Carfizzi
printprintFacebook
 
Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

E' uscito il nuovo libro di Carmine Abate

Ultimo Aggiornamento: 26/09/2012 08.36
26/09/2012 08.36
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Iscritto
Molto attivo
Grazie mille!!
Imponete la Religione ai vostri figli?Testimoni di Geova Online...137 pt.28/04/2017 09.02 by (garoma)
Francia : Macron o Le PenOasi Forum89 pt.28/04/2017 08.04 by riccardo60
Calciomercato 2017-18blog191242 pt.28/04/2017 14.09 by the lord of the drinks
25/09/2012 16.13
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Veterano
Re: Ancora sotto effetto "Collina del vento"...
Adi55, 25/09/2012 15.57:

Ciao a tutti.Son qui perchè ho appena finito di leggere "La collina del vento" e in ultima pagina ho trovato l' indirizzo di questo sito.Volevo vedere la foto della rondine albina,ma non so dove cercare.Che libro affascinante!Mi ha presa,emozionata... se son tutti così i racconti di Carmine Abate,sicuramente cercherò anche gli altri!Complimenti a Carmine e grazie per avermi portata sulla collina di Rossarco!




Salve, sono felice per Carmine di questo apprezzamento. L'indirizzi della rondine albina è nelle vicinanze. Presisamente a questo link: carfizzi.celeste.it/index.php?option=com_content&view=article&id=260:sociale&catid=1:ultime&I...
Se vuoi particolari su altre opere di Abate, poi rivolgerti alla sua pagina web: www.carmineabate.net.
Saluti a tutti gli utenti del forum dei carfizzoti!
25/09/2012 15.57
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Iscritto
Molto attivo
Ancora sotto effetto "Collina del vento"...
Ciao a tutti.Son qui perchè ho appena finito di leggere "La collina del vento" e in ultima pagina ho trovato l' indirizzo di questo sito.Volevo vedere la foto della rondine albina,ma non so dove cercare.Che libro affascinante!Mi ha presa,emozionata... se son tutti così i racconti di Carmine Abate,sicuramente cercherò anche gli altri!Complimenti a Carmine e grazie per avermi portata sulla collina di Rossarco!
22/02/2012 14.25
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Veterano
E' USCITO: LA COLLINA DEL VENTO
LA COLLINA DEL VENTO
(Mondadori - pag. 264 - euro 17,50)

[IMG]http://www.carmineabate.net/images/collina.jpg[/IMG]
Impetuoso, lieve, sconvolgente: è il vento che soffia senza requie sulle pendici del Rossarco, leggendaria, enigmatica altura a pochi chilometri dal mar Jonio. Il vento scuote gli olivi secolari e gli arbusti odorosi, ulula nel buio, canta di un antico segreto sepolto e fa danzare le foglie come ricordi dimenticati.
Proprio i ricordi condivisi sulla “collina del vento” costituiscono le radici profonde della famiglia Arcuri, che da generazioni considera il Rossarco non solo luogo sacro delle origini, ma anche simbolo di una terra vitale che non si arrende e tempio all’aria aperta di una dirittura etica forte quanto una fede.
Così, quando il celebre archeologo trentino Paolo Orsi sale sulla collina alla ricerca della mitica città di Krimisa e la campagna di scavi si tinge di giallo, gli Arcuri cominciano a scontrarsi con l’invidia violenta degli uomini, la prepotenza del latifondista locale e le intimidazioni mafiose. Testimone fin da bambino di questa straordinaria resistenza ai soprusi è Michelangelo Arcuri, che molti anni dopo diventerà il custode della collina e dei suoi inconfessabili segreti.
Ma spetterà a Rino, il più giovane degli Arcuri, di onorare una promessa fatta al padre e ricostruire pezzo per pezzo un secolo di storia familiare che s’intreccia con la grande storia d’Italia, dal primo conflitto mondiale agli anni cupi del fascismo, dalla liberazione alla rinascita di un’intera nazione nel sogno di un benessere illusorio.
Carmine Abate dà vita a un romanzo dal ritmo serrato e dal linguaggio seducente, che parte da Alberto, il tenace patriarca, agli inizi del Novecento, passa per i suoi tre figli soldati nella Grande Guerra e per tutte le sue donne forti e sensuali, e giunge fino a Umberto Zanotti-Bianco, all’affascinante Torinèsia e all’ultimo degli Arcuri, uomo dei nostri giorni che sceglie di andare lontano. La collina del vento è la saga appassionata e coinvolgente, epica ed eroica di una famiglia che nessuna avversità riesce a piegare, che nessun vento potrà mai domare.
Saluti a tutti gli utenti del forum dei carfizzoti!
15/06/2011 11.36
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Veterano
NUOVO LIBRO DI CARMINE ABATE
E' uscito, in tutte le librerie, il nuovo libro di Carmine Abate:

[IMG]http://www.carmineabate.net/images/terrediandata.jpg[/IMG]
[Modificato da celeste.basta 15/06/2011 11.41]
Saluti a tutti gli utenti del forum dei carfizzoti!
16/03/2010 14.58
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Veterano
Vivere per addizione e altri viaggi
Come da titolo... E’ uscito il nuovo libro di Carmine Abate: "Vivere per addizione e altri viaggi". Esce nel periodo di sconto del 25% sugli oscar Mondadori, € 6,75 invece di €9.00.

[IMG]http://www.carmineabate.net/images/vivere.jpg[/IMG]
[Modificato da celeste.basta 16/03/2010 15.02]
Saluti a tutti gli utenti del forum dei carfizzoti!
24/10/2008 13.10
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Veterano
Re:
dolceheidi, 22/10/2008 10.34:

Ho cominciato a leggere l’ultimo romanzo di Carmine con molta voglia, così come faccio sempre con i suoi romanzi. Ho letto solo le prime pagine e non mi permetto di giudicare i libri, non mi sento all’altezza di fare il critico letterario o di fare recensioni.

Tuttavia, ho notato un refuso diciamo di tipo storico che è balzato agli occhi di un mio amico: la narrazione iniziale parla di un tale che il 9 settembre 1998 mentre viaggiava con la sua Alfa Romeo 147 ascolta dalla radio la notizia della morte di Lucio Battisti.

L’errore, o licenza poetica, sta nel fatto che nel 1998 la Alfa 147 non era ancora uscita!

Un saluto a Carmine e non me ne abbia per averlo fatto notare.

Vi voglio bene tutti
…………..




Ciao, e-mail di Carmine Abate:
Ringrazio dolceheidi per la segnalazione e per l’attenzione che presta ai miei libri. Non è licenza poetica, ma è uno spiacevole refuso: nella prima versione avevo parlato di un’Alfa Romeo 33, macchina che ho guidato io stesso per diversi anni, poi ho voluto aggiornarla cambiandola in Alfa Romeo 146 e così è rimasta fino all’ultima versione, quando è diventata 147 (macchina che comincia a essere prodotta nel 2000). Purtroppo, i refusi in un libro ci sono sempre. Io stesso ne ho trovato un altro, sempre numerico. Correggerò entrambi alla seconda ristampa, che stando ai dati non dovrebbe tardare.

Approfitto di questa mail per ringraziare anche Peppino per la bella recensione che ha fatto in questa stessa sezione e per anticipare che proseguirò il lungo giro di presentazioni a partire dalla prossima settimana: Bologna, Milano, Bari, Firenze, Brescia, Bergamo, Catanzaro, le prossime tappe. I dettagli nel mio sito. Spero di incontrare, come sempre, i carfizzoti sparsi per l’Italia. Un caro saluto a tutti



Carmine

Saluti a tutti gli utenti del forum dei carfizzoti!
22/10/2008 10.34
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Iscritto
Molto attivo
Ho cominciato a leggere l’ultimo romanzo di Carmine con molta voglia, così come faccio sempre con i suoi romanzi. Ho letto solo le prime pagine e non mi permetto di giudicare i libri, non mi sento all’altezza di fare il critico letterario o di fare recensioni.

Tuttavia, ho notato un refuso diciamo di tipo storico che è balzato agli occhi di un mio amico: la narrazione iniziale parla di un tale che il 9 settembre 1998 mentre viaggiava con la sua Alfa Romeo 147 ascolta dalla radio la notizia della morte di Lucio Battisti.

L’errore, o licenza poetica, sta nel fatto che nel 1998 la Alfa 147 non era ancora uscita!

Un saluto a Carmine e non me ne abbia per averlo fatto notare.

Vi voglio bene tutti
…………..
22/09/2008 10.12
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Iscritto
Veterano
recensione
Gli anni veloci

Per la prima volta l’autore si racconta, e racconta in terza persona gli anni di Nicola vissuti a correre con tutta le sue forze, con tutta la sua rabbia per inseguire un’ombra di felicita. Succede spesso però, forse involontariamente ma non troppo, sopratutto alla fine di certi paragrafi che l’autore abbia come delle reminiscenze e allora finisce col parlare in modo diretto, con la passione di sempre, sono i momenti più coinvolgenti degli anni veloci.
È un Carmine Abate lontano da Hora, e quindi distaccato dal precedente ruolo di eterno emigrante, anche se chi lo conosce personalmente, chi condivide con lui lo stesso vento, lo stesso modo di parlare e di pensare, coglie perfettamente la volontà, la tentazione di tornare a parlare del suo paese, infatti molte volte prende la sua auto, fa qualche chilometro e poi torna indietro. Quando appare, il paese è come sempre, i luoghi diventano più reali, ci sono strade in discesa, linoni, colori e profumi che persino i gatti conoscono. Invece, quando è fuori da Hora i personaggi sembrano muoversi dietro le pareti di cristallo della memoria, dei ricordi. E quando i posti sono le città del nord sono semplicemente due luoghi diversi di intendere l’Amore. Quando invece l’Amore esplode con tutta la sua passione, i luoghi sono fantastici come un campo trapuntato di lucciole o un mare senza confini dove si l’Amore si perde.
Quegli anni non passavano mai. L’odore acre e pungente dei fumi della Montecatini, delle passeggiate sotto i portici e sul lungo mare, delle scappatine alla Upim o alla Standa, solo ora ti accorgi di come siano volati, e tu eri lì a sentirlo sulla tua pelle, a prendere coscienza di sé come “il giovane Holden”, a rimanere i soliti sognatori e perdersi nella tana del Bianconiglio, o a fare scioperi e manifestazione a combattere contro le ombre dei mulini a vento come dei cavalieri erranti della malinconica figura.
Comunque ho ritrovato tra le righe: il sole del “Ballo tondo”, il vento di “tra due mari”, l’azzurro della “festa del ritorno” e i sogni “della moto di skanderbeg” . Il modo di raccontare è quello puntuale e coinvolgente proprio dell’autore, questa volta sul filo delle canzoni di Lucio Battisti che fanno da colonna sonora a una bella storia d’Amore condita dalle pietanze piccanti e sfiziuse di Zza Pina, dal pesce fresco di Capocolò e purtroppo dal dolore delle assurde morti bianche, il tutto cantato con la voce malinconica, graffiante e un po’ blues di Rino Gaetano che tanto somiglia al modo particolare di scrivere di Carmine Abate.
Un abbraccio Peppino Pompò
[Modificato da byggym 22/09/2008 19.12]
10/09/2008 12.55
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Veterano
Gli anni veloci

Ciao
Saluti a tutti gli utenti del forum dei carfizzoti!
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 14.11. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com