www.metrogenova.com
 
 
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

Il Laboratorio di "Genova Mobilità 2020"

Ultimo Aggiornamento: 08/08/2011 20.35
21/12/2007 12.40
OFFLINE
Post: 13.188
Registrato il: 11/07/2006
Capotreno
Visione della mobilità genovese al 2020
Come sapete, nel novembre 2007 abbiamo costituito l'Associazione Metrogenova, con lo scopo di

studiare, valorizzare e promuovere le reti di trasporto pubblico in Genova e nella sua area metropolitana, con particolare riferimento alla metropolitana, alla ferrovia e, in generale, ai sistemi in sede propria e/o riservata che garantiscano un elevato livello di mobilità sostenibile

A partire da gennaio partiranno le iscrizioni all'Associazione (abbiamo già tre richieste) e speriamo che i nostri visitatori ci seguano con lo stesso interesse che hanno dimostrato fino ad ora per il sito e per il forum.
Uno dei primi passi dell'Associazione sarà quello di preparare un documento riguardante la nostra visione del futuro della mobilità pubblica (e non solo) a Genova, senza avere la presunzione di pensare che sia la verità assoluta (ogni riferimento ai semi-dei locali è puramente voluto...), ma cercando di contribuire ad un dibattito serio sulle possibilità di realizzare anche a Genova un sistema di trasporto efficiente, efficace e rispettoso dell'ambiente.
[Modificato da cliobini 13/05/2008 08.41]
Chi passa di qui??? Oasi Forum64 pt.20/10/2017 21.19 by possum jenkins
Gabriella CapparelliTELEGIORNALISTE FANS FORU...36 pt.20/10/2017 16.52 by aulo2011
Pagelle Nizza-Lazio 1-3Lazio Few 29 pt.20/10/2017 15.55 by cuchillo76
21/12/2007 14.01
OFFLINE
Post: 8.765
Registrato il: 11/04/2005
Città: GENOVA
Età: 47
Amministratore
Capotreno
Il 2008 riserverà grandi novità a tutti i nostri amici.... e l'anteprima che ha riservato il nostro Cliobini (senza il grande lavoro del quale quale il piano della mobilità non sarebbe in alcun modo stato possibile) è solo una piccola parte di un lavoro, che presenteremo all'inizio dell'anno venturo, in concomitanza con la presentazione dell'Associazione Metrogenova.

Un lavoro, dicevo, che mi pare obbiettivamente di gran lunga più completo e "serio" delle schede diffuse in occasione della presentazione della proposta di P.U.M. e, a maggior ragione, dei farneticanti comunicati da cinegionale Luce circolati in questi giorni sui giornali su iniziativa del Sindaco di Genova e del suo superconsulente (che vorremmo tanto si occupasse di ciò per cui è giustamente famoso, l'architettura).
11/04/2008 09.08
OFFLINE
Post: 13.188
Registrato il: 11/07/2006
Capotreno
L'Associazione Metrogenova comunica che il documento Genova Mobilità 2020 è stato concluso ed anche presentato (al momento in forma privata) all'Assessore Pissarello, il quale ha apprezzato lo sforzo che l'Associazione sta facendo per la promozione e l'informazione sul trasporto pubblico genovese.

Allego l'indice di tale documento per suscitare la vostra curiosità.
Il documento completo (di circa 235 pagine) verrà distribuito prossimamente a tutti coloro che aderiscono all'Associazione Metrogenova.

Se non vi siete ancora iscritti, è un ottimo motivo per farlo!!!
[SM=x1405315]
13/05/2008 22.29
OFFLINE
Post: 482
Registrato il: 04/07/2007
Amministratore
Capotreno
Volevo ringraziare Claudio e chi ha collaborato con lui per il documento Genova Mobilità 2020, è uno spettacolo [SM=x1405315]
altro che pum......
è come guardare Genova dal Righi invece che dal buco della serratura dello sgabuzzino delle scope dell'acquario [SM=g27988]
e ci sono ancora un sacco di dettagli scoprire [SM=x1405308]

18/05/2008 19.43
OFFLINE
Post: 760
Registrato il: 24/01/2007
E' un lavoro faraonico!!! complimentissimi a chi ci ha lavorato, immagino, per dei mesi! Sarebbe carino poter discuterne sul forum in maniera abbastana approfondita. Magari con una sezione apposta del forum si potrebbe fare meno casino
19/05/2008 22.01
OFFLINE
Post: 11.660
Registrato il: 25/05/2007
Città: GENOVA
Età: 29
Amministratore
Capotreno
[SM=x1567327] Claudio per il documento, è davvero molto molto bello e interessante. [SM=x1567329] Le domande che mi sorgono spontanee sono diverse: innanzitutto quanto tempo occorrerebbe per realizzare un progetto così innovativo? E soprattutto, è effettivamente fattibile?
20/05/2008 10.34
OFFLINE
Post: 13.188
Registrato il: 11/07/2006
Capotreno
Come già detto a qualcuno durante la metropizza, il documento è stato consegnato e presentato il 31 marzo al ViceSindaco, nonchè Assessore alla Mobilità, Paolo Pissarello.

L'Assessore ha apprezzato l'impegno dell'Associazione Metrogenova, che è stata invitata a partecipare all'allestimento del Mobì, Laboratorio della Mobilità Sostenibile, che verrà inaugurato il giorno 27 maggio alle ore 9.30.

Purtroppo al momento non sappiamo ancora in che forma potremmo partecipare, perchè siamo stati avvertiti ufficialmente solo la scorsa settimana e ci manca il tempo per allestire un eventuale spazio.

Il giorno 14 giugno invece l'Associazione verrà presentata ufficialmente presso la Sala Conferenze del Museo di Sant'Agostino, ma di questo evento sarà data notizia non appena saranno definiti i dettagli.

Nel frattempo i Soci che hanno ricevuto il documento ed hanno domande e suggerimenti in merito possono utilizzare questa discussione oppure inviarle al mio indirizzo di posta elettronica o all'indirizzo dell'Associazione. Sulla base del numero di domande, valuteremo come presentare le risposte.
[Modificato da cliobini 20/05/2008 10.41]
20/05/2008 18.27
Bravo! Claudio ho cominciato a spulciarlo....



OTTIMO LAVORO COMPLIMENTI.
[SM=x1567329]

[SM=x1405315]


Solo se ne realizzassero, che una minima parte. [SM=x1567332] [SM=g27990]

[SM=x1432575]


[Modificato da Pinuccio "58 20/05/2008 18.31]
23/05/2008 12.12
OFFLINE
Post: 2.560
Registrato il: 26/01/2008
Città: GENOVA
Età: 40
Il progetto è davvero molto interessante, ben articolato ed elaborato in tutti i suoi punti.
Complimenti per l'impeccabile sforzo realizzativo ! [SM=x1567329]

Sarebbe molto bello vedere la mobilità cittadina in quest'ottica nuova.
23/05/2008 13.41
OFFLINE
Post: 4.170
Registrato il: 26/10/2006
Città: GENOVA
Età: 58
Capotreno

Documento arrivato, comlimenti a Claudio per la precisione e la cura grafica...mi ci vorrà un bel pò per leggerlo nel dettaglio ma le idee di fondo mi sembrano molto apprezzabili (anche perchè vengono definiti scenari diversi)... [SM=x1567329] [SM=x1567327]
23/05/2008 17.15
OFFLINE
Post: 4.330
Registrato il: 09/01/2008
Capotreno
Allora, comincio con le domande su Mobilità 2020. Innanzitutto complimenti a Cliobini per lo splendido lavoro.
Non mi risulta chiaro come verrebbe l' attraversamento del Bisagno a Staglieno nell' ipotesi di metro interrata col metodo cut and cover.
La stazione in sponda destra dovrebbe essere in superfice? Altrimenti come sarebbe possibile realizzare il ponte? In questo caso da dove comincerebbe a sbucare in superfice sulla sponda sinistra?
Poi una mia perplessità, siamo certi che in Val Bisagno la tecnica Cut and Cover sia più economica della soluzione profonda? Ci sono innumerevoli fiumiciattoli che finiscono nel Bisagno e che andrebbero deviati e incanalati, con stazioni di pompaggio e via dicendo. Con questo sistema, tra l' altro, c'è da attraversare il Ferreggiano, che non è un problema da poco.
Sono contento comunque che sia stata presa in considerazione la soluzione in superfice, anche se come seconda scelta (io sostengo questa!).
Per ora mi fermo qui, per domande su intermetro e tram posso usare le apposite discussioni?
26/05/2008 18.42
OFFLINE
Post: 4.330
Registrato il: 09/01/2008
Capotreno
Il sistema integrato di Castelletto è fantastico! Se venisse realizzato sarebbe sicuramente una delle opere per il trasporto pubblico più moderne ed efficenti al mondo. In un colpo solo si servirebbero con la ferrovia un enorme bacino di utenza.
Complimenti per l'idea, dovessi decidere io sarebbe la prima cosa che metterei in cantiere!
16/06/2008 12.06
OFFLINE
Post: 8.765
Registrato il: 11/04/2005
Città: GENOVA
Età: 47
Amministratore
Capotreno
Informiamo tutti i forumisti che da oggi è disponibile l'intero studio "Genova Mobilità 2020", nella sua versione integrale, anche per i non soci dell'Associazione Metrogenova.

Potete scaricare la nostra proposta per la mobilità Genovese direttamente dalla home page del sito, o cliccando a questo link:

www.metrogenova.com/Genova2020.html
30/06/2008 08.15
OFFLINE
Post: 13.188
Registrato il: 11/07/2006
Capotreno
Era inevitabile che la presentazione di Genova Mobilità 2020 suscitasse la curiosità di molti, che mi hanno espresso le loro considerazioni e le loro domande sia tramite forum sia tramite posta elettronica.

Considerato il gradimento da parte dei Soci e lo spazio dedicato sulle principali testate giornalistiche cittadine (ed anche sul portale specializzato di Clickmobility.it), il documento Genova Mobilità 2020 evolve diventa Laboratorio. Un nome che prende spunto da Mobì, il laboratorio sulla mobilità sostenibile del Comune di Genova, a cui partecipa la stessa Associazione e al quale l'Associazione presenterà i risultati interessanti del proprio Laboratorio.

Lo spazio del Laboratorio di Genova Mobilità 2020 - al momento presente sul forum, ma valuteremo la possibilità di creare una sezione permanente del sito - sarà dedicato:
- in primo luogo a rispondere alle domande ricevute fino a questo momento e a chiarire alcuni aspetti del documento di particolare interesse;
- promuovere l'approfondimento di alcuni progetti, che voi tutti potete segnalarci, che poi eventualmente diventino idee progettuali per Mobì;
- sviluppare il tema di ricerca relativo al confronto con altre realtà urbane europee.

Prossimamente quindi le prime risposte e attendiamo le vostre proposte...
22/10/2008 14.32
OFFLINE
Post: 8.892
Registrato il: 01/06/2003
Capotreno
Fin dai tempi della pubblicazione di Genova Mobilità 2020 abbiamo sperato che si sviluppasse un dibattito sereno ed importante sul documento che abbiamo presentato. Ci fu un topic apposito che poi venne abbandonato, relegando così GeMo2020 ad un libro dei sogni che per molti non va neppure inseguito.

Vorrei che ricominciassimo a parlarne (sul sito c'è tutta la documentazione), cercando anche di inserire, nella varie considerazioni tecniche, anche alcuni aspetti sulla filosofia che la nostra associazione sta sposando.

Le porte sono aperte per migliorare il documento stesso, cosiccome ha detto da sempre il suo ideatore Cliobini, ma attenzione ad analizzarne bene la filosofia, questo studio non è stato improvvisato e si basa anche molto su l'aspetto "anti-maniman" che la nostra associazione ha reso proprio.

Non so se ho reso bene l'idea di ciò che volevo dire, forse mi sono un po' incasinato, ma in soldoni ciò che chiedo è quello di guardare da vicino Ge Mo 2020, proporre delle analisi concrete restando nella filosofia ben precisa della nostra associazione, la quale punta sempre molto in alto.

[SM=x1405306]
22/10/2008 15.17
Puntare in alto con i piedi ben fissi per terra, aggiungerei
22/10/2008 17.23
Una considerazione base: dove sono gli ingegneri dei trasporti o chi comunque si occupa di progettare e pianificare il trasporto pubblico a Genova? possibile che ci sia solo Cliobini ad interessarsi di queste cose? E gli altri? ci sono?
Questo forum e il sito di Metrogenova dovrebbero ormai essere conosciuti da tutti gli addetti ai lavori e dagli appassionati quindi i casi sono:

-chi si occupa di TPL a Genova non legge internet, questo depone sfavorevolmente sulle sue competenze tecniche e di aggiornamento professionale
-chi si occupa di TPL a Genova si sente superiore e non si vuole sporcare le mani con altri "che giocano con i trenini"
-chi si occupa di TPL a Genova lo fa solo per lavoro e una volta timbrato il cartellino "chissenefrega!"
-chi si occupa di TPL a Genova fa finta di occuparsene, lo fa per prendere i soldi dello stipendio e non è competente in materia.

In ogni caso la situazione è estremamente drammatica, significa che a ben pochi interessa il futuro dei trasporti in questa città e hanno interesse a fare la propria parte per migliorare.
[Modificato da metrosur 22/10/2008 17.24]
22/10/2008 18.49
OFFLINE
Post: 4.170
Registrato il: 26/10/2006
Città: GENOVA
Età: 58
Capotreno
Aggiungerei un'ipotesi alle tue, Claudio:
- chi si occupa di TPL a Genova deve adeguarsi a decisioni politiche fortemente blindate. [SM=x1445360]

Comunque penso che, malgrado la situazione possa essere realmente drammatica, dobbiamo continuare a confrontarci anche e soprattutto sul documento. E anche a confrontarci all'esterno, cogliendo all'interno di altre realtà associative gli interessi ed i soggetti che hanno a cuore le tematiche della mobilità.
22/10/2008 19.37
OFFLINE
Post: 5.203
Registrato il: 01/11/2006
Amministratore
Capotreno
Non ho nè la competenza specifica, né, soprattutto disponibilità della base di dati sulla quale è stato elaborato per entrare nel merito tecnico di dettaglio dello Studio.

Trovo che sia un ottimo ed accurato lavoro, cui possiamo certamente attribuire piena validità, a patto di accettarne quello che, correggetemi se sbaglio, intendo esserene stato il criterio guida, ovvero:

Fare tutto ciò che è possibile fare, nel miglior modo possibile, ponendo come unici limiti la realizzabilità tecnica della singola opera, oppure la concomitante esistenza di alternative giudicate più efficaci.

Tempi, costi, altri vincoli, pur essendo valutati, sono una variabile dipendente.

In questo senso lo Studio adempie pienamente l'obiettivo di illustrare, agli addetti ai lavori - leggiComune ed AMT- e non - mi riferisco ai molti ritorni di stampa - come poterbbe essere un serio piano di trasporto integrato per questa città.

E questo è certamente il suo pregio.

Il suo limite, di contro sembra essere quell'approccio "tutto o niente" (le uniche varianti previste riguardano la cancellazione della seconda linea metro, con qualche aggiustamento alle linee tram), nessuna dichiarata scelta di priorità degli interventi in funzione del ritorno di utilità degli stessi, a meno di non considerare tabella di priorità la scaletta di realizzazione in fasi temporali.

Il lavoro ipotizza un complesso di interventi che, secondo le stime sono attorno ai 4 miliardi di Euro che, pure spalmati, danno più di 250 Mni di Euro all'anno, tutti gli anni per 15 anni, per arrivare a fornire un'offerta di mobilità che, dagli attuali 4,5 Mdi di Pax - km, sale a 7,4 o, nel secondo scenario, addirittura 8,6 Mdi di Pax-km.

Mi sembra che tali cifre indichino come la soluzione integrale prevista dello studio sia:
-irrealistica sul piano della compatibilità economica -basta leggere le acrobazie che si fanno per finire Brignole e mettere qualcosa che assomigli ad un trasporto protetto in Valbisagno;
-esuberante nell'offerta di mobilità: ipotizzare aumenti dell'ordine del 60-90% per una città che non è certo in rate demografico positivo e dove già ora è alta la percentuale di spostamenti col mezzo pubblico, sembra poco credibile.

A questo punto, per evitare di farsi bollare tutto il lavoro come "bello e impossibile", consiglierei di cominciare a pensare a quello che, in gergo tecnico, si chiama " descoping", ovvero quantificare le singole opere in termini di costo beneficio, eliminandone qualcuna e semplificandone altre, priorizzarle e, perchè no, valutare anche altre vie meno performanti,quali la metrotramvia.

Lo studio è un colossale serbatoio di ottime idee, supportate da dati, ed altre forse stanno ancora nel cassetto degli scarti di Cliobini e nella mente di altri: prenderle una ad una le più vantaggiose, quantificandone al meglio che si può costi e benefici potrebbe essere la via per avviarle, almeno in parte

Per quanto riguarda la Metro, ho sempre sostenuto e sostengo che essa deva avere una terminazione ad Est o a Nord di Brignole, una sola, quale sia più utile, e su quella, e solo su quella, occorra spingere.

Scusate la lunghezza, ma l'argometo è davvero complesso
23/10/2008 10.34
OFFLINE
Post: 4.330
Registrato il: 09/01/2008
Capotreno
Quando era stata presentata "Genova Mob.2020" avevo cominciato a porre delle domande nel topic dedicato, ma poi tutto è stato abbandonato.
Ricomincio pertanto da qui.
Per quanto riguarda Corso Sardegna, Cliobini valuta la possibilità di andare in superfice ma preferisce la soluzione "Cut and cover", definita meno costosa dello scavo profondo.
La mia domanda è: come si risolve il problema degli affluenti del Bisagno, sopratutto il Fereggiano?
La stazione terminale a Staglieno viene proposta in due versioni, una su sponda destra e una su sponda sinistra. Per quella sulla destra si prevede un attraversamento in viadotto, il che significa uscire in superfice prima, ma prima dove?
La stazione in sinistra è invece sotterranea?
Per quanto riguarda invece il capolinea di Fegino, come si realizza il passaggio sopra i vari viadotti ferroviari che si incrociano su Piazza Pallavicini?
Per adesso mi fermo qui.
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 2 3 4 5 6 7 8 9 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi



Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 23.25. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com