Previous page | 1 | Next page

ATLANTIDE

Last Update: 9/17/2019 11:10 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 76,993
Post: 55,697
Registered in: 11/8/2008
Gender: Male
AMMINISTRATORE UNICO
4/24/2012 11:23 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote



“A grande profondità sotto l'oceano Atlantico, si estendono le vestigia di un continente (...)"

"(…) Infatti, a quel tempo, era possibile attraversare quel mare (l'Atlantico, n.d.a.), perché davanti a quella foce chiamata Colonne d'Ercole (l'attuale stretto di Gibilterra, n.d.a.), c'era un'isola. Tale isola, poi, era più grande della Libia e dell'Asia messe insieme, e a coloro che procedevano da essa si offriva un passaggio alle altre isole, e dalle isole a tutto il continente che stava dalla parte opposta, intorno a quello che è veramente mare. (…) In questa Isola Atlantide, dunque, si era formata una grande e mirabile potenza di re, che dominava tutta quanta l'isola, e molte altre isole e parti del continente, e inoltre, dominavano anche su regioni da questa parte dello stretto sulla Libia fino all'Egitto e sull'Europa fino alla Tirrenia. (…) In tempi successivi però, essendosi verificati terribili terremoti e diluvi, nel corso di un giorno e di una brutta notte, tutto il complesso dei vostri guerrieri (ateniesi) di colpo sprofondò sotto terra, e l'Isola di Atlantide, allo stesso modo sommersa dal mare, scomparve." [dal "Timeo" di Platone]



Un’isola su cui fiorì una grande civiltà. Una civiltà avanzata, di cui ormai si è perduto il ricordo. Conquistatrice, padrona del globo, ma che scomparì in una notte sola! La causa? Un cataclisma inaudito. Forse l’eruzione di un vulcano sottomarino, forse l’impatto di un asteroide con la Terra o maremoti causati da uno spostamento dell’asse terrestre. . . C'è chi sostiene l'ipotesi che un tempo esistessero due lune gravitanti intorno al nostro pianeta; una di esse potrebbe essere stata attratta dalla Terra fino a spezzarsi e precipitare sul globo, dando inizio alla fine di un era. In effetti, anche l'attuale Luna, lentamente, anno dopo anno, si avvicina sempre più alla Terra. Per il momento non c'è da preoccuparsi, ma chissà che tra qualche migliaio d'anni non possa accadere lo stesso che accadde in quel periodo. Una grande civiltà scomparve, all’incirca 12000 anni fa, ma alcuni sopravvissero.

Giorgio Pastore

Bibliografia:

Giorgio Pastore, Dèi del Cielo, dèi della Terra, Eremon Edizioni.

[Edited by (richard) 9/17/2019 11:10 PM]


ELIMINATO L'IMPOSSIBILE,CIO' CHE RESTA,PER IMPROBABILE CHE SIA,DEVE ESSERE LA VERITA'! <"center">


OFFLINE
Post: 76,993
Post: 55,697
Registered in: 11/8/2008
Gender: Male
AMMINISTRATORE UNICO
4/24/2012 11:27 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Nel 373 A.C. durante la notte vi fu uno spaventoso terremoto che annientò la città di Helike. Questa tragedia potrebbe aver contribuito al nascere della leggenda di Atlantide: la città di Helike però pareva sfuggire sempre ad ogni ricerca da parte degli scenziati, proprio come Atlantide.
Helike infatti pareva essere stata spazzata via da una gigantesca onda anomala creatasi a seguito del sisma nel golfo di Corinto.
Per lungo tempo l'unica "prova" della sua esistenza era una moneta raffigurante il volto del Dio Poseidone e sul lato opposto un tridente con delfini.
La città di Helike infatti era dedicata al Dio Poseidone, il signore dei mari e dei terremoti. Nel 1973 furono eseguite diverse carotature nel golfo di Corinto, alla ricerca di frammenti che dessero qualche indizio sulla possibile localizzazione della città perduta.
Si dovette arrivare al 1988 anno in cui, grazie all'intuizione di due scienziati, la città di Helike non venne più cercata sotto la superficie delle acque del golfo di Corinto ma: sulla terra ferma.
L'intuizione fu la traduzione del termine "poros" che in greco significa non soltanto mare ma anche quantitativo di acqua, quindi si poteva effettivamente pensare ad un'onda che avesse ricoperto Helike creando successivamente una laguna.
Ancora però si avevano dei dubbi: certo la cresta montuosa sulla piana di fronte a Corinto sulla sponda opposta del golfo, durante i movimenti tellurici tende a salire a a far sprofondare la piana, certo le distanze riportate dagli storici del tempo pongono proprio in quella piana la città di Helike; ma non vi è alcuna laguna.
Inoltre chi dubitava fortemente di questa teoria era perchè per ricoprire la città di Helike in modo definitivo sotto ad uno specchio d'acqua bisognava che fosse costruita in un avvallamento notevole.
Si esaminò allora un altro fenomeno, possibile durante le violente scosse telluriche, in alcune zone: la liquefazione. Questo fenomeno fa si che l'acqua contenuta nel terreno venga "strizzata" fuori ed avendo intriso la superficie faccia sprofondare gli edifici. Nel 1991 iniziarono le prime carotature nella piana e venne ritrovato un frammento di ceramica. Si iniziarono quindi gli scavi.
A soli due metri di profondità vennero ritrovate delle rovine... di un insediamento romano! I due scienziati però non si diedero per vinti.
Uno studio della composizione del terreno rivelò che vi erano dei gusci di microscopici gamberetti, che vivono in acqua marina, quindi la teoria dell'onda anomala era rispettata. Mentre si stavano per iniziare gli scavi la zona fu scossa da una violenta scossa tellurica, che presentò anche fenomeni di liquefazione, certo di portata ed intensità irrisoria confronto a quello che doveva aver fatto sprofondare Helike.
Era un'ulteriore conferma che tali fenomeni non erano sconosciuti in quella zona.
Finalmente nel 2001 vennero ritrovati altri reperti, alcuni risalenti perfino all'età del bronzo, ma fra essi anche diverse ceramiche nero lucido tipiche dell'epoca greco classica ed una moneta. L'effige del Dio Apollo e sull'altro lato una colomba: una moneta di Helike.
La città è stata ritrovata.
Abbiamo quindi una città del periodo greco classico, fiorente che venne annientata da uno sconvolgimento naturale nel giro di una sola notte.
Nulla ne restava, nessun superstite, nessuna rovina soltanto una laguna, che poi grazie all'apporto dei detriti da parte dei fiumi si riempie fino a creare una piana, sulla quale già i romani tornarono ad edificare, ignorando che sotto di loro vi era la città di Helike.
Sono molte le somiglianze con il mito di Atlantide ed anche una piccola ulteriore curiosità: Altantide sorgeva oltre le colonne d'Ercole, vero. In prossimità della città di Helike vi è la grotta dove la leggenda poneva l'esistenza di un famoso oracolo chiamato Eracle: Ercole.



www.vampiri.net/misteri_13.html


ELIMINATO L'IMPOSSIBILE,CIO' CHE RESTA,PER IMPROBABILE CHE SIA,DEVE ESSERE LA VERITA'! <"center">


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
NUOVA DISCUSSIONE
 | 
RISPONDI

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:21 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com


Copyright 2008-2020 UFODIRECTLINE Ogni riproduzione totale o parziale alla grafica e ai contenuti esclusivi di questo sito sarà punita a norma di legge. Parte del materiale di UFODIRECTLINE è stato scelto fra il materiale di ufologia disponibile gratuitamente sul web; ogni foto e marchio è dei rispettivi autori. Se ritenete che la nostra azione abbia infranto qualche diritto di copyright siete pregati di comunicarcerlo: provvederemo a rimuovere il materiale. Questo forum non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro). L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.