repressione franchista, i tentativi di cancellare l’identità catalana. Ma la Spagna del 2017 non è la Spagna del 1937, e nemmeno del 1977. È una democrazia avanzata dove (grazie al cielo) i partiti fanno e dicono quello che vogliono, le persone omosessuali possono sposarsi, ognuno è libero di parlare castigliano, catalano, basco o gallego.
Sia chiaro: continua a esistere, in Spagna, una minoranza di nazionalisti impenitenti che non hanno fatto i conti con le tragedie del passato. Nostalgici del caudillo, dell’Impero spagnolo, del centralismo anti-democratico. Ogni nazione, del resto, ha i suoi cretini. Lo spettacolo che ha avuto luogo a Huelva, in Andalusia, con decine di persone che inneggiavano alla Guardia Civil in partenza per la Catalogna, riempie di tristezza. Ma una goccia non fa temporale, e una sparuta minoranza di forsennati non è la maggioranza degli spagnoli, che assistono con sgomento all’escalation catalanista (basta sfogliare le pagine di quotidiani liberali come El País per rendersene conto, non serve un viaggio in Spagna).
La Costituzione spagnola del 1978, per quanto imperfetta, è stata la cornice giuridica entro cui la Spagna si è trasformata da fragile stato post-autoritario (si ricordi il tentato colpo di stato del 1981, il 23-F) in esuberante democrazia capace di dar punti al resto d’Europa in tutti i settori: dall’economia (quest’anno il PIL spagnolo dovrebbe crescere di circa il 3%) ai diritti sociali (si pensi ai risultati raggiunti sotto Zapatero); dalla cultura (i film di Almodóvar, i libri di Cercas e Marías…) allo sport (su tutti, un Mondiale e due Europei di calcio vinti). E se la splendida Catalogna è una delle regioni più ammirate e dinamiche d’Europa, è anche merito della carta del 1978.
Naturalmente la Costituzione spagnola è migliorabile, come ogni creazione umana. Ma questa carta è di gran lunga una delle più attente ai diritti umani (articolo 14 e seguenti; derechos y libertades) che esistano al mondo. Essa è il pilastro del patto, non solo giuridico ma sociale e morale, che ha permesso alla Spagna di diventare ciò che è oggi. E oggi questa Costituzione, che sancisce l’unità indivisibile della Spagna (articolo 2), e che è stata approvata nel 1978 da oltre il 90% degli elettori catalani, è messa sotto attacco dal referendum secessionista.
Questo referendum illegale – ma forse sarebbe più corretto definire eversivo – non soltanto viola la sospensione chiesta dal Tribunale costituzionale (non un comitato di provincia, ma l’organo nazionale chiamato a vigilare sul rispetto della Costituzione, in Catalogna come nelle Baleari o a Madrid) ma attacca la Costituzione al cuore. Quella Costituzione che tutti, anche i catalani, hanno approvato, e di cui tutti, compresi i catalani, hanno goduto per anni i benefici.
Si dirà: la Costituzione è soltanto un pezzo di carta, ciò che conta è la volontà del popolo; ma la storia ci insegna che è il rispetto “dei pezzi di carta” a salvaguardare i nostri diritti dalle tirannie e dai soprusi. E la volontà del popolo non è infallibile, specie se manipolata da leader politici radicali spregiudicati e ambiziosi. Leader che El País (non un foglio di estrema destra, ma uno dei maggiori quotidiani liberali del globo) ha definito “avventurieri e opportunisti”. Della serie: la cattiva politica non è confinata in Italia.
Di cosa siano capaci i demagoghi ce lo insegna la storia. Senza tirare in ballo, come si suol fare in queste circostanze, la crisi della Repubblica di Weimar e l’ascesa di Hitler, pensiamo solo a quanto accaduto negli ultimi anni in paesi per nulla marginali come la Turchia di Erdoğan o l’Ungheria di Orbán, dove democrazie giovani ma promettenti si sono trasformate in inquietanti “democrature”. In effetti non c’è da ben sperare: la repubblica abbozzata dai catalanisti vede un’inedita centralità dell’esecutivo, e una poco chiara separazione dei tre poteri.
Chi si riempie la bocca di parole importantissime come “democrazia” e “libertà”, come fanno i leader catalanisti, dovrebbe avere più rispetto per le regole democratiche. Specie quando la Costituzione sotto accusa può essere modificata anche in modo essenziale, come previsto dall’articolo 168, secondo procedure democratiche predeterminate. Ha dunque ragione lo scrittore (di sinistra) Cercas a definire il referendum secessionista “un golpe ben fatto perché senza violenza, ma sempre un golpe. È un attacco alla democrazia in nome della democrazia”.
Si dirà: il governo di Madrid ha sbagliato a mandare la Guardia Civil. Ma a parte il fatto che la Guardia Civil sta agendo in qualità di polizia giudiziaria, cosa si sarebbe dovuto fare? Chiudere gli occhi mentre le forze catalaniste violavano in modo flagrante lo stato di diritto? Le leggi dunque valgono soltanto per i borseggiatori (possibilmente immigrati), i rapinatori di banche e qualche occasionale colletto bianco corrotto? I governanti e le folle, per quanto benintenzionate e rispettabili, sono al di sopra della legge? E l’assenza di spargimenti di sangue e violenza trasforma gli atti illegali, magicamente, in atti legali? (In questo caso il furto con destrezza dovrebbe diventare un’arte tutelata dallo Stato, proprio come nell’antica Sparta i giovani soldati erano incoraggiati a commettere crimini senza farsi beccare).
Rajoy può piacere o non piacere (il sottoscritto non lo avrebbe mai votato), ma non è Francisco Franco né un dittatore sudamericano. Il presidente del governo spagnolo si è già detto pronto a trattare su tutto tranne che sulla secessione catalana (che la Costituzione spagnola, a cui lui ha giurato fedeltà, al momento vieta). I leader catalanisti dal canto loro rispondono: per ora facciamo il referendum sull’indipendenza, poi si vedrà. Che serà serà… Peccato che la loro manovra per ottenere più potere contrattuale per le trattative con Madrid stia costando a milioni di catalani ansia, fatica, stress, proiettili di gomma e patimenti di ogni tipo (“si el Estado español quiere formular la famosa propuesta de la tercera vía (cioè il federalismo), encantados de poder debatir esto” ha dichiarato soavemente lo sfuggevole ma geniale Puigdemont, che per fortuna dice di “dormir tranquilo”).
I catalanisti affermano: a giustificare il referendum illegale è lo stallo che ha subito il processo di riforma dello Estatut d’Autonomia de Catalunya. Senza dubbio uno stallo di undici anni è grave, e Madrid ha la sua grossa dose di responsabilità (al pari di varie comunità autonome). Ma questa situazione, per quanto sgradevole per moltissimi catalani, non ha certo privato la Catalogna della larghissima autonomia di cui gode in campo economico, politico, culturale ecc… E uno stallo di undici anni, frutto di molti errori compiuti da molti soggetti (il PP non è certo esente da serie colpe, anzi), non giustifica un atto eversivo, una reazione spropositata che rischia di destabilizzare la Catalogna, la Spagna tutta e persino l’Europa. Se i ritardi nei processi di federalizzazione giustificassero le secessioni, allora dovremmo avere un’Europa più frammentata del Sacro Romano Impero.
Del resto la volontà catalana di riformare l’Estatut nasceva da un desiderio molto prosaico: quello di tenersi molti più soldi. Specie in tempi di magra. Non dimentichiamo infatti che nel 2011 Artur Mas, allora dominus della politica catalana, dovette usare l’elicottero per entrare nel Parlamento catalano, tale era la rabbia dei cittadini catalani che protestavano contro la sua dissennata politica di austerity (ma erano altri tempi: allora gli sgomberi della polizia che sfrattavano dalle loro case catalani a basso reddito, o le cariche contro gli studenti, non scandalizzavano le anime belle della destra catalanista). Va riconosciuto che il successore di Mas, Puigdemont, è molto più furbo.
E oltre a violare il diritto spagnolo, il referendum è anche privo di fondamento dal punto di vista del diritto internazionale. Non a caso oltre 400 professori di diritto internazionale attivi in Spagna (inclusi quasi 50 della Catalogna) hanno firmato un manifesto che smonta le basi giuridiche del referendum. In altre parole, la Catalogna non ha dalla sua né il diritto nazionale, né quello internazionale (né l’Estatut stesso, ma questo poco interessa ai catalanisti).
Aspetti legali a parte, ci sono poi anche gli aspetti economici e geopolitici da tenere in conto. Per esempio, i leader e gli opinionisti catalanisti tacciono sugli enormi rischi che la Catalogna corre. Per esempio, non dicono che l’uscita della Catalogna dalla Spagna coinciderebbe, quasi sicuramente, con l’uscita dall’eurozona, dalla UE, e dalla NATO. Sia per ragioni giuridiche (i trattati internazionali, come le costituzioni, hanno regole e meccanismi di funzionamento), sia per ragioni di convenienza: ad esempio molti membri della UE fragili o centralisti (come il Belgio lacerato tra fiamminghi e valloni, la Francia con la sua Corsica e la sua Bretagna, l’Ungheria e la Polonia iper-nazionaliste…) sarebbero assai restii a non sanzionare il “cattivo esempio” dei catalani, in modo da scongiurare un devastante effetto domino. Per non parlare del sicuro boicottaggio spagnolo.
Se il referendum catalanista passasse, si affermerebbe il principio che ogni popolo può aspirare all’autodeterminazione, a prescindere dal fatto che sia soggetto o meno a dominio coloniale, occupazione militare straniera o regime razzista. E in un continente relativamente democratico e libero come l’Europa, dove i partiti secessionisti esistono senza incorrere nella repressione poliziesca che caratterizza molti stati ex sovietici, africani o asiatici, ciò potrebbe innescare reazioni a catena tali da mettere in ginocchio numerosissimi paesi. Una balcanizzazione al quadrato.
Questo, oltre a rendere ingovernabile il Vecchio continente (già è difficile procedere con una UE di “appena” 27 membri…), e a rendere possibili violenze, disordini o addirittura guerre civili (in Spagna qualcuno parla già di clima da guerra civile), indebolirebbe molto l’Europa a livello geopolitico, in un mondo sempre più pericoloso, dove il tradizionale alleato statunitense è in crisi, e potenze militari o economiche come Russia, Cina e India sono in forte ascesa.
Ma né i rischi economici (il principale partner commerciale della Catalogna è il resto della Spagna) né quelli geopolitici fanno desistere i politici catalanisti. Che amano proclamare la superiorità della classe dirigente catalana rispetto a quella spagnola. Peccato che la corruzione non sia monopolio solo dei castigliani o degli andalusi: la triste parabola del pur grande Jordi Pujol, o il Caso 3%, ne sono un lampante esempio. Così come i gravi episodi di censura subiti da giornalisti residenti in Catalogna dimostrano come anche i media catalani abbiano qualche problema…
Non solo i catalanisti, ma tutti gli spagnoli sono chiamati al buonsenso. La concitazione e l’estremismo (per citare un interessantissimo post pubblicato su GSG) devono cedere il passo alla ragione e al realismo, per il bene dei milioni di catalani, spagnoli ed europei il cui destino dipende, in tutto o in parte, dall’esito di questo braccio di ferro allucinante.
Per il bene della Catalogna (e della Spagna, e dell’Europa) i catalanisti devono abbandonare la strada dell’illegalità, e scegliere di percorrere i sentieri tracciati dalla Costituzione. Quella stessa Costituzione che, è bene ribadirlo, ha reso possibile l’autonomia catalana e ha concorso alla straordinaria fioritura del paese. Allo stesso tempo tutte le forze nel Parlamento spagnolo, in primis il PP, devono dare grande prova di lungimiranza, decenza e intelligenza, e rilanciare in modo serio, forte e urgente il processo di riforma dell’Estatut d’Autonomia de Catalunya, nell’osservanza della Costituzione, delle leggi e del dovere nazionale di solidarietà.
E poiché la Spagna non è solo la Catalogna e Madrid, ma un paese millenario con tante anime, lingue, culture e soprattutto interessi, è necessario, probabilmente, che la monarchia iberica si trasformi in uno Stato pienamente federale. Occorreranno anni di dibattito e lavoro, ma è un traguardo possibile e auspicabile. Ma affinché una federazione del genere funzioni, serve rispetto della legge e senso di responsabilità. Da parte di tutti.
[Edited by giove(R) 10/3/2017 1:07 PM]


OFFLINE
Post: 8,330
Age: 36
Gender: Male
10/3/2017 1:18 PM
 
Quote

Non sono un esperto dei separatismi spagnoli (sulla Guerra di Spagna già me la cavo di più): storicamente sapevo che erano indipendentismi tendenti a sinistra poi non so come è evoluta la faccenda. Zapatero se non mi sbaglio cercò la trattativa con l'ETA o una cosa del genere. Ma veramente non so, toccherebbe vedere da dopo il '76 chi ha fatto che.

Al momento mi sembra appunto tutto rientrato in un indipendentismo dei "cazzi miei"
--------------------------------------------------------
"A' Gómez, se c'hai 'na penna te faccio l'autografo!"

"Vola, sotto la curva vola, la curva s'innamora, tedesco vola"

OFFLINE
Post: 16,528
Location: ROMA
Age: 51
Gender: Male
10/3/2017 3:10 PM
 
Quote

E' chiaramente un'istanza quasi solo economica.
Anche se è pur vero che si perpetrano ingiustizie "istituzionali" tuttora, tipo "non si sa com'è, come non è" ma alcune cariche nevralgiche delle istituzioni spagnole sono "stranamente2 inaccessibili ai politici catalani.
Ce ne sono varie di "ingiustizie" o "disparità".

PS. comunque anche Zapatero a un certo punto sospese le trattative con l'ETA. Finchè poi non ha fatto tutto da sola, decidendo il disarmo, la stessa ETA (che però non è morta, pur se non più armata, tanto che proprio in questi giorni, prendendo la palla al balzo dalla situazione spagnola, è tornata a caldeggiare un "proces por la independencia" sulle orme di quello catalano...)


OFFLINE
Post: 8,330
Age: 36
Gender: Male
10/3/2017 11:12 PM
 
Quote

Ma mi pare che fecero un attentato, per quello sospesero. MA guarda vado proprio a memoria.

Boh vabbè comunque non penso che la politica a palle de fori del re e de Zeppoletta porti a qualcosa di utile. Conoscendomi me sarei schierato contro l'indipendenza ma poi ad un certo punto me sarei schierato a favore giusto per opposizione al potere costituito.
--------------------------------------------------------
"A' Gómez, se c'hai 'na penna te faccio l'autografo!"

"Vola, sotto la curva vola, la curva s'innamora, tedesco vola"

OFFLINE
Post: 16,207
Location: ROMA
Age: 37
Gender: Male
10/3/2017 11:20 PM
 
Quote

Re:
Sound72, 03/10/2017 11.04:

Qui però siamo ad un livello superiore alle braciolate de Pontida.


Ma quale diritto all'indipendenza?
Questi sono dei sovversivi secessionisti per meri fini economici.
Unica cosa che potrebbero fare è il principato di Barcellona visto che il resto della Catalogna non se la passa di certo bene.



beh,pure quando bossi voleva la Padania c'era di mezzo la questione economica di levarsi dalle palle il sud.


-------------------------------------------------
Quando i gabbiani seguono il peschereccio è perché pensano che delle sardine stanno per essere gettate in mare (Cantona)
OFFLINE
Post: 16,528
Location: ROMA
Age: 51
Gender: Male
10/4/2017 12:12 AM
 
Quote

jandileida23, 03/10/2017 23.12:

Ma mi pare che fecero un attentato, per quello sospesero. MA guarda vado proprio a memoria.

Boh vabbè comunque non penso che la politica a palle de fori del re e de Zeppoletta porti a qualcosa di utile. Conoscendomi me sarei schierato contro l'indipendenza ma poi ad un certo punto me sarei schierato a favore giusto per opposizione al potere costituito.



Ahahah è il motivo per cui voto quello che voto [SM=g9025]


OFFLINE
Post: 19,467
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
10/4/2017 8:08 AM
 
Quote

Re: Re:
lucaDM82, 03/10/2017 23.20:



beh,pure quando bossi voleva la Padania c'era di mezzo la questione economica di levarsi dalle palle il sud.






Si ok, ma non sono mai arrivati arrivati ad un livello di scontro cosi elevato con lo Stato.
La Lega na roba simile non l'ha mai messa su.

Questi hanno fatto un referendum con milioni di catalani a votare o a protestare per le strade. Scontri con la polizia, sciopero generale,..sono andati ben oltre le adunate de Pontida co Miglio Speroni e Calderoli.

------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 8,330
Age: 36
Gender: Male
10/4/2017 9:03 AM
 
Quote

Beh ti stai scordando quello che occupò Piazza San Marco con la Ritmo modificata tank sovietico T-34
--------------------------------------------------------
"A' Gómez, se c'hai 'na penna te faccio l'autografo!"

"Vola, sotto la curva vola, la curva s'innamora, tedesco vola"

OFFLINE
Post: 8,508
Location: ROMA
Age: 45
Gender: Male
10/4/2017 9:15 AM
 
Quote

fate come volete, ma l'indipendenza dei ricchi mi riconcilia con Giuseppe Stalin.
OFFLINE
Post: 8,330
Age: 36
Gender: Male
10/4/2017 11:18 AM
 
Quote

Ma qualsiasi indipendenza è sempre stata dei ricchi, strigni strigni. Al di là della patina identitaria, che qualche volta ha un senso altre è proprio campata in aria, il fattore economico è quello scatenante quasi sempre. Ma perché le guerre d'indipendenza nostre? Ma te arrivo a dì pure i grandi scismi religiosi tiè
[Edited by jandileida23 10/4/2017 11:19 AM]
--------------------------------------------------------
"A' Gómez, se c'hai 'na penna te faccio l'autografo!"

"Vola, sotto la curva vola, la curva s'innamora, tedesco vola"

OFFLINE
Post: 16,528
Location: ROMA
Age: 51
Gender: Male
10/4/2017 3:57 PM
 
Quote

Stalin mai e poi mai, sarebbe come dire Hitler. Al limite Lenin.
Anche se il mio preferito resta sempre Pepe.


OFFLINE
Post: 16,207
Location: ROMA
Age: 37
Gender: Male
10/5/2017 5:55 PM
 
Quote

Torri pro referendum [SM=x2478856]
-------------------------------------------------
Quando i gabbiani seguono il peschereccio è perché pensano che delle sardine stanno per essere gettate in mare (Cantona)
OFFLINE
Post: 16,528
Location: ROMA
Age: 51
Gender: Male
10/6/2017 10:35 AM
 
Quote

a breve diretta facebook. Tema: con una calza a mascherarmi la faccia, proclamerò, in stile catalano, che "IO, e TRE QUARTI DELLA PALAZZINA MIA sulla scorta delle rivendicazioni dei "fratelli" catalani, avendo ANCHE NOI fatto due conti, ed evinto dagli stessi, che CONSIDERATA L'INSOSTENIBILE PRESSIONE FISCALE, italiana e romana, qualora fossimo indipendenti risparambieremmio "sulle 2-3 piotte al mese", ci siamo determinati ad indire entro la fine del mese un Referendum per l'indipendenza, che ci garantirebbe una migliore distribuzione delle nostre tasse, migliori servizi, oltre a una busta paga più corposa. Naturalmente, ci attendiamo la massima comprensione, apertura, tolleranza e democrazia, da parte di tutti, autorità, comunità, da tutti i cittadini che si sentono ancora italiani e romani e che noi rispettiamo pur non condividendone la CONVENIENZA ECONOMICA. Che sia una giornata di Democrazia e di fratellanza e la nuova alba della "Repubblica Indipendente de TRE QUARTI DELLA PALAZZINA MIA".

Che dirà quel mononeurone con le gambe?
E voi?
A breve sul web,

Il Subamministratore Gioves, detto El SUP
[Edited by giove(R) 10/6/2017 10:37 AM]


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:36 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com