titolo

home - il nostro aiuto - come nasce - i nostri incontri -  leggi e racconta (FORUM) - la riconquista della felicità la psicologa - come margherite - noi genitori
 - collegamenti - dicono di noi - le nostre stelle - compleanni - le loro storie - ciondolo - vanessa - giornata del ricordo - contattaci

Noi abbiamo scelto il forum aperto a tutti, quindi si può semplicemente cliccare sulla discussione in cui ci interessa scrivere, tipo: "le nostre storie", "mi presento" ... o altro e premere il bottone verso l'alto a sinistra con scritto "Nuova discussione", sarà sufficiente inserire il nome o un nickname, un titolo e il testo, senza bisogno di alcuna registrazione. (come si usa il forum)



Sabato 14 ottobre 2017 tutti insieme a Firenze

Quest’anno ci siamo incontriati a FIRENZE ed ecco il video!!!

Ilaria e Giovanna

Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

LA NOSTRA STORIA

Ultimo Aggiornamento: 21/04/2009 15.42
Post: 1
Registrato il: 22/02/2009
Utente Junior
OFFLINE
09/03/2009 21.47
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Cara Ilaria e Giovanna, siamo Luigi e Meri anche noi genitori di una stella ( Jonathan ).
Abitiamo in un piccolo paese nel comune di Lastra a Signa ( Firenze ),
In quell’ anno eravamo in 5 coppie che aspettavamo un figlio, e quasi tutti dovevano nascere
Nello stesso periodo.
Ricordo il giorno del test eravamo al settimo cielo, una vita nasceva dentro di me, una piccola
Creatura nata dal nostro amore, era incredibile.
Una gravidanza perfetta ( troppo perfetta ), la paura che potesse succedere qualcosa era sempre presente, ( purtroppo quando hai qualcosa di bello e così ).
Arriva il giorno della AMNIOCENTESI e passiamo una settimana con la paura della risposta,
Con la paura che qualcosa non vada al posto giusto. Purtroppo è andata cosi: ci chiamarono dalla genetica dall’Ospedale di Careggi dicendo che c’era qualcosa che non tornava,
ci chiesero di andare li al più presto per darci delle risposte,
( Questa e la prima volta che lo abbiamo pianto ).
La strada per arrivare all’ospedale sembrava infinita, mille pensieri passavano per la mente,
Mille paure, avrà una malformazione, sarà malato, sarà sarà sarà mille volte sarà.
Arrivammo in ospedale e ci presentarono una dottoressa molto carina e gentile che ci spiegò tutto, ci disse che non c’era nulla di cui preoccuparsi il problema era solo il cromosomo y
Che era più piccolo del normale e non comportava nessun rischio o pericolo per il bambino,
era solo un discorso di altezza che avrebbe preso dalla madre invece che dal padre,
( ricorderò sempre quella dottoressa, in ospedale la chiamano il dinosauro da quanto tempo
lavora in genetica! )
Finalmente eravamo arrivati quasi alla fine, il corredino era li pronto, tutti i giorni lo guardavo per poter immaginare come poteva essere quel corpicino, e a chi potesse rassomigliare eravamo euforici.
La pancia cresceva poco, lui si muoveva poco, eravamo un pò preoccupati e decidemmo di
Andare in ospedale per un controllo, arrivammo a Torre Galli e ci dissero che mi volevano ricoverare perché era sera e non c’erano i dottori per farmi un ecografia, ma poi ci fecero sentire il battito del suo cuoricino che batteva benissimo e quindi più sereni e tranquilli tornammo a casa, anche perché dopo qualche giorno dovevo fare l’ecografia di controllo.
Arriva il giorno dell’ecografia finalmente, ( intanto alcune amiche avevano già partorito )
Quindi anche noi non vediamo l’ora di vederlo.
Mi sdraio sul lettino, il dottore mi mette il solito gel e comincia, …….prima un gran silenzio,
poi l’abisso ( signora non c’è più liquido amniotico è il bambino e morto ) . Gelo totale mio marito disse sta scherzando? Come morto!.
Guardai Luigi che anche lui era rimasto pietrificato,mi abbracciò e cominciai a piangere,
nel frattempo il dottore stava cercando di rintracciare per telefono la mia ginecologa
per spiegargli l’accaduto,poi si rivolse verso di noi dicendo che era meglio andare il prima
possibile all’ospedale perchè il bambino era ( secondo lui ) circa due settimane che era
morto, e che ero in pericolo di vita anche io perchè rischiavo la setticemia.
Il buio più totale, dall’amore immenso che provavo fino allora all’odio infinito.
Stavo per morire anche io, non volevo tutto questo, perchè questo, a noi , confusione tanta confusione.


La corsa sfrenata verso l’ospedale, non volevo più che lui stesse dentro di me, dall’amore al rifiuto totale.
Mille domande e nessuna risposta ( perché nostro figlio ci ha abbandonato se andava tutto bene,
perché? Perché? ).
Arrivammo a Torre Galli e anche a loro sembrava impossibile tutto questo, mi fecero un ecografia di controllo.
E constatarono il decesso del bambino, decisero di metterci nel reparto dei cesari per farci evitare le altre mamme con i neonati !!
Passammo tutta la notte in coma, i dottori decisero di farmi partorire normalmente perché
Era pericoloso con il cesareo, mi misero un ovulo per farmi venire le contrazioni, ( anche il travaglio mi sono dovuta sorbire ! ).
In quel momento odiavo tutti, dopo nove ore di travaglio e dolori sempre più forti decisero di farmi l’epidurale ( non facciamola più soffrire invano dissero i dottori ! ).
Li, soli. io e mio marito e il morto (lo chiamo morto perché in quel momento odiavo anche lui )
Decidemmo di non vederlo, anche perché ce lo avevano sconsigliato non sarebbe stato un bel vedere.
Mi portarono in sala parto, mio marito lo fecero stare fuori, ero sola, sola con tutte le mie paure, mi dicevano spingi spingi Meri brava, finalmente, eccolo, ploffff, chiesi l’ho fatto?
vidi i volti dei Dottori addolorate nei miei confronti, si mi dissero, e mille sensazioni
Mi avvolsero nella mente, il mio piccolo Jonathan non lo avrei mai visto, non c’era più niente
Che ci legava, il vuoto dentro di me che dolore immenso!!!!!.
Ora che sono qui, dopo otto anni, vi dico che il mio piccolo mi manca tanto anche ora, potessi
Tornare indietro lo guarderei lo prenderei in collo e chi sene frega se era diventato un piccolo
Mostriciattolo, era sempre mio figlio e mi manca il contatto con lui, lo amerò per sempre.
Il giorno dopo tornammo a casa io e mio marito con il nulla in mano, aspetti nove mesi
Per avere solo l’illusione di essere genitore e niente più.
Dopo qualche mese di nuovo incinta, paura totale ma dura solo due mesi, e ancora più in crisi, la paura era sempre più grande non potere avere dei figli.
In tanto ci Arrivano i risultati dell’autopsia di Jonathan : tutto nella norma il bambino era
Sano nesun tipo di malformazioni, si tratta di una morte bianca in utero (destino infame ).
Novembre 2002 sono rimasta incinta un'altra volta la terza, iniziare questa gravidanza!! con tanta paura di non arrivare in fondo. Esami su esami, l’unica da fare e una cura di seleparina per la coagolazione.
30-08-2003 alle ore 12.00 il nostro miracolo nasce ASIA kg 2840 cm 47 l’ostetrica !!! e bella come il sole, E lei e il nostro sole.
Luglio 2007 un altra gravidanza, la mia ginecologa mi manda come gravidanza a rischio
Sotto il prof. mello di careggi, lui mi fa fare duemila esami, e mi chiede gli esami di cui i
Vetrini e la paraffina dell’ autopsia Di Jonathan.
Dopo 7 anni siamo riusciti a sapere di che cosa e morto il nostro angelo: un ma


funzionamento della placenta che non riusciva ad alimentare il bambino, pur troppo è morto di fame. ( perché non se ne sono accorti prima! maledizione non si poteva fare qualcosa in tempo? Non si saprà mai, in tanto il nostro angelo e lassù che ci protegge, ).


Il 10-03-2008 alle ore 12.15 un altro miracolo nasce GINEVRA kg 2580 cm 45, la seconda cosa più bella della nostra vita,
dopo tanta sofferenza e un angelo in cielo ora ne abbiamo due sulla terra che valgono più della nostra vita.

Luigi e Meri

Un bacio e un abbraccio a tutta voi mamme speciali.


 
Email
 
Scheda Utente
bruny@
[Non Registrato]
10/03/2009 09.16
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Cari Luigi e Meri, nel leggere la vostra storia non sono riuscita a trattenere le lacrime, in questo giorni così difficili per me ne scendono a fiumi, e ogni volta rivivo quei momenti così drammatici, da quando ti dicono che il cuore non batte più al parto.
E' una storia molto dolorosa, come del resto tutte le nostre storie, e mi rendo conto quanto sia stato difficile poter superare la sofferenza, ne sto facendo i conti quotidianamente.
Aver visto la mia Greta e averla tenuta in braccio, nonchè il fatto che mio marito durante il parto fosse accanto a me, mi è stato molto d'aiuto, perchè oggi, a quasi due mesi di distanza, posso ripensare a quel momento con tanta tristezza, ma anche con serenità, e con la certezza di aver fatto tutto il possibile.
La vostra storia ora ha un lieto fine, l'arrivo delle vostre due piccoline, e il vostro angioletto, hanno fatto di voi una bella famiglia.Dopo tanto buio è tornato nelle vostre vite il sole, con quei raggi che scaldano il cuore.
Spero che anche nella mia vita possa presto tornare a splendere. Chissà che possa avere come te la fortuna di avere altri bambini. Nessuno sostituirà la mia piccola Greta, lei avrà sempre un posto speciale nel mio cuore, ma ho voglia di donare tanto amore...
Un abbraccio. Bruny. [SM=g9433]

Ilaria
[Non Registrato]
10/03/2009 12.00
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Gli anni passano ma l'amore che proviamo per loro rimane immutato, nei gesti e nei ricordi di quegli attimi. Spesso mi ritrovo a pensare "se" l'avessi presa, tenuta in collo, baciata, ma purtroppo non mi hanno ne consigliato e non sono stata abbastanza lucida e determinata per prendere questa decisione, spesso ho chiesto a chi stava in cielo di portarmi la mia piccola Linda in sogno, credo, anzi sono convinta che certe cose le porterò nel cuore tutta la vita, compresi i "se" e i "perchè", ma l'amore, la consapevolezza di quello che abbiamo ricevuto dopo, ovvero le nostre figlie, rende la nostra famiglia ancora più speciale, proprio per questo essere genitori tra cielo e terra. Spero che la tua storia, quella mia e quella delle altre mamme speciali, sia un esempio per tutte le mammine che passano tristi da questo forum, anche per te dolce Brunella!!!
Ti abbraccio e ti ringrazio infinitamente per questa testimonianza di dolore e di amore, appena posso la metterò insieme a tutte le storie dei nosti piccoli, spesso penso che questo forum, questo sito, stia diventando un libro vivente e noi mamme lo stiamo scrivendo, testimoniando il passaggio dei nostri splendidi e meravigliosi angeli!!!
[SM=g9433]

[SM=g7430]

Giovanna
[Non Registrato]
11/03/2009 22.50
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Carissima Meri, grazie mille di averci raccontato la tua storia, che darà tanta forza per credere nel domani, in un futuro ancora sereno, a tutte le mammine del nostro sito che stentano ad alzare la testa perché è successo da troppo poco tempo. Ho letto tutto d'un fiato la tua storia, con le lacrime agli occhi ed il desiderio di scoprire subito la frase successiva per avere la conferma che ci fosse stato un lieto fine...e che lieto fine: due bellissimi bambini e una famiglia felice, ancorché divisa tra cielo e terra.
L'istinto allontana dal dolore e dalla visione dei nostri piccoli, per proteggere noi stesse da una realtà troppo difficile d'accettare. Non ti colpevolizzare per questo, è un istinto che abbiamo avuto tutte. Io ringrazio Dio di aver avuto vicino quella notte mia cognata, che sei mesi prima aveva perso suo figlio a fine gravidanza. E' stata lei a consigliarmi di starle vicino, di prenderla tra le braccia...e tra le braccia l'ho tenuta per tre giorni in camera mortuaria, anche dopo l'autopsia: agli occhi della sua mamma e del suo papà Emma era sempre e comunque la più bella principessa che potessimo desiderare. Nei momenti di malinconia che ancora mi vengono a distanza di quasi tre anni, mi aggrappo a quei pochi giorni di fisicità del nostro rapporto madre-figlia e mi accorgo che rappresentano un tesoro inestimabile.
Tanti auguri alla piccola Ginevra, anche se con un giorno di ritardo! Il primo compleanno è sempre un'emozione particolare...
Ti abbraccio forte forte
[SM=g9433]
Giovanna

Andrea
[Non Registrato]
21/04/2009 15.42
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

testimonianza
Ciao Meri e Luigi,siamo Verusca e Michel genitori di Michael(5 anni)e di Andrea che avrebbe avuto 15 mesi,di 1 stellina che ora avrebbe 1 mese e del fagiolino che porto dentro da 17 settimane.
La nostra storia comincia quando decidiamo si dare 1 fratellino a Michael,noi siamo figli unici e vorremmo 1 famiglia piu' numerosa delle nostre di origine.Rimango incinta,data presunta parto 27 gennaio 2008,la gravidanza procede bene anche se io mi sento nervosa,dormo poco, i primi di dicembre con quasi 2 mesi di anticipo il nostro piccolo Andrea comincia a farmi venire le contrazioni(forse lo sapeva qual'era il suo destino e cercava di evitarlo)ma con dei farmaci riescono a bloccare le contrazioni.arriva il 16 gennaio pomeriggio e non sento muovere Andrea per tutto il pomeriggio,poi forse cullato dalle acque mi sembra di sentirlo.La mattina dopo(17 gennaio 2008 a 38 settimane) [SM=g7799] accompagno Michael all'asilo poi decido di andare da 1 ostetrica che conosco per farmi sentire il battito,ma regna il silenzio.Lei decide di accompagnarmi in ospedale,io facevo finta di non capire.Mi fanno il monitoraggio,per 1 attimo balza a 140 battiti(era il mio cuore impazzito),poi l'ecografia,la ginecologa non ha il coraggio di pronunciare quelle parole.cosi' sono io a dire:e' morto!
A me a differenza di te la stimolazione ha funzionato e alle 18.22 e' nato Andrea,quando lo stavo partorendo anche io l'ho odiato,non riuscivo a toccarmi la pancia e dicevo di non volerlo vedere,ma poi mi sono alzata da quel lettino e l'ho visto,toccato,me mi manca il non averlo preso in braccio.Dall'autopsia risulta che Andrea era perfetto,dall'istologico della placenta risulta 1 grossissimo infarto placentare che gli aveva tolto l'ossigeno,la morte era stata quasi istantanea.
Io e Michel decidiamo di fare 1 sacco di esami,sono tutti contrari in quanto abbiamo gia' 1 bambino avuto senza problemi.In effetti risulta tutto in ordine.
Nel frattempo decidiamo di avere subito 1 altro bambino,e a luglio 2008 scopro di essere incinta,inizio 1 cura preventiva con l'aspirinetta(su consiglio di 1 ginecologo che mi e' stato consigliato per le gravidanze a rischio)ma il 31 agosto con l'ecografia scopriamo che anche quel piccino era nato per il cielo,cosi' mi fanno il raschiamento.
Ed ora sono incinta alla 17 settimana e devo ringraziare Dio perche' il mio ginecologo mi aveva gia' fatto iniziare la terapia giusta dall'inizio della gravidanza anche se solo 1 settimana fa ho scoperto di essere nata con 1 mutazione genetica che e' stata causa dell'infarto placentare e dell'aborto.Ora spero che Dio voglia donarci questa creatura.
Verusca

Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
home - il nostro aiuto - come nasce - leggi e racconta (FORUM) - la riconquista della felicità la psicologa - come margherite - noi genitori
 - collegamenti - dicono di noi - le nostre stelle - compleanni - le loro storie - ciondolo - vanessa - giornata del ricordo - contattaci


Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 21.32. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com