LA BIBLIOTECA DEL DIFENDERE LA VERA FEDE
printprintFacebook
QUESTO FORUM E' CONSACRATO ALLO SPIRITO SANTO... A LUI OGNI ONORE E GLORIA NEI SECOLI DEI SECOLI, AMEN!
 
Innamoriamoci della Sacra Scrittura! Essa ha per Autore Dio che, con la potenza dello Spirito Santo solo, è resa comprensibile (cf. Dei Verbum 12) attraverso coloro che Dio ha chiamato nella Chiesa Cattolica, nella Comunione dei Santi. Predisponi tutto perché lo Spirito scenda (invoca il Veni, Creator Spiritus!) in te e con la sua forza, tolga il velo dai tuoi occhi e dal tuo cuore affinché tu possa, con umiltà, ascoltare e vedere il Signore (Salmo 119,18 e 2 Corinzi 3,12-16). È lo Spirito che dà vita, mentre la lettera da sola, e da soli interpretata, uccide! Questo forum è CONSACRATO ALLO SPIRITO SANTO e sottolineamo che questo spazio non pretende essere la Voce della Chiesa, ma che a Lei si affida, tutto il materiale ivi contenuto è da noi minuziosamente studiato perchè rientri integralmente nell'insegnamento della nostra Santa Madre Chiesa pertanto, se si dovessero riscontrare testi, libri o citazioni, non in sintonia con la Dottrina della Chiesa, fateci una segnalazione e provvederemo alle eventuali correzioni o chiarimenti!
[IMG]https://farm6.staticflickr.com/5290/13946093876_b84b9a26cb_o.jpg[/IMG]
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Facebook  

Il Cattolico

Ultimo Aggiornamento: 08/12/2017 22.03
Autore
Stampa | Notifica email    
OFFLINE
Post: 3
Città: MILANO
Età: 28
Sesso: Maschile
08/11/2017 15.30

Salve,

apprezzo e rispetto l'opportunità che in un forum si da a tutti di poter fare domande ed esprimere i propri pensieri...
Dato che non sono Cattolico ma amo molto Dio, desideravo porre alcune domande che reputo fondamentali per capire bene il pensiero di base della religione Cattolica, senza voler fare ne creare polemiche:


1. Il vero Cattolico anela a seguire fedelmente il magistero Cattolico?

2. Oppure si reputa Cattolico per tradizione familiare ma pensa di poter rimanere tale pur avendo e applicando le proprie idee in fatto di fede, dottrine e credenze, ignorando di fatto il Magistero?

3. Oppure si interessa degli insegnamenti originali di Cristo Gesù riportati nella Parola di Dio, e se questi sono in contrasto con il Magistero da più valore alle parole ispirate da Dio nelle Sacre Scritture, che al Magistero?

4. Oppure considera la Sacra Scrittura ispirata da Dio come qualche cosa di antiquato da porre sotto al Magistero?



Apprezzerei davvero risposte per comprendere bene i punti sopra espressi,

grazie di cuore e scusate il disturbo
Micaela NascaTELEGIORNALISTE FANS FORU...29 pt.20/07/2018 15.49 by CarliniCarlo
2 anni di interdizione, vero o falso?Cuba Facile23 pt.21/07/2018 00.07 by cocoloco
Jolanda De RienzoIpercaforum22 pt.20/07/2018 21.25 by skindeceiver
OFFLINE
Post: 3
Città: MILANO
Età: 28
Sesso: Maschile
22/11/2017 16.07


Caterina63, 21/11/2017 18.20:

Quante volte devo ripeterti che non siamo per il Sola Scriptura  e che seguiamo il metodo insegnato da Pietro postato fin dal primo messaggio? E' ovvio che se un apostolo (di ieri o di oggi) dicesse qualcosa di contrario al Vangelo, noi non lo ascolteremo, è stato il caso di Ario, di Lutero, di Pietro Valdo..... ma ti ho anche spiegato che il Vangelo è stato consegnato alla Chiesa da Cristo perché venisse SPIEGATO....Chi avrebbe il compito di dire "non ascoltate  chi vi dice un vangelo diverso", oggi che Paolo non c'è più? Chi ha detto che Ario era eretico? LA CHIESA in base al Vangelo. Chi ti ha dato il TERMINE "TRINITA'" DAL MOMENTO CHE NEL VANGELO NON ESISTE? LA CHIESA IN BASE AL VANGELO....

Quante volte ti ho precisato che tu fai l'errore di SEPARARE Vangelo e Magistero? La VERITA' che è Cristo appunto non appartiene alle persone, e questo io non l'ho mai detto, ma Cristo - ho detto - appartiene alla Chiesa, è la Sua Sposa, si è consegnato a Lei e solo a Lei ha promesso fedeltà eterna. LUI, il Cristo è quella PAROLA INCARNATA che entrando nella storia per mezzo del Sì di Maria santissima, si è consegnato agli uomini non solo morendo per la nostra Redenzione, ma si è consegnato alla SUA Chiesa, nata da quel costato trafitto e sigillata col dono dello Spirito Santo nella Pentecoste, dopo la Sua Risurrezione e Ascensione al Cielo. 



...mi spiace che ti accanisci tanto, veramente a me piace dialogare con tranquillità e rispetto e non desidero irritarti... Di fatto ho compreso che non seguite il metodo “sola scriptura” solo ti indicavo che era esattamente il metodo seguito da san Pietro e da Cristo ed avrei apprezzato magari una spiegazione del perché tu affermi di no.


Sento che mi confondi e non desidero pensare che lo fai di proposito...quindi voglio credere che sono io che comprendo male...perché da un lato mi dici che non si dovrebbe ascoltare neanche un Apostolo se insegnasse qualche cosa di diverso dal Vangelo e poi però mi dici in modo dogmatico che devo credere a tutto quello che dice la Chiesa...ma se Cristo mi insegna a valutare le parole degli apostoli alla luce del Vangelo, perché non dovrei valutare le parole della Chiesa Cattolica alla luce del Vangelo?

Ti ho menzionato il contesto dei versetti base che non sono un interpretazione ma solo ciò che Dio ha ispirato, te li mostro qui sotto nuovamente per comprendere dove, secondo te, riportano l'errore:

Tu continui ripetutamente a citare il Vangelo di San Giovanni al capitolo 16 i versetti da 12 a 14 ma avevamo già parlato del contesto di tali versetti. Non si tratta di interpretarli alla luce di idee mie, tue o della Chiesa Cattolica, ma di leggere semplicemente l'intero contesto Biblico: Quando Gesù disse quelle che sarebbe arrivato lo spirito santo e avrebbe guidato gli Apostoli? Non quando i Vangeli erano terminati e Cristo già era resuscitato, ma poco prima di essere tradito ed ucciso. Non aveva ancora terminato di insegnare ai suoi Apostoli, non aveva ancora spigato moltissime cose importanti. Infatti poi morì e quando risuscitò ed apparve ai discepoli, venne lo spirito santo in molte occasioni ed aiutò i discepoli a comprendere molte cose che prima non comprendevano, neanche capivano che Cristo sarebbe dovuto morire! Lo spirito santo ispirò poi i Vangeli e le Lettere, e questo concluse la Bibbia. La rivelazione di Cristo era terminata, tutto era stato annunciato, cose passate e future ed infatti tutto è scritto ispirato nella Bibbia. Nell'ultimo libro della Bibbia, l'Apocalisse, è infatti chiarito che nessuno deve togliere o aggiungere nulla alla Bibbia, perché in quel momento, circa 70 anni dopo la morte di Cristo. Da quel momento in poi nulla è stato ispirato da Dio ed anche il Vaticano lo afferma. Quindi ogni cosa va valutata alla luce di ciò che lo spirito santo ha permesso di essere ispirato e non alla luce di un magistero religioso che fu redatto quando già lo non esisteva più nessuna ispirazione Divina. 


Continui anche a citare il Vangelo di San Luca al capitolo 10 il versetto 16, ma neanche tale Vangelo sta dando il diritto alla Chiesa di interpretare la Bibbia con un Magistero. Sempre quello che aiuta a capire ogni brano Biblico è il Contesto, giusto? Gesù afferma che chi “Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me” ma Cosa stava accadendo in quel momento? Gesù pronuncia quelle parole in modo letteralmente assoluto, affermando che SEMPRE qualunque cosa avrebbero detto gli Apostoli sarebbe stata ispirata e perfetta? No! Se leggiamo i versetti precedenti al versetto che tu citi senza contesto, notiamo che Gesù aveva dato istruzioni chiare agli Apostoli su come dovevano predicare e li aveva mandati a predicare per la prima volta...quindi chi li ascoltava avrebbe ascoltato le parole che Cristo gli aveva dato. In nessuna maniera Gesù stava insegnando che la verità apparteneva a delle persone se tali persone avessero insegnato le loro idee piuttosto che le idee d Cristo... 

In nessuna parte leggiamo che gli Apostoli avrebbero avuto un magistero che aveva sempre ragione, piuttosto in Galati capitolo 1 versetto 8 leggiamo: “se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema!” 

In quel versetto leggiamo che anche gli se Apostoli stessi avessero predicato un Vangelo diverso allora non dovevano essere ascoltati. Mi sembra chiaro e semplice...o sbaglio? 

Se gli Apostoli stessi avessero predicato una qualunque altra cosa al di fuori del Vangelo, allora il vero Cristiano non li avrebbe dovuti ascoltare. Qualunque altra cosa al di fuori del Vangelo, abbraccia ovviamente anche il Magistero. Avrebbero dovuto predicare il Vangelo o il Magistero? Mi spiace Caterina63, ma l'evidenza mi porta a dar più valore al Vangelo che al Magistero, e quindi ogni volta che vedo discordanza tra il Vangelo ed il Magistero, o qualsiasi altra tradizione di qualsiasi altra religione, allora preferisco dare più peso al Vangelo. Mi condanni per questo? 
OFFLINE
Post: 2
Età: 45
Sesso: Maschile
24/11/2017 21.16

finalmente ti ritrovo caro Pynokkyo!!

In un altro forum ho trovato queste informazioni che davvero mi hanno illuminato e le condivido con te:

Innanzitutto bisogna comprendere che significa la frase "religione del libro" e perché si usa generalmente, giusto?

Il Popolo scelto da Dio, gli Ebrei, dovevano seguire scrupolosamente "il Libro", erano di fatto una religione del Libro come si legge per esempio in Deuteronomio capitolo 5 versetti 32 e 33: "Badate dunque di fare come il Signore vostro Dio vi ha comandato; non ve ne discostate né a destra né a sinistra" oppure nella traduzione della Bibbia Cattolica CEI in Deuteronomio Capitolo 13 versetto 1 (per altre traduzioni Bibliche è il capitolo 12 versetto 32) che dice: "Vi preoccuperete di mettere in pratica tutto ciò che vi comando; non vi aggiungerai nulla e nulla ne toglierai."

Poi però con il passare dei secoli iniziarono ad aggiungere il loro "magistero", le loro tradizioni che usavano per interpretare la Bibbia e quindi non furono più una religione del libro e Cristo li disapprovò dicendogli: "annullate così la parola di Dio con la tradizione che avete tramandato voi." (Vangelo di San Marco capitolo 7 versetto 13).

Quindi fu fondato il Cristianesimo...avrebbe dovuto essere una religione del Libro esattamente come lo era il Popolo scelto da Dio? Si! Perché rispondiamo "sì"???
Primo perché Gesù steso condannò il magistero dei giudei, dato che non era Bibbia ma erano tradizioni religiose che avevano tramandato i capi religiosi.
Secondo perché anche nei Vangeli leggiamo un mare di volte che i veri Cristiani non si dovevano allontanare dal "Libro" (il Vangelo) ed addirittura gli Apostoli stessi o un angelo dal cielo non avrebbero mai dovuto insegnare qualche cosa al di fuori del "Libro" ossia del Vangelo.

Questo è confermato per esempio dalla Lettera di San Paolo ai Galati, al capitolo 1 versetti 8 e 9 che afferma: "Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! L'abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema!"


Dunque di fatto la Bibbia, Dio, il Vangelo, Cristo...tutti coloro che fondarono il vero Cristianesimo fondarono a tutti gli effetti una religione del Libro.



Quando poi l'avvento della stampa iniziò a far diffondere la Bibbia in ogni casa, allora le potenti religioni iniziarono a provare di dimostrare che ciò che insegnavano era Bibbia, che veniva dal "Libro". Dopo quasi un secolo di dibattiti in cui era evidente che non veniva insegnato il Vangelo ma il Magistero, allora si iniziò ad usare la frase "religione del Libro" in tono dispregiativo, in tono di accusa verso fedi che invece veramente insegnavano il Vangelo.

Quindi...prima di continuare questo argomento, apprezzerei sapere se comprendi bene il senso della frase "religione del Libro" in seno alla Cristianità...fammi sapere!

Con rispetto

Ciao!
OFFLINE
Post: 2
Età: 45
Sesso: Maschile
24/11/2017 21.24

e sai, sto facendo vedere la risposta che ti ha dato caterina63 a molti amici cattolici che non avevano idea che la chiesa cattolica basasse tutto su un magistero umano e si stupiscono di quello che ha scritto caterina63!!!

se gli spiegavo io quei concetti non ci avrebbero creduto, invece così spiegato da caterina63 li colpisce e rimangono profondamente delusi dalla chiesa cattolica che loro immaginavano si basasse sugli insegnamenti di cristo
OFFLINE
Post: 3
Città: MILANO
Età: 28
Sesso: Maschile
08/12/2017 22.03

...si in effetti hai ragione...

Ho provato più volte a ragionare con colleghi Cattolici sul fatto che il Cattolicesimo non si basa sulla Bibbia ma si basa sul Magistero...ma loro erano perplessi al riguardo...

...anche per questo ho preferito chiedere conferma nei forum e realmente la risposta più chiara e diretta la ha data proprio Caterina...

...adesso quando qualcuno ragiona con me su tale argomento, io gli mostro come Caterina63 risponde e ovviamente valgono molto di più le parole di una Cattolica fervente che partecipa in molti forum Cattolici con più di 100 post ogni mese e che ha dei Blog Cattolici che redige, piuttosto che le mie parole.

Quindi nei post di Caterina63 leggono con i loro occhi che di fatto, saltando i giri filosofici, la Chiesa mette la Bibbia sotto il Magistero e questo mi ha aiutato tantissimo nell'aprire gli occhi di tanti che non comprendevano questo punto.

Perlomeno adesso molti colleghi si stanno aprendo al valutare la Bibbia direttamente senza vederla con gli occhiali del Magistero ed a valutare se altre religioni Cristiane insegnano solo le verità Bibliche o se le annacquano con altri "magisteri" di tradizioni religiose umane...



con rispetto

un saluto!
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 03.55. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com