New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 3 | Next page

RISPOSTE ALLE DOMANDE DEI NON CREDENTI

Last Update: 6/7/2021 3:14 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
3/30/2021 10:03 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Obiezione di NC
"Ora uccidete ogni maschio tra i fanciulli e uccidete ogni donna che si è unita con un uomo; ma tutte le fanciulle che non si sono unite con uomini, conservatele in vita per voi."
Numeri 31,17-18
Da questo versetto delle Sacre Scritture si evidenzia: odio, violenza, sterminio verso i bambini e addirittura pedofilia autorizzata. Chiedo ai Tdg (ed anche ai cristiani in generale) cosa intendesse Dio e soprattutto, come sia possibile che un Dio d'amore permettesse un fatto del genere. Grazie

Risposta di CR
Numeri 31:1-11 Dio ordinò a Mosè di sterminare i Madianiti per aver corrotto gli Israeliti con la fornicazione e l’idolatria a Baal-Peor. … dodicimila uomini
marciarono contro il nemico e uccisero
tutti i maschi. Fineas andò in guerra in
luogo del sommo sacerdote suo padre,
probabilmente perché era stato lui ad
allontanare l’ira di Yahweh uccidendo
Zimri e la Madianita (vd. cap. 25). Spettava dunque a lui guidare gli eserciti del
Dio vivente per portare a termine il castigo del Signore su Madian. L’espressione “tutti i maschi” (v. 7) indica tutti
i soldati madianiti, non tutti i Madianiti
in assoluto giacché, al tempo di Gedeone, essi sarebbero tornati a costituire una minaccia per Israele (vd. Gc 6).
Sur (v. 8) era probabilmente il padre di
Cozbi, la Madianita uccisa nell’accampamento di Israele (vd. 25:15).
Nonostante avessero ucciso tutti i soldati madianiti, i figli di Israele avevano risparmiato le donne
e i bambini e li avevano condotti orgogliosamente al campo come preda di guerra. Mosè si adirò del fatto che fossero state risparmiate proprio coloro che avevano indotto Israele
in peccato e ordinò di uccidere ogni maschio e ogni donna che avesse
avuto rapporti sessuali con un uomo.
Le fanciulle vergini furono risparmiate e probabilmente destinate ai lavori domestici. Questo castigo era giusto e necessario al fine di preservare Israele
da un’ulteriore corruzione. -----
IN tutta la vicenda si tenga conto che prima della venuta di Cristo vigeva la Legge, non ancora la Grazia che lo stesso Dio accordava grazie al sangue che il Figlio aveva versato per noi. Secondo la giustizia divina, l'uomo che pecca o induce al peccato doveva essere eliminato, Questo concetto che materialmente non viene applicato nel Nuovo Testamento, appare però convalidato al livello spirituale, da Cristo stesso quando avvertì: "Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? 3 No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. 4 O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Sìloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? 5 No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo». Lc 13,1-5

NC
ammiro la tua preparazione ma il "probabilmente" non regge come il resto della spiegazione che in modo palese cerca di giustificare l'ingiustificabile.

CR
Non tutto ci viene spiegato nei dettagli della cronistoria o nelle motivazioni. Alcune cose si possono dedurre da altre, ma non sempre si ha la certezza dello svolgimento delle vicende, come nel caso in questione. A noi è chiesto di fidarci di Dio nonostante talune narrazioni possono sembrare alla nostra cultura, incomprensibili. Non dimentichiamo che ci troviamo di fronte a popoli dal collo duro, crudeli, violenti, asserviti a "dei" demonici . SPesso si tende a notare la severità di Dio dimenticando le atrocità umane, per i quali Dio ha dovuto mettere in atto estremi rimedi per la salvezza dello spirito.

NC
dal punto di vista di un credente può anche essere. Ma dal mio punto di vista, che non crede nella veridicità della Bibbia, vedo solo un racconto scritto da uomini di quel tempo che come dici tu erano violenti e primitivi. Ed è anche per questo motivo che il Dio dell'antico testamento è molto diverso dal Dio del nuovo testamento.

CR
Se vi fosse distinzione tra il Dio del VT e quello del NT, Gesù lo avrebbe indicato e avrebbe marcato le distanze. Mentre Egli si è sempre mostrato deferente, sottomesso in quanto anche uomo e subordinato alle leggi divine, dichiarandosene Figlio. Inoltre nel NT vi sono oltre 300 citazioni del VT la maggiorparte delle quali si riferiscono direttamente al Dio Yahweh. Per cui per quanto possa sembrare diverso dal Padre misericordioso che Gesù ci ha fatto conoscere, dobbiamo tener conto anche di tanti passi in cui il Dio giusto, mostrava il suo carattere di misericordia e di pazienza anche nel VT. Basta ricordare il tempo di attesa dei 120 anni prima che arrivasse il diluvio, la promessa che avrebbe risparmiato Sodoma se vi fossero stati anche solo 10 giusti, il perdono accordato ai Niniviti, che si erano mostrati pentiti. Ma anche i duri castighi devono essere visti come estremi tentativi di salvataggio, anche quando corporalmente non si sia potuto evitare la morte fisica.
OFFLINE
3/30/2021 10:26 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Obiezione di NC
visto che citi il diluvio e la crocifissione di Gesù (che per me sono pura fantasia esattamente con il Signore degli Anelli e Guerre Stellari). Mi spieghi come sia possibile che l'essere più intelligente, potente e creatore dell'universo, abbia trovato come unica soluzione al peccato dell'uomo (da lui stesso creato) quello di sterminare donne e bambini, dopo atroci sofferenze e di mandare il proprio figlio ad essere torturato ed ucciso. Grazie

RIsposta di CR
Gesù disse in Matteo 10,28
... non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire e l'anima e il corpo nella Geenna.
Questo ci fa capire che la distruzione fisica delle persone non deve tanto preoccuparci quanto invece la perdizione eterna.
Pertanto Dio, attraverso una estrema punizione può proporsi anche di ottenere un pentimento, sia pure dell'ultimo momento, da parte della persona che lo subisce.
A riguardo c'è questo testo di 1 Pietro 3,18
"Anche Cristo è morto una volta per sempre per i peccati, giusto per gli ingiusti, per ricondurvi a Dio; messo a morte nella carne, ma reso vivo nello spirito. 19 E in spirito andò ad annunziare la salvezza anche agli spiriti che attendevano in prigione; 20 essi avevano un tempo rifiutato di credere quando la magnanimità di Dio pazientava nei giorni di Noè, mentre si fabbricava l'arca, nella quale poche persone, otto in tutto, furono salvate per mezzo dell'acqua."
In tale testo, viene rivelato che Gesù, dopo aver conquistato con la propria morte, il diritto di riscatto e di ingresso nel Regno, si recò spiritualmente ad annunciare la redenzione anche per coloro che durante la costruzione dell'arca si mostrarono ribelli, ma che evidentemente non erano rimasti indifferenti di fronte alla punizione fisica che Dio mise in atto, al fine di scuotere le loro coscienze intorpidite e intestardite dal male.
Un'altra eco di tale motivazione che può spingere il Signore ad attuare delle misure estreme nei confronti dell'uomo avviato alla perdizione e che Egli vorrebbe risparmiare tentando l'ultima carta, lo troviamo in questo testo:
1 Cor 5,4 Nel nome del Signore Gesù, essendo insieme riuniti voi e lo spirito mio, con l'autorità del Signore nostro Gesù, 5 ho deciso che quel tale sia consegnato a Satana, per la rovina della carne, affinché lo spirito sia salvo nel giorno del Signore Gesù.
Nel versetto citato, si evince che la "rovina della carne" dell'impenitente era a scopo di correzione e per la salvezza dello spirito, di quell'uomo, che altrimenti non si sarebbe potuto salvare.
Da quanto sopra si può arguire che anche quelli che possono sembrare atti distruttivi e spietati da parte di Dio, in realtà hanno lo scopo di correggere, o di colpire per salvare in extremis le persone ridotte ad un abbrutimento irrecuperabile, e nello stesso tempo di preservare altri dal commettere gli stessi abomini, tenendo presente ciò che essi hanno sofferto a causa dei loro atti esecrandi. -- C'è infine da considerare che a qualsiasi età si può morire e per qualsiasi motivo, e non è stato Dio a volere la morte, bensi l'uomo con la sua decisione di rendersi indipendente da Dio. Che per salvarci, senza venir meno alla sua infinita giustizia, ha dovuto far ricorso ad un mezzo indispensabile perchè venisse attuata questa finalità: il sacrificio espiatorio dell'uomo innocente. E siccome nessun uomo avrebbe potuto far questo con tali caratteristiche, ha dovuto mandare il proprio Figlio, che già prima della creazione del mondo era disposto a fare ciò che ha fatto, secondo quanto ci viene rivelato in salmo 39,7 Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto.
Non hai chiesto olocausto e vittima per la colpa.
8 Allora ho detto: «ECCO VENGO IO.
Sul rotolo del libro di me è scritto, 9 che io faccia il tuo volere. ---
OFFLINE
4/4/2021 11:57 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Obiezione
Visto che la bibbia esiste per volontà divina, è curioso che non contenga nulla che non fosse già conosciuto dagli uomini di allora...avrebbe potuto includere, che ne so, la formula del permanganato di potassio, un riferimento al teorema di Qulomb, qualcosa sui dinosauri, e invece niente...niente di niente

Risposta
Agli uomini di tutti i tempi il linguaggio usato nella Bibbia può essere comprensibile, ma non è detto che tutti ne conoscano o abbiano avuto cognizione del contenuto che si distingue dal sapere e dai ricordi di popoli e culture diverse da quella ebraica, in cui è nato e si è formato il Vecchio Testamento. Si trovano reminiscenze della storia di un diluvio o della creazione, anche presso i babilonesi, ma diversi su alcuni aspetti peculiari. - Per quanto riguarda l'esplicitazione o le spiegazioni scientifiche, se le avesse fatte nella Bibbia, certamente avrebbe scoraggiato tutti, nessuno avrebbe capito, non sarebbero servite a far maturare gli uomini per offrire loro una via di salvezza,
OFFLINE
4/21/2021 11:19 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Perchè ci sono delle differenze tra i racconti della resurrezione di Gesù fatti dagli evangelisti:

risposta:
Marco aggiunge ai nomi delle visitatrici del sepolcro quello di Salome; Luca quello di Giovanna, e quest'ultimo indica inoltre la presenza di altre donne, che non nomina. Quindi occorre tener presente che si sono susseguiti diversi momenti, entrati nella narrazione dei vari evangelisti. Le donne non giunsero tutte insieme al sepolcro, ma separatamente, le une dopo le altre, secondo la distanza da percorrere, e che ogni evangelista narra le cose che egli stesso vide, o che furono vedute da quelli da cui trasse le sue informazioni.
OFFLINE
4/23/2021 3:17 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Obiezione
Ci tengo a precisare che sono quasi completamente atea. Ma c'è una domanda che ho sempre fatto durante la mia vita da tdg, almeno, dal preciso momento in cui ho cominciato a ragionare. E a cui MAI mi è stata data una risposta, figuriamoci una risposta soddisfacente.
Allora, i tdg insegnano che tra i motivi per cui Geova permette le sofferenze, c'è il fatto che ci furono testimoni oculari... Ovvero "gli angeli hanno visto dal cielo ciò che stava accadendo sulla terra" cioè che Adamo ed Eva avevano mangiato il frutto proibito disubbidendo a Dio e con l'ambizione di essere addirittura simili a lui, e volersi mettere al posto del creatore. E che in un secondo tempo quegli stessi angeli erano presenti quando satana lanciando a Dio una sfida disse in parole povere "l'uomo darà tutto ciò che ha in cambio della sua anima" ovvero non ti sarà mai fedele per sempre. A quel punto Dio gli diede in mano il governo della terra e puntò "amorevolmente" tutto sugli uomini (che già sapeva essere imperfetti e peccatori, quindi potenzialmente fallimentari ma vabbè... Avrebbe anche potuto usare la sua omniscienza e vedere che alla fine sarebbe stato lui e il suo governo "dittatoriale" a vincere).... A questo punto arriva la mia domanda, ovvero: ma scusate, se Dio è amore, onnipotenza, conoscenza e perfezione e di conseguenza può davvero fare tutto, per quale motivo non ha pensato di "resettare" la memoria degli angeli in quelle due specifiche occasioni e distruggere satana una volta per tutte, evitando al genere umano secoli e secolo e secoli di sofferenze a non finire? Cioè c'era bisogno di farci soffrire e morire (oltretutto per i peccati di altri, neanche i nostri, dato che nasciamo già nel peccato!).... Spero di non offendere nessuno nel dire che a me sembra più che un Dio d'amore un Dio un bel po' egoista... E pure piuttosto limitato, dato che a sto pensiero e a sta idea ci sono arrivata io e lui no... Secondo chi crede Dio fa sempre la cosa più giusta per tutti e l'ha sempre fatto. Ma anche solo se non avesse "resettato" la memoria degli angeli in quelle occasioni perché se no, non si sarebbe sentito apposto con se stesso, io a Dio chiederei: Scusa ma ora che vedi come siamo ridotti e fin dove si spinge la cattiveria di certe persone, ti senti a posto con te stesso?.... Se fossi il Dio che predicano i tdg (come anche altri) sinceramente mi terminerei per aver creato tutto sto caos, e non averne ancora abbastanza da mettervi fine.... A me più che amore questo sembra sadismo, scusate.... Spero nessuno si offenda. Ho detto tutto ciò solo per amore del ragionamento.

Risposta di CR
"Resettare la memoria degli angeli" per indurli ad agire secondo il suo volere divino? Ciò avrebbe comportato una coercizione. Una privazione della memoria e presumibilmente della volontà di fare ciò che effettivamente hanno scelto di fare e che comunque avrebbero potuto fare usando il loro intelletto dopo il "reset". Ma tutto ciò significa togliere alle creature la parte più alta della loro dignità di esseri liberi e responsabili. --- Mentre Dio, in quanto nostro Creatore, e Creatore del nostro intelletto, ne sa più di noi. -- Ha ritenuto, stando alla Scrittura, di permettere agli angeli ribelli di agire, entro certi limiti, e attraverso la loro azione, ha permesso di mettere alla prova l'uomo. Al tempo stesso, ha provveduto ad accompagnarlo nel faticoso cammino, fino a mandare il suo Unigenito FIglio per riscattarne le cadute e dargli la possibilità di salvarsi

NC
praticamente se ho capito bene, Dio ha prima permesso di far agire gli angeli ribelli mettendo alla prova l'uomo e non ho capito il perché non l'abbia potuto fare lui stesso...poi Dio ha mandato il figlio per riscattare l'uomo che è stato provato dagli angeli ribelli

CR
In Giacomo 1,13 troviamo una possibile risposta alla tua domanda:
"Nessuno, quando è tentato, dica: «Sono tentato da Dio»; perché Dio non può essere tentato dal male e non tenta nessuno al male." ---- Per tale motivo la prova di fedeltà che Dio richiedeva all'uomo era solo un semplice divieto (non mangiate del frutto...), mentre la spinta a disobbedire venne dal diavolo, (a cui era stato permesso di tentare, entro un certo limite, in modo da non attentare alla libertà umana, e al contempo di rendere la prova più intensa ma non superiore alle forze possedute).
Il Figlio è stato mandato perchè l'uomo, non ha superato la prova e i suoi discendenti hanno aggravato la situazione ciascuno con i propri peccati, incapaci quindi di sapere resistere alle influenze sempre maggiori della tentazione. Senza un uomo, vittorioso su tutte le prove, che si offrisse come vittima espiatrice per i peccati degli altri, non vi sarebbe stata possibilità di risalita e di redenzione.

NC
dove è scritto tutto questo? E poi che significa ha mandato il Figlio?' La sofferenza c'è sempre, uguale uguale, prima del Figlio e dopo il Figlio.

CR
Ad esempio nel libro di Giobbe cap.1,6 ss 6 Un giorno i figli di Dio vennero a presentarsi davanti al SIGNORE, e Satana venne anch'egli in mezzo a loro. 7 Il SIGNORE disse a Satana: «Da dove vieni?» Satana rispose al SIGNORE: «Dal percorrere la terra e dal passeggiare per essa». 8 Il SIGNORE disse a Satana: «Hai notato il mio servo Giobbe? Non ce n'è un altro sulla terra che come lui sia integro, retto, tema Dio e fugga il male». 9 Satana rispose al SIGNORE: «È forse per nulla che Giobbe teme Dio? 10 Non l'hai forse circondato di un riparo, lui, la sua casa, e tutto quel che possiede? Tu hai benedetto l'opera delle sue mani e il suo bestiame ricopre tutto il paese. 11 Ma stendi un po' la tua mano, tocca quanto egli possiede, e vedrai se non ti rinnega in faccia». 12 Il SIGNORE disse a Satana: «Ebbene, tutto quello che possiede è in tuo potere; soltanto, non stender la mano sulla sua persona».-------- Dio Padre ha mandato suo Figlio per insegnare, anche attraverso le tentazioni che ha voluto sperimentare Lui stesso, il modo per non essere vinti da esse, ma in modo da poter mostrare al Padre che lo amiamo veramente più di ogni potere o piacere terreno. -- Ciò durerà fino a quando non sarà completato il tempo concesso al diavolo di agire e a noi di resistergli. -- Dopo di che il diavolo, che è stato vinto da Cristo venuto come uomo, sarà legato e non potrà nuocere.
OFFLINE
4/26/2021 5:03 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Noi credenti riteniamo che tutto l'esistente sia partito dal nulla, (basandoci su Gv1,3) e che a dare inizio al tutto sia stato Dio.
Gli astrofisici, nelle recenti ipotesi hanno formulato che il tutto sia partito dal "vuoto", non meglio precisato, che "fluttuava" e che ad un certo punto, una bolla fluttuante si sia "gonfiata" indotta da un "inflatone" dando origine al big bang. Sia i fisici credenti che quelli non credenti stanno lavorando a queste ipotesi per verificarle. Anche se tutto questo venisse confermato, resterebbe sempre la domanda: cosa sia effettivamente quel vuoto, e per quale motivo ad un certo punto, un non meglio identificato "inflatone" abbia fatto partire questo big bang arrivando a produrre perfino la vita dentro la materia, e la ragione dentro la vita.
I fisici affermano che il vuoto non sia il nulla ma un assieme di materia e antimateria e di energia.
E' tutt'altro che un "vuoto", tutto ancora da studiare, ammesso che venga confermata. --E anche in tal caso, se non è il nulla ma qualcosa, resta sempre la domanda: chi ha dato origine a quel qualcosa, in modo che poi arrivasse a originare il big bang che ha originato un universo rispondente a leggi logiche e finemente regolate, in modo da originare la vita e poi la ragione? La fisica potrà anche dirci il come, il quando, o dove è avvenuto ciò, ma non potrà dimostrare che tutto questo sia avvenuto senza la volontà o l'intervento di Qualcuno.

Tutto questo i fisici, non ce lo diranno mai probabilmente, e resta al nostro buon senso arrivarci.
[Edited by Credente 4/26/2021 5:33 PM]
OFFLINE
4/28/2021 5:15 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

obiezione di NC
se non sai distinguere il male ed il bene non è della religione che hai bisogno, ma di cervello o cuore.

risposta di CR
ci sono purtroppo delle persone, che diventano talmente incalliti e induriti nel male, la cui coscienza ad un certo punto, comincia a ritenere giustificati perfino gli atti più esecrandi. In tal caso non basta nè il loro cervello nè il loro cuore, ma ci vuole proprio il ricordo di una regola oggettiva, non lasciata cioè al discernimento soggettivo di quella persona. Tale regola oggettiva può venire solo da Dio, attraverso la sua Parola, per chi ovviamente la vuole ascoltare. Se non la si ascolta ci si dovrà far carico delle proprie responsabilità davanti a Lui.

NC
Che peccato deve espiare un non credente (che quindi ignora il senso di peccato)?

CR
anche chi non crede in Dio possiede una coscienza che gli indica, almeno in parte, ciò che è scorretto fare. Ad esempio se uno ritiene scorretto che venga fatto a lui una certa cosa, automaticamente sa che è scorretto farlo agli altri. Per cui per tutti vale la regola "non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te". Anche se questo non è tutto, perchè abbraccia i nostri doveri verso il prossimo, ma non quelli verso Dio, sarebbe comunque già molto.

NC
allora dividiamo i concetti.
Bene e male sono relativi, dipendono molto dalla società e dalle tradizioni.
Non si possono misurare le abitudini di un Popolo usando le scale di valori di un altro, non esistendo una scala di valori univoca.
Per la seconda parte, che doveri ha una persona verso un dio sconosciuto?
Non ne ho mai sentito parlare, non ho prove... Perché dovrei considerarlo?

CR
Il Vangelo ci fa conoscere questo Dio, quanto ha fatto per noi, ma anche il minimo che ci chiede e che è riassunto in quei 10 comandamenti, di cui 7 per il prossimo e 3 per Dio. ---Le prove che Dio ha fornito, oltre alla creazione stessa, sono gli innumerevoli segni avvenuti lungo il corso della storia, sia nell'accompagnamento del popolo ebraico, sia di quello cristiano. Ci devono bastare. CIò non esclude che Dio, se lo ritiene opportuno, possa fornire qualche supplemento a tali prove, in certi casi.



OFFLINE
4/29/2021 2:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Un qualsiasi padre terreno ama il figlio e talora gli dice: figlio mio, non mettere la mano lì perchè potresti bruciarti, non mettere il piede lì perchè potresti cadere, non passare di là perchè potresti precipitare. E' esattamente quello che fa Dio, proprio perchè ci ama, e non ci chiede i soldi, ma il contraccambio libero del nostro amore. Mi pare che se accettiamo queste indicazioni da parte di un padre terreno, di cui ci meraviglieremmo se incurante non ci avvisasse, perchè dovremmo pensare che Dio non ci debba avvertire dei pericoli che corriamo?
OFFLINE
4/30/2021 10:33 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Obiezione:
Se Dio ha già deciso ciò che deve fare, perchè dobbiamo pregare?
Se sei nel suo piano, ti darà comunque ciò che gli potresti chiedere, anche senza chiederlo, ma se non sei nel suo piano, sarà inutile pregarlo.

Risposta
Nella Bibbia troviamo che i piani di DIo sono per il bene dell'uomo e che l'uomo può interagire con Dio, e con la nostra libera adesione alla sua volontà, possiamo fargli cambiare i suoi piani verso di noi. ---Vedi ad esempio la decisione di distruggere la città di Ninive per i peccati che gli abitanti vi commettevano e che per le loro preghiere di pentimento fecero desistere Dio dal suo proposito. Gesù ci ha insegnato a pregare , a bussare, a chiedere, per ottenere al momento opportuno quanto è per il nostro vero bene.
Ci tratta da persone libere e capaci di interagire. E siccome rispetta la nostra libertà, oltre le cose che abbiamo già ordinariamente, non ci da forzatamente le cose che non desideriamo. Egli conosce in anticipo ciò che noi esprimeremo nella preghiera, ma vuole che liberamente ci accostiamo a Lui, non tanto per ascoltare la nostra richiesta, che già conosce, quanto perchè nella preghiera noi gli apriamo il cuore per una più piena comunione con Lui. --- Se si legge il Vangelo con attenzione si può comprendere quanto il Signore ci tenga alla nostra preghiera, non perchè ha bisogno di noi, o voglia avere le nostre lodi, ma perchè vuole darci il suo affetto e i suoi doni.
OFFLINE
5/1/2021 6:34 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Il termine ebraico tradotto con "male" in Isaia 45,7, è improprio, in quanto il senso è quello di calamità. Inoltre se una calamità è finalizzata al bene, come quella di ottenere la conversione di chi sbaglia, allora quella calamità o quel male diventa benefico per chi la subisce. Il chirurgo quando taglia e asporta, provoca molto MALE E DOLORE, ma lo fa per ottenere la guarigione. Per tale motivo in
Giobbe 5,18
perché egli fa la piaga e la fascia,
ferisce e la sua mano risana.
e in
Geremia 30,15 troviamo anche il motivo di tale opera finalizzata al bene:
"Perché gridi per la tua ferita? Incurabile è la tua piaga.
A causa della tua grande iniquità, dei molti tuoi peccati,
io ti ho fatto questi mali."
------------ Ma poi aggiunge: Geremia 33,6
Ecco io farò rimarginare la loro piaga, li curerò e li risanerò.

o anche in Isaia 30,26
La luce della luna sarà come la luce del sole e la luce del sole sarà sette volte di più, quando il Signore curerà la piaga del suo popolo e guarirà le lividure prodotte dalle sue percosse.

Chi legge la Bibbia non deve fermarsi a un singolo versetto ma inquadrarlo nella sua totalità.

[Edited by Credente 5/1/2021 6:40 PM]
OFFLINE
5/5/2021 6:09 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

I dinosauri ed altri sono stati creati il sesto giorno insieme ad Adamo ed Eva, era quello il paradiso terrestre? Ma i vari ominidi quando sono stati creati? E perche'? Che ruolo hanno avuto nella fase della creazione?

risposta
I "giorni" non erano fatti di ORE ma di ERE perchè non erano scandite dal sole, che fu creato al quarto di quei particolari "giorni" e di cui la Bibbia non ci dice la durata. Se gli ominidi avessero il ruolo di preparare la base fisica per poter ad un certo punto essere pronti a ricevere l'alito dello spirito da parte di Dio, durante il sesto "giorno"/periodo, non lo possiamo escludere. Così come non possiamo escludere che Dio formasse direttamente l'homo sapiens, senza servirsi di altre specie non dotate di ragione, ma indipendentemente da esse. Ciò che per noi credenti è importante sottolineare è che la creazione, a prescindere dalla durata o dalla modalità creativa, sia stata voluta da un Creatore.

OFFLINE
5/6/2021 10:09 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Pongo una domanda su un aspetto puramente logico.
La domanda che sorge spontanea è: come mai il Cristo risorto non ha continuato a predicare fra gli uomini?
Essendo in grado di sconfiggere la morte, perché non è rimasto per sempre fra noi?
Quanti dubbi in meno avremmo?
Ora saremmo tutti cristiani e non ci sarebbero più la guerra e l'ingiustizia nel mondo.
Invece se ne è andato.
Perché?
Solo per rendere la nostra vita ancora più difficile?
Solo per indurre in tentazione ancora più persone?
Solo per provocare più sofferenza?

Risposta
Cristo ha vinto la partita delle tentazioni, e della morte ma ha anche detto a Pietro "«Simone, Simone, ecco, Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano (Lc.22,31). In poche parole, la sfida prefigurata nella storia di Giobbe, avrebbe avuto ancora una certa concessione di tempo, e il Signore permette questa prova, entro i limiti delle nostre forze, per poter formare, e perfezionare la fedeltà dei suoi discepoli. La fede si prova col "Non vedere" e con varie difficoltà. Per questo, pur essendo rimasto spiritualmente con noi, fino alla fine del mondo, (Mt.28,20) non è dato ai nostri occhi fisici la possibilità di vederlo, ma ha dato al nostro cuore la possibilità di intuirne la presenza.
OFFLINE
5/7/2021 2:51 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Continuazione dal post precedente

NC
permette questa prova???? Ma dov'è la prova di quello successo nei compi di sterminio???? Di un bambino bombardato in Siria? Di un bambino divarato da cellule tumorali? Di più di 2000 anni dopo la sua scomparsa di sofferenze e morte? Ma smettiamola di dire buffonate per favore! Dio non esiste punto!

Risposta
noi valutiamo come enormi certe situazioni contingenti che hanno tuttavia una durata limitata ma non valutiamo (non avendo gli strumenti) il "peso enorme di gloria". Dice infatti Rom.8,17.... E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se veramente partecipiamo alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria. Io ritengo, infatti, che le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi.---

Quando saremo di là, probabilmente diremo beati coloro che hanno maggiormente sofferto. E non dimentichiamo che tra coloro che hanno maggiormente sofferto, Dio ci ha dato come esempio il Figlio, che ."...in cambio della gioia che gli era posta innanzi, si sottopose alla croce, disprezzando l'ignominia ... Eb.12,2)
[Edited by Credente 5/7/2021 2:52 PM]
OFFLINE
5/9/2021 7:10 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

obiezione di NC
mi spieghi per favore dov'era la sua infinita giustizia quando ha massacrato donne e bambini durante il diluvio universale? Dov'era quando ordinava di uccidere interi popoli e di lasciare le vergini (comprese le bambine) ai popoli conquistatori? Dov'era la sua infinita giustizia mentre i nazisti bruciavano millioni di ebrei che un tempo chiamava il suo popolo? Facciamola finita di dire stupidaggine! Nel 2021 la favoletta di Gesù e della Bibbia non regge più. Questa è la verità!

risposta di CR
dov'era la giustizia umana quando gli uomini adoravano dei falsi, quando bestemmiavano il nome del vero Dio, quando ricambiavano con odio la sua provvidenza, quando trucidavano e massacravano i loro simili e perfino i familiari che immolavano ai demoni, quando stupravano, abusavano, quando rubavano e opprimevano i deboli e gli oppressi, quando attestavano falsità per i loro tornaconti? E quando torturarono lo stesso suo Figlio, dov'era la giustizia umana? Eppure Dio, nonostante la enorme pazienza mostrata prima del diluvio, e prima di altri eventi correttivi, attendeva (ed attende) la conversione, che spesso non arriva, e quindi non gli resta che l'ultimo tentativo per purificare le sue creature, e cercare di salvarle dalla eterna dannazione che sarebbe la vera tragedia irreversibile, da temere e da cercare di evitare. E noi vorremmo permetterci di giudicare Dio e condannarlo per le conseguenze delle nefandezze umane? Riflettiamo attentamente, prima di aggiungere agli orrori anche gli errori.
OFFLINE
5/10/2021 5:15 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
Quindi mi stai dicendo che Dio fa a gara a chi fa più pena fra noi e lui????? Inoltre! Noi siamo esseri imperfetti, soggetti a commette errori e da lui stesso creati! Lui invece è perfetto! Quindi chi è peggiore?

Risposta di CR
La libertà che Dio ha dato all'uomo è uno dei doni maggiori che si possa ricevere a coronamento della propria completezza. Se non lo avessimo ricevuto saremmo degli automi programmati a fare certi atti involontari. Ma Dio ha voluto dotare l'uomo di questo elemento della propria grandezza e cioè La volontà.--- Lo schifo è solo dell'uomo quando usa male questo eccezionale dono della bontà divina, che ci ha fatti diversi dagli animali che sono privi del libero arbitrio, e che agiscono per istinto. -
--Gli orrori e gli errori sono stati dell'uomo che si è volontariamente reso indipendente da Dio, accumulando una mole insormontabile di peccati, mentre Lui ha sempre cercato e cerca tutt'ora di porvi rimedio, offrendoci la redenzione operata dal Figlio. -
-Ma l'attesa paziente e benevola di Dio della nostra conversione non è senza un termine. La sua pazienza termina quando è inevitabile la correzione.
OFFLINE
5/10/2021 5:32 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
ma cosa dici??????? Dov'è la mia libertà se sono un bambino e mi ammalo di cancro????? Ha scelto il bambino di essere divorato da cellule tumorali?????!!! Smettiamola di essere ridicoli e di giustificare un Dio che, se esiste, è solo un grandissimo SADICO!!!!!!!! Ma la sua non esistenza è la risposta più logica. Non siamo altro che polvere di stelle frutto di infinite probabilità in un tempo immenso. All'Universo del nostro libero arbitrio non gliene importa una mazza. Potremmo essere spazzati via da una supernova in qualsiasi momento. E all'universo continuerebbe a non importagliene niente!

CR
la libertà umana, è tale anche perchè può riuscire ad influire sulla vita dei propri simili, che ne subiscono gli effetti spesso lesivi. Una madre che assume o inala sostanze nocive, attraverso i cibi, le bevande, il fumo, la pelle, può trasmettere danni al nascituro. La immissione, da parte dell'uomo, nei terreni, nell'acqua o nell'aria di sostanze radioattive, o nocive, si propagano arrivando alle persone e causando dei danni. Dio ordinariamente permette che la libertà venga esercitata anche sulla natura, che con le sue leggi interne restituisce purtroppo le deformazioni a cui è sottoposta.
Inoltre vi possono essere responsabilità degli avi che causano danni anche nei discendenti.
Le leggi della natura sono fatti in maniera da non poter essere ingannate e restituisce in un modo o nell'altro ciò che deturpiamo.
Non è Dio che fa il male, ma siamo noi uomini. Non è Lui il sadico. SIAMO NOI.
Lui ha sottoposto la terra alla caducità, ma in vista di restaurare tutte le cose al momento opportuno.
OFFLINE
5/11/2021 4:03 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
e se rispetta le nostre decisioni perché non ci libera dalla morte e dalle sofferenze invece di ricattarci visto che è onnipotente?

CR
è appunto quello che è venuto a realizzare, trovando una soluzione, molto dolorosa per Lui stesso, ma che tiene conto di tutti i fattori in gioco tra cui la sfida del diavolo, la libertà dell'uomo, il rispetto che Egli accorda a tutti gli esseri, la possibilità di farlo maturare anche attraverso prove. Onnipotenza si intende NEL BENE. La costrizione non è un bene e quindi Dio non obbliga ad accettare la soluzione che Egli ha trovato nel mandare il Figlio a pagare i nostri debiti. Avremo la salvezza solo se lo vogliamo, e lo avremo quando tutti i fattori in gioco saranno andati al loro posto.

OFFLINE
5/12/2021 5:05 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

continuazione da post precedenti
NC
prima di tutto ti ringrazio per le tue risposte. Credimi io vorrei credere (scusami il gioco di parole). Lo vorrei tanto. Ma non riesco a capire come sia possibile che l'ognipotente Dio creatore di tutto l'universo abbia trovato come unica soluzione quella di mandare il figlio ad essere torturato e uccisso per via del peccato dell'uomo da lui stesso creato.

CR
Trovo comprensibile la tua perplessità anche perchè ci troviamo di fronte alle decisioni di Dio, che per noi non è affatto semplice comprendere. L'unica fonte per poter avere una risposta alle nostre legittime domande resta la Parola rivelata da cui ricaviamo che Per conciliare la infinita giustizia con l'infinito amore che lo ha mosso a creare noi uomini, non ha trovato altro modo che questo.
Probabilmente avrebbe potuto scegliere di soffrire di meno evitando la morte più ignominiosa che esisteva all'epoca e cioè quella per crocifissione. Ma evidentemente il Figlio stesso, volendo manifestare un amore estremo sia verso il Padre, alla cui volontà si era sottoposto, sia verso gli uomini, a cui voleva mostrare non solo il suo amore ma al contempo mostrare un esempio di accettazione della sofferenza, ha deciso di sottoporsi alla massima prova umanamente concepibile. -
-- Ma essendosi abbassato fino all'annientamento sapeva anche quale gloria era posta dinanzi, non solo a Lui ma anche a coloro che lo seguono su quella strada. Se lo accettiamo, la nostra vita e gli eventi della storia umana avranno un senso, e per quanto siano duri i nostri giorni, non saranno senza un perchè.
OFFLINE
5/25/2021 7:19 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
il tema da dibattere è la mia critica verso gli inventori/coniatori/fondatori della religione catto/cristiana, il rimprovero da me rivolto ai sempliciotti/immaturi Padri e/o Dottori della vostra scriteriata confessione "religiosa" d'esser essi stati enormemente mediocri/grossolani nel corso della loro opera di "creazione" della vostra religione, ed ho a tal uopo enumerato qualcuno dei loro errori/omissioni e strafalcionerie, alcune di queste loro imperdonabili superficialità, per es., di non averGli essi fatto guarire, a Gesù Cristo, il nonno di Caifa e quell'altra loro inescusabile/ingiustificabile trascuratezza di non averGli fatto risuscitare lo zio o il cugino di Ponzio Pilato, perché infatti così, se cioè fossero essi stati meno negligenti e meno pasticcioni/ incongruenti, avremmo oggi avuto un mondo monocolore tutto cristiano, senza le odiose/astiose concorrenze e rivalità attuali o addirittura le sanguinarie guerre fra religioni, senza màrtiri e neppure alcun bisogno delle caste ecclesiastiche che quotidianamente tuttora appesantiscono/imbavagliano e sovraccaricano le vostre stesse esistenze, moltiplicando fatiche e sacrifici di quei tanto ingenui di voi "credenti".

Risposta di CR
Gesù aveva fatto i miracoli sufficienti per identificarlo e ciò era tutto calcolato in modo da offrire loro la possibilità di non incorrere nella colpa di cui si sono resi responsabili. Al tempo stesso Gesù non aveva in progetto di evitare il sacrificio a cui si è volontariamente sottoposto. Se lo avesse voluto avrebbe potuto con una sola parola atterrire non solo il drappello di soldati armati che lo catturarono, ma tutto il sinedrio.--
E se avesse evitato tale sacrificio, non avrebbe neutralizzato l'astuzia del serpente antico che teneva l'umanità sotto la sua influenza. Per cui queste idee che a Dio non sono venute in mente, è solo perchè non avrebbero coniugato l'esigenza della giustizia, della misericordia e della libertà degli esseri da Lui creati. E di tutto ciò invece doveva tener conto.
OFFLINE
5/28/2021 2:51 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Obiezione di NC
CRISTIANI, SE NON SIETE POVERI, NON ANDATE IN PARADISO.
Donate tutto ai poveri, lo ordina il Vangelo. COMANDAMENTO EVANGELICO DI Povertà
Matteo 19:16-30

Risposta CR
Non bisogna confondere i CONSIGLI EVANGELICI dai COMANDAMENTI. Il giovane ricco, riportato nel topic, chiede a Gesù cosa avrebbe DOVUTO fare per avere la vita eterna e la risposta è stata: "Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti»." ---- QUesti, dunque sono OBBLIGATORI per avere la vita. ---Poi il giovane, avendo affermato di fare già quanto necessario, chiede di fare di più e Gesù gli dice di dare tutto ai poveri e di seguirlo, per raggiungere la massima perfezione . --- Per cui tale decisione non è preteso come necessario, ma consigliato per raggiungere il massimo risultato spirituale.

NC
FALSO !! Il giovane chiede "che altro mi manca ?" Non chiede di fare di più.
Come ho già scritto più su IL CREDENTE DIVENTA SORDO QUANDO GLI SI RICORDA CHE DEVE VENDERE TUTTO !!
Meritate di essere derisi quando affermate di essere cristiani.

CR
Precisiamo ancora meglio: al verso 17, Gesù afferma: Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Per cui il NECESSARIO MINIMO INDISPENSABILE, secondo Gesù è l'osservanza dei COMANDAMENTI----infatti al verso 21 aggiunge : "Se vuoi essere perfetto..." --- Per cui Gesù sta dando la indicazione di un di più rispetto a ciò che è obbligatorio per salvarsi e cioè per essere PERFETTO. Infatti non ha detto a tutti di vendere ogni cosa e non lo aveva detto neppure al giovane ricco. Ma siccome al giovane sembrava di poter fare di più di quanto stava già facendo ha insistito con la sua domanda, alla quale Gesù ha voluto dare una indicazione che vale per quanti rinunciano a tutto per seguirlo come ad esempio s.Francesco e tanti altri come lui. Il giovane chiedendo "cosa mi manca" intendeva non ciò che manca per salvarsi, in quanto a questo Gesù aveva già risposto, ma proprio ciò che avrebbe potuto ulteriormente fare.
Gesù ha detto SE VUOI ESSERE PERFETTO, dopo aver detto che per salvarsi OSSERVA I COMANDAMENTI. Un conto è un DOVERE un altro conto è una scelta facoltativa come nel caso del vendere tutto. Il ricco o anche il povero se sono attaccati col cuore alla ricchezza rischiano comunque, il punto è essere "poveri di spirito" e cioè bisognosi in ogni caso del Padre celeste. -- Dice infatti il salmista : "alla ricchezza, anche se abbonda non attaccate il cuore". E' questo che impedirebbe alla fune di passare per la cruna dell'ago.
Non si tratta di dunque di cercare scorciatoie o alleggerimenti dei precetti di Gesù ma di sapere esattamente cosa è necessario fare e cosa è ancor meglio fare, per chi se la sente.
--- CI sono purtroppo dei cristiani che si lasciano facilmente tendere dei tranelli con certi sofismi, ed è bene in tali casi spiegare come stanno le cose anche se sono palesi.

[Edited by Credente 5/30/2021 2:57 PM]
OFFLINE
5/28/2021 3:26 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Obiezione di NC
Dal momento che ha creato l'uomo, e gli ha detto di riprodursi, quali piani aveva in mente?
Cioè, più la popolazione aumenta e più c'è bisogno di energia, le fonti di combustibile "messe a disposizione"si è visto che alla lunga sono deleterie, ha donato il sole e il vento evidentemente non efficienti abbastanza, e la fusione, l'unico metodo abbastanza efficiente e pulito, è praticamente impresa impossibile.
Ma esattamente cosa aveva in mente? Pensava che l'umanità sarebbe rimasta in eterno tra cavalli e carretti con sandali ai piedi e che non sarebbe aumentata a dismisura? E se,sempre come dicono qua dentro, ogni scoperta dell'uomo viene da lui e ci dovessero volere altri 1000 anni per scoprire un'energia pulita e illimitata, per tutto quel tempo starà a guardare?
Un'altra questione che mi fa chiedere , di nuovo, come è mai possibile che a nessuno di voi venga il pallino che l'esistenza di dio sia una stronzata colossale che non sta in piedi

risposta di CR
Gesù disse: "nella casa del Padre mio ci sono MOLTE DIMORE.---L'universo contiene innumerevoli pianeti, di cui ancora non conosciamo nulla. E neppure sappiamo dal punto di vista scientifico, cosa di nuovo si potrebbe scoprire per far fronte ai bisogni energetici della popolazione mondiale. In ogni caso non ci sarebbe alcun problema per Dio, farci diventare come angeli, la qual cosa è prospettata effettivamente da Cristo (Mt.22,30), oppure trasportare in altri luoghi gli attuali abitanti terrestri (1Tessalonicesi 4,17), qualora eccedenti o non più adatti alle condizioni attuali.
OFFLINE
6/1/2021 5:37 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
quali profezie venne riconosciuta come tale prima che si compisse? Quale sarà la prossima ad avverarsi, circostanziando luogo e momento storico? Perché sui generis sono capace anche io, "la terra si aprirà ed inghiotterà buoni a cattivi, con il cielo squarciato dalla furia di Zeus"... Però se ci becco non consideratemi profeta, ciclicamente sono cose che succedono.

CR
Domanda legittima. Ti metto alcune profezie, fatte da profeti del 6° secolo A.C. i cui scritti più antichi RITROVATI sono datati al 2°-3° sec.A.C.
Puoi leggere il seguito di ciò che ancora deve avvenire nei capitoli 38 e 39 di Ez.--- In particolare per sintetizzare gli eventi cito solo i seguenti avvenimenti che riguardano il solo regno di Israele, senza citare la parte che riguarda il resto delle profezie. ---- La ricostruzione del Tempio di Gerusalemme, una coalizione internazionale che dichiarerà guerra a Israele, e sarà distrutta sulla terra di Israele per volontà divina. Il ritorno di Cristo e l'instaurazione del suo regno.

NC
Mi sembra tutto un po' vago, del resto ti ho fatto una profezia di egual tenore senza essere profeta, comunque a scanso di equivoci, quale sarebbe il prossimo accadimento predetto? Quando e dove?

CR
La dispersione nel mondo del popolo ebraico era predetto, e la sua ricostituzione dopo quasi duemila anni di persecuzioni sfociate nell'olocausto dei primi anni 40 che lo aveva pressoche annientato era predetto e rappresenta un vero caso prodigioso il fatto che sia stato attratto al ritorno, e a riprendere possesso della terra che Dio aveva promesso ai patriarchi. Il miracolo di aver fatto rifiorire il deserto e di essere riuscita a far fruttificare steppe desolate non era pensabile fino al 1945. In pochi anni questa terra è rinata da pochi superstiti. Si tratta del più singolare SEGNO della presenza di Dio nel mondo. E si tratta di FATTI avvenuti e che sono sotto i nostri occhi. Ed erano puntualmente stati predetti. -- Ma il prossimo segno atteso resta il ritorno del Messia, che seguirà una serie di eventi quali quelli che ti ho anticipato nel post precedente. Le date non sono state volutamente fornite nella Bibbia ma i segni sono ben precisati. Non è saggio ignorare i tanti richiami fatti da Dio, con tanta dovizia di segnali.
OFFLINE
6/2/2021 3:15 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
Luca 14,26 ordina
«Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e persino la sua propria vita, non può essere mio discepolo.

CR
L'amore che i discepoli portano a Cristo, proprio in quanto loro Signore e Dio, sono tali che gli oggetti più vicini ai loro cuori, se si frapponessero fra essi ed il loro amore verso Cristo, devono venire respinti ove occorra, come pietre d'inciampo, che impediscono la loro via.
Questo versetto deve essere messo in relazione con quanto scrive parallelamente Matteo 10,37
Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me;---
Questa assoluta priorità di Cristo rispetto ad ogni altro bene è una delle prove delle sua divinità. in quanto solo Dio può rivendicare un amore superiore a quello che si DEVE ai propri genitori per effetto dello stesso suo comandamento.
OFFLINE
6/2/2021 3:37 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
La cultura cattolica preferisce una vita di dolore e di rinunce alle gioie della vita, criminalizza i gay, le donne, e gli scienziati, trasforma l'amore in colpa.

risposta CR
La cultura cattolica addita la felicità senza fine e aiuta a raggiungerla anche a costo di accettare TEMPORANEAMENTE dei sacrifici, seguendo l'esempio del Maestro. Non criminalizza nessuno anzi promuove la dignità di tutti. E se tante componenti sociali hanno potuto raggiungere una tale parificazione di diritto lo si deve soprattutto alla cultura cattolica che ha permesso tali risultati a differenza di tante altre culture dove invece le minoranze sono censurate e perseguitate. Inoltre difende l'AMORE, quello vero, non ridotto a schiavitù e depravazione o a mercificazione proprio perchè ogni essere umano ha una dignità che va difesa. Mentre chi crede di liberalizzarlo a proprio capriccio non fa altro che introdurre nuove schiavitù e depravazioni.
OFFLINE
6/3/2021 6:02 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Chissa in che religione crede Dio,
chissà chi prega,
chissà se si sente solo,
se ha paura della morte
e se, a volte,
ha bisogno di un abbraccio.

Risposta
Dio crede nell'uomo, tanto da averci creato.---Prega noi di aprirgli la porta del nostro cuore, che Egli rispetta avendoci dato la libertà.--- Non si sente solo ma vorrebbe averci in Sua compagnia.--- E' preoccupato per la nostra seconda morte, quella che potrebbe allontanarci per sempre da Lui per nostra scelta.--- Spesso ha bisogno di un gesto di affetto che considera fatto a Lui stesso quando lo si fa ad una delle sue creature.
OFFLINE
6/5/2021 4:21 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
Se invochi la fede, non ho più niente da obiettare: avere fede vuol dire credere a quello che dice la Bibbia e se credi, ogni obiezione è bypassata. La Bibbia dice che Dio ha sofferto ed è morto e tu credi che abbia sofferto e sia morto, e ti preoccupi di giustificare queste affermazioni con la ragione. Io non credo e quindi guardo le cose dall'esterno della rivelazione, chiedendomi se questo può essere il senso dell'universo: tu sei all'interno e queste domande non te le fai e non te le puoi fare: Dio ha sofferto ed è morto: è vero e non si discute, ma si può approfondire, non negare.
“La morte fisica non è direttamente conseguenza del peccato originale”: sofferenza fisica e morte sono notoriamente attribuite al peccato originale dalla Chiesa; ad esempio, vedi Rm 5,12 e Gen 3,16 e successivi. “ Dopo Gesù la gente continua a soffrire e morire a causa della cacciata dall'Eden”: ma Adamo ed Eva sono stati cacciati dall'Eden perché hanno peccato, e noi, come loro, non siamo più nell'Eden perché siamo afflitti dal peccato originale. Ma se Gesù ci ha salvato dal peccato originale, come mai continuiamo ad essere fuori dall'Eden ?
Quindi Gesù, con la sua morte, ci ha salvato da tutti i peccati: nel senso che chi si pentirà sarà perdonato. “ Gesù stesso, nei tre giorni dopo la sua morte, diede modo a coloro che erano fino allora morti di credere alla Sua Grazia”: e così sono sistemati anche quelli vissuti prima. E noi dovremo pentirci per avere la Grazia, ma, in ogni caso, pentimento o meno, si continua a soffrire e morire. Ma, tenuto conto che Dio è Dio, onnipotente, infinitamente buono e misericordioso, c' era bisogno di questo teatrino per realizzare una cosa in fondo banale ? L'uomo può fare il male e il bene, e se fa il bene viene salvato. Cioè Dio lo salva, se pentito, anche se intrinsecamente peccaminoso. Tutta la storia della condanna, dell'incarnazione, della passione e della morte non ti suona come una storiella inconsistente e inutile, o, per lo meno, sovrabbondante ? Falsata in partenza da una condanna al primo peccato da parte di un Dio infinitamente misericordioso ? Prima un cartellino rosso al primo fallo, poi si incarna per salvarci e quando gli uccidiamo il figlio, ci salva. Ma veramente devo credere che questo è il senso dell'universo in cui viviamo? Veramente devo credere che il nostro peccare e la nostra salvezza sono tanto importanti e centrali da spiegare un immenso e sconosciuto universo ? Veramente devo credere che siamo tanto importanti da dare un senso all'intero universo ? Veramente devo credere che viviamo in un Paese delle Meraviglie ? Questo antropocentrismo e questa per noi estremamente vantaggiosa situazione non mi sembrano proprio avere le caratteristiche obiettive di verità del tutto. Sembrano piuttosto avere le caratteristiche di una perfetta consolazione, senso dell'universo a parte.
“ Non solo, ma la fine del mondo avverrà solamente quando la Parola di Dio avrà raggiunto ogni singolo individuo nel mondo, ed ognuno avrà avuto la possibilità di credere in Cristo”: Paolo diceva diversamente: pensava che la fine del mondo lo avrebbe visto ancora in vita. Ma forse dovremo aspettare parecchio, perché sembra proprio che la parola di Dio stia abbandonando il mondo invece di raggiungere ogni individuo.
Forse la duplice natura di Cristo è bene coprirla da un mistero della fede, altrimenti si rischia di parlare del sesso degli angeli. “ Gesù comunicava spesso col Padre, e spesso si ritirava a pregare, cosa di cui non avrebbe avuto assolutamente bisogno se fosse stato solo Dio”: è una affermazione completamente gratuita, un arrampicarsi sugli specchi: Gesù che, non essendo solo Dio, prega se stesso e questo è ovvio ? A volte mi chiedo: va bene credere a qualcosa, ma a tutto c'è un limite; si vuole proprio affermare la verità della Bibbia a qualunque costo ? Non è permessa qualche deviazione ?
“ il momento in cui Dio Padre si è RITIRATO VIA da lui, perché tutto il peccato dell'umanità in quel momento si era posato su di lui, e Dio non può avere comunione col peccato”: Gesù ha anche una natura divina, il Padre si è ritirato, ma il figlio, anche lui Dio, rimane: quindi che senso ha dire che Dio non può avere comunione col peccato ? “ e SOLO. COMPLETAMENTE SOLO”: solo ? Ma è anche Dio ! Ma quale solitudine ? E' stato tutto programmato, tutto è previsto, tutto è stato predisposto che accadesse, la sceneggiatura è stata scritta da tempo; ora soffre, poi muore, poi risorge e, dopo, tutto è come prima: Dio uno e trino. Sembra proprio la solitudine di un attore in scena, che ha imparato bene la sceneggiatura e ora deve sentirsi solo. Ma, ripeto la solita domanda: questo è il senso dell'intero universo ? “Nessuno ha mai conosciuto quel tipo di solitudine, e penso che farebbe istantaneamente impazzire il più forte tra gli uomini.”: ripeto, ma quale solitudine ?
“Gesù in quanto uomo non poteva fare molto”: ma era anche Dio ! Poteva fare quello che voleva, ma ovviamente non voleva farlo: era tutto predisposto che fosse così: che senso ha porsi dei se ? Ha voluto fare così.
Il Padre ha scelto di sacrificare il figlio ? Ma quando un pastore sacrificava l'agnello migliore lo uccideva e lo perdeva: in questo consisteva il sacrificio, rinunciare a qualcosa di prezioso; ma Dio non rinuncia al figlio, perché il suo sacrificio è una finzione; il figlio risorge e ora è con il Padre, che quindi non lo ha perso. “la grandezza di questa cosa non si può capire se non si capisce come Dio ama”: e come ama Dio ? Anche qui si sostiene la verità delle Scritture invocando un mistero per renderne formalmente e incomprensibilmente ancora più profondo il significato ?
“Tutto avviene insieme nel Suo Regno, e tutto è un eterno presente”: giustamente dici che l'affermazione è incomprensibile. “Siamo confinati nelle tre dimensioni spaziali più quella temporale. Ciò che va oltre esce dal dominio della nostra completa comprensione.”: nessun problema, se non comprendiamo bene la sua natura, ma allora evitiamo di fare affermazioni come eterno presente o fare analogie con geometria euclidea e non, che non hanno senso. Ma siamo fatti a sua immagine e somiglianza: perché tutte queste complicazioni di comunicazione ? Se un alieno, di natura diversa dalla nostra, ci contattasse, sarebbe normale avere grossi problemi di comunicazione. Ma nel caso di Dio, ci dovremmo aspettare una estrema chiarezza, che invece non c'è.
Ripeto la domanda fondamentale, insieme a un'altra: questo dovrebbe essere il senso dell'universo ? Non sarà che introdurre un Dio per spiegare il mondo pone molti più problemi di quelli che sembra risolvere ?

CR
Il Padre prima di creare la nostra terra sapeva evidentemente come l'umanità avrebbe rifiutato il suo progetto, e nonostante questo, in accordo col Figlio, ha messo in conto che per poter cercare ciò che si era perduto, e cioè l'umanità, avrebbe dovuto incarnarsi, prendere tutto dell'uomo tranne il peccato, e in una carne simile al peccato, sacrificarsi fino alla morte, vera, non apparente, per redimerlo dai peccati. La terra è uno degli innumerevoli mondi che ci sono nell'universo e probabilmente neanche l'unico abitato. Gesù, Figlio di Dio ha detto che il buon pastore lascia le 99 pecorelle al sicuro per cercare la smarrita. Non mi meraviglia che il suo amore per noi abbia spinto lui a venirci a cercare dando la sua vita. Tutto ciò che ha insegnato lo ha vissuto sulla sua carne. Lo credo non solo possibile ma anche avvenuto a tutti gli effetti, Che poi sia risorto, non significa che si sia ripreso il dono fatto, perchè il dono fatto, era avvenuto realmente con la sua passione e morte.
OFFLINE
6/7/2021 3:14 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

NC
Adamo ed Eva hanno disobbedito e si son mangiati il frutto proibito, ok, ma in che modo è avvenuto lo SQUILIBRIO, se tutto in natura era calmo ed in pace e con quale "meccanismo" è finito sottosopra nel caos? Mi spiego meglio con un esempio : ultimamente il disastro della funivia dove son morte 14 persone è avvenuto perché un cavo si è spezzato, i freni erano bloccati, e la cabina è precipitata e sono morte 14 persone, ma un bambino di 5 anni si è salvato, ma per quale causa sono morte? La CAUSA è stato l'urto violentissimo che hanno subito i passeggeri, quindi la causa è "l'urto violentissimo sui corpi delle persone" un bambino si è salvato perché il papà, abbracciandolo, ha attenuato, nei confronti del suo corpo, la violenza dell 'urto della cabina quando è precipitata al suolo. Bene, quindi la domanda è questa : prima della disubbidienza di Adamo tutto era in pace, poi è cambiato completamente il paesaggio :gli animali sono diventati aggressivi, si sono mangiati l'uno l'altro ecc e l'uomo è la donna, da eterni sono diventati mortali. Questo è l'effetto, la causa è che Adamo ha mangiato un frutto vietato, qualcuno (forse tra i credenti) mi sa collegare causa-effetto, come nel caso della funivia? In altre parole, il racconto è quello, lo conosciamo tutti, lo scopo è quello di sapere quale spiegazione hanno avuto altre persone su causa-effetto : prendo un bicchiere di vetro, lo lancio con violenza per terra e si rompe perché l'urto con il pavimento essendo vetro non poteva lasciarle integro :Adamo mangia una mela, gli viene mal di pancia, magari perché era eccessivamente matura..causa - effetto si capisce.... . ma invece mangia una mela lui, e tutto quello che lo circonda va a puttane... Causa-effetto? Io non la capisco... Poi Dio gli aveva detto "se mangi muori", non aveva specificato che ci sarebbe stato anche un effetto devastante su tutto il pianeta

CR risposta
Le prime pagine della Genesi ci presentano delle vicende primordiali anche sotto forma di immagini, Dio soffia sul primo uomo il suo alito di vita, e lo Spirito di Dio si unisce all'uomo donandogli la libertà e la immortalità che probabilmente gli altri esseri non avevano. L'uomo e la donna non confidando in Dio ma rifiutandolo, in effetti contristano e cacciano via il suo Spirito, e restano con il loro corpo, soggetto a tutte le passioni ingovernabili, e al progressivo deterioramento con la vecchiaia e con la morte. -- La terra a causa di questo rifiuto dell'uomo, viene maledetta da Dio (Gen.3,17). La causa quindi di tutto lo sconvolgimento è che da quel momento, l'uomo si pone sotto la influenza di colui che lo aveva ingannato e a cui, di fatto, aveva deciso di asservirsi, e da quella maledizione la terra avrebbe prodotto spine e tribolazioni, i corpi avrebbero faticato con sudore, e le malattie si sarebbero infiltrate nei corpi umani. --- Ecco perchè Cristo ha detto: "Lo Spirito è ciò che vivifica, la carne (da sola) non giova a nulla." (Gv 6,63)
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
Risposte a DOMANDE di FEDE (111 posts, agg.: 1/6/2021 10:18 PM)
VIDEO-RISPOSTE ALLE OBIEZIONI SULLA FEDE (9 posts, agg.: 11/17/2011 11:34 AM)
Domande e risposte sulla fede (45 posts, agg.: 7/5/2019 4:02 PM)
*****************************************
Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:53 PM. : Printable | Mobile - © 2000-2021 www.freeforumzone.com