Nuova Discussione
Rispondi
 
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

i miei sogni

Ultimo Aggiornamento: 24/03/2013 17.55
18/01/2004 22.21
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
duccio
[Non Registrato]
...
io i grigi li ho sempre sognati artificiali, potessero essere statue o burattini senza vita. una volta sognai una statua di un grigio in un tempio scavato nella roccia. poi...un'altra volta ho sognato un essere con 4 braccia alto e pelle color marrone scuro, che sedeva accanto alla sua astronave, ero sul tetto di un monastero, lui si mette a intonare una specie di ommmmmmmmmm, e mi dice telepaticamente che erano stati loro a insegnare quello agli esseri umani. poi...altri di grandi dimensioni con la faccia rugosa e occhi neri, pelle tipo elefante, incontrati nell' acqua blu....altri mostriciattoli piccini e verdi....ora non ricordo,comunque di tutto.(è un'universo abitatissimo[SM=g27964] hehe!)

ciao!
duccio
traduttori wtsTestimoni di Geova Online...82 pt.12/12/2017 22.18 by Opossum
Christelle Campana (Rsi.ch)TELEGIORNALISTE FANS FORU...60 pt.12/12/2017 19.50 by Dantés@
Aspettando Natale 2017 AWARD & OSCAR FFZ...t...51 pt.12/12/2017 09.07 by ilpoeta59
19/01/2004 01.22
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
zaffiro
[Non Registrato]
i grigi...non li conosco
non ho mai sognato i grigi

anzi ho conosciuto questi esseri sentendone parlare da qualche anno
io ho quasi sempre sognato (e una volta l'ho visto di notte quand'ero ragazzina) un essere molto alto, ad occhio più di 2mt, con un viso direi angelico e i capelli così biondi da sembrare bianchi ma con gli occhi sempre offuscati da una luce, un vortice con sfumature di colore, vestito con una tuta grigio argento con riflessi blu.
Nei sogni invece spesso venivano a chiamarmi dei piccoli esseri, alti come dei bambini, esili e sottili con grandi occhi neri ma erano bianchi e mi sembravano molto limitati nel comunicare, si limitavano a portarmi in altri luoghi dove incontravo sempre i tipi di cui sopra.
L'immagine più strabiliante che ho sognato è invece un essere che sembrava fatto di sola luce (sembrava un pezzo di stella materializzata)stupendo a vedersi...anche se aveva degli occhi un po come i gatti, bianchi senza iride che sprizzavano luce come tutto il resto.
Quando è arrivato ero in compagnia di due di quegli esseri alti nel terrazzo di casa mia , io ero in pigiama a piedi scalzi e mi stavano mostrando alcune cose nel cielo notturno, quando è arrivata questa immagine si è sentito un grande fruscio, uno spostamento d'aria, ci siamo girati e questo essere si era piazzato alle nostre spalle sopra il muro del terrazzo, mi sono sbalordita...aveva un abito stratosferico fatto di pura luce bianca, brillante, lo strascico scendeva fino a toccare il pavimento del terrazzo...ci sovrastava. [SM=g27973]
Sul capo aveva un casco che sembrava brillare come le stelle con tanti raggi che fuoriuscivano da tutte le parti e prima di comunicare con noi mise a posto delle protuberanze sulle spalle che potevano sembrare ali..ma non lo erano, facevano parte degli arti superiori.

Esseri più somiglianti ai grigi li ho sognati soltanto due volte ma erano un po più alti, con le ossa del cranio pronunciate e la pelle marrone chiaro un po bronzea.

Di esseri incappucciati come dei monaci ne parlava mia nonna, li vedeva sempre sua sorella, non la lasciavano dormire, però no ne ha mai fatto una descrizione fisica.

Una sola volta ho avuto a che fare personalmente con una tunica...tipo monaco...era stata una brutta notte e ad un tratto mi sono svegliata perchè qualcuno mi ha sussurrato delle parole all'orecchio, sento ancora le vibrazioni di quella voce e l'alito che mi fece venire la pelle d'oca.
Ho sgranato subito gli occhi ma ho fatto appena in tempo a vedere e sentire il lembo di una tunica colpirmi in viso e poi fuggire via dalla porta della mia camera. [SM=g27982]
19/01/2004 13.20
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
duccio
[Non Registrato]
grigini
quello che ricordo bene è un sogno che ho fatto quando ero piccolo, avevo 6 anni, mi trovavo in un bosco (abitavo in campagna) circondato da esserini che erano come i grigi, più bassi di me, cercavano di portarmi verso una collina con una radura. li ho sognati tempo dopo in città che venivano da me mentre dormivo e infastidivano il sonno perchè erano lì per portarmi via...anvevo 8 anni circa, mi succedeva spesso di aver timore ad addormentarmi perchè avevo paura che quello strano sogno tornasse. ho sognato anche sceletri bianchi che non erano scheletri, ma assomigliavano a scheletri. ritengo che ciò siano residui molto filtrati, di eventi disturbativi avvenuti nell'infanzia, i sogni che ho in questo momento credo vadano ricollegati ad eventuali eventi, credo inoltre che ci sia coinvolto in qualche modo mio fratello...ma tutto ciò è troppo presto per saperlo...una mia amica sognava i monaci bianchi che la vevivano a prendere di notte nel suo letto e che la portavano fuori casa, bambini strani che volevano giocare di notte con lei, ma erano sfuggenti, lei tutt'ora dice che non dormiva quando succedeva questo...cioè era sveglia, tutt'ora ne è convinta. Non so, ma mi sembra che le donne in generale siano più portate a ricordare più cose degli uomini, la quantità dei sogni femminili nel forum è molto variegata e bella, mi piacerebbe sapere, in base alla casistica se c'è una differenza in numero fra uomini e donne che riportano casi di contatto, qualcuno lo sa?

ciaO!
duccio
19/01/2004 19.11
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Post: 47
Registrato il: 09/07/2003
Utente Junior
OFFLINE
Re: sognate solo grigi..?

Bella domanda.
La mia specialità, a dire il vero, sono i rettiloidi, di tutte le razze, altezze e colori, e forse anche qualche anfibio... se sognavo dei grigi (raro) comunque alla fine mi portavano da un rettilone... ne ho sognati per almeno 20/25 anni (e ne ho 28), e la maggior parte di loro non era affatto 'simpatica' [SM=g27974] anzi direi irruente e aggressiva.
Da quando mi 'occupo' di yoga (leggi: da quando sono più tranquilla), questi sogni sono diminuiti fino quasi a scomparire negli ultimi 2/3 anni, ma sono stati rimpiazzati dai 'biondi' che hanno un atteggiamento freddo - eccetto una di loro che conobbi (si intende sempre sognando) in quanto mi accolse all'ingresso di una ambasciata bianca, e da allora mi è accanto in moltissimi sogni con vari ruoli. Ultimamente sogno un essere che assume l'aspetto delle persone di cui ho stima, ma so che in realtà è lui. Oppure rimane trasparente - forse perché non riesco a vederlo. [SM=g27966] Ma sento che è un essere non umano, quindi lo metto nella categoria degli 'alieni' [SM=g27965] ... però non mi spaventa, almeno la maggior parte delle volte. E' un 'rapporto' (con me stessa?) che andrà approfondito...

LightMatrix [SM=g27961]
17/02/2004 15.25
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Onda
[Non Registrato]
il mio sogno
Ciao a tutti
ho scoperto da poco questo forum che trovo veramente interessante. [SM=g27959]
Anch'io vorrei capire di più di alcuni sogni che mi sembrano estranei al contesto della mia vita.

La scorsa estate, durante un riposo pomeridiano, ho fatto un sogno che mi ha lasciato perplessa per la sua conclusione e mi piacerebbe poterne conoscere dei contenuti psicologici che in atto mi sfuggono:

Assieme ad altre persone mi trovavo nel giardino di una villa, quando improvvisamente sopraggiungeva un allarme, una presenza minacciosa stava arrivando.
Velocemente cercavo di chiudere tutte le porte, le finestre e le varie aperture ma mi accorgevo che rimanevano diverse possibili entrate.
Mi trovavo in una strada quando arrivava un altro allarme e mentre le persone presenti fuggivano, io individuavo la "presenza" che inizialmente pensavo fosse un uomo, in procinto di uscire dalla fessura di una sorta di impianto del tipo "bancomat" e anch'io mi davo alla fuga.
Correndo veloce e senza sforzo salivo una larga scala esterna di un edificio ed arrivavo all'ultimo piano. Quì c'era un ristorante completamente vuoto, c'era solo un uomo, il gestore, con il quale scambiavo qualche frase. Anche lui era al corrente di ciò che stava avvenendo.
Dopo avergli detto "eventualmente, io sono tua figlia" mi nascondevo sotto una struttura.
Quando mi rialzavo la "presenza" che avevo sentito avvicinarsi come se fosse un vento invisibile, si era allontanata, ero piuttosto sorpresa nonché inquieta. Chiedevo all'uomo del ristorante cosa aveva voluto. Il ristoratore mi rispondeva "la paternità e la maternità" e mentre parlava vedevo quello che lui diceva come se paternità e maternità fossero due documenti.
Chiedevo infine cosa ne avrebbe fatto e lui rispondeva con espressione tranquilla "una clonazione"!!! [SM=g27973]

a presto
Onda
17/02/2004 17.48
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Danusia
[Non Registrato]
Sogni
Quanto sogni vorrei raccontarvi ..ma userei mille pagine.

Invece voglio raccontarvi delle creature che sogno...

Quando ero molto piccola (tre anni circa) sognavo creature azzurrine con il naso molto all'insù e i capelli grigi riccioli, che mi opprimevano come se mi assorbissero energia e pensieri.

Verso i vent'anni sognavo spesso creature simili agli umani ma con il contorno degli occhi nero, come i Panda (..come la banda bassotti con la mascherina nera davanti agli occhi :-)) ), di solito sono vestiti classici stile anni '50 col cappello.

Ho sognato anche simil-umani che però hanno gli occhi chiari (verdi oppure azzurro opachi) e grandissimi, allungati, capelli scuri o chiari, dai loro occhi traspare amore e evoluzione superiore, e sono anche molto attraenti come se emanassero una energia che ...(è imbarazzante da dire...) insomma come se fosse spontaneo unirsi a loro.

Altri con il viso allungato, bianco azzurrino, occhi grandi, dei turbanti di luce rosso/gialla attorno alla testa, oppure di una stoffa bianco-grigia che so essere resistente e metallica ...

Non mi ricordo coscientemente di esseri bronzati, ma (non so perchè) sono sempre stata sicura che esistessero !!! e che li avevo sognati !!!

Qualche mese fa i grigini mi hanno fatto visita, e non stavo dormendo ...uno era alto 1 metro ma gli altri almeno 1.70. Pelle grigia, minuti, leggiadri, occhi neri o rossi, uno sembrava un bambino, gli altri erano seri e quasi minacciosi ma non ero molto spaventata.

Quando ero molto piccola mi faceva impressione l'insegna di una discoteca di Riva Del Garda (TN) che forse mi ricordava un uomo col casco ...come i soldati che quando ero piccola mi inseguivano ....

Oltretutto quando sogno mi visualizzo molto diversa ...però sempre simile ad un essere umano, però sbiadita, con occhi chiarissimi quasi gialli e capelli chiari, come se fossi stata "scolorita" da un fonte di luce molto forte ...

Ciao a tutti !!!!
Dany

22/02/2004 09.36
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
lucesolida
[Non Registrato]
benvenuta


Ciao a tutti
ho scoperto da poco questo forum che trovo veramente interessante.


Ciao Onda,
per l'interpretazione del sogno è necessaria Giulia, io mi limito a darti il benvenuto tra noi...!!
lucesolida [SM=g27960]
12/09/2004 22.27
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Giulia d'Ambrosio
[Non Registrato]
Re:

Scritto da: cla74 02/07/2003 20.32
Allora sogno da tempo di essere portata su un'astronave, vedo esseri cordiali in tute aderenti che mi sorridono e dicono che hanno scelto me x istruirmi e prepararmi per un qualcosa che loro faranno in futuro x aiutare l'umanità a progredire pacificamente e salvarsi dall'autodistruzione.

L'ultimo di qualche mese fa; sono in gita con ilmio ragazzo in montagna.... o campagna...la stessa del sogno più vecchio... e con una ragazza che non conosco . all'improvviso appare alle nostre spalle una piccola astronave di forma triangolare, con tre luci bianche suigli angoli.

Arriva il momento della lezione e mi dicono che ci sono 7 razze di alieni che collaborano tra di loro



Cara Claudia, ho bisogno di sapere se, prima di fare i sogni di cui parli (il primo e il terzo), avevi letto libri riguardo rapimenti alieni, e se sì, di quali libri si tratta.
Per il secondo sogno, avrei bisogno di sapere se il triangolo aveva il vertice in alto o in basso.
La riflessione che farei è che non si può essere istruiti da qualcuno che non consociamo e al quale non ci leghi un patto di fiducia. Questo è un aspetto inquietante, al quale ti pregherei di fare mente locale, cuore locale e pancia locale (per il momento l'invito è rivolto calorosamente anche a duccio, lucesolida e LightMatrix, che hanno sicuramente avuto esperienze con forze non ordinarie). (Non ho ancora stabilito nulla per gli altri, devo proseguire a esaminare materiale).
Ciao e grazie.
12/09/2004 22.30
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Giulia d'Ambrosio
[Non Registrato]
Re: Sogni e tempo

Scritto da: Osservatore 04/07/2003 20.57
Il problema è questo:
All'improvviso, guardando l'orogio mi ritrovo con delle sorprese... A volte senza nessun motivo apparente, il mio orologio va un'ora indietro rispetto agli altri... minimo 45 min fino ad un max di 2 ore...
Però cammina e non da proprio segni di essersi fermato...
Ho cambiato orologio ma qualche tempo dopo è accaduto di nuovo... Ho cambiato ancora e ho acquistato un robustissimo G-Shoc al quarzo... macchè, ancora....
Sono al quinto orologio e questa mattina è accaduto di nuovo...
Se lasciati da soli vanno perfettamente e non perdono un secondo...

Inutile parlare dello stereo che (perfettamente funzionante) si accende da solo, nel cuore della notte, circa due secondi dopo che mi sono svegliato in seguito ad un incubo (creature strane o persone "cattive", passatemi il termine please...)...



Caro Osservatore, per favore puoi dirmi se hai ancora questi fenomeni e cosa è successo nel frattempo?
Grazie, ciao. Giulia
12/09/2004 22.33
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Giulia d'Ambrosio
[Non Registrato]
Re: Il mio sogno

Scritto da: Steve 18/12/2003 17.56
Ho 42 anni e spesso da bambino facevo un sogno "particolare"... Ero in una citta' piena di grattacieli ed ad un certo punto vedevo un aereo volare verso uno di qst fino ad esplodere... subito dopo il cielo si riempiva di astronavi.... tantissime astronavi... in quel momento provavo un forte senso di angoscia e d paura e... mi svegliavo!
Non sono mai riuscito a vedere cosa accadeva dopo... con il passare degli anni nn ho + fatto qst sogno e fino al funesto [SM=g27969] 11 settembre nn c ho + pensato...



Caro Steve,
se frequenti ancora il forum, mi piacerebbe che ci raccontassi qualcosa di te. Giulia
12/09/2004 22.50
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Giulia d'Ambrosio
[Non Registrato]
Re: sogno e...realtà

Scritto da: zaffiro 08/01/2004 22.48
Sabato 27 Dicembre 2003
ci accorgevamo che ci avevano sostituito la videocamera (con cui facciamo le riprese) e ci rammaricavamo del fatto che ce ne avessero data un’altra con prestazioni inferiori, pensavamo che non avremmo più potuto fare le riprese con la stessa qualità e forse non potevamo più neanche ricavare delle foto nitide.

- ti ricordi quel simbolo che tenevo qui esposto tra le merci?
- non fingere...tu sai a cosa mi riferisco...(si forse aveva ragione ma non riuscivo a concretizzare con la mente il ricordo di quel simbolo a cui lui si riferiva).
- Ecco vedi che non c’è più!
- Degli agenti...quando si sono accorti che l'avevo, sono venuti anche a casa a cercare, di sorpresa e da allora sono sorvegliato, controllato, non sono più libero
Ormai li teneva nascosti e voleva avvisarmi di non mostrare i simboli perché non mi capitasse quello che era successo a lui.
Però mi indicava dove guardare, nel caso volessi vedere quel simbolo, mi spiegava come trovarlo...era sempre li celato tra le merci ma bisognava sapere dove guardare...gli altri non si sarebbero accorti che li avevamo sempre...

Entro in un doppio stato, da un lato sveglia e cosciente...dall’altro in un livello diverso, come se i miei occhi si fossero sdoppiati, uno vede la realtà e l’altro vede attraverso il muro.






E’ agitata, ripete...ho paura aiutatemi, spostandosi di poco avanti e indietro guardandosi attorno...
Di cosa hai paura gli chiedo...non preoccuparti ci sono io con te...stiamo insieme non ti abbandono.
Alla mia domanda lui rimane silenzioso...io stessa posso vedere: con gli occhi aperti scruto la mia stanza...sento la Terra...penso il terremoto...c’è il terremoto, aspetto un attimo...sta arrivando il terremoto?....

c’è stato il terremoto in Iran, città rase al suolo, migliaia di morti, di feriti e di gente sepolta sotto le macerie.
Vorrei sedermi in una poltrona da sola e passare li tutta la mia giornata...a pensare...a chiedere a quell’ombra chi sei... dove sei...tu che mi hai chiamato, hai bisogno di me?



I primi pezzi parlano di una realtà conosicuta, filmata, vissuta, attimo per attimo, e della quale ora sfuggono i contorni, come se la telecamera di ripresa non fosse più buona, come se qualcosa fosse andato nascosto, come se un occhio potesse vedere e uno no. Anche se i filamti possonoessere ugualmente fatti, anche se, cercando, ciò che è nascosto non è sparito, basta saper cercare. Basta saper guardare.

L'ombra era probabilmente una delle vittime del terremoto. Improvvisamente trovatosi sul piano astrale, è rimasto terrorizzato. Eri nella condizione di percepire quel piano. Con un occhio. Con una telecamere sfasata. Come un simbolo nascosto.
(In alcuni passaggi dei libri del Cerchio Firenze 77 sono riportate le parole delle persone impressionate da una morte repentina, quando ancora non si rendono conto di essere morte.)

Ciao zaffiro, grazie. Giulia
12/09/2004 22.53
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Giulia d'Ambrosio
[Non Registrato]
Re: Re: altro sogno strano...

Scritto da: Giulia d'Ambrosio 11/01/2004 20.43
Stai tranquilla. Non credo siano incontri ravvicinati.



Ora no. Ma, una volta, sì. Giulia
12/09/2004 22.56
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Giulia d'Ambrosio
[Non Registrato]
Re: grigini

Scritto da: duccio 19/01/2004 13.20
in base alla casistica se c'è una differenza in numero fra uomini e donne che riportano casi di contatto, qualcuno lo sa?



Lo chiediamo a Derrel Sims, quando viene.
A proposito, vi ricordo la sua conferenza la sera del 15 ottobre, nei pressi di Milano.
Fatevi vivi prima, se avete intenzione di venire.
12/09/2004 22.58
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Giulia d'Ambrosio
[Non Registrato]
Re: Sogni

Scritto da: Danusia 17/02/2004 17.48
Qualche mese fa i grigini mi hanno fatto visita, e non stavo dormendo ...uno era alto 1 metro ma gli altri almeno 1.70. Pelle grigia, minuti, leggiadri, occhi neri o rossi, uno sembrava un bambino, gli altri erano seri e quasi minacciosi ma non ero molto spaventata.



E che cosa è successo dopo?
13/09/2004 23.21
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
cla74
[Non Registrato]
il vertice era verso l'alto al centro come una ghera di un orologio... ruotava e da li usciva un raggio di luce
13/09/2004 23.24
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
cla74
[Non Registrato]
dimenticavo...prima di questi sogni non ho mai letto nulla di ufologico nessun libro nessuna rivista solo appassionata di star trek
14/09/2004 11.16
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
lucesolida
[Non Registrato]
Re: Re: grigini

Scritto da: Giulia d'Ambrosio 12/09/2004 22.56
Lo chiediamo a Derrel Sims, quando viene.
A proposito, vi ricordo la sua conferenza la sera del 15 ottobre, nei pressi di Milano.
Fatevi vivi prima, se avete intenzione di venire.



Io farò il possibile per venire.
lucesolida
16/09/2004 23.10
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
cla_74
[Non Registrato]
giulia, secondo te sono addotta?
17/09/2004 09.22
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Giulia d'Ambrosio
[Non Registrato]
Re:

Scritto da: cla_74 16/09/2004 23.10
giulia, secondo te sono addotta?



In passato, con alta probabilità. Nel presente non so.
18/09/2004 09.57
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
lucesolida
[Non Registrato]
il mio sogno di questa notte
Sto camminando con un'amica sulla strada di un paese che non conosco. Ad ogni bivio vedo qualcosa di familiare che mi fa pensare di conoscere il posto e quindi la giusta strada da intraprendere, ma appena imbocco la nuova strada mi accorgo di essermi ancora persa. Arriviamo in una piazza. E' stupenda. C'è una bellissima chiesa e il piazzale è tutto piastrellato, ma la cosa che più mi colpisce è che alla fine del piazzale inizia il mare! E' un mare limpido, di un azzurro chiaro, calmo e illuminato dai raggi del sole. Trasmette una gioia immensa, è una visione così bella che fatico a staccarmene, penso che quello potrebbe essere il paradiso. La mia amica mi fa notare che non possiamo procedere in quella direzione, dobbiamo per forza tornare indietro. A malincuore torno sui miei passi. Più cammino e più mi accorgo di diventare più giovane, la strada si riempie di persone ed io mi sento sempre più piccola, anche se sono sempre io fisicamente. Mi ritrovo in una piazza affollata di persone, è buio, ci sono mia sorella e mio fratello poco distranti da me. C'è un'edicola ancora aperta ed io vorrei comprarmi un giornalino, ma non ho soldi. Li chiedo a mia sorella che mi dà qualche moneta. Vado dall'edicolante, ma quando questi mi chiede di pagare, mi rendo conto di non conoscere il valore dei soldi (devo essere molto piccola). Così gli consegno tutte le monete che possiedo, ma ho la sensazione che mi imbroglierà. Prendo il giornale, lo apro e vedo che inizia da pagina 35. Sono triste, mi siedo su un marciapiede e inizio a piangere. Penso che non voglio più restare lì, con quella gente, che io sono diversa. Alzo gli occhi al cielo stellato quasi aspettando un'ennesima conferma.
A questo punto il sogno cambia completamente. Sono in una stanza, con me c'è una donna, poi se ne aggiunge una seconda e poco dopo una terza. Una è davanti a me, le altre due sono ai due lati. Nella stanza non c'è molta luce, dalla vetrata si vede che è una giornata grigia, la nebbia avvolge tutto, provo un brivido di freddo. Sto raccontando la mia storia a quelle donne, che interessatissime prendono appunti. Sento di non essere libera di parlare, non posso raccontarmi come vorrei. Sulla soglia della stanza c'è mio marito. E' lì, immobile, con le braccia incrociate, come un guardiano ed ascolta attentamente ciò che dico. So che non mi permetterà di ricordare e racontare davvero tutto di me. Mi alzo, vado da lui, gli chiedo di uscire dalla stanza, di darmi la possibilità di farmi aiutare perchè da sola non ce la faccio. Gli dico che sono al sicuro, che può fidarsi e che non mi succederà nulla. Lui sembra quasi stia per cedere, intanto una forte luce bianca proveniente dalla vetrata mi fa battere forte il cuore. E' come se qualcosa fosse già sfuggito al controllo. Torno a guardare mio marito, ha ripreso il suo fare di guardiano e mi dice che non lascerà il suo posto. Guardo nuovamente dalla finestra, la luce si è attenuata, è cambiata di colore, ora è rossa, ed è diventata il faro di un enorme aereo appena atterrato. Penso che forse siamo in un aereoporto, sono confusa, tutto è tornato grigio e mi sento incredibilmente triste. Mi sono svegliata con questa sensazione di tristezza...
Giulia, cosa ne pensi?
lucesolida
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 22.30. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com