Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

Giovani e Cultura

Ultimo Aggiornamento: 21/03/2011 21.49
20/03/2011 15.36
 
Email
 
Scheda Utente
 
Quota
OFFLINE
Post: 1
Registrato il: 20/03/2011
Città: RUVO DI PUGLIA
Età: 27
Sesso: Maschile
Utente Junior
Ragazzi, sono un piccolo amatore di Lucio. Però c'è un aspetto che non ho mai considerato e che mi piacerebbe scoprire con il vostro aiuto. Battisti, nella sua vasta discografia, parla mai dei giovani e della cultura? Di un mondo ideale, di un sogno?

Spero di ricevere vostre informazioni, sono proprio curioso :)
Jolanda De Rienzo new entry sportitaliaTELEGIORNALISTE FANS FORU...84 pt.20/05/2018 02.47 by docangelo
Cade un'aereo a La HabanaCuba Facile33 pt.20/05/2018 12.07 by ramon70
Commenti sul Concorso Pronostici Serie A 2017/2018Ipercaforum28 pt.20/05/2018 03.11 by possum jenkins
21/03/2011 21.49
 
Email
 
Scheda Utente
 
Quota
OFFLINE
Post: 80
Registrato il: 03/10/2006
Età: 61
Sesso: Maschile
Utente Junior
Come mio primo pensiero una canzone ci sarebbe eccome, agli inizi carriera, quando Battisti ancora non cantava le sue composizioni. Con Mogol scriveva molto e altri artisti le interpretavano, per l'assoluta ritrosia dei discografici che non osavano pubblicare alcun pezzo di Lucio data la sua "non voce". Una di queste, correva l'anno se non erro del 1967, era Uno in più. Una canzone manifesto, un insieme di ideologie anticonformiste, che la celebre coppia diede in prestito a Riki Maiocchi ( uno dei tanti cantanti beat dell'epoca e poi dimenticati in fretta ) e alla fine riproposta da Battisti stesso alcuni anni dopo nel suo primo album ( Lucio Battisti- 1969 ) La cosa nacque così: su impulso di Mogol i discografici più attenti pensarono di raggruppare i cantanti che si staccavano dalle consuete trame sentimentali, e di presentarli alla radio (allora canale principale, quasi unico, di promozione) come la cosiddetta linea verde, canzoni vagamente di protesta che volevano presentarsi come il prodotto giusto per i giovani che sentivano il bisogno di essere "contro", su tematiche che però tutti quanti più o meno condividevano. Queste canzoni della linea verde (verde come l'età ma anche come il colore della natura, il simbolo dell'ecologia e più tardi dei partiti verdi ) avevano tematiche di tipo ecologico, o parlavano di libertà, e quindi non soltanto d'amore Uno in più

Una voce sta cantando
ma sono pochi ad ascoltare
i gabbiani stan gridando
per poterla soffocare
altre voci piano piano
stan crescendo da lontano
se quel canto vuoi seguire
puoi cantare


Un mondo stanco dei vecchi stereotipi che voleva andare contro corrente, prefigurando quello che sarebbe successo in quegli anni con i figli dei fiori e tutti i suoi eccessi ( il cosidetto movimento Hippie )

E cosi'
tu sarai
uno in piu'
con noi.
E cosi'
tu sarai
uno in piu'
con noi.


Molti ci romanzarono sopra su queste frasi sibilline, della presunta appartenenza di Battisti al movimento di destra, indicandolo come simpatizzante fascista. Nulla di tutto questo. Battisti e Mogol non si sono mai schierati con le loro canzoni in nessun partito, cosa in quegli anni assai di moda, con tutti i maggiori cantautori italiani schierati nella protesta di sinistra e in special modo con il partito comunista.

Il vate galante
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 18.06. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com
,$$$